The History of Communion in the Hand

THE HISTORY OF COMMUNION IN THE HAND

The first two (printed) pages of the following was a letter to my parishioners of Antria, and a copy to Don Idilio:

– – –

Antria (Magione – PG), Date: December 2016

Dear brothers and sisters,

After spending more than an hour each day in before the infinite God in the tabernacle in the last 16 years, and after having meditated and studied much the documents of the Church and the writings of saints and popes and several bishops, in my conscience, before God, I can no longer offer the Most Blessed Sacrament in the hand to people, but only on the tongue. Below you will find a history of Communion in the hand with some excerpts of the documents and of saints and popes, and several bishops who have convinced me of this decision.

Therefore, if a person or more, who comes to Holy Mass the third Sunday of the month at Antria, comes forth to receive the Holy Communion and is not willing to receive the Most Blessed Sacrament on the tongue from Father Joe, as did someone for the third Sunday of November 2016, and is not willing to go to another parish for the third Sunday of the month to try to receive the Most Blessed Sacrament in the hand, I will be forced to no longer offer the gift of my free service of the monthly Santa Mass at Antria as I have done for many years here in Antria. Ask your parish priest, Don Idilio, for other Holy Masses Antria.

THE HISTORY OF COMMUNION IN THE HAND

Here’s how the new way of Communion in the hands was promulgated in the Church

Vatican City – In the sixteenth century, the Protestant reformers, in their new Christian cult, re-established Communion in the hand to affirm their two fundamental heresies: there did not exist the so-called ‘transubstantiation’ and the bread used was ordinary bread.

In other words, they argued that the real presence of Christ in the Eucharist was only a popish superstition and the bread was just simple bread and anyone could handle it. In addition, the claimed that the minister of Communion was not indeed Different, in his nature, from the laity. Instead it is Catholic teaching that the Sacrament of Holy Orders gives man a spiritual power, sacramental, it imprints an indelible mark on his soul and makes him substantially different from the laity.

In contrast, the Protestant minister is a common man who leads the hymns, gives sermons in order to affirm the convictions of the believers. He cannot change the bread and wine into the Body and Blood of Our Lord, he cannot bless, he cannot forgive sins, he cannot, in a word, do anything that any layman could not do.

He, therefore, is not a vehicle of supernatural grace. The re-establishment of the Protestant Communion in the hand was a ‘simple’ way to express refusal to believe in the real presence of Christ in the Eucharist, rejection of sacramental priesthood, in short to deny the whole of Catholicism. From that point on, Communion in the hand acquired a meaning clearly anti-Catholic. It was a blatantly anti-Catholic practice, founded on the denial of the real presence of Christ in the Eucharist and of the priesthood. After Vatican II, in the Netherlands, some Catholic priests of the Protestant mentality began to give Communion in the hand, mimicking the Protestant practice.

But some Dutch Bishops, instead of doing their duty and condemning the abuse, they tolerated it and thus allowed the abuse to continue unchecked. The practice spread, then to Germany, to Belgium, to France. But if some bishops seemed indifferent to this scandal, much of the laity of that time were outraged. It was the indignation of a great number of faithful who pushed Pope Paul VI to take the initiative to probe the opinion of the bishops of the world on this issue and they voted unanimously for MAINTAINING the traditional practice of receiving Holy Communion on the tongue.

It is also necessary to note that at that time the abuse was limited to a few European countries, so much so that it was not yet started in the United States and Latin America. Pope Paul VI then promulgated, May 28, 1969, the document ‘MEMORIALE DOMINI’ (http://www.ewtn.com/library/curia/cdwmemor.htm) in which he stated verbatim: ‘The bishops of the world are unanimously opposed to Communion in the hand. It must be observed this way of distributing Communion, that the priest must put the Host on the tongue of the communicants. Communion on the tongue does not take away dignity in any way from those who receive Holy Communion. Every innovation can lead to irreverence and profanation of the Eucharist, as well as gradually corroding the correct doctrine ‘. The document also stated: ‘The Supreme Pontiff judged that the traditional and ancient way of administering Communion to the faithful must not be changed. The Apostolic See therefore strongly urges bishops, priests and the people to observe zealously this law’.

But since this was the era of compromise, the papal document contained the seeds of its own destruction, as the Instruction went on to say that, where the abuse had already been strongly consolidated, it could be legalized with the two-thirds majority in a secret ballot of the National Episcopal Conference (as long as the Holy See confirmed the decision).

This ended in favor of the proponents of Communion in the hand. And it should be underlined that the Instruction said where abuse has already consolidated. Of course, the clergy of the Protestant mentality (including ours) concluded that if this rebellion could be legalized in the Netherlands, it could be legalized everywhere. It was thought that, ignoring ‘Memorial Domains’ and challenging the liturgical law of the Church, this rebellion would not only be tolerated, but finally legalized.

This was exactly what happened, and that’s why today we have the practice of Communion in the hand. COMMUNION IN THE HAND, THEN, NOT ONLY WAS STARTED IN DISOBEDIENCE, BUT WAS PERPETUATED BY DECEPTION. The propaganda, in the 70s, was used to bring Communion in the hand with to naive people, with a campaign of half-truths that gave Catholics the false impression that Vatican II had provided a provision for the abuse, when indeed, there is no mention about it in any of the documents of the Council.

Moreover, the faithful were not told that the practice was initiated by a clergy of pro-protestant and pro-mason mentality, in defiance of the established liturgical law, but they made it sound like a request from the laity; the advocates of Communion in the hand did not clarify that the bishops of the world, when their opinions were probed, voted unanimously against this practice. They made no reference to the fact that permission was supposed to be only a tolerance of an abuse, where it was already established in 1969, and that there had been no go-ahead whatsoever that Communion in the hand might be spread to other countries like Italy and The United States of America. We have now come to the point where the practice of the Host in the hand is even presented as the best way to receive the Eucharist, and also most of our Catholic children have been wrongly instructed in receiving First Communion. To the faithful it is said that it is an optional practice and if they do not like it, they can receive Communion on the tongue.

The tragedy is that if this is optional for the lay person, it is implied that it is not for the clergy. The priests are clearly instructed to administer Communion in the hand, to their like or dislike, to whoever might ask, throwing many priests into an agonizing crisis of conscience.

It is therefore clear that NO PRIEST CAN LAWFULLY BE FORCED TO ADMINISTER COMMUNION IN THE HAND; we must pray that the greatest number of priests might have the courage to protect the reverence due to this Sacrament and might not be trapped into a false obedience that makes them collaborate in the loss of the sacredness of Christ in the Eucharist.

The priests must find the courage to fight this new practice that is part of the occult strategy of the protestantization of Catholicism, recalling that Pope Paul VI rightly predicted that Communion in the hand would lead to irreverence and to the profanation of the Eucharist and a gradual erosion of the orthodox doctrine.

This unlawful abuse is so well established as a local tradition, that even Pope John Paul II was not successful in denouncing it, despite his attempt to curb the abuse.

In his Letter ‘Dominae Cenae’ of 24 February 1980, the Polish Pope reaffirmed the Church’s teachings according to which touching the sacred Species and administering them with one’s own hands is a privilege of the consecrated ones. But, for whatever reason, this document 36 years ago contained no threat of sanctions against the laity, priests or bishops who had ignored the defense of Communion on the tongue as the Pope wanted. A law without a penalty is not a law, but a suggestion.

Thus, the document of John Paul II was greeted by several members of the clergy of the Western countries as a suggestion not appreciated and unfortunately overlooked.

But what can the Pope, the Vicar of Christ, do if the majority of the bishops and priests and lay people do not obey? Is there anyone who is still seeking to discover what God wants instead of seeking only what “I want”? Do people today trust in God or in themselves? Are there still people of good will who want to dialogue in order to seek the Truth of God together according to the Catechism of the Catholic Church for adults and according to the documents of the Church that the Holy Spirit has inspired in the last 2000 years? Are there still people who do not want to repeat the original sin of Adam and Eve (Gen 3,4-5) in deciding right and wrong according to their own heads, according to the subjectivism or relativism of each person as if each person were God? People who do not care about what God wants, also do not care about all the documents of the Church in the last two thousand years When people try to manipulate me and force me to offer or preach according to what people want without caring to seek what God wants, I reply: “I follow God, not men, because God can give me eternal life; men, creatures, they cannot offer me eternal life!

“We do not need a Church that is moved by the world, but a Church that moves the world” – G.K. Chesterton.

Considering this “ERA OF COMPROMISE”, in the final message of the Blessed Virgin, October 13, 1973, on the anniversary of the last apparition and of the miracle of FATIMA, at Akita, Japan, She said to Sister Agnes Sasagawa: “As I told you, if men do not repent and better themselves, the Father will inflict a terrible punishment on all humanity. It will be a punishment greater than the DELUGE, such as one will never have seen before. Fire will fall from the sky and will wipe out a great part of humanity, the good as well as the bad, sparing neither priests nor faithful. The survivors will find themselves so desolate that they will envy the dead. The only arms that will remain for you will be the Rosary and Sign left by My Son. Each day recite the prayers of the Rosary. WITH THE ROSARY, PRAY FOR THE POPE, THE BISHOPS, AND THE PRIESTS. The work of the devil will infiltrate even the Church in such a way that one will see cardinals opposing cardinals, bishops against other bishops. The priests who venerate Me will be scorned and opposed by their conferees…churches and altars sacked, THE CHURCH WILL BE FULL OF THOSE WHO ACCEPT COMPROMISE and the demon will press many priests and consecrated souls to leave the service of the Lord. The demon will be especially implacable against souls consecrated to God. The thought of the loss of so many souls is the cause of My sadness. If sins increase in number and gravity, there will be no longer pardon for them.” (http://www.miraclerosarymission.org/akita.htm).

Although the “mercy of God endures forever” (Ps 136), Jesus never offered compromises even when there was the risk of loosing many followers. When many of His disciples left Him regarding the truth about the Eucharist, He did not offer compromises with the Truth, but was even willing to loose his even His Apostles: “Will you also go away?” (Jn 6:67)! The pastors who do not follow the Truth, Who is Jesus (Jn 14:6), are interested first of all in the quantity of followers, “to go to the peripheries” instead of first finding a great union with God on Mount Tabor (Moses), in the desert (Saint Anthony Abate), at Subiaco (Saint Benedict), at Laverna (Saint Francis of Assisi); they are not interested in the true spiritual quality of helping people to sacrifice and suffer everything to follow the Truth! These false pastors and false Christians, who use religion for their own motives, are happy with mediocrity and seek to lead others with them down the path of mediocrity, and ultimately, the lose of the Truth, the faith and salvation!

We must stay close to the fundamentals of revealed truth very well summarized in the Catechism of the Catholic Church for adults (CCC) and in the true documents of the Magisterium of the Church, not the “spirit of Vatican II”! But of course A FUNDAMENTAL TACTIC OF OUR ENEMY IS TO OFFER US HALF-TRUTHS, such as, only talking about mercy without talking about the other half of the truth, that is, the need and obligation to repent and change our lives. A half-truth is worse than a lie because we think we are being led properly by those who have the God-given vocation to lead us toward God and toward eternal life, not eternal death.

There is nowhere in the scriptures where the mercy of God doesn’t expect a response of faith and repentance. One of the huge deceptions is that just because God is merciful, that means I’m OK. We become OK when we respond to mercy, when we repent and when we believe. And that needs to be part of the message, which very often today is lacking even from the highest authority in the Church. Today in the Church there are a great number of priests, bishops and cardinals who offer mercy for sins with all kinds of compromises with the Truth. Jesus offered mercy but without compromises to the Truth!

Let us contrast this priority of the Eucharist, according to the Church and the saints, with the words of Don Idilio, the delegate of Umbria and Toscana for the priests of the Focolare Movement, in his weekly bulletin of August 17, 2014:

Some say that the churches are mostly closed and perhaps suffers. And ‘certainly a peculiar sadness, but it can also be an incentive to review their positions even in relation to a parish that is because there is a people that attended and uses its facilities to meet, to be formed and forming relationships valid in a time in which, even the most sacred, they are less. Here it is nice to think of a parish in which you live communion to the brotherhood! And it is the highest …”

The focolarini say among themselves: “Let us keep Jesus in our midst”. But often they ignore or the put aside the uncomfortable Truth so that everyone is happy and at ease: They have put aside Jesus, who is the Truth (Jn 14:6)!!!

A great number of leaders in the Focolare Movement, as well as in the whole Church, are “Sacrificing Truth on the Altar of Unity”!

Read the Book: “In the Name of Purpose – Sacrificing Truth on the Altar of Unity” (Jeremiah 6:16), by Tamara Hartzell (http://inthenameofpurpose.org/inthename.pdf).

A great number of people in the Church today have embraced THE VERY POWERFUL HIDDEN DECEPTION OF SATAN TO REVERSE THE PRIORITIES OF LOVE OF GOD AND LOVE OF NEIGHBOR! Behold the cult of man at the expense of the true cult of God! They adore the cult of man behind which is Satan. Satan hid also behind the image of gold with the king Nebuchadnezzar while the people worshiped it (Daniel ch. 3). Satan hid also behind the golden calf while the people worshiped it (Exodus ch. 32).

To protect the greatness and the sacredness of the Holy Mass and of the Eucharist, Pope John Paul II and Pope Benedict XVI ordered the Neocatecumenal Way to “follow the liturgical book faithfully and exactly”. The three founders of the movement refused to obey the popes (“La Messa Neocatecumenale”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/02/la-messa-neocatecumenale.html). When I spoke of this decree (2005) of Pope Benedict with some of the members of the Neocatecumenal Way, they replied to me: “We have already overcome that”! This is like saying: “We have already overcome Pope John Paul II and Pope Benedict XVI! Do they trust in themselves or in God?!? How do they live the Our Father: “MY will be done”, or “THY will be done”???

The Antichrist will conquer many people by saying: “You can do all that you like… it is enough to love each other…” – Saint Hildegard of Bingen, Doctor of the Church (1098-1179) (http://profezie3m.altervista.org/ptm_profx_santaildegarda.htm)

It is most interesting how often we find this FALSE “LOVE” USED AS A POWERFUL STRATEGY in the 33 directives of the Grand Master of the Masons to the Catholic Bishops to destroy the Catholic Church! The word “love” APPEARS A WHOPPING 11 TIMES in these 33 directives! “Satan disguises himself as an angel of light” (2Cor 11:14)! Visit: “The Masonic Plan For The Destruction Of The Catholic Church” (http://spir-food.blogspot.it/2013/11/masonic-plan.html),

To understand better the hidden powerful strategy of using false love, see also below:

A DAMNED PRIEST WARNS ABOUT HELL

http://spir-food.blogspot.it/2013/12/damned-priest.html

According to Cardinal Biffi, according to the servant of God, Archbishop Fulton Sheen and many saints and holy learned people, during the time of the great apostasy just before the manifestation of the Antichrist (2Thess 2:3-4), this universal worldwide brotherhood will take the place of the true religion; it will take the place of the true cult of God! Visit: “Russia Will Punish the World – 3rd Secret of Fatima Revealed” (http://spir-food.blogspot.it/2016/10/russia-will-punish-world.html).

I have a great sorrow in my heart for the souls entrusted to a great number of pastors today who do not live nor preach the Catechism of the Catholic Church for adults! If these pastors do not want to represent the Catholic Church and do not want to spend eternity with the Truth, Jesus Christ (Jn 14:6), best wishes to them. But to drag so many souls with them to be separated from the Truth for all eternity is something more terrible that one can imagine! Our Lady, the Mamma of all people, cries and a great number of her beloved sons, the priests, could care less! “The chief punishment of hell is eternal separation from God” (CCC 1035).

Considering the great rebellion against Pope Paul VI’s encyclical, Humanae Vitae (1968), an encyclical which reaffirmed the constant teaching of the Church (Casti Canubi 1930, etc.) on the gravity of using contraception, and then a year later with Memoriale Domini (1969), I am not surprised about the words of Pope Paul VI a while later.

We remember the dramatic words pronounced by Pope Paul VI on June 29 1972, after the Second Vatican Council, denouncing that “By some fissure the smoke of Satan has entered into the temple of God… One no longer trusts the Church; so many trust in the first profane prophet, who speaks to us in a magazine or in some social slogans, in order to run after him and ask him if he has the formula of true life. And we do not realize instead that we have already become lords and teachers. Doubt has entered our consciences, and it has entered through the windows which were meant to have been opened to the light. This state of uncertainty reigns even in the Church. It was hoped that after the Council there would be a day of sunlight in the history of the Church. Instead, there came a day of clouds, of darkness, of groping, of uncertainty…”

(http://www.vatican.va/holy_father/paul_vi/homilies/1972/documents/hf_p-vi_hom_19720629_it.html).

A few months before Pope Paul VI died, on September 8, 1977, he confirmed this grave judgment in a conversation with Jean Guitton. Here are the words of Paul VI recounted by the French philosopher:

“There is a great disturbance at this moment in the world and in the Church, and what is in question is the faith. It happens now that I find myself repeating the obscure saying of Jesus in the Gospel of Saint Luke: ‘When the Son of man returns, will he find faith on the earth?’ It happens that books are published in which important points of the faith are undermined, that the bishops are silent, that these books are not found to be strange. This, according to me, is strange. I read again every once in a while the Gospel of the end times and I realize that in this moment there is emerging some signs of the end times. Are we near the end? This we will never know. It is necessary to always be ready, but everything can still last quite a while. What strikes me, when I consider the Catholic world, is that a non-Catholic type of thought seems to predominate sometimes within Catholicism, and this non-Catholic thought might become the stronger one within Catholicism in the future. But it will never represent the thought of the Church. A small flock must remain, however small it may be.”

(http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/23572?).

A pastor who does not study to seek to discover these hidden poisons of “the father of lies” (Jn 8:44) gives to the sheep the impression that all is OK even though they have slowly embraced the poisons of the wolf. The fundamental strategy of the wolf is to put to sleep spiritually the sheep so that they believe to be OK and thus do not seek to discover if they are truly OK according to the Catechism of the Catholic Church for adults (CCC), even though they are OK according to the manner of the world in each era of the world. If a person does not confess a mortal sin, the sin remains for all eternity because God respects the free will of each person to not ask for the mercy of God (in sacramental confession) and to not live what one says in the Act of Contrition: “I firmly resolve, with the help of Thy grace, to sin no more, and to avoid the near occasion of sin”! HOW MANY PEOPLE, WITH THE HELP OF THE NEGLIGENCE OF THEIR PASTORS, HAVE IGNORED OR REBELLED AGAINST THE TEACHINGS OF THE CHURCH ABOUT THE SIN OF USING CONTRACEPTION (Humanae Vitae – 1968; Casti Canubi – 1930), and have never confessed this mortal sin, but today commit many sacrileges in receiving Holy Communion without confessing this mortal sin? Does God have to change according to every epoch of the world or does the world have to change according to God??? If a pastor, who has the vocation to protect the sheep from the wolf, does not do this work of being the spiritual doctor of souls to help to identify and to overcome the spiritual mortal sickness of mortal sins, what will Jesus say to this pastor upon his death? “Heaven and earth will pass away, but my words will not pass away” (Mk 31:31). “Think not that I have come to abolish the law and the prophets; I have come not to abolish them but to fulfill them. For truly, I say to you, till heaven and earth pass away, not an iota, not a dot, will pass from the law until all is accomplished” (Mt 5:17-18; 24,35).

Visit:

The Subtle and Powerful Attack on the Eucharist

http://spir-food.blogspot.it/2015/11/attack-on-eucharist.html

The Progressive Protestantization of the Catholic Mass

http://spir-food.blogspot.it/2015/11/protestantization-mass.html

The fundamental strategy of the devil today is to eliminate humility before God, humility especially here on earth before the infinite God in the Eucharist. You cannot separate the body from the soul or from the heart. Therefore it is very important for Satan to take away the exterior signs of humility with the body before the infinite God in the Eucharist. The heart and soul slowly follow the signs of the body.

Saint Augustine tells us: It was pride that changes angels into devils; IT IS HUMILITY that makes men as angels. Humility is the foundation of all the other virtues. The soul in which this virtue does not exist, there cannot be any other virtue except in mere appearance. Saint Bonaventure said that without humility, there is not virtue!

Without humility of obedience and humility before the infinite God in the Eucharist, Jesus says: My grace turns away from them to humble souls”!!!

Jesus said to Saint Faustina: “If their trust is great, there is no limit to My generosity. The torrents of grace inundate humble souls. THE PROUD REMAIN ALWAYS IN POVERTY AND MISERY, BECAUSE MY GRACE TURNS AWAY FROM THEM TO HUMBLE SOULS” (Diary of Saint Faustina, 1602).

No one is forced to seek the will of God and to live the will of God with prayer. No one is forced to live the Lord’s Prayer, “THY will be done.” God totally respects our free will, for God is love. God does not force anyone to be with him. It would be like saying to a person: “You must love me, otherwise I will make you suffer!” That’s why after death there are two places, where there is the Creator of the universe and where there is not the Creator. The creatures are free to decide in this short life where they want to be for all eternity.

Like all human beings, I’m free to decide to follow God or follow people or other things. If a person wants to say that I do not respect their freedom because I do not do their will, this is the law of the bully and dictators. I am free to choose to follow God above all. If I do not agree with the Ten Commandments, or the words of Jesus in the Gospel, God respects my choice for all eternity. We are free not to follow Jesus and not to be with Jesus now and after death. But we do not have the power to compel God to change his law as we want! His laws are for our true good! We are free to obey his laws or to not obey his laws, to live with God for eternity or to not live with God for eternity.

Jesus, as God, is truly very demanding, because only God can offer eternal life. “He who loves father or mother more than me is not worthy of me; and he who loves son or daughter more than me is not worthy of me…” (Mt 10:37). “If any one come to me and does not hate his own father and mother and wife and children and brothers and sisters, yes, and even his own life, he cannot be my disciple” (Lk 14:26).

Ci sono pochissime persone oggi che chiedono il sacerdote, come possiamo imparare di più di come Gesù vuole che riceviamo l’Eucaristia. È piuttosto come voglio farlo io, senza nessun desiderio di imparare dai documenti della Chiesa. C’è un atteggiamento diffuso oggi che io so meglio che la Chiesa, e perciò in realtà, io so meglio di Dio!

Padre Larry Richards dice che l’iscrizione sopra le porte dell’inferno sarà il titolo della canzone cantata da Frank Sinatra anni fa: “Ho Fatto nel Modo Mio” (“I Did It My Way”)!

Benedict XVI and liturgical reform; Dom Alcuin Reid, OSB:

As he (Pope Benedict) so eloquently explained as Cardinal: “If the Liturgy appears first of all as the workshop for our activity, then what is essential is being forgotten: God. For the Liturgy is not about us, but about God. Forgetting about God is the most imminent danger of our age. As against this, the Liturgy should be setting up a sign of God’s presence.”

“Yet what is happening, if the habit of forgetting about God makes itself at home in the Liturgy itself, and if in the Liturgy we are only thinking of ourselves? In any and every liturgical reform, and every liturgical celebration, the primacy of God should be kept in view first and foremost.”

Commentators have remarked on Benedict XVI’s courtesy and humility. These, and his profound love of the Church, mean that he will take seriously the words he wrote not twelve months ago: “The Pope is not an absolute monarch whose will is law, but is the guardian of the authentic Tradition, and thereby the premier guarantor of obedience. He cannot do as he likes, and is thereby able to oppose those people who for their part want to do what has come into their head. His rule is not that of arbitrary power, but that of obedience in faith.”

Pope Benedict XVI will not act beyond his competence in respect of the Sacred Liturgy, but he will act, for he is convinced that, as he wrote in 1997, “the true celebration of the Sacred Liturgy is the centre of any renewal of the Church whatever.”

(http://www.ad2000.com.au/articles/2005/jun2005p9_1959.html)

BISHOP ATHANASIUS SCHNEIDER of Karaganda (Kazakhstan) is one of the few prelates who, in truth, continues to speak out against the abusive practice of receiving Holy Communion in the hand. In 2008, Bishop Schneider penned a short book on his thoughts regarding the reception of Holy Communion in the hand while in a standing position. “Dominus Est” – “It is the Lord”! Reflections of a Bishop of Central Asia on Holy Communion was first published by the Vatican Press. He wrote the book in response to the widespread problem of “a gradual, growing weakening of the attitude of reverence toward the Sacred Eucharistic Species,” not to mention the abuses of dropping the Eucharistic Host, saving it for later consumption, or profaning the Blessed Sacrament as in a Satanic Mass.

The book begins with an introduction to three women: Bishop Schneider’s mother, Maria Schneider, his great aunt, Pulcheria Koch, and Maria Stang, a parishioner of the Karaganda diocese. As part of the Soviet underground, these “Eucharistic women” risked their lives during the dark times of Communist oppression so that the Holy Eucharist and the few remaining priests could be protected. With faith, and in great danger, the Eucharistic women were “often mothers and grandmothers with a ‘priestly’ soul who safeguarded and even administered the Eucharist with extraordinary love, with care, and with the greatest reverence possible, in the spirit of the Christians of the first centuries, expressed in the adage ‘cum amore ac timore’ (with love and fear).” The people of the Soviet underground reverenced the Holy Eucharist and during the rare times that the Blessed Sacrament was available to them, they “received Holy Communion on their knees and in tears.”

In the very beginning of the Christian Church, Holy Communion was received in the hand. However, Bishop Schneider explains that as the early Church became increasingly “aware of the greatness of the moment of Holy Communion [She] searched to find a ritual expression that can bear witness in the most perfect manner to her faith, love, and respect.” By the sixth century, with greater understanding and adoration of the Sacrament, Holy Communion placed directly on the tongue became the NORM. Those who continued to distribute Communion in the hand were censured. The sect known as the Casiani was condemned in 839 for refusing to receive Communion on the tongue. The Synod of Rouen in 878 threatened to suspend sacred ministers if they distributed Communion in the hand.

Aware of the magnitude of the greatness of the moment of Holy Communion, the Church in its two thousand year old tradition has tried to find a ritual that could testify as perfectly as possible to her faith, to her love and to her respect. This occurred, when in the wake of an organic development, at least from the sixth century, the Church began to adopt the mode of distributing the holy Eucharistic species directly on the tongue. There is given testimony to this: the biography of Pope Gregory the Great and an indication of the same Gregorio related to Pope Agapito (Dialogues, III).

The early Church Fathers were concerned about safeguarding fragments of the Holy Eucharist (cf. Catechesi mistagogiche, 5,21). This was another reason for the institution of receiving Christ directly on the tongue in both the early Eastern and Western churches. Receiving Holy Communion in the hand posed the very real hazard that tiny particles, including those that were imperceptible to the human eye, could be dropped. St. Jerome expressed his concern about even a tiny fragment of the Holy Eucharist falling to the ground: “If anything should fall to the ground, there is danger.”

According to the Coptic Church, “there is no difference between the smaller and larger particles of the Eucharist, even those smallest ones which cannot be perceived with the naked eye; they deserve the same veneration and possess the same dignity as the whole Bread.”

Bishop Schneider reminds us that the Holy Eucharist is “the GIFT par excellence that Christ has left for the Church, His Bride.” Thus, the believer’s attitude when receiving this precious gift is one of “the humility of the centurion, the attitude of one who allows himself to be fed, precisely the attitude of a child.” The writings of the early Fathers of the Church continue to teach us that the proper outlook while receiving Holy Communion is ‘cum amore ac timore” (with love and fear).

From the sixth century, “prostration and genuflection” before receiving the Blessed Sacrament was common in monasteries. By the tenth and eleventh centuries, the practice had spread.

John Paul II in his last encyclical, Ecclesia de Eucharistia, left to the Church an ardent warning that sounds like a true testament: ” By giving the Eucharist the prominence it deserves, and by being careful not to diminish any of its dimensions or demands, we show that we are truly conscious of the greatness of this gift (…) There can be no danger of excess in our care for this mystery!” (N. 61). The awareness of the greatness of the Eucharistic mystery shows itself especially in the manner in which the Lord’s body is distributed and received.

Kneeling is the biblical gesture of adoration. Adoration is the highest form of prayer; and as St. Augustine warned, “we would sin were we not to adore [the Holy Eucharist].” Then-Cardinal Joseph Ratzinger confirmed that “kneeling is the right, indeed the intrinsically necessary gesture” before the Sacred Body and Precious Blood of Christ. Those who are unable to kneel must also make an alternate act of reverence.

Pope St. John Paul II exhorted the Church to “safeguard and strengthen the sacredness of the Eucharist.” He noted that this was important since our secular society seeks to desacralize the sacred.

La nostra profonda gesto di riverenza e di adorazione, vale a dire, in ginocchio e ricevendo il Santissimo Sacramento sulla lingua è, nelle parole del vescovo Schneider, “un segno impressionante che professa la fede nella presenza reale di Dio in mezzo dei fedeli”. Un atto di adorazione, soprattutto in un mondo che si rifiuta di credere in gran parte, è una professione di fede che invita i miscredenti ad adorare Dio.

In the conclusion of his short but important work on the reverent reception of the Holy Eucharist, Bishop Schneider reflected:

God willing, the pastors of the Church will be able to renew the house of God which is the Church, placing the Eucharistic Jesus in the center, giving Him the first place, making it so that He receive gestures of honor and adoration also at the moment of Holy Communion. The Church must be reformed, starting from the Eucharist! Ecclesia ab Eucharistia emendanda est! The Church must be reformed by the Eucharist.

The Sacred Host is not something, but some ONE. “He is there,” was the way St. John Mary Vianney synthesized the Eucharistic Mystery. Therefore, we are involved with nothing other than, and no one less great than, the Lord Himself: Dominus est! (It is the Lord!)

Schneider, A. (2008). Dominus Est—It is the Lord! Reflections of a Bishop of Central Asia on Holy Communion. New Jersey: Newman House Press.

References

http://catholicinsight.com/bishop-athanasius-schneider-holy-communion-on-the-tongue/

http://rorate-caeli.blogspot.com/2014/06/bishop-athanasius-schneider-in-england.html

http://www.internetica.it/neocatecumenali/Ranjith-DominusEst.htm

http://www.catholicherald.co.uk/news/2014/06/06/bishop-athanasius-schneider-we-are-in-the-fourth-great-crisis-of-the-church/

Eat to condemnation if do not recognize Jesus in Eucharist. This is the meaning of what Saint Paul tells us:

“Perché chi mangia e beve senza riconoscere il corpo del Signore, mangia e beve la propria condanna.” (1Cor 11,29).

First job of a priest is to protect the sacraments!!! If a priests does not help the people to “discern” the Body and Blood of Christ, and people come up without the proper preparation, this priest will have to answer to God on judgment day.

Since his election, which took place right in the Year of the Eucharist, Benedict XVI has frequently reaffirmed the real presence of Our Lord Jesus Christ in the Eucharist. He also retrieved, beginning from the feast of Corpus Christi in 2008 the use of giving Holy Communion on the tongue to kneeling faithful. Struck by this papal example, numerous priests, often among the younger ones, began to doubt the merits of generalized communion in the hand, considered also by some as one of the greatest damages of the liturgical reform.

His book, Dominus Est, Bishop Athanasius Schneider specifically addresses this issue. According to him, we can say, as S.E. Msgr. Malcolm Ranjith, Secretary of the Congregation for Divine Worship, in the preface of his book, that communion in the hand has fostered a loss of faith, on the part of the faithful as well as that of the clerics, in the real presence of Christ and, therefore, a lack of respect for the Blessed Sacrament. We refer to the displacement of Tabernacles in dark corners of the churches, to the faithful who do not genuflect anymore before the Blessed Sacrament, the sacrilegious communions, etc.

Pope John Paul II underlined the necessity of external expressions of respect towards the Eucharistic Bread: “Though the idea of a “banquet” naturally suggests familiarity, the Church has never yielded to the temptation to trivialize this “intimacy” with her Spouse by forgetting that he is also her Lord… The Eucharistic Banquet is truly a “sacred” banquet, in which the simplicity of the signs conceals the unfathomable holiness of God… The bread which is broken on our altars… is the bread of angels, which cannot be approached except with the humility of the centurion in the Gospel: “Lord, I am not worthy to have you come under my roof ” (Mt 8:8; Lk 7:6). (Ecclesia de Eucharistia, 48).

Bishop Athanasius Schneider was asked a few questions:

Q. Is the Church going in the opposite direction from where you are going?

BAS: ‘It seems that the majority of the clergy and the bishops are content with this modern use of Communion in the hand and don’t realize the real dangers connected with such a practice. For me this is incredible. How is this possible, when Jesus is present in the little hosts? A priest and a bishop should say: “I have to do something, at least to gradually reduce this. All that I can do, I have to do.” Unfortunately, though, there are members of the clergy who are making propaganda of the modern use of Communion in the hand and sometimes prohibiting receiving Communion on the tongue and kneeling. There are even priests who are discriminating against those who kneel for Holy Communion. This is very, very sad.

Q. Some people would say you are worrying about unimportant things, what about the poor?

BAS: ‘This is erroneous. The first commandment which Christ gave us was to adore God alone. Liturgy is not a meeting of friends. It is our first task to adore and glorify God in the liturgy and also in our manner of life. From a true adoration and love of God grows love for the poor and our neighbor. It is a consequence. The saints in two thousand years of the Church, all those saints who were so prayerful and pious, they were all extremely merciful for the poor and to care for the poor.

In these two commandments are all the others. But the FIRST commandment is to love and adore God and that is realized in a supreme manner in the sacred liturgy. When you are neglecting the first commandment, then you are not doing the will of God, you are pleasing yourself. Happiness is to fulfill the will of God, not to fulfill our will.’

During a trip to England the Soviet-born bishop said the Church today is experiencing ‘tremendous confusion’

Although he says talk of change is mainly coming from “the anti-Christian media”, he sees clergy and lay Catholics “collaborating” with what he calls the new paganism. Bishop Schneider is particularly critical of the idea that these changes should be made so as to be merciful to those currently barred from receiving the Sacraments. “[This is] a kind of sophism,” he said. “This is not mercy, this is cruel.”

He suggested this was “a false concept of mercy”, saying: “It is comparable to a doctor who gives a diabetic patient sugar, although he knows it will kill him.”

Such critics may assert that Bishop Schneider’s concern over Holy Communion is like worrying over the numbers of angels on a pinhead. But the bishop insists that treatment of the Eucharist is at the very heart of the crisis. “The Eucharist is at the heart of the Church,” he said. “When the heart is weak, the whole body is weak.”

He argued that receiving Communion in hand “contributes gradually to the loss of the Catholic faith in the Real Presence and in transubstantiation”.

– – – – – – – – – – – – – – –

APPENDIX:

Various writings of the saints

HUMILITY OF THE SAINTS BEFORE THE EUCHARIST:

(in contrast with our presumption!)

Often during Mass, I see the Lord in my soul; I feel His presence which pervades my being. I sense His divine gaze; I have long talks with Him without saying a word; I know what His divine Heart desires, and I always do what will please Him the most. 1 love Him to distraction, and I feel that I am being loved by God. At those times when I meet with God deep within myself, I feel so happy that I do not know how to express it. Such moments are short, for the soul could not bear it for long, as separation from the body would be inevitable. Though these moments are very short, their power, however, which is transmitted to the soul, remains with it for a very long time. Without the least effort, I experience the profound recollection which then envelops me-and it does not diminish even if I talk with people, nor does it interfere with the performance of my duties. I feel the constant presence of God without any effort of my soul. I know that I am united with Him as closely as a drop of water is united with the bottomless ocean” (Diary of Saint Faustina; no. 411).

St. Therese of Lisieux:

I am just a speck of dust, but I want to make my dwelling in the shadow of the sanctuary with the prisoner of love. My soul longs for the host; I love Him and want nothing more. It is a hidden God who attracts me. I am the atom of Jesus Christ.”

On several occasions, I have learned how some religious defend their own glory under the pretext of being concerned for the glory of God, whereas it is not a question of the glory of God, but of glory of self. O Jesus, how painful this has been for me! What secrets the day of Your judgment will bring to light! How can one steal God’s gifts?” (Diary of St. Faustina, no. 1149).

THE SECRET OF MARY by St.Louis de Montfort

37. 3. Consecrating ourselves in this way to Jesus through Mary implies placing our good deeds in Mary’s hands. Now, although these deeds may appear good to us, they are often defective, and not worthy to be considered and accepted by God, before whom even the stars lack brightness. Let us pray, then, to our dear Mother and Queen that having accepted our poor present, she may purify it, sanctify it, beautify it, and so make it worthy of God. Any good our soul could produce is of less value to God our Father, in winning his friendship and favor, than a worm-eaten apple would be in the sight of a king, when presented by a poor peasant to his royal master as payment for the rent of his farm. But what would the peasant do if he were wise and if he enjoyed the esteem of the queen? Would he not present his apple first to her, and would she not, out of kindness to the poor man and out of respect for the king, remove from the apple all that was maggoty and spoilt, place it on a golden dish, and surround it with flowers? Could the king then refuse the apple? Would he not accept it most willingly from the hands of his queen who showed such loving concern for that poor man? “If you wish to present something to God, no matter how small it may be,” says St Bernard, “place it in the hands of Mary to ensure its certain acceptance”.”

(http://www.catholictradition.org/Classics/secret-mary.htm)

In Italian, you can also visit articles that I have posted:

“A Servizio di Tutti” (http://cibo-spir.blogspot.it/2014/08/a-servizio-di-tutti.html).

“Il Dio Infinito Fra Noi” (http://cibo-spir.blogspot.it/2014/01/il-dio-infinito-fra-noi.html).

– – – – – – –

Blessed Francisco, after having received the Eucharist from the Angel of Fatima, he understood the greatness of the reality of Jesus present in the Eucharist and he spent three hours everyday before the Tabernacle until his death about a year later.

The Holy Father John Paul II said in his homily at the Sanctuary of Our Lady of the Rosary at Fatima, Saturday, May 13, 2000:

Later Francisco, one of the three privileged children, exclaimed: “We were burning in that light which is God and we were not consumed. What is God like? It is impossible to say. In fact we will never be able to tell people”. God: a light that burns without consuming. Moses had the same experience when he saw God in the burning bush; he heard God say that he was concerned about the slavery of his people and had decided to deliver them through him: “I will be with you” (cf. Ex 3: 2-12). Those who welcome this presence become the dwelling-place and, consequently, a “burning bush” of the Most High.

http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/travels/documents/hf_jp-ii_hom_20000513_beatification-fatima_en.html

Visit:

The Marvelous Value of the Holy Mass!

http://spir-food.blogspot.it/2009/08/marvelous-value-of-holy-mass.html

The Church … was built up” (Acts 9:31), because the first Christians celebrated the Eucharist every day.

All the saints understood the greatness of the Eucharist; for this reason they are saints, and for this Satan does all he can to lead us away from the “the source and summit of the Christian life”. (Vat. II: LG 11; CCC 1324)! What can dust do without God? Mother Teresa of Calcutta did not open a new religious house for her sisters if there was not the possibility of having not only the Holy Mass every day, but also several hours before the Most Blessed Sacrament every day.

Sister Mary Gabriel (in purgatory) communicated to Sister Mary of the Cross: “Alas, how many lives seem to be filled with good works and at the death are found empty. This is because all those actions that appeared to be good, all those showy works, all that conduct that seemed irreproachable – all these were not done for Jesus alone. Some will have their eyes opened when they come here to this life (in Purgatory). On earth they wanted to be made much of, to shine, to be thought very exact in religious observances, to be esteemed as perfect religious. This is the mainspring of so many lives. If you only knew how few people work for God and act for Him alone. Alas, at death, when they are no longer blinded, what regrets they will have. If only sometimes they would think of eternity! What is life compared to that day which will have no evening for the elect, or to that night which will have no dawning for the damned? On earth, people attach themselves to everything and everyone except to Him, who alone ought to have our love and to whom we refuse it. JESUS IN THE TABERNACLE WAITS FOR SOULS TO LOVE HIM AND HE FINDS NONE. Hardly one soul in a thousand loves Him as it should. You love Him and make up to Him for this guilty indifference which exists all over this world.

(December 8, 1879; “A Manuscript On Purgatory”; http://purgatory-manu.blogspot.com).

He loved the most holy Eucharist also with complete single-mindedness, often adoring it for hours on end in the sanctuary of the church and longed to receive it as often as possible as the food of his soul.” (Saint Martin of Porres; Office of Readings; November 3)

I will not allow myself to be so absorbed in the whirlwind of work as to forget about God. I will spend all my free moments at the feet of the Master hidden in the Blessed Sacrament. He has been tutoring me from my most tender years” (Diary of Saint Faustina, 82).

Many priests do not spend time in adoration everyday with the excuse of their apostolate while sliding into ACTIVISM, similar to a husband who does not pass time with his wife, being occupied with his carrier or worse, with other women.

SAINT JOHN OF KENTY: “Each day, when he had finished his work, he would go straight from the college to the church. There before Christ present in the Eucharist he would spend long hours in prayer and contemplation. THE GOD OF WHOM HE SPOKE WAS THE SAME GOD WHO WAS IN HIS HEART.” (Breviary; December 23).

As for ourselves, HOW OFTEN DO WE COME TO CHURCH WITHOUT THINKING WHAT WE ARE GOING TO DO OR FOR WHAT WE ARE GOING TO ASK. And yet, when we go to call upon someone, we have no difficulty in remembering why it was we came. Some appear as if they were about to say to God: ‘I am just going to say a couple of words, so I can get away quickly.’ I often think that when we come to adore our Lord we should get all we ask if we asked for it with a lively faith and a pure heart.” (St. John Vianney; Office of Readings; August 4).

From the 100-page booklet, “Saint Veronica Giuliani – True Disciple and Apostle of Mary”, by Frate Emmanuele of the Immaculate and Sorrowful Heart of Mary (p. 52):

And to the Holy Eucharist, this “great invention of love,” as she called It, to which she resorted to ask the most difficult graces, obtaining permission to receive Him every day; and how often she received Him from the hands of the Angels … or from Most Holy Mary … One must look in the mirror of the Diary to understand how little reverence and so much superficiality we approach the Sacred today, and how little faith in the real and working presence of God in this wonderful Sacrament, even to the limits of desecration … How important it was for her the way to receive Him! All … all the spiritual fruits depended on this. She used to say, “Whenever we receive Him in the Blessed Sacrament, God is reborn in the souls of the righteous who, with the heart ,serve Him and receive Him with purity.” It is enough to remember that she was raptured into union with God after almost every Communion …

Our Lady to Don Stefano Gobbi, August 21, 1987:

I am the Mother of Adoration and of Reparation. Beside every tabernacle of the earth, there is always my motherly presence. It forms a new and loving tabernacle for the solitary presence of my Son Jesus; it builds a garden of love for his permanent residence among you; it forms a celestial harmony which surrounds Him with all the enchantment of paradise in the adoring choirs of angels, in the blessed prayer of the saints, in the painful aspiration of the many souls who are being purified in purgatory. In my Immaculate Heart all form a concert of perennial adoration, of unceasing prayer and of profound love for Jesus, really present in every tabernacle on earth. Today my motherly Heart is saddened and is deeply wounded because I see that, about the divine presence of Jesus in the Eucharist, there is so much emptiness, so much abandonment, so much neglect, so much silence. O Church, pilgrim and suffering, of which I am the Mother, Church, who are the family of all my children, ark of the new alliance, people of God, you must understand that the center of your life, the fount of your grace, the source of your light, the beginning of your apostolic action is found only here in the tabernacle where Jesus is truly kept. And Jesus is present to teach you how to grow, to help you to walk, to strengthen you in giving witness, to give you courage in evangelizing, to be a support for all your sufferings. O pilgrim and suffering Church of these times, who are being called to live the agony of Gethsemane and the bloody hour of your Calvary, I want to bring you here today with me, prostrate before every tabernacle, in an act of perpetual adoration and reparation, so that you too may be able to repeat the action that is always being carried out by your heavenly Mother. I am the Mother of Adoration and of Reparation. In the Eucharist Jesus is really present with his Body, with his Blood, with his Soul and with his Divinity. In the Eucharist, there is really present Jesus Christ, the Son of God, that God who, in Him, I saw at every moment of his earthly life, even if He was hidden under the veil of a fragile and feeble nature, which developed through the rhythm of time and of his human growth… Go before the tabernacle to establish with Jesus a simple and daily rapport of life.”

Pope John Paul II tells us:

Let us take our place, dear brothers and sisters, at the school of the saints, who are the great interpreters of true Eucharistic piety. In them the theology of the Eucharist takes on all the splendor of a lived reality; it becomes “contagious” and, in a manner of speaking, it “warms our hearts”. Above all, let us listen to Mary Most Holy, in whom the mystery of the Eucharist appears, more than in anyone else, as a mystery of light. Gazing upon Mary, we come to know the transforming power present in the Eucharist. In her we see the world renewed in love. Contemplating her, assumed body and soul into heaven, we see opening up before us those “new heavens” and that “new earth” which will appear at the second coming of Christ. Here below, the Eucharist represents their pledge, and in a certain way, their anticipation: “Veni, Domine Iesu!” (Rev 22:20).” (Ecclesia de Eucharistia, no. 62).

Make frequent visits to Jesus in the Blessed Sacrament and the devil will be powerless against you.” St. John Bosco

The Dream of St. John Bosco” of the two pillars indicates to us the great importance of staying very close to Jesus in the Eucharist (while it is still possible) with our Rosary in hand.

(Visit: http://thereedofgod.blogspot.com/2010/04/don-boscos-prophecy-of-two-columns.html).

Saint Padre Pio said: “It would be easier for the world to survive without the sun than to do so without the HOLY MASS.” This saint also said: “The ROSARY is the weapon for these times”!

Our Lady to Don Stefano Gobbi, July 16, 1976:

Above all, I bring you gently before the divine Person of my Son Jesus present, as in heaven, in the sacrament of the Eucharist. You acquire from me a taste for prayer. Prayer of adoration, prayer of thanksgiving, prayer of reparation. The more the coldness of desertion and silence surrounds my Son Jesus, present among you in the Eucharist, the more I myself gather the voices of my beloved sons so that, united with my voice, there may be composed even here on earth a melody of love to be offered to the Heart of my Son for his consolation.”

In Italian, visit:

Una Festa Falsa Senza la Verità

(A False Feast Without the Truth)

http://cibo-spir.blogspot.it/2016/11/festa-falsa.html

This Bread of the Strong gives me all the strength I need to carry on my mission and the courage to do whatever the Lord asks of me. The courage and strength that are in me are not of me, but of Him who lives in me – it is the Eucharist” (Diary of St. Faustina, no. 91).

At such times, as always, I hasten to the Tabernacle and bow before the ciborium and there draw strength to accept God’s will. That which I have written is not yet everything” (Diary of St. Faustina, no. 1431).

I find myself so weak that were it not for Holy Communion I would fall continually. One thing alone sustains me, and that is Holy Communion. From it I draw my strength; in it is all my comfort. I fear life on days when I do not receive Holy Communion. I fear my own self. Jesus concealed in the Host is everything to me. From the tabernacle I draw strength, power, courage and light. Here, I seek consolation in time of anguish. I would not know how to give glory to God if I did not have the Eucharist in my heart” (Diary of St. Faustina, no. 1037).

His Holiness Pope Benedict XVI, in his Letter of Proclaiming A Year For Priests on the 150th Anniversary Of The “Dies Natalis” of the Curé Of Ars, he wrote:

Saint John Mary Vianney taught his parishioners primarily by the witness of his life. It was from his example that they learned to pray, halting frequently before the tabernacle for a visit to Jesus in the Blessed Sacrament. “One need not say much to pray well” – the Curé explained to them – “We know that Jesus is there in the tabernacle: let us open our hearts to him, let us rejoice in his sacred presence. That is the best prayer”. And he would urge them: “Come to communion, my brothers and sisters, come to Jesus. Come to live from him in order to live with him… “Of course you are not worthy of him, but you need him!”. This way of educating the faithful to the Eucharistic presence and to communion proved most effective when they saw him celebrate the Holy Sacrifice of the Mass. Those present said that “it was not possible to find a finer example of worship… He gazed upon the Host with immense love”. “All good works, taken together, do not equal the sacrifice of the Mass” – he would say – “since they are human works, while the Holy Mass is the work of God”. He was convinced that the fervor of a priest’s life depended entirely upon the Mass: “The reason why a priest is lax is that he does not pay attention to the Mass! My God, how we ought to pity a priest who celebrates as if he were engaged in something routine!”. He was accustomed, when celebrating, also to offer his own life in sacrifice: “What a good thing it is for a priest each morning to offer himself to God in sacrifice!”.

The Curé of Ars dealt with different penitents in different ways. Those who came to his confessional drawn by a deep and humble longing for God’s forgiveness found in him the encouragement to plunge into the “flood of divine mercy” which sweeps everything away by its vehemence. If someone was troubled by the thought of his own frailty and inconstancy, and fearful of sinning again, the Curé would unveil the mystery of God’s love in these beautiful and touching words: “The good Lord knows everything. Even before you confess, he already knows that you will sin again, yet he still forgives you. How great is the love of our God: he even forces himself to forget the future, so that he can grant us his forgiveness!”. But to those who made a lukewarm and rather indifferent confession of sin, he clearly demonstrated by his own tears of pain how “abominable” this attitude was: “I weep because you don’t weep”, he would say. “If only the Lord were not so good! But he is so good! One would have to be a brute to treat so good a Father this way!”. He awakened repentance in the hearts of the lukewarm by forcing them to see God’s own pain at their sins reflected in the face of the priest who was their confessor. To those who, on the other hand, came to him already desirous of and suited to a deeper spiritual life, he flung open the abyss of God’s love, explaining the untold beauty of living in union with him and dwelling in his presence: “Everything in God’s sight, everything with God, everything to please God… How beautiful it is!”. And he taught them to pray: “My God, grant me the grace to love you as much as I possibly can”.

By spending long hours in church before the tabernacle, he inspired the faithful to imitate him by coming to visit Jesus with the knowledge that their parish priest would be there, ready to listen and offer forgiveness. Later, the growing numbers of penitents from all over France would keep him in the confessional for up to sixteen hours a day. It was said that Ars had become “a great hospital of souls”.

His chastity, too, was that demanded of a priest for his ministry. It could be said that it was a chastity suited to one who must daily touch the Eucharist, who contemplates it blissfully and with that same bliss offers it to his flock. It was said of him that “he radiated chastity”; the faithful would see this when he turned and gazed at the tabernacle with loving eyes”

http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/letters/2009/documents/hf_ben-xvi_let_20090616_anno-sacerdotale_en.html

When God gave “manna” to arrive to the “promised land”, the Israelites “loathe this worthless food” (“manna”, Num 21:5) just as a great number of Catholics loathe the Eucharist, which is to help us to arrive to the “promised land”, paradise! In order to bring back the Israelites to the path of salvation, “The LORD sent fiery serpents among the people, and they bit the people, so that many people of Israel died” (Num 21:6). “And the LORD said to Moses, “Make a fiery serpent, and set it on a pole; and every one who is bitten, when he sees it, shall live.” So Moses made a bronze serpent, and set it on a pole; and if a serpent bit any man, he would look at the bronze serpent and live.” (Num 21:8-9). So too God offers us the cross, and His Son crucified as the “serpent” humiliated and agonizing on the cross covered with blood. Are we willing to look at the serpent frequently in meditating often on the Passion of Christ as the solution for loathing the Eucharist?

From the Treatise of St. Ambrose On the Mysteries, “Neophytes and the Eucharist”:

Now consider which is the more excellent, the bread of angels or the flesh of Christ, which is indeed the body of life. The former manna was from heaven, this manna is above heaven; the one was of heaven, the other is of the Lord of heaven… Whoever tastes it (Eucharist) devoutly can never experience corruption…” (Office of Readings; OT 15; Friday).

Pope John Paul II tells us:

Priests are engaged in a wide variety of pastoral activities. If we also consider the social and cultural conditions of the modern world it is easy to understand how priests face the very real risk of losing their focus amid such a great number of different tasks. The Second Vatican Council saw in pastoral charity the bond which gives unity to the priest’s life and work. This, the Council adds, “flows mainly from the Eucharistic Sacrifice, which is therefore the centre and root of the whole priestly life”. We can understand, then, how important it is for the spiritual life of the priest, as well as for the good of the Church and the world, that priests follow the Council’s recommendation to celebrate the Eucharist daily: “for even if the faithful are unable to be present, it is an act of Christ and the Church”. In this way priests will be able to counteract the daily tensions which lead to a lack of focus and they will find in the Eucharistic Sacrifice – the true centre of their lives and ministry – the spiritual strength needed to deal with their different pastoral responsibilities. Their daily activity will thus become truly Eucharistic.” .” (Ecclesia De Eucharistia, no. 31; http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/encyclicals/documents/hf_jp-ii_enc_17042003_ecclesia-de-eucharistia_en.html).

Our Lady to Don Stefano Gobbi, August 8, 1986:

“Beloved sons, how my Heart is filled with joy in seeing you here, on a priestly pilgrimage of adoration, of love, of reparation and of thanksgiving to Jesus, my Son and my God, present in the Eucharist, to console Him for the great emptiness, the great ingratitude and the great indifference, with which He is surrounded in his real and loving presence in all the tabernacles of the earth, on the part of so many of my children, and especially on the part of so many of my beloved sons, the priests.

Instead, today, Jesus in the tabernacle is surrounded by much emptiness, much neglect and much ingratitude. These times were foretold by me at Fatima, through the voice of the Angel who appeared to the children to whom he taught this prayer: `Most Holy Trinity, Father, Son and Holy Spirit, I adore You profoundly, and I offer You the most precious Body, Blood, Soul and Divinity of Our Lord Jesus Christ, present in all the tabernacles of the world, in reparation for the outrages, sacrileges and indifference with which He Himself is surrounded…’

This prayer was taught for these times of yours.

Jesus is surrounded today by an emptiness, which has been brought about especially by you priests who, in your apostolic activity, often go about uselessly and very much on the PERIPHERY, going after things which are less important and more secondary and forgetting that the center of your priestly day should be here, before the tabernacle, where Jesus is present and is kept especially for you.

He is also surrounded by the indifference of many of my children, who live as if He were not there and, when they enter church for liturgical functions, are not aware of his divine and real presence in your midst. Often Jesus in the Eucharist is placed in some isolated corner whereas He should be placed in the center of the church, and He should be placed at the center of your ecclesial gatherings, because the church is his temple which has been built first for Him and then for you.

What causes deep bitterness to my motherly Heart is the way in which Jesus, present in the tabernacle, is treated in many churches, where He is placed in a little corner, as though He were some object or other to be made use of, for your ecclesial gatherings.

But above all, it is the SACRILEGES which today form, around my Immaculate Heart, a painful crown of thorns. In these times, how many communions are made, and how many sacrileges perpetrated! It can be said that there is no longer any Eucharistic celebration where sacrilegious communions are not made. If you only saw with my eyes how great this wound is which has contaminated the whole Church and paralyzes it, halts it, and makes it impure and so very sick! If you only saw with my eyes, you too would shed copious tears with me.

And so, my beloved ones and children consecrated to my Heart, it is you who must be today a clarion call for the full return of the whole Church Militant to Jesus present in the Eucharist. Because there alone is to be found the spring of living water which will purify its aridity and renew the desert to which it has been reduced; there alone is to be found the secret of life which will open up for it a second Pentecost of grace and of light; there alone is to be found the fount of its renewed holiness: Jesus in the Eucharist!

It is not your pastoral plans and your discussions; it is not the human means on which you put reliance and so much assurance, but it is only Jesus in the Eucharist which will give to the whole Church the strength of a complete renewal, which will lead it to be poor, evangelical, chaste, stripped of all those supports on which it relies, holy, beautiful and without spot or wrinkle, in imitation of your heavenly Mother.

I desire that this message of mine be made public and be numbered among those contained in my book. I desire that it be spread throughout the whole world because I am calling you today from every part of the earth to be a crown of love, of adoration, of thanksgiving and of reparation, upon the Immaculate Heart of her who is true Mother -joyful Mother but also most sorrowful Mother – of the Most Holy Eucharist.”

http://our-lady-priests.blogspot.it/

Posted in Uncategorized | Tagged , , , , | Leave a comment

La Storia della Comunione sulla Mano

LA STORIA DELLA COMUNIONE SULLA MANO

Le prime due pagine (stampate) del seguente era una lettera ai miei parrocchiani di Antria, e una copia a Don Idilio.

Antria (Magione – PG), Data: dicembre 2016

Cari fratelli,

Dopo aver passato più di un ora ogni giorno davanti a Dio infinito nel tabernacolo negli ultimi 16 anni e dopo aver riflettuto tanto e aver studiato i documenti della Chiesa e gli scritti dei santi e dei papi e di diversi vescovi, nella mia coscienza, davanti a Dio, non posso più offrire il Santissimo Sacramento sulla mano alle persone, ma soltanto in bocca. Più avanti ho riportato una storia della Comunione sulla mano con alcuni brani di documenti di santi, di papi e di diversi vescovi che mi hanno convinto di questa decisione.

Perciò, se una persona o più, che viene alla Santa Messa la terza domenica del mese ad Antria, si accosta per ricevere la Comunione e non è disposta a riceverla in bocca da parte del sottoscritto, come è accaduto la terza domenica di novembre 2016, e non è disponibile ad andare in un’altra parrocchia in questa terza domenica del mese per cercare di ricevere il Santissimo Sacramento sulla mano, io sarò costretto a non offrire più il dono del mio servizio gratuito per la Santa Messa mensile ad Antria come ho fatto ormai da tanti anni. Potete rivolgervi al vostro parroco, Don Idilio, per altre Sante Messe ad Antria.

LA STORIA DELLA COMUNIONE SULLA MANO

Ecco come il nuovo modo della Comunione nelle mani si fece largo nella Chiesa

Città del Vaticano – Nel XVI secolo, i riformatori protestanti, nel loro nuovo culto cristiano, ristabilirono la Comunione sulla mano per affermare due loro eresie fondamentali: non esisteva affatto la cosiddetta ‘transustanziazione’ e il pane usato era pane comune.

In altre parole, sostenevano che la reale presenza di Cristo nell’Eucarestia fosse solo una superstizione papista ed il pane fosse solo semplice pane e chiunque lo potesse maneggiare. Inoltre, affermarono che il ministro della Comunione non fosse affatto Diverso, nella sua natura, dai laici. É invece insegnamento cattolico che il Sacramento dell’Ordine Sacro dona all’uomo un potere spirituale, sacramentale, imprime cioè un segno indelebile nella sua anima e lo rende sostanzialmente diverso dai laici.

Al contrario, il ministro protestante è un uomo comune che guida gli inni, fa sermoni per sostenere le convinzioni dei credenti. Egli non può trasformare il pane ed il vino nel Corpo e nel Sangue di Nostro Signore, non può benedire, non può perdonare i peccati, non può, in una parola, fare niente che non possa fare un qualsiasi semplice laico.

Egli, dunque, non è veicolo di grazia soprannaturale. Il ristabilimento protestante della Comunione nella mano fu un ‘semplice’ modo per manifestare il rifiuto di credere nella reale presenza di Cristo nell’Eucarestia, rifiuto del Sacerdozio Sacramentale, in breve il negare l’intero Cattolicesimo. Da quel momento in avanti, la Comunione sulla mano acquistò un significato chiaramente anticattolico. Era una pratica palesemente anticattolica, fondata sulla negazione della reale presenza di Cristo nell’Eucarestia e del Sacerdozio. Dopo il Concilio Vaticano II, in Olanda, alcuni preti cattolici di mentalità protestante cominciarono a dare la Comunione sulla mano, scimmiottando la pratica protestante.

Ma alcuni Vescovi olandesi, anziché fare il loro dovere e condannare l’abuso, lo tollerarono e in tal modo permisero che l’abuso continuasse incontrollato. La pratica si diffuse dunque alla Germania, al Belgio, alla Francia. Ma se alcuni Vescovi parvero indifferenti a questo scandalo, gran parte del laicato di allora rimase oltraggiato. Fu l’indignazione di un grande numero di fedeli che spinse Papa Paolo VI a prendere l’iniziativa di sondare l’opinione dei Vescovi del mondo su questa questione ed essi votarono unicamente per MANTENERE la pratica tradizionale di ricevere la Santa Comunione sulla lingua.

É anche doveroso notare che, a quell’epoca, l’abuso era limitato a pochi Paesi Europei, tanto che non era ancora iniziato negli Stati Uniti e in America Latina. Papa Paolo VI promulgò allora, il 28 maggio 1969, il documento ‘MEMORIALE DOMINI’ (http://www.santuariodivinamaternita.com/Sito/Documenti/MemorialeDomini.pdf) in cui affermava testualmente: ‘I Vescovi del mondo sono unanimemente contrari alla Comunione sulla mano. Deve essere osservato questo modo di distribuire la Comunione, ossia il sacerdote deve porre l’Ostia sulla lingua dei comunicandi. La Comunione sulla lingua non toglie dignità in nessun modo a chi si comunica. Ogni innovazione può portare all’irriverenza ed alla profanazione dell’Eucarestia, così come può intaccare gradualmente la dottrina corretta’. Il documento, inoltre, affermava: ‘Il Supremo Pontefice giudica che il modo tradizionale ed antico di amministrare la Comunione ai fedeli non deve essere cambiato. La Sede Apostolica invita perciò fortemente i Vescovi, i preti ed il popolo ad osservare con zelo questa legge’.

Ma poiché questa era l’epoca del compromesso, il documento pontificio conteneva il germe della sua stessa distruzione, poiché l’Istruzione continuò dicendo che, dove l’abuso si era già fortemente consolidato, poteva essere legalizzato con la maggioranza dei due terzi in un ballottaggio segreto della Conferenza Episcopale Nazionale (a patto che la Santa Sede confermasse la decisione).

Ciò finì a vantaggio dei sostenitori della Comunione nella mano. E si deve sottolineare che l’Istruzione diceva dove l’abuso si è già consolidato. Naturalmente, il clero di mentalità protestante (compreso il nostro) concluse che, se questa ribellione poteva essere legalizzata in Olanda, poteva essere legalizzata ovunque. Si pensò che, ignorando il ‘Memoriale Domini’ e sfidando la legge liturgica della Chiesa, questa ribellione non solo sarebbe stata tollerata, ma alla fine legalizzata.

Questo fu esattamente ciò che accadde, ed ecco perché abbiamo oggi la pratica della Comunione sulla mano. LA COMUNIONE SULLA MANO, QUINDI, NON SOLO FU AVVIATA NELLA DISOBBEDIENZA, MA FU PERPETUATA CON L’INGANNO. La propaganda, negli anni ’70, fu usata per proporre la Comunione sulla mano ad un popolo ingenuo, con una campagna di mezze verità che dava ai cattolici la falsa impressione che il Vaticano II avesse fornito una disposizione per l’abuso, quando, di fatto, non vi è accenno in proposito in nessuno dei documenti del Concilio.

Inoltre, non venne detto ai fedeli che la pratica fu avviata da un clero di mentalità filoprotestante e filomassone, in spregio alla Legge liturgica stabilita, ma la fecero suonare come una richiesta da parte del laicato; non chiarirono, gli assertori della Comunione nelle mani, che i Vescovi del mondo, quando fu sondata la loro opinione, votarono unanimemente contro questa pratica; non fecero riferimento al fatto che il permesso doveva essere solo una tolleranza dell’abuso, laddove si fosse già instaurato nel 1969, e che non vi era stato alcun via libera perché la Comunione nelle mani si diffondesse ad altri Paesi come l’Italia e gli Stati Uniti d’America. Siamo ora arrivati al punto in cui la pratica dell’Ostia sulla mano è addirittura presentata come il modo migliore di ricevere l’Eucarestia, e anche la maggior parte dei nostri fanciulli cattolici è stata male istruita a ricevere la Prima Comunione. Ai fedeli si dice che è una pratica facoltativa e se a loro non piace, possono ricevere la Comunione sulla lingua.

La tragedia è che se questo è facoltativo per il laicato, è implicito che non lo è per il clero. I preti sono chiaramente istruiti ad amministrare la Comunione sulla mano, che a loro piaccia o no, a chiunque lo richieda, gettando così moltissimi preti in una agonizzante crisi di coscienza.

É dunque evidente che NESSUN PRETE PUÒ ESSERE LEGITTIMAMENTE FORZATO AD AMMINISTRARE LA COMUNIONE SULLA MANO; dobbiamo pregare affinché il maggior numero di sacerdoti abbia il coraggio di salvaguardare la riverenza dovuta a questo Sacramento e non venga intrappolato in una falsa ubbidienza che fa sì che essi collaborino alla perdita di sacralità di Cristo nell’Eucarestia.

I preti devono trovare il coraggio di combattere questa nuova pratica che fa parte dell’occulta strategia di protestantizzazione del Cattolicesimo, ricordando che Papa Paolo VI, giustamente, predisse che la Comunione sulla mano avrebbe portato all’irriverenza e alla profanazione dell’Eucarestia e ad una graduale erosione della dottrina ortodossa.

Questo abuso illegittimo si è così ben radicato come una tradizione locale, che anche Papa Giovanni Paolo II non ebbe successo a denunciarlo, nonostante un suo tentativo per frenare l’abuso.

Nella sua Lettera ‘Dominae Cenae’ del 24 febbraio 1980, il Pontefice polacco riaffermò gli insegnamenti della Chiesa secondo cui toccare le Sacre Specie e amministrarle con le proprie mani è un privilegio dei consacrati. Ma, per un qualsivoglia motivo, questo documento di 36 anni fa non conteneva nessuna minaccia di sanzioni contro laici, sacerdoti o Vescovi che avessero ignorato la difesa dell’uso della Comunione sulla lingua come voleva il Papa. Una legge senza una pena non è una legge, bensì un suggerimento.

Cosicché, il documento di Giovanni Paolo II fu accolto da diversi membri del clero dei Paesi dell’Occidente come un suggerimento non apprezzato e purtroppo trascurato.

Ma che cosa può fare il Papa, il Vicario di Cristo, se la maggioranza dei vescovi e dei preti e dei laici non gli obbediscono? C’è qualcuno ancora che cerca di scoprire ciò che vuole Dio invece di cercare ciò che “voglio io”? Le persone oggi confidano in se stessi o in Dio? Ci sono ancora le persone di buona volontà che vogliono dialogare per cercare la Verità di Dio insieme secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti e secondo i documenti della Chiesa che lo Spirito Santo ha ispirato nei ultimi 2000 anni? Ci sono ancora le persone che non vogliono ripetere il peccato originale di Adamo e Eva (Gen 3,4-5) nel decidere il giusto o l’ingiusto secondo le proprie teste, secondo il soggettivismo o relativismo di ognuno come se ognuno fosse Dio? Le persone a cui non interessa ciò che Dio vuole, non interessa neanche tutti i documenti della Chiesa negli ultimi duemila anni! Quando le persone cercano di manipolarmi e di costringermi a offrire o predicare secondo ciò che le persone vogliono senza interessarsi di cercare ciò che Dio vuole, io rispondo: “Io seguo Dio non gli uomini, perché Dio può offrirmi la vita eterna; gli uomini, le creature, non possono offrirmi la vita eterna!

“Non abbiamo bisogno di una Chiesa che è mossa dal mondo, ma una Chiesa che muove il mondo” – G.K. Chesterton.

Considerando questo “EPOCA DEL COMPROMESSO” la Beata Vergine nel messaggio finale il 13 ottobre 1973, a Akita, Giappone, nell’anniversario dell´ultima apparizione e del miracolo di Fatima, ha detto a Suor Agnes Katsuko Sasagawa: “Come vi dissi, se gli uomini non si pentono e migliorano loro stessi, il Padre infliggerà un terribile castigo su tutta l’umanità. Sarà un castigo più grande del DILUVIO, come non si sarà mai visto prima. Il fuoco cadrà dal cielo e farà morire una grande parte dell´umanità, i buoni e i cattivi , non risparmiando né preti né fedeli. I sopravvissuti si troveranno così desolati che invidieranno i morti. Le uniche armi che rimarranno per Voi saranno il Rosario e il Segno lasciato a voi da mio Figlio. Recitate ogni giorno, la preghiere del Rosario. COL ROSARIO, PREGATE PER IL PAPA, I VESCOVI E I SACERDOTI . L´opera del diavolo si infiltrerà anche nella Chiesa in tale modo che vedrete cardinali contro cardinali e vescovi contro vescovi. I preti che mi venerano saranno disprezzati e saranno in opposizione ai loro confratelli. La Chiesa e gli altari saranno danneggiati. LA CHIESA SARÀ PIENA DI QUELLI CHE ACCETTANO COMPROMESSI e il demonio spingerà molti preti e anime consacrate a lasciare il servizio del Dio. “Il demonio infurierà specialmente contro le anime consacrate. Il pensiero della perdita di tante anime è la causa della mia tristezza. Se i peccati aumentano in numero e gravità, non ci sarà più perdono per loro.” (http://blogcristianocattolico.blogspot.com/2008/01/la-madonna-di-akita-giappone.html).

Anche se la “misericordia di Dio dura per sempre” (Sal 136), Gesù non ha mai offerto i compromessi anche quando c’era il rischio di perdere molti seguaci. Quando molti dei suoi discepoli lo hanno lasciato per quanto riguarda la verità sull’Eucaristia, Egli non ha offerto i compromessi con la verità, ma era perfino disposto a perdere i suoi Apostoli: “Forse anche voi volete andare via” (Gv 6,67)! I Pastori che non seguono la Verità, che è Gesù (Gv 14, 6), sono interessati prima di tutto alla quantità di seguaci, “per andare alle periferie”, invece di trovare prima una grande unione con Dio sul monte Tabor (Mosè ), nel deserto (Sant’Antonio Abate), a Subiaco (San Benedetto), a La Verna (San Francesco d’Assisi); non sono interessati alla vera qualità spirituale e a aiutare quelli che sono disposti a sacrificare e soffrire tutto per seguire la Verità! Questi falsi pastori e falsi cristiani, che sfruttano la religione per i propri motivi, sono contenti della mediocrità e cercano di condurre altri con loro lungo il percorso della mediocrità, e in ultima analisi, della perdita della Verità, della fede e della salvezza!

Dobbiamo stare vicino alle cose fondamentali della verità rivelata ben riassunte nel Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti (CCC) e nei documenti veri del Magistero della Chiesa, non allo “spirito del Vaticano II”! Ma naturalmente UNA TATTICA FONDAMENTALE DEL NOSTRO NEMICO È DI OFFRIRCI LE MEZZE VERITÀ, ad esempio, di parlare soltanto della misericordia senza parlare dell’altra parte della verità, cioè, la necessità e l’obbligo di pentirsi e di cambiare vita. Una mezza verità è peggio che una bugia perché crediamo che quelli che hanno la vocazione da Dio di portarci verso Dio e verso la vita eterna, ci portano nella direzione giusta non alla morte eterna.

Non vi è nessun caso nelle Sacre Scritture dove la misericordia di Dio non aspetta una risposta di fede e di pentimento. Uno dei grandi inganni è che sapendo che Dio è misericordioso, ciò significa che sono OK. Diventiamo OK quando rispondiamo alla misericordia, quando ci pentiamo e quando crediamo. E questo deve essere parte del messaggio, che molto spesso oggi viene a mancare anche dalle più alte autorità nella Chiesa. Oggi nella Chiesa ci sono un gran numero di sacerdoti, vescovi e cardinali che offrono la misericordia con tutti i tipi di compromessi con la Verità. Gesù ha offerto la misericordia ma senza i compromessi alla Verità!

Mettiamo a confronto questa priorità dell’Eucaristia, secondo la Chiesa ed i santi, con le parole di Don Idilio, il delegato di Umbria e Toscana per i sacerdoti del Movimento dei Focolari, nella sua settimanale del 17 agosto 2014:

“C’è chi dice che le chiese sono la maggior parte chiuse e, magari, ne soffre. È certo una particolare tristezza, ma può essere anche uno sprone a rivedere le proprie posizioni anche in ordine alla parrocchia che è in quanto c’è un popolo che la frequenta e si serve delle sue strutture per incontrarsi, per formarsi e per intessere rapporti validi in un tempo in cui, anche quelli più sacri, vengono meno. Ecco è bello pensare ad una parrocchia in cui si vive la comunione fino alla fraternità! Ed è il massimo …”

I focolarini dicono fra loro: “Teniamo Gesù in mezzo”. Ma spesso si ignorano o mettono da parte la Verità scomoda così tutti sono contenti e a loro agio; hanno messo da parte Gesù, che è la Verità (Gv 14,6)!!!

Un gran numero dei responsabili del Movimento dei Focolari, così come in tutta la Chiesa, stanno “Sacrificando la verità sull’altare dell’Unità”!

Leggete il libro: “In nome dello Scopo – sacrificare la verità sull’altare dell’Unità” (Geremia 6:16) (“In the Name of Purpose – Sacrificing Truth on the Altar of Unity”), da Tamara Hartzell (in inglese: http://inthenameofpurpose.org/inthename.pdf).

Tantissime persone nella Chiesa oggi hanno abbracciato L’INGANNO NASCOSTO E MOLTO POTENTE DI SATANA DI ROVESCIARE LE PRIORITÀ DELL’AMORE DI DIO E DELL’AMORE DEL PROSSIMO! Ecco il culto dell’uomo a scapito del culto vero di Dio! Si adora il culto dell’uomo dietro il quale c’è Satana. Satana si nascondeva anche dietro la statua d’oro con il re Nebucodonosor mentre le persone le rendevano culto (Daniele, ch. 3). Satana si nascondeva anche dietro il vitello d’oro mentre le persone gli rendevano culto (Esodo ch. 32).

“l’Anticristo conquisterà molte persone dicendo: ‘Voi potete fare tutto ciò che vi piace… è sufficiente che vi amiate…” – Santa Ildegarda di Bingen, Dottore della Chiesa (1098-1179) (http://profezie3m.altervista.org/ptm_profx_santaildegarda.htm)

Per proteggere la grandezza e la sacralità della Messa e dell’Eucaristia, Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI hanno ordinato al Cammino Neocatecumenale di “seguire i libri liturgici fedelmente e esattamente”. I tre fondatori del movimento hanno rifiutato di obbedire ai papi (“La Messa Neocatecumenale”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/02/la-messa-neocatecumenale.html). Quando ho parlato di questo decreto (2005) di Papa Benedetto con alcuni membri del Cammino Neocatecumenale, mi hanno risposto: “Abbiamo già superato quello”! Questo è come dire: “Abbiamo già superato Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto!! Si affidano a se stessi o a Dio?!? Come vivono il Padre Nostro, “Sia fatta la MIA volontà”, o “Sia fatta la TUA volontà”???

È molto interessante quante volte si trova questo “AMORE” FALSOusato come una strategia potente nelle 33 direttive del Gran Maestro della Massoneria ai Vescovi cattolici massoni per distruggere la Chiesa Cattolica! La parole “amore” APPARE 11 VOLTE in queste 33 direttive! “Satana si maschera da angelo di luce” (2Cor 11,14)! Visitate: “Il Piano Massonico Per La Distruzione della Chiesa Cattolica” (http://cibo-spir.blogspot.it/2013/11/piano-massonico.html).

Per capire meglio la strategia potente e nascosta nell’usare ‘amore’ falso, visitate: “Un Prete Dannato Mette In Guardia Contro L’inferno” (http://cibo-spir.blogspot.it/2013/12/prete-dannato.html).

Secondo il Cardinale Biffi, secondo il Servo di Dio l’Arcivescovo Fulton Sheen e tanti santi e studiosi santi, durante il tempo della grande apostasia prima della manifestazione dell’Anticristo (2Tess 2,3-4), questa fraternità universale in tutto il mondo prenderà il posto della vera religione, del vero culto di Dio! Visitate: “La Russia Punirà il Mondo – Terzo Segreto di Fatima Rivelato” (http://cibo-spir.blogspot.it/2016/10/russia-punira-mondo.html).

Ho un grande dolore nel mio cuore per le anime affidate ai tanti pastori cattolici oggi che non vivono e non predicano il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti! Se questi pastori non vogliono rappresentare la Chiesa Cattolica e non vogliono passare l’eternità con la Verità, Gesù Cristo (Gv 14,6), tanti auguri a loro. Ma di trascinare tante anime con loro ad essere separate dalla Verità per tutta l’eternità è la cosa più terribile che si può immaginare! “La pena principale dell’inferno consiste nella separazione eterna da Dio” (CCC 1035). La Madonna, la Mamma di tutti, piange e tanti dei suoi figli prediletti, i sacerdoti, non se ne interessano!

Pensando alla grande ribellione contro l’enciclica di Papa Paolo VI, Humanae Vitae (1968), un’enciclica che ha ribadito l’insegnamento della Chiesa da sempre (Casti Canubi 1930, ecc.) sulla gravità di usare anticoncezionale, e poi un anno dopo con Memoriale Domini (1969), non mi meraviglia delle parole di Papa Paolo VI più tardi.

Ricordiamo le drammatiche parole che pronunciò Papa Paolo VI il 29 giugno 1972, dopo il Concilio Vaticano II, denunciando che “da qualche fessura è entrato il fumo di Satana è entrato nel tempio di Dio…Non ci si fida più della Chiesa; ci si fida del primo profeta profano che viene a parlarci da qualche giornale o da qualche moto sociale per rincorrerlo e chiedere a lui se ha la formula della vera vita. E non avvertiamo di esserne invece già noi padroni e maestri. È entrato il dubbio nelle nostre coscienze, ed è entrato per finestre che invece dovevano essere aperte alla luce…Si credeva che dopo il Concilio sarebbe venuta una giornata di sole per la storia della Chiesa. È venuta invece una giornata di nuvole, di tempesta, di buio, di ricerca, di incertezza”.(http://www.vatican.va/holy_father/paul_vi/homilies/1972/documents/hf_p-vi_hom_19720629_it.html).

Pochi mesi prima che Papa Paolo VI morisse, l’8 settembre 1977, egli confermò questo grave giudizio in un colloquio con Jean Guitton. Ecco le parole di Paolo VI riportate dal filosofo francese: “C’è un grande turbamento in questo momento nel mondo della Chiesa, e ciò che è in questione è la fede. Capita ora che mi ripeta la frase oscura di Gesù nel Vangelo di san Luca: “Quando il Figlio dell’Uomo ritornerà, troverà ancora la fede sulla Terra?”. Capita che escano dei libri in cui la fede è in ritirata su punti importanti, che gli episcopati tacciano, che non si trovino strani questi libri. Questo, secondo me, è strano. Rileggo talvolta il Vangelo della fine dei tempi e constato che in questo momento emergono alcuni segni di questa fine. Siamo prossimi alla fine? Questo non lo sapremo mai. Occorre tenersi sempre pronti, ma tutto può durare ancora molto a lungo. Ciò che mi colpisce, quando considero il mondo cattolico, è che all’interno del cattolicesimo sembra talvolta predominare un pensiero di tipo non cattolico, e può avvenire che questo pensiero non cattolico all’interno del cattolicesimo diventi domani il più forte. Ma esso non rappresenterà mai il pensiero della Chiesa. Bisogna che sussista un piccolo gregge, per quanto piccolo esso sia”(http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/23572).

Un parroco che non studia per cercare di scoprire questi veleni nascosti del “padre della menzogna” (Gv 8,44) da’ alle pecore l’impressione che tutto è a posto nonostante hanno lentamente abbracciato i veleni del lupo. La strategia fondamentale del lupo è di far addormentare spiritualmente le pecore così credono di essere a posto e perciò non cercano di scoprire se sono veramente a posto secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti (CCC), nonostante che sono a posto secondo la moda del mondo in ogni epoca del mondo. Se una persona non confessa un peccato mortale, il peccato rimane per tutta l’eternità perché Dio rispetta il libero arbitrio di ogni persona di non chiedere per la misericordia di Dio (nella confessione sacramentale) e di non vivere ciò che si dice nell’Atto di Dolore: “Propongo col Tuo santo aiuto di non offenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato”! QUANTE PERSONE, CON L’AIUTO DELLA NEGLIGENZA DEI LORO PASTORI, HANNO IGNORATO O SI SONO RIBELLATI CONTRO L’INSEGNAMENTO DELLA CHIESA SUL PECCATO DELL’USO DELL’ANTICONCEZIONALE (Humanae Vitae – 1968; Casti Canubi – 1930), e non hanno mai confessato questo peccato mortale, ma oggi commettono tanti sacrilegi nel ricevere la Santa Comunione senza confessare questo peccato mortale? Dio deve cambiare secondo ogni epoca del mondo o il mondo deve cambiare secondo Dio??? Se un parroco, che ha la vocazione di proteggere le pecore dal lupo, non fa questo lavoro di essere il medico spirituale delle anime di aiutare ad identificare ed a superare la malattia spirituale mortale dei peccati mortali, che cosa dirà Gesù a questo parroco alla sua morte? “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Mc 13,31)! “Non pensate ch io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento. In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno della legge, senza che tutto sia compiuto” (Mt 5,17-18; 24,35).

Visitate:

L’Attacco Sottile e Potente all’Eucaristia

http://cibo-spir.blogspot.it/2015/11/attacco-alleucaristia.html

La Protestantizzazione Progressiva della Messa Cattolica

http://cibo-spir.blogspot.it/2015/11/protestantizzazione-messa.html

La strategia fondamentale del demonio oggi è di eliminare l’umiltà davanti a Dio, l’umiltà soprattutto qui sulla terra davanti a Dio infinito nell’Eucaristia. Non si può separare il corpo dall’anima o dal cuore. Perciò è molto importante per Satana di togliere i segni esteriori di umiltà con il corpo davanti a Dio infinito nell’Eucaristia. Il cuore e l’anima seguono i segni del corpo lentamente. San Agostino ci dice: ERA LA SUPERBIA che ha cambiato gli angeli in diavoli; è l’umiltà che fa gli uomini angeli. L’umiltà è il fondamento di tutte le altre virtù. L’anima in cui questa virtù non esiste, non può essere qualsiasi altra virtù tranne che mera apparenza. San Bonaventura ha detto che senza l’umiltà, non c’è virtù!

Senza umiltà nell’obbedienza e umiltà davanti a Dio infinito nell’Eucaristia, Gesù dice: “La mia grazia si allontana da loro e va verso le anime umili”!!!

Gesù ha detto a Santa Faustina: “Se la loro fiducia sarà grande, la Mia generosità non avrà limiti. I RIVOLI DELLA MIA GRAZIA INONDANO LE ANIME UMILI. I SUPERBI SONO SEMPRE NELL’INDIGENZA E NELLA MISERIA, POICHÉ LA MIA GRAZIA SI ALLONTANA DA LORO E VA VERSO LE ANIME UMILI” (Diario di Santa Faustina, 1602).

Nessuno è costretto a cercare la volontà di Dio e a vivere la volontà di Dio con la preghiera. Nessuno è costretto a vivere il Padre Nostro, “Sia fatta la TUA volontà”. Dio rispetta totalmente il nostro libero arbitrio, perché Dio è amore. Dio non costringe nessuno a stare con Lui. Sarebbe come dire a una persona: “Tu devi amarmi, altrimenti ti farò soffrire!” Proprio per questo dopo la morte ci sono due posti, dove c’è il Creatore dell’universo e dove non c’è il Creatore. Le creature sono libere di decidere in questa vita corta dove vogliono stare per tutta l’eternità.

Come tutti gli esseri umani, io sono libero di decidere di seguire Dio o di seguire gli uomini o altre cose. Se una persona vuole dire che Dio non rispetta la loro libertà perché non fa la loro volontà, questa è la legge dei prepotente e dei dittatori. Io sono libero di scegliere di seguire Dio prima di tutto. Se io non sono d’accordo con i Dieci Comandamenti o le parole di Gesù nel Vangelo, Dio rispetta la mia scelta per tutta l’eternità. Siamo liberi di non seguire Gesù e di non stare con Gesù adesso e dopo la morte. Ma non abbiamo il potere di costringere Dio di cambiare le sue legge come vogliamo noi! Le Sue leggi sono per il nostro vero bene! Siamo liberi di obbedire alle sue leggi o non obbedire alle sue leggi, di vivere con Dio per l’eternità o non vivere con Dio per l’eternità.

Gesù, come Dio, è veramente molto esigente, perché soltanto Dio può offrire la vita eterna. “Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me …” (Mt 10,37). “Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo” (Lc 14,26).

Ci sono pochissime persone oggi che chiedono al sacerdote, come possiamo imparare di più di come Gesù vuole che riceviamo l’Eucaristia. È piuttosto come voglio farlo io, senza nessun desiderio di imparare dai documenti della Chiesa. C’è un atteggiamento diffuso oggi che è: ‘io so meglio che la Chiesa, e perciò in realtà, io so meglio di Dio’!

Padre Larry Richards dice che l’iscrizione sopra le porte dell’inferno sarà il titolo della canzone cantata da Frank Sinatra anni fa: “Ho Fatto a Modo Mio” (“I Did It My Way”)!

Papa Benedetto XVI e la riforma liturgica; da Dom Alcuin Reid, OSB:

“Come lui (Papa Benedetto) ha spiegato così eloquentemente come un Cardinale: “Se la Liturgia appare prima di tutto come il laboratorio per le nostre attività, allora ciò che è essenziale si sta dimenticando: Dio. Perché la Liturgia non è di noi, ma di Dio. Dimenticando di Dio è il pericolo più imminente della nostra età. Contro questo, la Liturgia deve essere un erigere un segno della presenza di Dio.”

“E invece che cosa sta succedendo, se l’abitudine di dimenticare Dio si fa a casa nella Liturgia stessa, e se nella Liturgia stiamo pensando soltanto di noi stessi? In qualsiasi e in tutte le riforme liturgiche, e in ogni celebrazione liturgica, il primato di Dio deve essere tenuto in vista prima ed innanzitutto.”

I commentatori hanno commentato della cortesia e dell’umiltà di Papa Benedetto XVI. Questi, ed il suo amore profondo della Chiesa, vogliono dire che lui prenderà su serio le parole che ha scritto meno di 12 mesi fa: “Il Papa non è un monarca assoluto che la sua volontà è legge, ma è la guardiano della Tradizione autentica, e perciò il garante premier di obbedienza. Non può fare come vuole, e perciò capace di opporre quelle persone che da parte loro vogliono fare ciò che viene in testa. La sua regola non è di potere arbitrario, ma quello di obbedienza nella fede.”

“Papa Benedetto non agirà al di la della sua competenza nel rispetto della Liturgia Sacra, ma agirà, perché è convinto che, come ha scritto nel 1997, “la vera celebrazione della Liturgia Sacra è al centro di qualsiasi rinnovo della Chiesa.”

(http://www.ad2000.com.au/articles/2005/jun2005p9_1959.html)

IL VESCOVO ATHANASIUS SCHNEIDER di Karaganda (Kazakistan) è uno dei pochi prelati che, in realtà, continua a parlare contro la pratica abusiva di ricevere la Santa Comunione nella mano. Nel 2008, il vescovo Schneider ha scritto un breve libro sui suoi pensieri per quanto riguarda la ricezione della Santa Comunione nella mano in piedi. “Dominus Est” – “È il Signore”! le Riflessioni di un Vescovo dell’Asia Centrale sulla sacra Comunione è stato pubblicato dalla Tipografia Vaticana. Ha scritto il libro in risposta al problema diffuso di “un graduale, crescente indebolimento dell’atteggiamento di riverenza verso le sacre Specie eucaristiche”, per non parlare degli abusi di far cadere l’Ostia eucaristica, o tenendoLa per il consumo dopo, o profanare il Beato Sacramento come in una messa satanica.

Il libro inizia con una introduzione di tre donne: la madre del Vescovo Schneider, Maria Schneider, la sua zia, Pulcheria Koch, e Maria Stang, una parrocchiana della diocesi di Karaganda. Come parte del movimento clandestino sovietico, queste “donne eucaristiche” hanno rischiato la vita durante i tempi bui di oppressione comunista, in modo che la Santa Eucaristia ed i pochi sacerdoti rimanenti potessero essere protetti. Con la fede, e in grande pericolo, le donne eucaristiche erano “spesso mamme e nonne con un’anima ‘sacerdotale’ che salvaguardavano e anche somministravano l’Eucaristia con amore straordinario, con cura, e con la massima reverenza possibile, nello spirito dei cristiani dei primi secoli, espresso nel detto ‘cum amore ac timore’ (con l’amore e il timore). “Il popolo del movimento clandestino sovietico riverivano la Santa Eucaristia e durante le rare volte che il Santissimo Sacramento è stato a loro disposizione, essi “hanno ricevuto la Comunione in ginocchio e in lacrime”.

Fin dall’inizio della Chiesa cristiana, la Santa Comunione è stata ricevuta nella mano. Tuttavia, il vescovo Schneider spiega che la Chiesa primitiva è diventata sempre più “consapevole della grandezza del momento della Comunione [Lei] ha cercato di trovare una espressione rituale che può testimoniare nel modo più perfetto alla sua fede, l’amore e il rispetto.” Con il sesto secolo, con maggiore comprensione e adorazione del Sacramento, la Santa Comunione messa direttamente sulla lingua è diventata la NORMA. Coloro che hanno continuato a distribuire la Comunione nella mano erano censurati. La setta conosciuta come i Casiani è stata condannata nell’839 per aver rifiutato di ricevere la comunione sulla lingua. Il Sinodo di Rouen nell’878 ha minacciato di sospendere i sacri ministri se avessero distribuito la Comunione nella mano.

Consapevole della grandezza del momento della sacra Comunione, la Chiesa nella sua bimillenaria tradizione ha cercato di trovare un’espressione rituale che potesse testimoniare nel modo più perfetto possibile la sua fede, il suo amore e il suo rispetto. Questo si è verificato, quando nella scia d’uno sviluppo organico, a partire almeno dal sesto secolo, la Chiesa cominciò ad adottare la modalità di distribuire le sacre specie eucaristiche direttamente in bocca. Così testimoniano: la biografia di Papa Gregorio Magno e un’indicazione dello stesso Gregorio relativa a Papa Agapito (Dialoghi, III).

I primi Padri della Chiesa erano preoccupati per la salvaguardia dei frammenti della Santa Eucaristia (cfr. Catechesi mistagogiche, 5,21). Questo è stato un altro motivo per l’istituzione di ricevere Cristo direttamente sulla lingua in entrambe le chiese antiche occidentali e orientali. Ricevere la Santa Comunione nella mano ha dato l’occasione di un reale pericolo che le particelle minuscole, comprese quelle che erano impercettibili all’occhio umano, potessero cadere. San Girolamo ha espresso la sua preoccupazione che anche un piccolo frammento della Santa Eucaristia cadesse a terra: “Se dovesse cadere a terra, c’è il pericolo.”

Secondo la Chiesa Copta, “non vi è alcuna differenza tra le particelle più piccole e quelle più grandi dell’Eucaristia, anche quelle più piccole, che non possono essere percepite a occhio nudo; meritano la stessa venerazione e possiedono la stessa dignità di tutto il pane”.

Il Vescovo Schneider ci ricorda che la Santa Eucaristia è “il DONO per eccellenza che Cristo ha lasciato alla Chiesa, sua sposa.” Così, l’atteggiamento del credente quando si riceve questo dono prezioso è uno “dell’umiltà del centurione, l’atteggiamento di uno che si lascia essere alimentato, proprio l’atteggiamento di un bambino.” Gli scritti dei primi Padri della Chiesa continuano ad insegnarci che la prospettiva corretta, nel ricevere la Santa Comunione è ‘cum amore ac timore’ (con l’amore e il timore).

Dal VI secolo, “prostrazione e genuflessione” prima di ricevere il Santissimo Sacramento era comune nei monasteri. Con i secoli X e XI, la pratica era diffusa.

Giovanni Paolo II nella sua ultima enciclica, Ecclesia de Eucaristia, ha lasciato alla Chiesa un’ammonizione ardente che suona come un vero testamento: «Dando all’Eucaristia tutto il rilievo che essa merita, e badando con ogni premura a non attenuarne alcuna dimensione o esigenza, ci dimostriamo veramente consapevoli della grandezza di questo dono (…) non c’è pericolo di esagerare nella cura di questo Mistero!» (n. 61). La consapevolezza della grandezza del mistero eucaristico si mostra in modo particolare nella maniera con cui è distribuito e ricevuto il Corpo del Signore.

In ginocchio è il gesto biblico di adorazione. L’adorazione è la più alta forma di preghiera; e come ha avvertito sant’Agostino, “avremmo peccato se non la adoriamo [la Santa Eucaristia].” L’allora cardinale Joseph Ratzinger ha confermato che “in ginocchio è il giusto, anzi il gesto intrinsecamente necessaria” davanti al Santissimo Corpo e Sangue Prezioso di Cristo. Chi non è in grado di inginocchiarsi deve anche fare un atto di riverenza alternativo.

Papa Giovanni Paolo II ha esortato la Chiesa a “salvaguardare e rafforzare la sacralità dell’Eucaristia”. Egli ha osservato che questo era importante in quanto la nostra società laica cerca di desacralizzare il sacro.

Il nostro profondo gesto di riverenza e di adorazione, vale a dire, in ginocchio e ricevendo il Santissimo Sacramento sulla lingua è, nelle parole del vescovo Schneider, “un segno impressionante che professa la fede nella presenza reale di Dio in mezzo ai fedeli”. Un atto di adorazione, soprattutto in un mondo che si rifiuta di credere in gran parte, è una professione di fede che invita i miscredenti ad adorare Dio.

In conclusione del suo breve ma importante lavoro sulla ricezione reverente della Santa Eucaristia, il vescovo Schneider riflette:

Se Dio vuole, i pastori della Chiesa saranno in grado di rinnovare la casa di Dio che è la Chiesa, ponendo Gesù Eucaristico al centro, dandogli il primo posto, facendo in modo che egli riceva i gesti di onore e di adorazione anche al momento della Santa Comunione. La Chiesa deve essere riformata, a partire dalla Eucaristia! Ecclesia ab Eucharistia emendanda Est! La Chiesa deve essere riformato dall’Eucaristia.

La Sacra Ostia non è qualche cosa, ma QUALCUNO. “Lui è lì,” è stato il modo in cui San Giovanni Maria Vianney ha sintetizzato il Mistero eucaristico. Pertanto, siamo coinvolti con niente altro che, e nessuno meno grande del il Signore stesso: Dominus Est! (É il Signore!).

Schneider, A. (2008). Dominus Est – È il Signore! Riflessioni di un Vescovo dell’Asia Centrale sulla sacra Comunione. New Jersey: Newman House Press.

Riferimenti:

http://catholicinsight.com/bishop-athanasius-schneider-holy-communion-on-the-tongue/

http://rorate-caeli.blogspot.com/2014/06/bishop-athanasius-schneider-in-england.html

http://www.internetica.it/neocatecumenali/Ranjith-DominusEst.htm

http://www.catholicherald.co.uk/news/2014/06/06/bishop-athanasius-schneider-we-are-in-the-fourth-great-crisis-of-the-church/

Mangia la dannazione chi non riconosce Gesù nell’Eucaristia. Questo è il significato di ciò che San Paolo ci dice: “Perché chi mangia e beve senza riconoscere il corpo del Signore, mangia e beve la propria condanna.” (1Cor 11,29).

Il primo lavoro di un prete è quello di proteggere i sacramenti!!! Se un sacerdote non aiuta la gente a “discernere” il Corpo e il Sangue di Cristo, e la gente viene, senza la dovuta preparazione, questo prete dovrà rispondere a Dio nel giorno del giudizio.

Sin dalla sua elezione, avvenuta in pieno anno eucaristico, Benedetto XVI ha riaffermato spesso la presenza reale di Nostro Signore Gesù Cristo nell’Eucaristia. Ha anche ripreso, a partire dalla festa del Corpus Domini del 2008 l’uso di dare la comunione sulla lingua a fedeli inginocchiati. Colpiti da quest’esempio papale, numerosi sacerdoti, spesso tra i più giovani, cominciano a dubitare dei meriti della comunione generalizzata in mano, ritenuta per altro da alcuni come uno dei danni maggiori della riforma liturgica.

Nel suo libro, Dominus Est, il Vescovo Athanasius Schneider affronta precisamente questo tema. Secondo Lui, possiamo dire, come S.E. Mons. Malcolm Ranjith, Segretario della Congregazione del Culto Divino, nella prefazione del suo libro, che la comunione in mano ha favorito una perdita di fede, sia dei fedeli che dei chierici, nella presenza reale di Cristo e, di conseguenza, una mancanza di rispetto nei confronti del Santissimo Sacramento. Ci riferiamo allo spostamento dei tabernacoli negli angoli bui delle chiese, ai fedeli che non si genuflettono più davanti al Santissimo Sacramento, alle comunioni sacrileghe, ecc.

Papa Giovanni Paolo II metteva in evidenza la necessità di espressioni esterne di rispetto verso il Pane Eucaristico: «Se la logica del ‘convito’ ispira familiarità, la Chiesa non ha mai ceduto alla tentazione di banalizzare questa ‘dimestichezza’ col suo Sposo dimenticando che Egli è anche il suo Signore (…) Il convito eucaristico è davvero convito ‘sacro’, in cui la semplicità dei segni nasconde l’abisso della santità di Dio. Il pane che è spezzato sui nostri altari (…) è pane degli angeli, al quale non ci si può accostare che con l’umiltà del centurione del Vangelo: « Signore, non sono degno che tu entri sotto il mio tetto » (Mt 8,8; Lc 7,6). (Ecclesia de Eucaristia, n.48).

Il Vescovo Athanasius Schneider è stato sottoposto ad alcune domande:

D. La Chiesa sta andando nella direzione opposta da dove lei si sta andando?

VAS: ‘Sembra che la maggior parte del clero e dei vescovi sono contenti di questo uso moderno della Comunione sulla mano e non si rendono conto dei reali pericoli connessi con tale pratica. Per me questo è incredibile. Come è possibile, quando Gesù è presente nelle piccole ostie? Un sacerdote e un vescovo deve dire: “Devo fare qualcosa, almeno per ridurre gradualmente questo. Tutto quello che posso fare, devo fare.” Purtroppo, però, ci sono i membri del clero che stanno facendo propaganda dell’uso moderno della comunione nella mano e, talvolta, vietano a ricevere la Comunione sulla lingua e in ginocchio. Ci sono perfino i preti che stanno discriminando contro coloro che si inginocchiano per la Santa Comunione. Questo è molto, molto triste.

D. Alcune persone dicono che Lei è preoccupato di cose di poco conto, ma per quanto riguarda i poveri?

VAS: ‘Questo è errato. Il primo comandamento che Cristo ci ha dato è stato quello di adorare Dio solo. La liturgia non è un incontro di amici. È il nostro primo compito per adorare e glorificare Dio nella liturgia e anche nel nostro modo di vivere. Da una vera adorazione e amore di Dio cresce l’amore per i poveri e per il prossimo. È una conseguenza. I santi in duemila anni della Chiesa, tutti quei santi che erano così oranti e pii, erano tutti estremamente misericordiosi per i poveri e servivano i poveri.

‘In questi due comandamenti sono tutti gli altri. Ma il PRIMO comandamento è amare e adorare Dio il che si realizza in modo sommo nella sacra liturgia. Quando si sta trascurando il primo comandamento, allora non stai facendo la volontà di Dio, stai piacendo se stesso. La felicità è quello di compiere la volontà di Dio, non di soddisfare la nostra volontà’.

Durante un viaggio in Inghilterra il vescovo nato sovietico ha detto che la Chiesa di oggi sta vivendo ‘una tremenda confusione’

Anche se lui dice che le chiacchiere di cambiare le cose provengono principalmente da “la media anti-cristiana”, lui vede il clero e laici cattolici “collaborare” con quello che lui chiama il nuovo paganesimo. Il Vescovo Schneider è particolarmente critico all’idea che questi cambiamenti devono essere effettuati in modo da essere misericordiosi verso quelli a cui attualmente è vietato ricevere i Sacramenti. “[Questa è] una sorta di sofisma”, ha detto. “Questa non è la misericordia, questo è crudele.”

Egli ha suggerito che questo era “un falso concetto di misericordia“, dicendo: “È paragonabile a un medico che dà a un paziente diabetico zucchero, anche se sa che lo ucciderà”.

Tali critici possono affermare che la preoccupazione del vescovo Schneider sulla Santa Comunione è come preoccuparsi del numero degli angeli su una capocchia di spillo. Ma il vescovo insiste sul fatto che il trattamento dell’Eucaristia è al centro della crisi. “L’Eucaristia è il cuore della Chiesa”, ha detto. “Quando il cuore è debole, tutto il corpo è debole.”

Egli ha sostenuto che ricevere la Comunione nella mano “contribuisce a poco a poco alla perdita della fede cattolica nella Presenza reale e nella transustanziazione”.

– – – – – – – – – – – – – – –

APPENDICE:

Scritti varie dei santi:

UMILTÀ DEI SANTI DAVANTI ALL’EUCARISTIA:

(in contrasto con la nostra presunzione!)

“Spesso durante la santa Messa vedo il Signore nell’anima; sento la sua presenza, che mi trapassa da parte a parte. Avverto il Suo sguardo divino. Parlo molto con Lui senza pronunciare una parola. Conosco quello che desidera il Suo Cuore divino e faccio sempre quello che Egli preferisce. Amo alla follia e sento di essere amata da Dio. In quei momenti quando m’incontro con Dio nel profondo del mio intimo, mi sento così felice che non riesco ad esprimerlo. Sono brevi momenti, poiché più a lungo l’anima non lo sopporterebbe; dovrebbe avvenire la separazione del corpo. Benché questi momenti siano molto brevi, tuttavia la loro potenza che si comunica all’anima, rimane molto a lungo. Senza il minimo sforzo entro in un raccoglimento profondo che, una volta che mi ha investito, non diminuisce, sebbene io parli con la gente, né m’impedisce di adempire i miei doveri. Sento la Sua presenza senza alcuno sforzo dell’anima. Sento che sono unita a Dio così strettamente, come è unita una goccia d’acqua ad un oceano immenso.” (Diario di Santa Faustina, no. 411).

Santa Therese di Lisieux ha scritto:

Sono soltanto un granello di polvere, ma voglio fare la mia dimora nell’ombra del santuario con il Prigioniero d’amore. La mia anima brama per l’Ostia; Lo amo e non voglio nient’altro. E’ un Dio nascosto che mi attira. Sono l’atomo di Gesù Cristo.”

“In certi momenti ho conosciuto che le anime consacrate difendono la propria gloria, fingendo di difendere la gloria di Dio, ma non si tratta della gloria di Dio, bensì della propria gloria. O Gesù, quanto mi ha fatto soffrire questo! Quali misteri scoprirà il giorno del Tuo giudizio! Come si possono rubare i doni di Dio” (Diario di Santa Faustina, 1149)

San Luigi Maria Grignion de Montfort

IL SEGRETO MARIA

37. 3) – Consacrarci così a Gesù per mezzo di Maria, è mettere nelle mani di Maria le nostre buone opere, le quali, benché sembrino buone, sono spesso macchiate e indegne degli sguardi e del compiacimento di quel Dio, davanti al quale le stelle stesse non sono pure. Preghiamo questa buona Madre e Padrona affinché, avendo accettato il nostro misero dono, lo purifichi, lo santifichi, lo nobiliti e l’abbellisca in modo da renderlo degno di Dio. Davanti a Dio, il Padre di famiglia, tutti i frutti della nostra anima hanno meno valore per attirarci la sua amicizia e la sua grazia, di quanto non ne avrebbe davanti al re la mela bacata di un povero contadino, colono di Sua Maestà, per pagare il proprio affitto. Che cosa farebbe il meschino, se fosse intelligente e sapesse di essere ben voluto dalla regina? Non metterebbe forse la sua mela nelle mani di lei? e questa, sia per bontà verso il povero contadino, sia per rispetto verso il re, non toglierebbe forse dalla mela quello che vi fosse di difettoso e di guasto, mettendola poi sopra un vassoio d’oro, ornato di fiori? E il re potrebbe non accettarla, anche con gioia, dalle mani della regina, che vuole così bene a quel contadino? Se vuoi offrire qualche piccolo dono a Dio, – dice San Bernardo mettilo nelle mani di Maria, a meno che non t’importi di essere respinto.”

(http://www.monasterovirtuale.it/classici/luigidamontfort/segretomaria.html)

– – – – – – –

Beato Francesco di Fatima, dopo aver ricevuto l’Eucaristia dall’Angelo a Fatima, ha capito la grandezza della realtà di Gesù presente nell’Eucaristia e ha passato tre ore ogni giorno davanti al Tabernacolo fino alla sua morte circa anno dopo.

Santo Padre Giovanni Paolo II ha detto nella suo omelia al Santuario di Nostra Signora del Rosario di Fatima; Sabato, 13 Maggio 2000:

“Più tardi Francesco, uno dei tre privilegiati, osservava: “Noi stavamo ardendo in quella luce che è Dio e non ci bruciavamo. Com’è Dio! Non si può dire. Questo sì, che noi non lo potremo mai dire”. Dio: una luce che arde, però non brucia. Fu la medesima percezione che ebbe Mosè, quando vide Dio nel roveto ardente; in quell’occasione Dio gli parlò, dicendosi preoccupato per la schiavitù del suo popolo e deciso a liberarlo per mezzo di lui: “Io sarò con te” (cfr Es 3, 2-12). Quanti accolgono questa presenza diventano dimora e, conseguentemente, “ROVETO ARDENTE” dell’Altissimo.” (http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/travels/documents/hf_jp-ii_hom_20000513_beatification-fatima_it.html).

Visitate:

Il Meraviglioso Valore della Santa Messa!

http://cibo-spir.blogspot.it/2009/08/il-meraviglioso-valore-della-santa.html

La Chiesa … cresceva” (Atti 9,31), perché hanno celebrato l’Eucaristia ogni giorno.

Tutti i santi hanno capito la grandezza dell’Eucaristia; per questo sono santi, e per questo Satana fa tutto il possibile per portarci lontano dalla “fonte e culmine di tutta la vita cristiana” (Vat. II: LG 11; CCC 1324)! Che cosa può fare polvere senza Dio? Madre Teresa di Calcutta non apriva una nuova casa religiosa per le sue suore se non c’era la possibilità di avere non soltanto la santa Messa ogni giorno, ma anche alcune ore davanti al Santissimo Sacramento ogni giorno. Madre Teresa sapeva che davanti a Gesù eucaristico la fede cresce per poter vedere non soltanto Gesù nell’Eucaristia ma anche Gesù nei più poveri dei poveri.

Suor Maria Gabriella (in purgatorio) ha comunicato a Suor Maria della Croce: “Ahimé! quante vite appaiono piene di opere buone e, alla morte, ne saranno vuote… perché tutte quelle cose buone in apparenza, tutte quelle azioni clamorose, tutta quella condotta che sembrava irreprensibile, tutto questo non ha avuto Gesù solo quale fine. Si voleva far figura, brillare, passare per esatto osservante degli obblighi della Religione, per una Religiosa fedele alla regola, ecco il solo movente di tante esistenze. E nell’altra vita, qui, quale delusione! Se sapeste quante poche persone agiscono per Dio solo, quante poche compiono tutte le loro azioni per Dio solo… Ahimè! quanti rimpianti ci si prepara per il punto di morte, allorché non si sarà più accecati, ahimè! Se si riflettesse qualche volta all’eternità! Che cos’è la vita paragonata a quel giorno che non avrà sera per gli eletti, a quella sera che non avrà giorno per i malvagi? Si ama tutto sulla terra, ci si affeziona a tutto, eccetto a Colui che unico dovrebbe avere il nostro affetto ed al quale noi lo neghiamo. IL GESÙ DEL TABERNACOLO ATTENDE CUORI CHE LO AMINO E NON NE TROVA. Appena uno su mille che Lo ama come si dovrebbe amarLo! AmateLo voi; risarciteLo di questa indifferenza tanto colpevole che c’è nel mondo!”

(8 dicembre 1879; Un Manoscritto sul Purgatorio; http://purgatorio-mano.blogspot.com).

Amò pure con speciale affetto l’augustissimo sacramento dell’Eucaristia. Per questo, standosene in un luogo nascosto della chiesa, sostava per molte ore in adorazione dinanzi al tabernacolo. Dell’Eucaristia poi bramava nutrirsi con quanto più amore gli era possibile.” (San Martino de Porres; Ufficio delle Letture, 3 novembre).

Non mi lascerò assorbire dalla frenesia del lavoro fino al punto di dimenticarmi di Dio. Tutti i momenti liberi li passerò ai piedi del Maestro nascosto nei SS.mo Sacramento. È Lui che m’istruisce fin dai miei più teneri anni” (Diario di Santa Faustina, 82).

Tanti preti non fanno adorazione ogni giorno con la scusa del loro apostolato mentre scivolano nell’ATTIVISMO, simile al marito che non passa tempo con la moglie, occupato con la sua carriera o peggio, con altre donne.

SAN GIOVANNI DA KETY: “Durante il giorno poi, dopo aver compito il suo dovere, subito dal liceo si recava direttamente alla chiesa dove, davanti al Cristo nascosto nell’Eucaristia, trascorreva lunghe ore nella contemplazione e nella preghiera. SEMPRE AVEVA SOLO DIO NEL CUORE, SOLO DIO SULLA BOCCA.” (Breviario; 23 dicembre).

“Noi invece QUANTE VOLTE VENIAMO IN CHIESA SENZA SAPERE COSA DOBBIAMO FARE O DOMANDARE! Tuttavia, ogni qual volta ci rechiamo da qualcuno, sappiamo bene perché ci andiamo. Anzi, vi sono alcuni che sembrano dire così al buon Dio: “Ho soltanto due parole da dirti, così mi sbrigherò presto e me ne andrò via da te”. Io penso sempre che, quando veniamo ad adorare il Signore, otterremmo tutto quello che domandiamo, se pregassimo con fede proprio viva e con cuore totalmente puro.” (San Giovanni Vianney; Ufficio delle Letture; 4 agosto).

Dal libretto di 100 pagine, “Santa Veronica Giuliani – Vera Discepola e Apostola di Maria”, da Fr. Emmanuele del Cuore Immacolato e Addolorato di Maria (p. 52):

E alla Santissima Eucaristia, questa «grande invenzione dell’amore», come la chiamava, alla quale ricorreva per chiedere le grazie più difficili, ottenendo la licenza di riceverla ogni giorno; e quante volte l’ha ricevuta dalle mani degli Angeli… o di Maria SS.ma… Bisogna specchiarci nel Diario per capire con quanta poca riverenza e troppa superficialità avviciniamo oggi il Sacro, e con quanta poca fede nella presenza reale e operante di Dio in questo mirabile Sacramento, fino al limite della desacralizzazione… Quanto era importante per lei il modo di riceverLo! … tutti i frutti spirituali dipendevano da ciò. Diceva: «Ogni qualvolta che Lo riceviamo nel Santissimo Sacramento, Iddio rinasce nelle anime giuste che di cuore Lo servono e Lo ricevono con purezza». Basta ricordare che era rapita in unione con Dio quasi dopo ogni Comunione…” (Santa Veronica Giuliani).

La Madonna a Don Stefano Gobbi, 21 agosto 1987:

Io sono la Madre dell’adorazione e della riparazione. Accanto ad ogni Tabernacolo della terra vi è sempre la mia presenza materna. Essa compone un nuovo ed amoroso Tabernacolo alla solitaria presenza di mio figlio Gesù; costruisce un giardino di amore alla sua perenne permanenza fra voi; forma un’armonia celeste che lo avvolge di tutto l’incanto del Paradiso nei cori adoranti degli Angeli, nella preghiera beata dei Santi, nella sofferta aspirazione di tante anime che si purificano nel Purgatorio. Nel mio Cuore Immacolato tutti formano un concerto di perenne adorazione, di preghiera incessante e di amore profondo a Gesù realmente presente in ogni Tabernacolo della terra. Oggi il mio Cuore di Mamma è rattristato ed è profondamente ferito perché vedo che, attorno alla divina presenza di Gesù nella Eucaristia, c’è tanto vuoto, tanto abbandono, tanta trascuratezza, tanto silenzio. Chiesa pellegrina e sofferente, di cui sono Madre, Chiesa che sei famiglia di tutti i miei figli, arca della nuova Alleanza, popolo di Dio, tu devi comprendere che il centro della tua vita, la fonte della tua grazia, la sorgente della tua luce, il principio della tua azione apostolica si trovano solo qui nel Tabernacolo, ove viene realmente custodito Gesù. E Gesù è presente per insegnarti a crescere, per aiutarti a camminare, per rafforzarti nel testimoniare, per darti coraggio nell’evangelizzare, per essere sostegno a tutto il tuo soffrire. Chiesa pellegrina e sofferente di questi tempi, che sei chiamata a vivere l’agonia del Getsemani e l’ora sanguinosa del tuo Calvario, oggi voglio portarti qui con Me, prostrata davanti ad ogni Tabernacolo, in un atto di perenne adorazione e di riparazione, perché anche tu possa ripetere il gesto che sempre compie la tua Mamma Celeste. Io sono la Madre dell’adorazione e della riparazione. Nella Eucarestia Gesù è realmente presente con il suo corpo, con il suo sangue, con la sua anima e con la sua divinità. Nella Eucaristia è realmente presente Gesù Cristo, il Figlio di Dio, quel Dio che, in Lui, Io ho visto in ogni momento della sua vita terrena, anche se era nascosto sotto il velo di una natura fragile e debole, che si sviluppava attraverso il ritmo del tempo e della sua crescita umana … Andate davanti al Tabernacolo per stabilire con Gesù un rapporto di vita semplice e quotidiano.”

Papa Giovanni Paolo II ci dice:

Mettiamoci, miei carissimi fratelli e sorelle, alla scuola dei Santi, grandi interpreti della vera pietà eucaristica. In loro la teologia dell’Eucaristia acquista tutto lo splendore del vissuto, ci « contagia » e, per così dire, ci « riscalda ». Mettiamoci soprattutto in ascolto di Maria Santissima, nella quale il Mistero eucaristico appare, più che in ogni altro, come mistero di luce. Guardando a lei conosciamo la forza trasformante che l’Eucaristia possiede. In lei vediamo il mondo rinnovato nell’amore. Contemplandola assunta in Cielo in anima e corpo, vediamo uno squarcio dei « cieli nuovi » e della « terra nuova » che si apriranno ai nostri occhi con la seconda venuta di Cristo. Di essi l’Eucaristia costituisce qui in terra il pegno e, in qualche modo, l’anticipazione: « Veni, Domine Iesu! » (Ap 22,20).” (Ecclesia de Eucharistia, no. 62).

“Fate visite frequenti a Gesù nel Santissimo Sacramento e il demonio sarà impotente contro di voi.” – San Giovanni Bosco

La Profezia di Don Bosco delle Due Colonne” ci fa capire la grande importanza di rimanere molto vicino a Gesù nell’Eucaristia (finché sia possibile) con il Rosario in mano.

(Visitate: http://www.mariadinazareth.it/don%20bosco%20sogno.htm).

Santo Padre Pio ha detto: “Il mondo può più facilmente sopravvivere alla sparizione della luce del sole, che alla sparizione del SACRIFICIO della MESSA.” Questo santo ha detto anche che “l’arma per questi tempi, è il ROSARIO”!

La Madonna a Don Stefano Gobbi, 16 luglio 1976:

Soprattutto vi attiro dolcemente davanti alla divina persona di mio Figlio Gesù presente, come in Cielo, nel Sacramento dell’Eucaristia. Voi imparate da me il gusto della preghiera. Preghiera di adorazione, preghiera di ringraziamento, preghiera di riparazione. Quanto più il gelo dell’abbandono e il silenzio circonda mio Figlio Gesù presente fra voi nell’Eucaristia, tanto più Io stessa raccolgo le voci dei miei figli prediletti, perché, unite alla mia voce, si componga assieme, anche quaggiù, un’armonia di amore da presentare al Cuore di mio Figlio, perché sia consolato.”

Visitate:

Una Festa Falsa Senza la Verità

http://cibo-spir.blogspot.it/2016/11/festa-falsa.html

Questo Pane dei Forti mi dà ogni energia per portare avanti quest’opera ed ho il coraggio di eseguire tutto quello che richiede il Signore. Il coraggio e l’energia, che sono dentro di me, non sono miei, ma di Chi abita in me: l’Eucaristia.” (Diario di Santa Faustina, no. 91).

Allora come al solito vado in fretta accanto al tabernacolo, m’inchino davanti alla pisside ed attingo la forza per uniformarmi alla volontà di Dio.” (Diario di Santa Faustina, no. 1431).

Mi vedo così debole che, se non fosse per la santa Comunione, cadrei continuamente. Una sola cosa mi sostiene, ed è la santa Comunione. Da essa attingo la forza, in essa c’è il mio sostegno. Nei giorni in cui non ricevo la santa Comunione, la vita mi spaventa; ho paura di me stessa. Gesù nascosto nell’Ostia è tutto per me. Dal tabernacolo attingo forza, vigore, coraggio, luce; lì nei momenti d’angoscia cerco sollievo. Non saprei dare gloria a Dio, se non avessi nel cuore l’Eucaristia.” (Diario di Santa Faustina, no. 1037).

Il Santo Padre Benedetto XVI, nella “Lettera del per ‘Indizione dell’Anno Sacerdotale in Occasione del 150° Anniversario del “Dies Natalis” di Giovanni Maria Vianney, ha scritto:

Ai suoi parrocchiani il Santo Curato insegnava soprattutto con la testimonianza della vita. Dal suo esempio i fedeli imparavano a pregare, sostando volentieri davanti al tabernacolo per una visita a Gesù Eucaristia. “Non c’è bisogno di parlar molto per ben pregare” – spiegava loro il Curato – “Si sa che Gesù è là, nel santo tabernacolo: apriamogli il nostro cuore, rallegriamoci della sua santa presenza. È questa la migliore preghiera”. Ed esortava: “Venite alla comunione, fratelli miei, venite da Gesù. Venite a vivere di Lui per poter vivere con Lui… “È vero che non ne siete degni, ma ne avete bisogno!”. Tale educazione dei fedeli alla presenza eucaristica e alla comunione acquistava un’efficacia particolarissima, quando i fedeli lo vedevano celebrare il Santo Sacrificio della Messa. Chi vi assisteva diceva che “non era possibile trovare una figura che meglio esprimesse l’adorazione… Contemplava l’Ostia amorosamente”. “Tutte le buone opere riunite non equivalgono al sacrificio della Messa, perché quelle sono opere di uomini, mentre la Santa Messa è opera di Dio», diceva. Era convinto che dalla Messa dipendesse tutto il fervore della vita di un prete: «La causa della rilassatezza del sacerdote è che non fa attenzione alla Messa! Mio Dio, come è da compiangere un prete che celebra come se facesse una cosa ordinaria!”. Ed aveva preso l’abitudine di offrire sempre, celebrando, anche il sacrificio della propria vita: “Come fa bene un prete ad offrirsi a Dio in sacrificio tutte le mattine!”.

Il Curato d’Ars aveva una maniera diversa di atteggiarsi con i vari penitenti. Chi veniva al suo confessionale attratto da un intimo e umile bisogno del perdono di Dio, trovava in lui l’incoraggiamento ad immergersi nel “torrente della divina misericordia” che trascina via tutto nel suo impeto. E se qualcuno era afflitto al pensiero della propria debolezza e incostanza, timoroso di future ricadute, il Curato gli rivelava il segreto di Dio con un’espressione di toccante bellezza: “Il buon Dio sa tutto. Prima ancora che voi vi confessiate, sa già che peccherete ancora e tuttavia vi perdona. Come è grande l’amore del nostro Dio che si spinge fino a dimenticare volontariamente l’avvenire, pur di perdonarci!”. A chi, invece, si accusava in maniera tiepida e quasi indifferente, offriva, attraverso le sue stesse lacrime, la seria e sofferta evidenza di quanto quell’atteggiamento fosse “abominevole”: “Piango perché voi non piangete”, diceva. “Se almeno il Signore non fosse così buono! Ma è così buono! Bisogna essere barbari a comportarsi così davanti a un Padre così buono!”. Faceva nascere il pentimento nel cuore dei tiepidi, costringendoli a vedere, con i propri occhi, la sofferenza di Dio per i peccati quasi “incarnata” nel volto del prete che li confessava. A chi, invece, si presentava già desideroso e capace di una più profonda vita spirituale, spalancava le profondità dell’amore, spiegando l’indicibile bellezza di poter vivere uniti a Dio e alla sua presenza: “Tutto sotto gli occhi di Dio, tutto con Dio, tutto per piacere a Dio… Com’è bello!”. E insegnava loro a pregare: “Mio Dio, fammi la grazia di amarti tanto quanto è possibile che io t’ami”.

Con le lunghe permanenze in chiesa davanti al tabernacolo fece sì che i fedeli cominciassero ad imitarlo, recandovisi per visitare Gesù, e fossero, al tempo stesso, sicuri di trovarvi il loro parroco, disponibile all’ascolto e al perdono. In seguito, fu la folla crescente dei penitenti, provenienti da tutta la Francia, a trattenerlo nel confessionale fino a 16 ore al giorno. Si diceva allora che Ars era diventata “il grande ospedale delle anime”.

Anche la sua castità era quella richiesta a un prete per il suo ministero. Si può dire che era la castità conveniente a chi deve toccare abitualmente l’Eucaristia e abitualmente la guarda con tutto il trasporto del cuore e con lo stesso trasporto la dona ai suoi fedeli. Dicevano di lui che “la castità brillava nel suo sguardo”, e i fedeli se ne accorgevano quando egli si volgeva a guardare il tabernacolo con gli occhi di un innamorato.

http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/letters/2009/documents/hf_ben-xvi_let_20090616_anno-sacerdotale_it.html

Quando Dio ha dato “manna” per arrivare alla “terra promessa”, gli Israeliti erano “nauseati di questo cibo così leggero” (“manna”, Num 21,5) come un gran numero dei cattolici sono nauseati dell’Eucaristia, che è per aiutarci ad arrivare alla “terra promessa”, paradiso! Per riportare gli Israeliti sulla strada della salvezza, “Il Signore mandò fra il popolo serpenti velenosi i quali mordevano la gente e un gran numero d’Israeliti morì” (Num 21,6). “Il Signore disse a Mosè: “Fatti un serpente e mettilo sopra un’asta; chiunque, dopo essere stato morso, lo guarderà resterà in vita”. Mosè allora fece un serpente di rame e lo mise sopra l’asta; quando un serpente aveva morso qualcuno, se questi guardava il serpente di rame, restava in vita.” (Num 21,8-9). Così anche Dio ci offre la croce, e il Suo Figlio crocifisso come il “serpente” umiliato e agonizzato sulla croce coperto di sangue. Siamo noi disponibili di guardare il serpente nel meditare spesso la Passione di Cristo come la soluzione per essere nauseati dell’Eucaristia?

Dal trattato “Sui misteri” di sant’Ambrogio, “Sull’Eucaristia ai neofiti”:

Ora fa’ attenzione se sia più eccellente il pane degli angeli mangiato dagli Ebrei nel deserto o la carne di Cristo la quale è indubbiamente un corpo che dà la vita. Quella manna veniva dal cielo, questo corpo è al di sopra del cielo. Quella era del cielo, questo del Signore dei cieli … Chiunque lo (Eucaristia) gusta CON SACRA REVERENZA non potrà soggiacere alla corruzione … ” (Ufficio delle Letture; TO 15; venerdì)

Papa Giovanni Paolo II ci dice:

“Le attività pastorali del presbitero sono molteplici. Se si pensa poi alle condizioni sociali e culturali del mondo attuale, è facile capire quanto sia incombente sui presbiteri il pericolo della dispersione in un gran numero di compiti diversi. Il Concilio Vaticano II ha individuato nella carità pastorale il vincolo che dà unità alla loro vita e alle loro attività. Essa – soggiunge il Concilio – «scaturisce soprattutto dal Sacrificio eucaristico, il quale risulta quindi il centro e la radice di tutta la vita del presbitero». Si capisce, dunque, quanto sia importante per la vita spirituale del sacerdote, oltre che per il bene della Chiesa e del mondo, che egli attui la raccomandazione conciliare di celebrare quotidianamente l’Eucaristia, «la quale è sempre un atto di Cristo e della sua Chiesa, anche quando non è possibile che vi assistano i fedeli». In questo modo il sacerdote è in grado di vincere ogni tensione dispersiva nelle sue giornate, trovando nel Sacrificio eucaristico, vero centro della sua vita e del suo ministero, l’energia spirituale necessaria per affrontare i diversi compiti pastorali. Le sue giornate diventeranno così veramente eucaristiche.” (Ecclesia De Eucharistia, no. 31; http://www.vatican.va/holy_father/special_features/encyclicals/documents/hf_jp-ii_enc_20030417_ecclesia_eucharistia_it.html).

La Madonna a Don Stefano Gobbi, 8 agosto 1986:

«Figli prediletti, come il mio Cuore si riempie di gioia nel vedervi qui, in un sacerdotale pellegrinaggio di adorazione, di amore, di riparazione e di ringraziamento a Gesù, mio Figlio e mio Dio, presente nella Eucaristia, per consolarlo di tanto vuoto, di tanta ingratitudine, di tanta indifferenza, di cui è circondato nella Sua reale presenza d’amore, in tutti i Tabernacoli della terra, da parte di tanti miei figli, soprattutto da parte di molti figli prediletti, i Sacerdoti …

Invece oggi Gesù nel Tabernacolo è circondato da tanto vuoto, da tanto abbandono, da tanta ingratitudine. Questi tempi sono stati da Me predetti a Fatima, per mezzo della voce dell’Angelo, apparso ai bambini a cui insegnò questa preghiera: «Santissima Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, Ti adoro profondamente, Ti offro il preziosissimo Corpo, Sangue, Anima e Divinità di nostro Signore Gesù Cristo, presente in tutti i Tabernacoli del mondo, in riparazione degli oltraggi, dei sacrilegi e della indifferenza di cui viene circondato… »

Questa preghiera fu insegnata per questi vostri tempi. Gesù oggi viene circondato dal vuoto, formato specialmente da voi Sacerdoti che, nella vostra azione apostolica, girate spesso inutilmente e molto alla PERIFERIA, andando verso le cose meno importanti e più secondarie, dimenticando che il centro della vostra giornata sacerdotale deve essere qui, davanti al Tabernacolo, dove Gesù è presente e viene custodito soprattutto per voi.

È circondato anche dalla indifferenza di tanti miei figli, che vivono come se Lui non ci fosse, e, quando entrano in Chiesa per le funzioni liturgiche, non si accorgono della Sua divina e reale presenza fra voi. Spesso Gesù Eucaristico viene messo in un angolo sperduto, mentre deve essere posto al centro della Chiesa, deve essere posto al centro delle vostre riunioni ecclesiali, perché la Chiesa è il Suo tempio, che è stato costruito prima per Lui e poi per voi.

Amareggia profondamente il mio Cuore di Mamma il modo con cui Gesù, presente nel Tabernacolo, viene trattato in tante chiese, dove è riposto in un cantuccio, come fosse un oggetto qualsiasi da usare per le vostre riunioni ecclesiali.

Ma sono soprattutto i SACRILEGI che formano oggi, attorno al mio Cuore Immacolato, una dolorosa corona di spine. In questi tempi, quante Comunioni e quanti sacrilegi si compiono! Si può dire che ormai non vi è una celebrazione eucaristica, dove non si facciano delle comunioni sacrileghe. Se vedeste con i miei occhi, quanto è grande questa piaga, che ha contaminato tutta la Chiesa e la paralizza, la ferma, la rende impura e tanto ammalata! Se vedeste con i miei occhi, anche voi versereste con Me lacrime copiose.

Allora, miei prediletti e figli consacrati al mio Cuore, siate voi oggi un forte richiamo al pieno ritorno di tutta la Chiesa militante a Gesù presente nella Eucarestia. Perché solo lì è la sorgente di acqua viva, che purificherà la sua aridità e rinnoverà il deserto in cui è ridotta; solo lì è il segreto della Vita, che aprirà per lei una seconda Pentecoste di grazia e di luce; solo li è la fonte della sua rinnovata santità: Gesù nella Eucarestia!

Non sono i vostri piani pastorali e le vostre discussioni, non sono i mezzi umani in cui voi riponete fiducia e tanta sicurezza, ma è solo Gesù Eucaristico che darà a tutta la Chiesa la forza di un completo rinnovamento, che la porterà ad essere povera, evangelica, casta, spoglia di tutti gli appoggi in cui confida, santa, bella, senza macchie e senza rughe, ad imitazione della vostra Mamma Celeste.

Desidero che questo mio messaggio venga reso pubblico ed annoverato fra quelli contenuti nel mio libro. Desidero che venga diffuso in tutto il mondo, perché, da ogni parte della terra, oggi vi chiamo tutti ad essere una corona di amore, di adorazione, di ringraziamento e di riparazione, sul Cuore Immacolato di Colei che è vera Madre – Madre gioiosa, ma anche Madre tanto addolorata – della Santissima Eucarestia.

http://madonna-sacerdoti.blogspot.it/

Posted in Uncategorized | Tagged , , , , | Leave a comment

Una Festa Falsa Senza la Verità

Una Festa Falsa Senza la Verità

Il seguente è un’email mandata ad un parroco che abita vicino a Don Jo (Joseph) Dwight.

– – –

Caro Don Stefano,

Grazie per l’invito di nuovo quest’anno alla festa di San Clemente.

Ti ho spiegato l’anno scorso perché non venivo alla festa di San Clemente. Tu mi hai detto per telefono oggi (19 novembre 2016) che non ti ricordavo della mia email o la mia spiegazione l’anno scorso. Dove è il tuo “Farsi Uno” per me, come Chiara Lubich spiega dell’amore vero, di cercare di capire il mio pensiero e perfino un email mandato a te?!? Non vuoi sentire niente che non vuoi sentire tu! Che grande amore hai per me; che amore così autentico! Dov’è il dialogo per cercare insieme ciò che Dio vuole, ciò che è la verità, ciò che è la prudenza in una certa situazione basata sui scritti dei santi e il Magistero della Chiesa?

Mettiamo da parte il ricercare la Verità, che è Gesù, per stare insieme ad una festa; è l’unica cosa che conta per te, il culto dell’uomo, ma non c’è il vero Gesù del Vangelo “in mezzo a noi”!

Quando tu mi hai telefonato per invitarmi a questa festa tu mi hai detto che le cose della teologia devo parlare con il vescovo. Tu dici così, ma quando mi hai minacciato due anni fa (“La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html), hai capito abbastanza teologia per minacciarmi, ma senza spiegarmi come ho spagliato secondo il Magistero vero della Chiesa Cattolica che lo Spirito Santo ha spiegato alla Chiesa nei ultimi 2000 anni per approfondire la verità che non cambia.

Caro Don Stefano, se io telefono il vescovo per metterti apposto senza cercare di capire il tuo pensiero nel dialogo sincero e poi ti invito alla mia festa, Don Jo sarà un vero prepotente insensibile!

Se la teologia non importa, è come dire che la Verità, che è Gesù (Gv 14,6) non importa!?!

È COME NON INVITARE LA VERITÀ, GESÙ, ALLA FESTA DI SAN CLEMENTE. San Clemente era forte nel servire e difendere la Verità in umiltà come il Pastore della Chiesa per proteggere le pecore dal lupo che offre belle bugie che sono veleni mortali per le pecore.

Ho scritto nel mio articolo, “Rito Satanico – Medjugorje – Mangia e Stai Zitto” (http://cibo-spir.blogspot.it/2016/08/mangia-stai-zitto.html):

“Quando un parroco di una parrocchia vicino ha continuato incessantemente a cercare a tirarmi nel culto dell’uomo dopo ho lasciato la sua parrocchia, ho cercato di spiegarlo che lui non viveva il suo ideale del Movimento dei Focolari di farsi uno con l’altro, che vuol dire di cercare di capire i pensieri e il punto di vista dell’altra persona, come Chiara Lubich ha spiegato per offrire amore vero. Ma tante persone nel MOVIMENTO DEI FOCOLARI hanno messo da parte la Verità scomoda per “amare”, mentre si ingannano se stessi e gli altri perché non abbracciano veramente “Gesù Abbandonato”, che è un punto fondamentale della spiritualità di unità di Chiara Lubich!?! Si rendono conto che questo è amore falso che alla fine fa tanto male alle persone che dicono di amare?!? Finalmente quando questa spiegazione non veniva accolto dal parroco, l’ho accusato di essere come i fascisti prima della Seconda Guerra Mondiale che dicevano (secondo gli italiani): “MANGIA E STAI ZITTO!”. L’ho detto che non vuoi capire il mio pensiero e non vuoi leggere i miei articoli sul Web che hanno tanti riferimenti ai documenti della Chiesa, ma mi dici di venire alle feste della parrocchia, di mangiare, ma “stai zitto”, come uno schiavo in casa che può mangiare, ma i suoi pensieri non contano niente! Credo che ha capito un po’ finalmente, almeno abbastanza di darmi un po’ di tregua.”

Un parroco che non studia per cercare di scoprire questi vari veleni del “padre della menzogna” (Gv 8,44) da’ alle pecore l’impressione che tutto è apposto nonostante hanno lentamente abbracciato i veleni del lupo. La strategia fondamentale del lupo è di far addormentare spiritualmente le pecore così credono di essere apposto e perciò non cercano di scoprire se sono veramente apposti secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti (CCC), e non secondo la moda del mondo in ogni epoca del mondo. Se una persone non confessa un peccato mortale, il peccato rimane per tutta l’eternità perché Dio rispetta il libero arbitrio della persona di non chiedere per la misericordia di Dio e di vivere ciò che si dice nell’Atto di Dolore: “Propongo col Tuo santo aiuto di non offenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato”! QUANTE PERSONE, CON L’AIUTO DELLA NEGLIGENZA DEI LORO PASTORI, HANNO IGNORATO O RIBELLATO CONTRO L’INSEGNAMENTO DELLA CHIESA SUL PECCATO DEL USO DELL’ANTICONCEZIONE (Humanae Vitae – 1968; Casti Canubi – 1930), e non hanno mai confessato questo peccato mortale, ma oggi commettono un sacrilegio nel ricevere la Santa Comunione senza confessare questo peccato mortale? Dio deve cambiare secondo ogni epoca del mondo o il mondo deve cambiare secondo Dio. E che cosa deve fare il pastore? Se un parroco, che ha la vocazione di proteggere le pecore dal lupo, e non fa questo lavoro, che cosa dirà Gesù a questo parroco dopo la morte? “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Mc 13,31)! “Non pensate ch io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento. In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno della legge, senza che tutto sia compiuto” (Mt 5,17-18; 24,35).

Cinque anni fa quando ha fatto un piccolo ritiro a Santa Tecla per 35 ragazzi che preparava per la cresima della tua parrocchia, ho chiesto all’inizio della Messa con loro dov’è Gesù in persona in questa cappella di Santa Tecla. Nessuno dei 35 ragazzi sapeva dov’era Gesù, Corpo, Anima, Sangue e Divinità nell’Eucaristia nel tabernacolo! Quattro anni fa quando ho fatto un’incontro di formazione per i catechisti ed altre persone della tua parrocchia, ho fatto riferimento diversi volte al Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti. Dopo l’incontro, alcuni catechisti sono venuto da me per chiedermi che cos’è questo catechismo e dove si può comprarlo! Se il pastore non aiuta le pecore di scoprire dov’è Dio in Persona sulla terra, chi può aiutare queste ragazzi di cresima quando i loro genitori non vanno alla Santa Messa ogni domenica? Se il pastore non aiuta le pecore di scoprire dov’è la spiegazione autentica della Verità che ci fa liberi (Gv 8,32), come possono difendersi, le pecore, dalle tante belle bugie del lupo che distrugge lentamente le pecore? Rispetto umano è più importante che la salvezza delle anime immortali?

Credo che si può identificare, in un modo semplice e breve, il grande crollo della società di oggi nella disobbedienza, dalla parte della grande maggioranza dei laici, dei preti e dei vescovi cattolici, dei due documenti della Chiesa Cattolica: “Humanae Vitae” (1968 – http://w2.vatican.va/content/paul-vi/en/encyclicals/documents/hf_p-vi_enc_25071968_humanae-vitae.html) e “Memoriale Domini” (1969 – http://www.santuariodivinamaternita.com/Sito/Documenti/MemorialeDomini.pdf)! Memoriale Domini spiega la grande importanza di mantenere grande riverenza davanti a Dio infinito nell’Eucaristia e di non offrire la Santa Comunione nella mano dei laici; il documento spiega anche la disobbedienza di tanti vescovi. La strategia di Satana (che tanti preti e vescovi credono che non esiste) è di far perdere la fede nella “fonte e apice della vita cristiana” (Vat. II: LG 11; CCC 1324), l’Eucaristia. Vedi: “La Messa Neocatecumenale” (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/02/la-messa-neocatecumenale.html).

Ho un grande dolore nel mio cuore per le anime affidate ai tanti pastori cattolici che non vivono e non predicano il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti! Se questi pastori non vogliono passare l’eternità con la Verità, Gesù Cristo (Gv 14,6), tanti auguri a loro, ma di trascinare tante anime con loro di essere separate dalla Verità per tutta l’eternità è una cosa più terribile che non si può immaginare! La Madonna, la Mamma di tutti, piange e i suoi figli prediletti, i sacerdoti, non se ne frega!

La vita è soltanto uno scherzo, una vacanza? Chi stabilisce le regole del gioco, le creature o il Creatore? “Tutta intera la storia umana è infatti pervasa da una LOTTA TREMENDA contro le potenze delle tenebre” (CCC 409). Ma la filosofia di vita più facile, abbracciata dalla grande maggioranza delle persone è: L’occhio non vede, cuore non duole. Non duole oggi, ma domani, e dopo la morte? In una guerra, se tu non combatte, che cosa fa il nemico? Il nemico viene avanti mentre ti ha convinto che tu può dormire spiritualmente, così il nemico può portarti con lui all’inferno per tutta l’eternità! “La pena principale dell’inferno consiste nella separazione eterna da Dio” (CCC 1035).

Ho capito che tu non capisci la mia decisione di non venire alla vostra festa perché sei totalmente nella mentalità del culto dell’uomo e non nella mentalità di tutti i santi che è il culto di Dio. Se si mette veramente Dio prima, come Chiara Lubich, e tutti i santi ci dicono, è possibile di avere amore del prossimo autentico e non falso. Vero amore del prossimo vuol dire di aiutare il prossimo di arrivare alla felicità eterna e non soltanto la felicità terrena per pochi anni. Ma un pastore che non vuole fare riferimento al CCC per non spiegare alle persone che bisogno vivere la Verità che è Gesù, “Sia fatta la TUA volontà”, e perciò cambiare vita e soffrire, è un grande traditore della anime eterne!!! Gesù parla molto più forte di me: “Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me …” (Mt 10,37). “Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo” (Lc 14,26).

Ho scritto nel mio articolo, “Satana Scimmiotta Cristo” (http://cibo-spir.blogspot.it/2016/09/satana-scimmiotta-cristo.html):

“La nostra gente ha bisogno di aiuto. Hanno bisogno di sapere la verità. È la verità che li salverà. Abbiamo bisogno di dire la verità nell’amore. Se non lo facciamo, DOVREMO RISPONDERE A DIO per molte anime in quel giorno, perché il nostro popolo sono inondato con l’inganno in tutto questo campo. Ora questo è difficile, questo è difficile. Avremo, probabilmente nelle nostre famiglie, un figlio o una figlia, una sorella o un fratello, tornare a casa per Natale con il proprio partner con cui sta avendo sesso, e quant’altro. E ci diranno che SE MI AMATE INCONDIZIONATAMENTE ACCETTERESTI QUELLO CHE STO FACENDO. E noi dovremo dire: “Perché ti amo incondizionatamente, non posso essere d’accordo che ciò che stai facendo ti porterà alla tua felicità su questa terra, e stai mettendo in pericolo la tua salvezza eterna. La porta è sempre aperta e io ti amerò sempre. Ma non posso sostenere o incoraggiare o approvare un comportamento che la Sacra Scrittura ci dice che farà tanto male ai nostri corpi e metterà in pericolo la nostra salvezza eterna“…”

Mi ricordo quando non sono tornato più a quel bar che ha messo un’immagine di una donna tutta nuda fuori nel pubblico, tu mi ha detto: “Io non posso fare così” (http://parolafavita.blogspot.it/2013/04/giacomo-59.html). Ecco il culto dell’uomo, di mettere la felicità terrena nella prima priorità. Una strategia fondamentale della Massoneria è di rovesciare le priorità, di mettere primo l’amore del prossimo invece l’amore di Dio.

E’ molto interessante quante volte si trova questo “AMORE” FALSOusato come una strategia potente nei 33 direttive del Gran Maestro della Massoneria ai Vescovi cattolici massoni per distruggere la Chiesa Cattolica! La parole “amore” APPARE 11 VOLTE in queste 33 direttive! “Satana si maschera da angelo di luce” (2Cor 11,14)!

(“Il Piano Massonico Per La Distruzione Della Chiesa Cattolica”; http://cibo-spir.blogspot.it/2013/11/piano-massonico.html)

Si trova questa strategia potente e nascosta nel usare amore false dalla bocca di un prete dannato durante un esorcismo: “Questa è opera della Massoneria per la caduta della Chiesa, altrimenti non vi è bisogno di predicare sempre l’amore del prossimo, la riconciliazione e che so ancora …, perché è la vostra rovina” (“Un Prete Dannato Mette In Guardia Contro l’Inferno”; http://cibo-spir.blogspot.it/2013/12/prete-dannato.html).

I focolarini dicono fra loro: “Teniamo Gesù in mezzo”. Ma si ignorano o mettono da parte la Verità scomoda così tutti sono contenti e a loro agio, come fosse amore vero; hanno messo da parte Gesù!!!

Si trova nel libro: “Nel nome di Scopo – sacrificare la verità sull’altare dell’Unità” (Geremia 6:16) (“In the Name of Purpose – Sacrificing Truth on the Altar of Unity”), da Tamara Hartzell (in inglese: http://inthenameofpurpose.org/inthename.pdf):

“Questo “cambiamento di paradigma “- un nuovo modo di pensare di Dio e del mondo – è un cambiamento enorme nel modo di pensare dalla verità assoluta di Dio al relativismo dell’uomo.”

“L’onda anomala distruttiva che sta seguendo questo cambiamento sta spazzando la gente via dalla fede nella Nuova Spiritualità che trascende le barriere religiose”.

“Eppure, in mezzo a tutto questo, solo un numero relativamente ridotto di persone nella Chiesa sono stati diligenti nel cercare di avvertire il Corpo di Cristo, e chiese locali continuano a trasformare nell’immagine del mondo. Sostenendo che gli avvertimenti ed esortazioni sono troppo “negativi” e “moralista”, le chiese locali scelgono spesso di diffamare e marginalizzare coloro che tentano di avvertirli, e gli avvertimenti vanno inascoltati”.

“La verità di Dio è stato una delle vittime nel nuovo modo di pensare, e molte persone sono semplicemente inconsapevoli o non ricordano ciò che realmente dice la Parola di Dio. Questa mancanza di conoscenza facilita la diffusione di inganno. Le Sacre Scritture sono stati scritti da Dio per tutte le persone, non solo per i teologi e pastori”.

Prima della seconda venuta di Gesù Cristo “infatti DOVRÀ AVVENIRE L’APOSTASIA e dovrà esser rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio ed è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio” (2Ts 2,3-4).

“Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti. La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra svelerà il “Mistero di iniquità” sotto la forma di una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia dalla verità. La massima impostura religiosa è quella dell’Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianismo in cui l’uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne” (CCC 675).

Satana non dorme ed è più intelligente di noi. Tu credi Don Stefano di non scivolare lentamente nelle belle bugie del “padre della menzogna” (Gv 8,44)?

Diverse volte le persone mi dicono che devo predicare come vuole la gente. Io rispondo che se non predico il Vangelo secondo il CCC, come uno che deve rappresentare la Chiesa Cattolica e non se stesso, Io vado all’inferno, e Io non vado all’inferno per nessuno!

Gesù direbbe a tanti preti e vescovi oggi: “Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!” (Mt 16,23).

Tre o quattro anni fa quando ho parlato, in un’omelia alla Parrocchia, dei DOCUMENTI DELLA CHIESA CHE “HA SEMPRE RICHIESTO AI FEDELI RISPETTO E RIVERENZA VERSO L’EUCARISTIA” (“Inaestimabile Donum”, no. 11; vedete anche: “Istruzione Memoriale Domini”; visitate anche il mio articolo “Il Dio Infinito Fra Noi”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/01/il-dio-infinito-fra-noi.html), il tu, Don Stefano, eri arrabbiato con me. Quando ho chiesto te se tu sta dicendo a me che non devo fare riferimenti ai documenti della Chiesa nelle mie omelie alla Parrocchia, tu, che sembri mite e umile con tutti, mi hai gridato al bar: “In questo caso, NO!” Gli uomini moderni oggi non vogliono fare un atto o gesto di umiltà neanche davanti a Dio infinito nell’Eucaristia. Ma non si può staccare o separare il corpo dal cuore; si finisce con meno riverenza davanti a Dio anche nel cuore. E la nostra Madre Chiesa sa questo molto bene! ECCO LA PRIMA PRIORITÀ DI TANTI PRETI OGGI, ACCONTENTARE LA GENTE! Abbiamo cambiato le priorità delle due comandamenti fondamentali del Vangelo; abbiamo messo prima amore del prossimo, e poi, in realtà e infatti, abbiamo messo amore di Dio al secondo posto, nonostante che diciamo “non è vero”!

(“La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html).

In settembre 2012, durante pranzo con te Don Stefano presente, ho detto ad UN SACERDOTE RESPONSABILE NEL MOVIMENTO DEI FOCOLARI (Don Mauro): “Noi diciamo nella preghiera ‘Atto di Dolore’, “propongo con il Tuo santo aiuto di non offenderTi più e di fuggire le occasioni prossime di peccato.” Allora come mai ci sono alcuni responsabili nel nostro movimento in questa zona che sono in favore delle “coppie di fatto”?” Questo responsabile si è esploso e si è arrabbiato molto contro di me. Mi ha accusato di calunnia, ed a un certo punto mi ha chiesto per che motivo avrebbero fatto così. Io gli ho risposto: “per amare le coppie”! Lui ancora più arrabbiato, si è alzato in piedi accusandomi di qualcos’altro, ed io ho risposto: “Secondo chi? Secondo Dio? Secondo chi?” Infatti alcuni dei responsabili in questo movimento hanno cercato di ostacolare in tutti i modi il “Family Day” (2007) in Italia. Lo scopo principale del “Family Day” in Italia era di sostenere le famiglie e di bloccare la legge proposta “DICO” di favorire le “coppie di fatto”. Dopo più di 25 anni in questo movimento, mi sono meravigliato quanti responsabili in questo movimento si sentano al di sopra degli altri e tutti gli altri devono ricevere questa carisma soltanto tramite loro. Si sentono importanti perché sono figli di un fondatore importante per i nostri tempi. Se si considera perfino la possibilità che uno dei responsabili in questo movimento è spagliato, questa persone è visto come ha fatto un grave errore, un “grave peccato” perfino senza dialogando per investigare se le accuse sono vere! “Vi dico che Dio può far sorgere figli di Abramo da queste pietre” (Mt 3,9). Ci sono tanti responsabili in questo movimento, come in quasi tutti i gruppi nella Chiesa e fuori della Chiesa, che sono molto molto preoccupati di ciò che le persone o il pubblico pensassero di loro, indicando che questa priorità di rispetto umano è più importante che la verità o come si trattasse altri per mantenere questa immagine “santa e pura”! Gesù è morto sulla croce totalmente umiliato nonostante che anche Lui cercava seguaci! Ma Gesù cercava i seguaci nella Verità che ci fa liberi veramente (Gv 8,32)!

La scelta fondamentale fra Dio o Satana, fra il seguire Dio o il seguire Satana è la scelta di umiltà o dell’orgoglio. “Chi Decide La Verità?” (http://cibo-spir.blogspot.it/2014/06/chi-decide-la-verita.html), Dio o Io?!? Adamo e Eva hanno scelto la tentazione del serpente, Satana (Gen 3,4-5). Il serpente antico offre la stessa tentazione per tutti con tanti diversi sfumature duranti i secoli.

Mons. Giulietti non era contento quando ho scritto che tanti preti cercano di “accontentare la gente” invece di cercare di accontentare Dio (“La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html)!

C’era una grande ribellione contro l’Enciclico, Humanae Vitae (1968), contro la riaffermazione dell’insegnamento della Chiesa Cattolica in quanto riguarda l’uso dell’anticoncezione. Non credo che era per caso che l’Arcangelo San Michele a Garabandal, mandato dalla Madonna (Spagna, 1965), ha detto: “Cardinali, Vescovi e sacerdoti camminano in molti sulla via della perdizione e trascinano con loro moltissime anime”!

Caro Don Stefano, mi hai detto per telefono che non ti ricordi per niente la mia email di l’anno scorso per la stessa occasione. Sotto è l’email che ho mandato l’anno scorso. Se io ti voglio bene, voglio che passeremo eternità insieme dopo questo periodo della “grande tribolazione” (Mt 24,21) e della grande apostasia prima della seconda venuta di Gesù Cristo.

Se ti interessa, ho mandato un’email simile ad un neocatecumeno che mi ha invitato a cena ma con la condizione di non parlare delle cose importanti (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/caro-jonathan-neocatecumeno.html).

Don Jo

– – – – – – –

Caro Don Stefano,

Grazie per l’invito alla festa di San Clemente a Magione, il 23 novembre 2015.

Per telefono (14 novembre 2015), io avevo risposto che “vedremo”, e tu mi hai detto: “fammi sapere”. Ho detto anche in questa situazione recente di essere mandato via da Lisciano Niccone, che i due vescovi di Perugia hanno ascoltato tutti gli altri ma non hanno parlato con Don Jo, e la decisione era già fatto. Che bel modo di trattare un fratello nel presbiterato!

Don Stefano, tu mi invita ad una festa! Ma che cos’è amore vero secondo Gesù, secondo il tuo Ideale di Unità, del Movimento dei Focolari, spiegato da Chiara Lubich? Chiara Lubich ha elencato le qualità dell’amore Cristiano: amare tutti, amare per primo, vede Gesù in ogni prossimo, amare il nemico, che l’amore diventi reciproco, ama l’altro “come” se stesso, farsi uno con la persona amata come dice San Paolo (1Cor 9,19-22), la regola d’oro, ecc.

Ma prima di guardare le qualità dell’amore Cristiano secondo Chiara Lubich, vorrei dire una cosa che per Chiara Lubich, e per tutti i veri santi, era sempre presente come la fondazione dell’amore vero. Quello è Gesù che è non soltanto “la vita e la via”, ma anche “la Verità” (Gv 14,6)! Ma oggi, nei ultimi anni, siamo circondati non soltanto nel mondo, ma soprattutto nella Chiesa Cattolica, di razionalismo, protestantesimo, soggettivismo, relativismo, liberalismo e falso ecumenismo. E perciò non siamo più d’accordo che cos’è la Verità né la fonte della Verità e neanche la vera spiegazione della Verità!?! Perciò non è più scontata questa base della vera Verità, questa fondazione, in comune fra noi! Se “l’amore” non è fondato sulla Verità, Che è Gesù, allora è fondato sulla sabbia mobile del relativismo, non sulla Rocca della Verità (Mt 7:24-27)!

Nella sua omelia alla Messa prima del conclave che l’ha presto eletto Papa Benedetto XVI, l’allora Cardinale Ratzinger ha detto: “Avere una fede chiara, secondo il Credo della Chiesa, viene spesso etichettato come fondamentalismo. Mentre il relativismo, cioè il lasciarsi portare “qua e là da qualsiasi vento di dottrina”, appare come l’unico atteggiamento all’altezza dei tempi odierni. SI VA COSTITUENDO UNA DITTATURA DEL RELATIVISMO che non riconosce nulla come definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio io e le sue voglie.” (http://www.vatican.va/gpII/documents/homily-pro-eligendo-pontifice_20050418_it.html) (Vedi anche: Centesimus Annus 44: Cfr. Veritatis Splendor 99, e CCC 2244).

Negli Esercizi Spirituali Internazionali, a Collevalenza – Santuario dell’Amore Misericordioso (di Madre Speranza), 22-28 giugno 2008, Padre Michael Gaughran ha offerto a più di 200 sacerdoti e più di 10 vescovi del Movimento Sacerdotale Mariano queste parole in una meditazione, con il titolo della meditazione, “La Chiesa, Il Movimento ed i Tempi Attuali” (http://parolafavita.blogspot.it/2014/11/cibo-spirituale-1411.html):

“[E’ una attacco alla verità di Dio.]

E’ cresciuto gradualmente. Basti pensare ad un cambiamento subdolo che è accaduto intorno all’epoca del Concilio Vaticano Secondo. Con l’arrivo dei “periti” si è sviluppata la moda dei teologi, a prescindere dal fatto che meritassero o meno questo nome; il fatto che avessero pubblicato un libro, in genere era sufficiente. Esso continua e, con ciò, IL CENTRO CHE GUIDA LA CHIESA, nella mente di molti, si è spostato da dove il Signore lo aveva posto, vale a dire nella gerarchia, il Santo Padre ed i vescovi uniti a lui, ed è divenuto le varie opinioni di ogni sorta di scrittori. [Gli studenti hanno raccolto i libri.] Così, ciò non ha avuto conseguenze solo sui sacerdoti, ma anche sui seminaristi di molte università. Questa è la prima parte dell’attacco: l’attacco alla Verità di Dio, fondamento della Chiesa…”

Negli Esercizi Spirituali Internazionali, a Collevalenza – Santuario dell’Amore Misericordioso (di Madre Speranza), 21-27 giugno 2015, Père Laurent Larroque ha offerto a più di 200 sacerdoti e più di 10 vescovi negli Esercizi Spirituali Internazionali del Movimento Sacerdotale Mariano queste parole in una meditazione, con il titolo della meditazione, Gesù Nell’eucaristia (1):

«Questa situazione, penetrata profondamente nella coscienza collettiva della Cristianità penetrata specialmente in tanti professori di seminario, e dunque in tanti seminaristi] è drammatica per la fede», dice Benedetto XVI nella sua Introduzione (Premessa) al suo libro “Gesù di Nazareth”.

(“L’Attacco Sottile e Potente all’Eucaristia”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/11/attacco-alleucaristia.html)

Perciò, caro Don Stefano, nel linguaggio del Movimento dei Focolari: “Teniamo Gesù in mezzo!” (Mt 18,20). Ma tantissimi membri e responsabili del Movimento dei Focolari non tengono la VERITÀ in mezzo! E’ una vera contraddizione e perciò un vero scandalo, e perciò non ci sono i veri frutti che durano da un falso “Gesù in mezzo”! E’ l’unità falsa e ipocrita!

Un anno fa, dopo sono andato via da Magione, tu sei venuto a trovarmi. Ad un certo punto ho detto che tu non hai vissuto l’Ideale di Chiara Lubich con me perché non c’era niente “farsi uno”, perché secondo Chiara Lubich, senza “farsi uno”, non c’è amore vero. Tu mi hai chiesto: che cos’è “farsi uno”? Ho risposto: di cercare di capire il pensiero dell’altro!

Chiara Lubich ha parlato varie volte dell’importanza di obbedire con fiducia totale il Magistero della Chiesa. Lei era pronta di perdere il suo movimento se Papa Paulo VI o Papa Giovanni Paolo II avessero ordinato così; che grande contrasto fra la vera santità di Chiara Lubich e i tre fondatore del Cammino Neocatecumenale – Kiko Argüello, Carmen Hernandez e Padre Mario Pezzi – che hanno scritto a Papa Benedetto, il 17 gennaio 2006, spiegando perché non possono obbedire le direttive del Papa (1 dicembre 2005) in merito della celebrazione della Santa Messa (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/02/la-messa-neocatecumenale.html).

Mi ricordo quando ero a Loppiano per 4 anni ho sentito tante cose dai focolarini, fra l’altro, che almeno una volta Chiara Lubich ha detto che almeno 80% dei suoi responsabili non sono maturi. La base della maturità vera è l’umiltà vera come vediamo nell’esempio di Chiara Lubich che ha sempre obbedita la più piccola indicazione di Papa Giovanni Paolo II. Purtroppo tanti responsabili nel Movimento dei Focolari si sentono importanti perché sono figli di Chiara, che ha ricevuto tanti premi ecclesiali e civili, invece di perdere tutto davanti a Dio e cercare soltanto la gloria di Dio e non la gloria sua davanti agli uomini. Ma Chiara ha fatto come San Giovanni Battista, “Egli deve crescere e io invece diminuire” (Gv 3,30), ha cercato di portare i membri del suo movimento verso il Magistero della Chiesa, invece Kiko non aveva quest’umiltà e perciò, proprio di fondamento, i membri del Cammino Neocatecumenale si fidano più a Kiko che al Magistero della Chiesa.

San Agostino ci dice: ERA LA SUPERBIA che ha cambiato gli angeli in diavoli; è l’umiltà che fa gli uomini in angeli. L’umiltà è la fondazione di tutte le altre virtù. L’anima in cui questa virtù non esiste, non può essere qualsiasi altra virtù tranne in mero apparenza. San Bonaventura ha detto che senza l’umiltà, non c’è virtù!

E’ una grande tentazione di diventare attaccati alla stima degli altri (Sir 3,20; Fil 2,5-8; Mt 20,26-28; 10,24; 3,9)! Guai a te se tutti parlano bene di te! (Lc 6,26). “AMAVANO infatti la gloria degli uomini più della gloria di Dio” (Gv 12,43). “E COME POTETE CREDERE, voi che prendete gloria gli uni dagli altri, e non cercate la gloria che viene da Dio solo?” (Gv 5,44).

Quanta vita nella Chiesa è soffocata a causa della mancanza d’umiltà da parte dei responsabile! Visitate: “La Grande Responsabilità dei Responsabili Religiosi” (http://evang-fondam.blogspot.it/2013/05/grande-responsabilita.html).

Chiara Lubich, nelle “Risposte di Chiara sul Rinnovamento” (Natale 1997) ha risposto ad alcune domande. Nella parte “Unità e autorità”, lei ha risposto così: vedi APPENDICE II sotto.

Quando ho indicato la carenza di rispetto e riverenza davanti all’Eucaristia e la mancanza d’umiltà nelle comunità del Cammino Neocatecumenale tre anni fa, Don Claudio non era tanto contento con me (“Il Dio Infinito Fra Noi”):

“Per l’occasione dell’incontro con tutti i movimenti ecclesiali a Roma, Card. Joseph Ratzinger ha scritto il 27 maggio 1998: «[…] SI FANNO VISIBILI TANTO I PERICOLI, quanto le vie di superamento che esistono nei Movimenti. VI È LA MINACCIA DI UNILATERALITÀ che porta ad esagerare il mandato specifico che ha origine in un dato periodo o in forza d’un particolare carisma […] è un fatto CHE PUÒ INDURRE AD ASSOLUTIZZARE il proprio movimento, che viene ad identificarsi con la Chiesa stessa, a intendersi come la via per tutti, mentre di fatto quest’unica via può esser fatta conoscere in modi diversi.”

“Cardinale Ratzinger ha esortato anche i Vescovi! Il Congresso mondiale dei movimenti ecclesiali, svoltosi a Roma nel 1998, venne inaugurato da un’importante relazione dell’allora cardinale Ratzinger. In quella relazione Ratzinger, DOPO AVER ESORTATO I MOVIMENTI a evitare unilateralità e assolutizzazioni, SI ERA RIVOLTO ANCHE AI VESCOVI, ricordando «che non è loro consentito indulgere ad alcuna pretesa d’uniformità assoluta nella organizzazione e nella programmazione pastorale. NON POSSONO FAR ASSURGERE I LORO PROGETTI PASTORALI A PIETRA di quel che allo Spirito Santo è consentito operare: di fronte a mere progettazioni umane può accadere che le Chiese si rendano impenetrabili allo Spirito di Dio, alla forza di cui esse vivono. Non è lecito pretendere che tutto debba inserirsi in una determinata organizzazione dell’unità: MEGLIO MENO ORGANIZZAZIONE E PIÙ SPIRITO SANTO!»

Visitate: “Il Dio Infinito Fra Noi” (http://cibo-spir.blogspot.it/2014/01/il-dio-infinito-fra-noi.html).

Come tu sai, Chiara Lubich ha fatto più di un ora davanti a Gesù eucaristico ogni giorno, alzando presto ogni mattina; ecco “la fonte e apice della vita cristiana” (Vat. II: LG 11; CCC 1324). Ai convegni del Movimento dei Focolari, non si sente quest’esempio di Chiara Lubich davanti al tabernacolo ogni giorno! Ecco come Chiara Lubich ha mantenuto sempre le priorità giuste, prima l’amore di Dio, e poi, secondo, l’amore dell’prossimo! Mi meraviglia quante volte sento dai professori del seminario che vengono ai ritiri mensili del clero o dai relatori dei convegni diocesani, che mettono in contrasto tempo in adorazione e tempo nell’apostolato, come fossero non compatibili o l’uno contro l’altro, e di comunicarci in un modo svelato (mettendo in ridicolo “come facevano i vecchi preti” in adorazione) che bisogno mettere la prima priorità sull’apostolato (che porta all’attivismo, al culto dell’uomo, non al culto di Dio!). Quando ho invitato circa 20 sacerdoti della diocesi di Perugia di fare un ora santa ogni giorno davanti a Gesù eucaristico (come faccio io da 15 anni), tutti mi hanno detto: “Non ho tempo”! Li ho risposti: “Se non faccio quell’ora ogni giorno davanti a Gesù eucaristico, finisco di dare alle persone un povero prete che si chiama Don Jo invece di dare alle persone Gesù Cristo!”

Guardiamo il grande contrasto fra questi professori odierni di seminario con i santi! Tutti i santi hanno capito la grandezza dell’Eucaristia e hanno passato più tempo possibile davanti a Gesù eucaristico. Vedete l’Appendice I sotto.

E’ interessante ciò che Don Idilio ha scritto nella sua settimanale di 17-24 agosto 2014:

“C’è chi dice che le chiese sono la maggior parte chiuse e, magari, ne soffre. E’ certo una particolare tristezza, ma può essere anche uno sprone a rivedere le proprie posizioni anche in ordine alla parrocchia che è in quanto c’è un popolo che la frequenta e si serve delle sue strutture per incontrarsi, per formarsi e per intessere rapporti validi in un tempo in cui, anche quelli più sacri, vengono meno. Ecco è bello pensare ad una parrocchia in cui si vive la comunione fino alla fraternità! Ed è il massimo…”

Il massimo” per i santi era Dio, e la presenza più forte e più alto di Dio sulla faccia della terra e nell’Eucaristia! Chiara Lubich, come una Cattolica autentica, sapeva bene la dottrina della Chiesa che la presenza di Gesù nell’Eucaristia è una presenze molto più grande che la presenza di Gesù “dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro” (Mt 18:20)!

Come si può promuovere l’Ideale dell’unità del Movimento dei Focolari senza curare molto il Sacramento, “par excellence”, dell’unità, l’Eucaristia? Confrontare questo con i santi; vedete Appendice I sotto.

L’anno scorso, tu, Don Stefano, dopo mi hai minacciato al bar di Magione dopo la mia Messa (il 23 settembre), poi sono andato via, e poi hai telefonato il vescovo nei miei riguardi, non mi hai mai risposto o fatto un commento su ciò che ho scritto l’anno scorso al Vescovo di Perugia (8 ottobre 2014), neanche quando mi hai telefonato pochi giorni fa per invitarmi alla vostra festa. Se ti interessa, in questo stesso articolo troverai questa lettera e anche la risposta di Mons. Paolo Giulietti e anche “qualche commento in merito alla risposta del Vescovo Ausiliario” (allegato). (“La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html). Dov’è il tuo “farsi uno” con me, dov’è l’amore vero?

Durante l’incontro con Mons. Paolo Giulietti (13 ottobre 2015), ad un certo punto ho detto che anche i neocatecumeni sono codardi! Dopo aver servito i neocatecumeni per dieci anni, celebrando due Sante Messe ogni sabato sera con loro, e anche tante celebrazioni penitenziali, soltanto due persone, e nessun responsabile, mi hanno risposto ai miei motivi per cui non potevo più celebrare “La Messa Neocatecumenale” (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/02/la-messa-neocatecumenale.html). Soltanto una persone della quinta comunità di San Sisto, che ho seguito dieci anni, mi ha ringraziato per i miei dieci anni di servizio! Quando ho parlato con uno dei responsabili di una comunità a San Sisto della lettera del 1 dicembre 2005 scritta dal Cardinale Francis Arinze, prefetto della congregazione vaticana per la liturgia con un elenco di “decisioni del Santo Padre” alle quali si dovevano attenere, lui mi ha risposto: “ABBIAMO GIÀ SUPERATO QUELLO” (31 gennaio 2015)! Ma questo responsabile sta cercando la volontà di Dio o la volontà sua? Questo responsabile si fida più al Papa Benedetto o a se stesso o ai fondatori del Cammino Neocatecumenale che hanno scritto al Papa Benedetto il 17 gennaio 2006 dicendo che non possono obbedire questo decreto che ha detto che nelle “celebrazioni nelle piccole comunità devono essere regolata dai Libri liturgici, che vanno seguiti fedelmente”. Non posso immaginare Chiara Lubich o qualsiasi altro santo di avere lo stesso atteggiamento di fiducia in se invece nel Magistero della Chiesa, come ha fatto questo responsabile del Cammino Neocatecumenale, che è un atteggiamento molto tipico in questo movimento! Anche Papa Giovanni Paolo II ha dato lo stesso richiamo ai Neocatecumenali: “Celebrate l’Eucaristia e, soprattutto, la Pasqua, con vera pietà, con grande dignità, con amore per i riti liturgici della Chiesa, con esatta osservanza delle norme stabilite dalla competente autorità, con volontà di comunione con tutti i fratelli…” (Osservatore Romano, 11 febbraio 1983; http://www.geocities.ws/Athens/Delphi/6919/OR110283.htm). Quanti responsabili nella Chiesa hanno lo stesso atteggiamento come quel responsabile del Cammino Neocatecumenale, che abbiamo finalmente superato la vecchia mentalità della Chiesa, abbiamo finalmente superato i documenti della Chiesa del passato, riassunti nel Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti. Finalmente decidiamo noi come devono essere le cose nella Chiesa Cattolica! Finalmente abbiamo superato la Verità assoluta immutabile, “il Motore immobile”! Decidiamo noi, come hanno fatto i nostri primi genitori (Gen 3,4-5)!?!

Come ho scritto nella mia lettera al Vescovo di Perugia (8 ottobre 2014):

“Dalla parte sua, il Parroco non mi ha MAI detto: “Don Jo, credo che questa frase che hai detto (o scritto) durante la tua omelia oggi è in contrasto con un documento della Chiesa”, e poi di offrirmi il riferimento ad un documento della Chiesa o dal CCC. E perciò, già da anni, il Parroco non mi permette di spiegarmi o difendermi con questi documenti preziosi della Chiesa. … E’ interessante che Papa Giovanni Paolo II non ha detto ai vescovi (1987) che dovete obbedire me come il Papa, ma “il dissenso dal magistero” della Chiesa Cattolica!” Quanti vescovi non hanno l’umiltà e non fanno come i santi e perciò dicono a quelli sotto di obbedire il vescovo anche se il vescovo non obbedisce il Magistero della Chiesa e perciò il vescovo non è in unione con un vero Papa fedele alla Verità immutabile spiegato bene dal Magistero della Chiesa?!?

L’anno scorso, tu, Don Stefano sei venuto a casa mia con un sacerdote studente dall’Africa, Don Lorenzo (31 ottobre 2014), per convincermi come volevi tu, e hai dato tutti i scritti miei stampati, che tu avevi, a Don Lorenzo per far vedere a Don Lorenzo che Don Jo è fuori strada, è fuori testa. Ma di nuovo nessuno di voi due ha detto: “Don Jo, credo che questa frase che hai scritto è in contrasto con un documento della Chiesa”, e poi di offrirmi il riferimento ad un documento della Chiesa o dal CCC. Questo sarebbe amore vero invece della “dittatura del relativismo”! Ad un certo punto ho guardato Don Lorenzo nei suoi occhi, ed ho detto a lui in inglese: “Ma tu sei qui per pochi giorni a Magione, e credi di sapere bene la situazione per poter mettermi apposto con la tua intelligenza e sapienza!?!”

Don Fernando mi ha telefonato perché tu hai detto certe cose di me a Don Fernando. Senza cercare di capire il mio pensiero in nessun modo Don Fernando ha cercato di mettermi apposto secondo il suo pensiero. Finalmente ho detto: “Ti ringrazio per il tuo consiglio reverendissimo”. Ha continuato a parlare senza nessunissimo ascolto e ho chiuso il telefono.

Quando tu, Don Stefano sei venuto ad Antria con Don Idilio (22 ottobre 2015), mentre ero nella chiesa per la mia ora santa quotidiana, ho raccontato a voi che alcune persone a Lisciano Niccone ha detto ai vescovi di Perugia che Don Jo predica troppo del peccato (e dei responsabili molto importanti nella Chiesa che tradiscono l’insegnamento autentico della Chiesa, il Magistero della Chiesa), ed i vescovi mi hanno tolto la parrocchia. Don Idilio (il responsabile per i sacerdoti del Movimento dei Focolari per le provincie della Toscana e d’Umbria) mi ha risposto che basta amare il prossimo. Ho cercato di spiegarlo che se non manteniamo le priorità giuste dell’amore di Dio primo, e poi l’amore del prossimo al secondo posto, finiamo di perdere tutto e il nostro amore del prossimo finisce di essere amore falso. Gli ho detto che Cristo ha chiamato San Giovanni Battista il più grande profeta nato da donna, e che cosa ha detto San Giovanni Battista? “Non ti è lecito tenere la moglie di tuo fratello” (Mc 6,18). Gli ho chiesto quanti sacerdoti e vescovi oggi hanno il fegato di essere un profeta come San Giovanni Battista, di poter dire la verità che salva nonostante che si offende le persone e perfino si può perdere la testa come San Giovanni Battista? Ho chiesto Don Idilio che cosa era uno dei motivi principali per cui Cristo è venuto sulla terra? Non era per offrirci la possibilità di liberarci da ciò che ci fa il più male, i nostri peccati, come diciamo in ogni Messa: “Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo…” Ma ho qualificato questa frase: i peccati secondo Dio, non i peccati secondari secondo il mondo di oggi. Gli ho chiesto che cosa ha detto il primo papa della Chiesa, San Pietro, il primo giorno della Chiesa, dopo essersi nascosti tanti giorni nel cenacolo prima di Pentecoste. “Voi avete crocifisso Gesù” (Atti 4,10), con i vostri peccati gravi, mortali! Dov’è il coraggio dei sacerdoti e dei vescovi oggi? Gli ho detto che pochi sacerdoti e pochi vescovi oggi hanno il fegato di aiutare le persone ad identificare ed a curare ciò che fa il più male, i peccati mortali, mentre i sacerdoti offrono amore secondario al prossimo, che alla fine è amore falso, che mimetizza la vera malattia delle anime, il più grande danno e male, il peccato. E’ veramente simile ad un pastore che da i bacini di rassicurazione d’amore secondario. Ho detto che noi preti siamo stati ingannati, e stiamo ingannando le persone! Poche persone vengono alla confessione perché pochi preti spiegano che cos’è il peccato e quanto Gesù soffre per i nostri peccati oggi!

Se un parroco offre la misericordia, come fanno tantissimi oggi, senza obbligo di vivere ciò che si dice nell’Atto di Dolore – “Propongo col Tuo santo aiuto di non offenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato” (il peccato secondo Dio spiegato dalla Sua Chiesa, il Magistero della Chiesa, non secondo il relativismo di ognuno né secondo il mondo!), allora tutti sono contenti! Ma se il parroco spiega che questa è la misericordia falsa, come forse non esistesse il peccato e perciò non serve “l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo”, allora alcuni telefonano il vescovo e il vescovo prende la via più facile: accontentare la gente che vogliono un cristianesimo senza la croce, senza l’obbligo di cambiare la vita secondo i Dieci Comandamenti spiegato dalla Chiesa. Questo sarebbe come due genitori che dicono ai figli: fate come volete in questa casa perché vi vogliamo bene! Questo è amore falso, misericordia falsa, la compassione malconsigliata, che porta alla distruzione dei figli, perché i figli non saranno allenati per resistere contro le tante tentazioni nel mondo di oggi! Oggi nella casa della Chiesa, tutta la Chiesa, tantissimi responsabili nella Chiesa rimangono in silenzio della legge di Dio che salva e che non cambia con il mondo. La natura umana non cambia, e le regole che ci vuole per il bene degli esseri umani non cambiano, la legge di Dio. Oggi ci sono pochissimi padri delle famiglie che offrono questa disciplina di se stessi come modello per i figli, e perciò i figli non hanno ricevuto quel esempio da 0 a 12 anni per poter confrontare un mondo più pieno di tentazione distruttive che mai nella storia del mondo! La TV oggi presenta i maschi come gli incapaci, gli imbranati, ed i codardi! Dove sono i veri pastori pronti di dare la vita (perdere rispetto umano!) per le pecore, pronti di dire la verità scomoda per il vero bene delle pecore, come ha fatto San Giovanni Battista, San Pietro e tutti i santi?!?

Parlando della cura pastorale delle persone omosessuali e dei divorziati risposati, Cardinale Ratzinger ha scritto: “Solo ciò che è vero può ultimamente essere anche pastorale” (“Chi Decide La Verità?”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/06/chi-decide-la-verita.html).

Quando ho studiato all’Angelicum a Roma (1986-1989), mi ricordo una volta che uno dei nostri professori ha detto in un modo generale che la madre della famiglia (il cuore della famiglia) offre l’amore incondizionato ai figli mentre il padre (il capo della famiglia) offre l’amore condizionale ai figli; ci vuole tutti i due e Dio ci offre tutti i due. Vediamo come Satana ha attaccato la donna con la pornografia, il femminismo secolare, ecc., rendendola come un oggetto di piacere invece una figlia del Re dei re. Ma Satana ha attaccato ugualmente l’uomo cercando di eliminare il padre dalla famiglia. Perché è soprattutto il padre che ha la grazia della sua vocazione data da Dio per poter percepire meglio le attrazioni nascosti e attraenti e le bugie di Satana messe davanti a noi nel mass media come se fossero la verità. Il padre deve discernere fra l’amore vero e l’amore falso, fra la misericordia vera e la misericordia falsa, fra la compassione vera e la compassione malconsigliata, fra l’amore incondizionato vero e l’amore incondizionato falso, fra l’amore condizionale vero e l’amore condizionale, e la combinazione giusta e prudente. Questa è la carta vincente che Satana ha preparata eliminando il padre dalla famiglia, per confondere questo equilibrio giusto. Ecco la distruzione della famiglia oggi, con pochi pastori capaci di fare come Gesù e tutti i seguaci autentici di Gesù, di incoraggiare con il loro esempio e le loro parole di seguire Gesù con la croce INVECE di offrire la compassione malconsigliata e di cambiare la legge di Dio con un compromesso dopo l’altro.

Se si offre soltanto l’amore incondizionato nella Chiesa, come oggi, non si capisce il motivo di dover soffrire per vivere i Dieci Comandamenti e di cambiare vita. Dio mi ha perdonato e perciò non voglio sentire nient’altro! Se si mette in rilievo la misericordia senza parlare nello stesso discorso e nello stesso contesto, “va’ e non peccare più”, come Gesù ha fatto nei Vangeli (Gv 5,14; 8,11; ecc.), c’è una grande tendenza di prendere la via facile di non cercare di cambiare la vita propria con l’aiuto di Dio, e di credere e di dire: “Io sono apposto!” Rispondo a queste persone molto numerose oggi in relativismo: “Sei apposto secondo chi, secondo te o secondo Dio?”

“Il pastore sia accorto nel tacere e tempestivo nel parlare, per non dire ciò ch’è doveroso tacere e non passare sotto silenzio ciò che deve essere svelato. Un discorso imprudente trascina nell’errore, così un silenzio inopportuno lascia in una condizione falsa coloro che potevano evitarla. Spesso i pastori malaccorti, per paura di perdere il favore degli uomini, non osano dire liberamente ciò ch’è giusto e, al dire di Cristo ch’è la verità, non attendono più alla custodia del gregge con amore di pastori, ma come mercenari. Fuggono all’arrivo del lupo, nascondendosi nel silenzio. Il Signore li rimprovera per mezzo del Profeta, dicendo: “Sono tutti cani muti, incapaci di abbaiare” (Is 56,10) … Cos’è infatti per un pastore la paura di dire la verità, se non un voltar le spalle al nemico con il suo silenzio? Se invece si batte per la difesa del gregge, costruisce contro i nemici un baluardo per la casa d’Israele. Per questo al popolo che ricadeva nuovamente nell’infedeltà fu detto: “I tuoi profeti hanno avuto per te visioni di cose vane e insulse, non hanno svelato le tue iniquità, per cambiare la tua sorte” (Lam 2,14)…” (San Gregorio Magno, papa; Ufficio delle letture; domenica 27, TO).

“MA CHE RAZZA DI PASTORI sono invece quelli che, TEMENDO DI OFFENDERE GLI UDITORI, non solo non li preparano alle tentazioni future, ma anzi promettono loro la felicità di questo mondo, felicità che Dio non promise neppure al mondo stesso!…” (San Agostino, Ufficio delle Letture, 24 TO, venerdì).

Per illustrare questa scelta fondamentale per ognuno di noi fra la Verità assoluta, Che è Dio, e tutte le altre verità che cambiano, ho raccontato a voi due (22 ottobre 2015) ciò che ho detto durante pranzo alla famiglia Ercolanelli, soltanto tre settimane prima, che voi due conoscete. Dopo più di 7 anni di andare a pranzo a questa famiglia ogni tre mesi, finalmente il genero ha ribellato contro ciò che dicevo sul grande attacco contro la Verità nei nostri tempi, fino al punto che ha rivelato che non credeva neanche che i 10 Comandamenti sono venuti da Dio. A quel punto, per non essere preso dentro un dibattito inutile, ho raccontato un episodio nella vita di Santa Caterina da Genova che ha detto a Gesù che lei sarebbe disponibile a soffrire qualsiasi cosa per portare tutte le persone nell’inferno a paradiso. Gesù le ha detto che le persone nell’inferno preferiscono l’inferno perché non vogliono stare sotto la Verità assoluta nel cielo, e si buttano nell’inferno al momento della morte nonostante che “la pena principale dell’inferno consiste nella separazione eterna da Dio” (CCC 1035). Nel paradiso c’è posto per un Dio solo, non due; nell’inferno tutti credono la bugia del “padre della menzogna” (Gv 8,44) che ognuno è dio (Gen 3,4-5). Come Lucifero, che è il capo degli angeli ribelli (Apoc 12), tanti non ascoltano la risposta del capo degli angeli buoni, Michele: il suo nome vuol dire: “Chi è come Dio?” Se una persona è sincera e umile e perciò riconosce Chi è Dio, Dio non inganna questa persona; invece se una persona non è sincera né umile, questa persona si delude da sola e diventa cieca spiritualmente nonostante crede di essere intelligente e sapiente. Quanti sacerdoti e vescovi oggi si ingannano perché credono la bella bugia, ben preparata dalla padre della menzogna nella Chiesa Cattolica, che la Verità non è più assoluta e che si può cambiare la Verità.

Ma Gesù ha detto:

Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Mc 13,31)! “Non pensate ch io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento. In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno della legge, senza che tutto sia compiuto” (Mt 5,17-18; 24,35).

La Verità, Che è Gesù (Gv 14,6), non cambia con il mondo ne con i tempi! “Cristo ha detto “sono la Verità”; NON ha detto, “sono il costume”.” – San Toribio.

Penso che si può applicare a tanti sacerdoti e vescovi oggi, plagiati nella nuova teologia, le parole di Gesù: “Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli” (Mt 11,25; Lc 10,21). Questa nuova teologia non è basata sulla Roccia della Verità assoluta rivelata, “il Motore immobile” (San Tomaso d’Aquino), ma sulla sabbia mobile di relativismo che in un modo silenzioso e nascosto, e in un modo più facile, porta alla nostra distruzione, la casa costruita sulla sabbia (Mt 7:24-27)!?! Questa nuova teologia non è basata sull’umiltà. La Chiesa non è l’Autore della Verità, ma l’ancella della Verità! Dobbiamo fare come “la prima discepola” (LG 65) di Gesù, Maria: “Ecco l’ancella del Signore….” (Lc 1,38)! (Ufficio delle Letture, “Colei che credette in virtù della fede, in virtù della fede concepì”, sant’Agostino, 21 novembre).

I bambini hanno bisogno di una Madre; ma i sapienti e gli intelligenti credono di non aver bisogno di una Madre. “In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli.” (Mt 18,3). Ma come possiamo diventare come i bambini senza una madre, una Madre spirituale, la Madre di Dio e la Madre dell’umanità stabilito dalla santa volontà di Dio? Come la madre nutre il bambino, così anche i santi, confermato dai documenti della Chiesa, ci dicono che Maria è la Mediatrice di tutte la grazie, non per la scelta di Maria ma per la scelta di Dio, cioè, la santa volontà di Dio!

“Non abbiamo bisogno di una Chiesa che è mossa dal mondo, ma una Chiesa che muove il mondo” – G.K. Chesterton. Dio ci ha dato i Dieci Comandamenti per il nostro bene o per il nostro male?!? Ci fidiamo a Dio o a noi stessi, noi che siamo plagiati dal mass media e dalle scuole oggi?!?

Per amore, Dio rispetta totalmente la nostra scelta libera per tutta l’eternità! Dopo la morte ci sono due posti per tutta l’eternità per quelli che hanno le anime immortali (gli esseri umani, non gli animali): un posto dove c’è Dio e un posto dove non c’è Dio. Tante persone accolgono l’inganno, la bella bugia, che è impossibile a scoprire la Verità di Dio, o abbracciano la filosofia di vita: “Occhio non vede, cuore non duole!” Ecco ciò che Gesù ha spiegato a Santa Caterina da Genova; infondo, non vogliono sapere ne stare vicino la Verità che è Dio! Se è impossibile a scoprire la Verità di Dio, questo implica una contraddizione fondamentale che Gesù, Che ha detto che è la Verità (Gv 14,6), e “la verità vi farà liberi” (Gv 8,32; Ger 6,16), e che dobbiamo seguirLo, ha fatto in modo tale che è impossibile a scoprire la Verità! Ci sono vie innumerabili per scappare via dalla Verità e di ingannarsi per abbracciare le illusioni facile e le verità facili di relativismo. Quando questo succede con qualcuno che ha ricevuto più grazie e una vocazione più alta da Dio, la cecità spirituale, l’inganno di se, è molto più profondo e mascherato.

San Francesco d’Assisi è un santo molto popolare, e Assisi è vista come un centro ecumenico mondiale, riconosciuta da tante religioni. Papa Benedetto ha festeggiato il venticinquesimo anniversario dell’incontro storico per la pace di Papa Giovanni Paolo II (27 ottobre 1986) con un pellegrinaggio a questo posto con altri rappresentanti di altre religioni e di alcuni non credenti (27 ottobre 2011). Ma tutti i due papi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI hanno promosso ecumenismo vero nell’amore per tutti i popoli, nel rispettare le convinzioni sinceri dei popoli diversi e le varie religioni, ma senza compromettere le convinzioni o le verità delle varie religioni. Anche Chiara Lubich ha offerto ecumenismo vero perché lei ha sempre obbedito il papa ed il magistero della Chiesa..

Il profeta falso, il papa falso, cercherà di formare Una Religione Mondiale, a titolo di falso ecumenismo, che si tradurrà nella riduzione al più basso denominatore comune, perdendo i nostri mezzi di santificazione più preziosi e la pienezza della verità, come cattolici, nel nome di “amore” e di “misericordia” e di “ecumenismo”!?! (http://marchiobestia.blogspot.it/2013/02/dimissione-del-papa-benedetto.html). Proprio adesso, il mondo ha bisogno più che mai dei “mezzi di santificazione”, trovati nella Chiesa fondata da Gesù Cristo. E’ proprio adesso, quando Satana riesce più che mai nel diffondere le sue belle bugie come se fossero la verità, che abbiamo bisogno della guida infallibile del Magistero della Chiesa! In questo modo si va sempre più verso la mediocrità cercando ad accogliere ed accontentare tutti, con un compromesso dopo l’altro, fino al punto di perdere quasi tutti i valori veri di Gesù Cristo ed anche le fonti autentici della grazia per Gesù Cristo. Ecco “Gesù in mezzo” falso, di mettere da parte la Verità che è Gesù, come si fa molto spesso nella Chiesa Cattolica di mettere da parte i tesori dei mezzi della santificazione (l’Eucaristia e altri sacramenti) e la pienezza della Verità spiegata nei documenti del Magistero della Chiesa, per stare insieme in un modo superficiale e falso nel ecumenismo falso. Papa Giovanni Paolo II ha detto a Chiara Lubich che lui vedi il suo movimento come un movimento ecumenico, ma ecumenismo autentico, vero!

Il fondatore di Christendom College (USA), Dr. Warren Carroll, ha scritto che l’ecumenismo è importante, ma capito giustamente “non è un ecumenismo in cui si abbonderebbe le convinzioni in verità che sarebbe gli accordi superficiali e senza significato, ma il sviluppo di un ecumenismo costruito solidamente su convinzione reale e la verità.”

Caro Don Stefano, sto chiedendo semplicemente di poter dialogare per cercare la Verità insieme non secondo la mia testa plagiata dal relativismo nel mondo che ci circonda oggi, e neanche secondo la tua testa immersa nel relativismo, ma secondo l’insegnamento della Chiesa Cattolica, secondo i documenti della Chiesa, i scritti dei santi e dei papi.

Sarei molto contento se i due vescovi di Perugia facessero lo stesso, di “farsi uno”, di fare un dialogo come non fossero l’autori della Verità, ma di avere l’umiltà di dialogare per scoprire la Verità insieme, per discernere la prudenza in una certa situazione insieme, con i documenti della Chiesa, i scritti dei papi e dei santi sulla tavola. Altrimenti si finisce, senza rendersi conto, di fare la “dittatura di relativismo”! Quando Mons. Giulietti mi ha chiamato nel suo ufficio il 13 ottobre 2015, ha detto che non vado d’accordo con il parroco di Magione, neanche con i neocatecumeni, ed adesso a Lisciano Niccone, e perciò tutti i miei impegni erano tolti da me nella diocesi di Perugia. Quelli da Lisciano Niccone che hanno telefonati i vescovi, non vengono neanche alla Messa domenicale! Come si dice in baseball Americano: “Three strikes and you’re out!” (“tre colpi e sei fuori”), senza prima parlare e dialogare con l’accusato come fanno i veri cristiani, come Chiara Lubich e tutti i santi veri. Almeno si fa finta nei tribunali civili in Europa ed in America che l’accusato è innocente finché c’è la prova della colpevolezza stabilita dal tribunale, nonostante che vince chi ha più soldi. Ma mi pare in tanti tribunali ecclesiastici dove i responsabili non sono tanto maturi ma piuttosto insicuri, l’accusato è colpevole finché l’accusato riesce a stabilire la sua innocenza (senza poter far riferimento al CCC!); si fa finta di giustizia secondo il Vangelo ma invece in tanti diocesi oggi regna la dittatura di relativismo (i nuovi sinedri moderni della dittatura del relativismo), e chi rimane fedele al Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti e colpevole di non andare d’accordo con la maggioranza dei esseri umani, o con la nuova teologia, il culto dell’uomo oggi! Mons. Giulietti non mi sembrava troppo contento quando ho detto che tutte le mie omelie sono registrate e tante sono pubblicate su Youtube; i vescovi hanno ascoltato tutte le altre persone che parlano dietro le spalle di Don Jo! Che bel esempio e modello di virtù più alto nella diocesi di Perugia che i due vescovi mi hanno dato; cercherò di trattare tutte le persone con cui vengo in contatto nello stesso modo che i due vescovi di Perugia mi hanno trattato!

Quanti responsabili nella Chiesa Cattolica sono scivolati nel soggettivismo e relativismo?!?

La definizione di questi concetti:

Soggettivismo = la verità non può essere oggettiva, viene data solo in parte al soggetto umano, all’uomo limitato nella sua capacità di capire; non c’è verità oggettiva, ma solo opinioni diverse (da rispettare per tolleranza…); dunque non c’è una Rivelazione di Dio valida per tutti; ciascuno dunque si deve arrangiare con questa Rivelazione.

Relativismo = non si può dire che c’è una verità assoluta; la verità è conosciuta solo in parte, e chi dice che essa può essere conosciuta con certezza va denunciato come un pericoloso fanatico (nessuna tolleranza per i nemici della tolleranza! – dittatura del relativismo).

Ho imparato tanto dal “personalismo” di Papa Giovanni Paolo II quando ho fatto le ricerche per poter scrivere l’articolo “La Grande Responsabilità dei Responsabili Religiosi”.

Da quando sono andato via da Ponte Valleceppi, tu ed altri sacerdoti della diocesi di Perugia, mi avete messo in una certa categoria di problema mentale e mi avete etichettato secondo i vostri giudizi. Dopo sono frequentato un sacerdote religioso psicologo per qualche mese, lui ha capito che stavo sprecando il mio viaggio a Siena, perché non avevo un “problema mentale”, neanche la malattia della “mentalità apocalittica”! Che bel amore avete per me; voi vorreste essere trattato come voi mi avete trattato?!? Una delle qualità di amore vero, elencato da Chiara Lubich, è “amare come se stesso”! Con questa logica di essere sempre etichettato o messo in una certa categoria secondo la vostra intelligenza e sapienza, i genitori non devono più correggere i figli ed i preti non devono più predicare perché sono peccatori sempre! Per questo, dopo gennaio 2001, quando sono andato via da Ponte Valleceppi, non mi hai mai più ascoltato veramente perché ero etichettato da voi e messo in una certa categoria secondo voi! E’ veramente una specie di schiavitù o di oppressione: si dà lo schiavo tutta la libertà nella casa ma non importa ciò che dice lo schiavo perché non è intelligente o sapiente come noi, e non vale la pena di prendere sul serio ciò che dice! Mi viene in mente ciò che i fascisti dicevano in Italia 70 anni fa: “Mangia e stai zitto!”; mangia ma non chiedere da dove vengono i cibo ed i soldi! Cioè, prendi i benefici della fraternità universale, della religione mondiale, ma non fare le domande se seguiamo la dottrina della Chiesa riassunta nel Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti! Che bel esempio d’amore secondo la grande Ideale di Chiara Lubich!?! Senza l’ascolto, senza “farsi uno”, senza obbedienza al Magistero della Chiesa, come Chiara Lubich ci spiega molto bene, non c’è amore vero, non c’è dialogo vero, come fanno tantissimi oggi nella Chiesa nel dialogo ecumenico (falso), senza rispettare veramente i valori ed i tesori della religione dell’altro, come Chiara Lubich ci ha fatto vedere con il suo esempio di ecumenismo vero, non ecumenismo falso!

Caro Don Stefano, finché non c’è unità vera (come Chiara Lubich intendeva), finché non c’è “la Verità in mezzo”, la Verità spiegato dal Magistero della Chiesa Cattolica, non c’è “Gesù in mezzo”. Per me, senza “la Verità in mezzo”, è impossibile di festeggiare da qualche parte, con la gioia che soltanto Gesù, la Verità incarnata, può dare!

Sia lodato Gesù Cristo! Sia lodata la Verità eterna, il Verbo incarnato!

Don Jo

– – – – – – –

APPENDICE I:

OFFRO QUI ALCUNI SCRITTI E RIFERIMENTI DEI DOCUMENTI DAI PAPI E DAI SANTI per aiutarci a capire ed ad apprezzare di più la grandezza dell’Eucaristia, che ci aiuterà a penetrare di più la sapienza dei documenti del Magistero della Chiesa in riguardo il salvaguardare la fede, l’amore e l’umiltà riverenziale davanti all’Eucaristia, “la fonte e apice della vita cristiana” (Vat. II: LG 11; CCC 1324).

San Martino de Porres: “Amò pure con speciale affetto l’augustissimo sacramento dell’Eucaristia. Per questo, standosene in un luogo nascosto della chiesa, sostava per molte ore in adorazione dinanzi al tabernacolo. Dell’Eucaristia poi bramava nutrirsi con quanto più amore gli era possibile.” (Breviario; 3 novembre).

San Giovanni da Kety: “Durante il giorno poi, dopo aver compito il suo dovere, subito dal liceo si recava direttamente alla chiesa dove, davanti al Cristo nascosto nell’Eucaristia, trascorreva lunghe ore nella contemplazione e nella preghiera. SEMPRE AVEVA SOLO DIO NEL CUORE, SOLO DIO SULLA BOCCA.” (Breviario; 23 dicembre).

Diceva San Giovanni Bosco: “Fate visite frequenti a Gesù nel Santissimo Sacramento e il demonio sarà impotente contro di voi”!

“LA PROFEZIA DI DON BOSCO DELLE DUE COLONNE” ci fa capire la grande importanza di rimanere molto vicino a Gesù nell’Eucaristia (finché sia possibile) con il Rosario in mano.

(Visitate: “La Profezia di Don Bosco delle due Colonne” a http://www.mariadinazareth.it/don%20bosco%20sogno.htm).

Nella Lettera Apostolica, Ecclesia de Eucharistia (no. 31), Giovanni Paolo Il dice:

“Si capisce, dunque, quanto sia importante per la vita spirituale del sacerdote, oltre che per il bene della Chiesa e del mondo, che egli attui la raccomandazione conciliare di celebrare quotidianamente l’Eucaristia, «la quale è sempre un atto di Cristo e della sua Chiesa, anche quando non è possibile che vi assistano i fedeli». In questo modo il sacerdote è in grado di vincere ogni tensione dispersiva nelle sue giornate, trovando nel Sacrificio eucaristico, vero centro della sua vita e del suo ministero, l’energia spirituale necessaria per affrontare i diversi compiti pastorali. Le sue giornate diventeranno così veramente eucaristiche” (http://www.vatican.va/holy_father/special_features/encyclicals/documents/hf_jp-ii_enc_20030417_ecclesia_eucharistia_it.html).

Dal trattato “Sui misteri” di sant’Ambrogio, “Sull’Eucaristia ai neofiti” (venerdì), “Questo sacramento che ricevi si compie con la parola di Cristo” (Ufficio delle Letture, TO, settimana 15):

“Ora fa’ attenzione se sia più eccellente il pane degli angeli mangiato dagli Ebrei nel deserto o la carne di Cristo la quale è indubbiamente un corpo che dà la vita…”

Un Prete Dannato Mette In Guardia Contro L’inferno”:

Una madre di famiglia è un’anima riparatrice che da 27 anni, ossia dal suo quattordicesimo anno, è tormentata da spaventose crisi di paura e da periodi di insonnia totale. Ella è stata curata durante 8 soggiorni in clinica, con tutti i moderni mezzi della medicina e della psichiatria.

Quando, dopo una rigorosissima cura del sonno, fu dimessa come caso inspiegabile, un ben noto esorcista, fortuitamente incontrato, stabilì che si trattava di un irrefutabile caso di possessione. Dopo un esorcismo al quale parteciparono diversi preti, a Fontanelle – Montichiari (Brescia), demoni angelici (angeli decaduti) e anche demoni umani (uomini dannati) hanno dovuto fare, per ordine della Santa Vergine, ammonitrici rivelazioni all’indirizzo della Chiesa.

Dal 1975, poco dopo che la possessione fu constatata da un notissimo esorcista, oltre a un certo numero di demoni umani e angelici (dannati e demoni) fu anche costretto a manifestarsi VERDI GARANDIEU. Egli avrebbe esercitato il ministero sacerdotale nel XVII secolo in un villaggio dei Pirenei. Quanto sappiamo della sua vita ci è noto mediante le rivelazioni che egli ha dovuto fare durante un esorcismo, il 5 aprile 1978. Ecco qualche rivelazione del prete dannato:

Indifferenza verso il Santo Sacrificio della Messa

V: …perché ho già lasciato la via che lo Spirito Santo mi ha tracciata e mi prescriveva! È terribilmente tragico, molto più di quanto voi uomini possiate pensarlo. È tanto più tragico in quanto un prete (piangendo) che non da più il buon esempio ed è sul punto di lasciare la via della virtù trascina con sé una massa di gente o in ogni caso parecchi, e questo comincia anche alla Santa Messa. Dall’inizio alla fine un prete non celebrerà la S. Messa con profondità e pietà se la sua condotta sacerdotale non vi è conforme. Egli arriverà anche, in ogni caso capitò a me… (quasi piangendo).

E: Di la verità, Verdi Garandieu, solo la verità in nome di Gesù Cristo e della Santissima Vergine…!

V: …egli arriverà fino a provare ripugnanza per la Messa, fino a preferire che essa non esista. E tuttavia, perché è prete, la dice, deve celebrarla dinanzi alla gente. Forse, nel mio caso, la Santa Ostia era ancora consacrata, e lo è ancora con migliaia e migliaia di preti che vi credono ancora, perché Dio è misericordioso, perché i fedeli vengono con pietà nel cuore, e non possono sapere ciò che sono i cuori dei preti, ma, ma (con voce esortante) guai, guai…”

(“Un Prete Dannato Mette In Guardia Contro l’Inferno”; http://cibo-spir.blogspot.it/2013/12/prete-dannato.html).

Padre Pellegrino Maria Ernetti (1925-1994), un monaco benedettino dell’Abbazia di San Giorgio Maggiore di Venezia (Italia), dove riceveva centinaia di persone alla settimana per essere esorcizzate, ha cominciato a registrare su nastro magnetico questi esorcismi, e così a poco a poco è venuto fuori una catechesi del demonio. (“Ciò Che Piace e Ciò Che Non Piace al Demonio”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/01/cio-che-piace-e-cio-che-non-piace-al.html).

Ecco qualche rivelazione registrato da Padre Ernetti:

Il pasto dove mangiate la carne e il sangue di quel crocifisso che ho ucciso io… E’ qui che io perdo le mie battaglie.., è qui che mi trovo disarmato… non ho più le forze per lottare.., quelli che si nutrono di questa carne e bevono di questo sangue diventano fortissimi contro di me, diventano invincibili alle mie scaltre seduzioni e tentazioni, sembrano diversi dagli altri, sembra abbiano una luce speciale e un’intelligenza velocissima… mi rifiutano subitaneamente e si allontanano da me e mi scacciano come se fossi un cane… che tristezza, che dolore aver a che fare con questi CANNIBALI… Ma io li perseguito ferocemente… e tanti vanno a mangiare quell’ostia in peccato… hahaha… che contento… che contento.., che gioia… odiano il loro Dio e lo mangiano hahahaha! Vittoria mia… vittoria.., un’ah… urrah… Quanto sono insensati quelli che perdono ore e ore di giorno e di notte, in ginocchio ad ADORARE UN PEZZO DI PANE nascosto in una scatola sull’altare di quel falso Dio. Quanta rabbia mi fanno queste persone! Mi distruggono tutte le opere che ottengo da tanti sacrileghi cristiani, preti, suore e vescovi… Quanti sacrilegi mieto in continuazione, è una mia incessante vittoria… Quanto dolore… Quanta rabbia queste adorazioni irrazionali…!”

“Esortazione Apostolica, Postsinodale, Sacramentum Caritatis, del Santo Padre Benedetto XVI, all’Episcopato, al Clero, alle Persone Consacrate, e ai Fedeli Laici, sull’Eucaristia, Fonte e Culmine della Vita e della Missione della Chiesa” (22-02-2007; http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/apost_exhortations/documents/hf_ben-xvi_exh_20070222_sacramentum-caritatis_it.html).

“Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice: Le disposizioni integrative del Cæremoniale Episcoporum al Missale Romanum” (15-06-2011; http://www.vatican.va/news_services/liturgy/details/ns_lit_doc_20110615_disposizioni-integrative_it.html).

– – –

UMILTÀ DEI SANTI DAVANTI ALL’EUCARISTIA:

(in contrasto con la nostra presunzione!)

“Spesso durante la santa Messa vedo il Signore nell’anima; sento la sua presenza, che mi trapassa da parte a parte. Avverto il Suo sguardo divino. Parlo molto con Lui senza pronunciare una parola. Conosco quello che desidera il Suo Cuore divino e faccio sempre quello che Egli preferisce. Amo alla follia e sento di essere amata da Dio. In quei momenti quando m’incontro con Dio nel profondo del mio intimo, mi sento così felice che non riesco ad esprimerlo. Sono brevi momenti, poiché più a lungo l’anima non lo sopporterebbe; dovrebbe avvenire la separazione del corpo. Benché questi momenti siano molto brevi, tuttavia la loro potenza che si comunica all’anima, rimane molto a lungo. Senza il minimo sforzo entro in un raccoglimento profondo che, una volta che mi ha investito, non diminuisce, sebbene io parli con la gente, né m’impedisce di adempire i miei doveri. Sento la Sua presenza senza alcuno sforzo dell’anima. Sento che sono unita a Dio così strettamente, come è unita una goccia d’acqua ad un oceano immenso.” (Diario di Santa Faustina, no. 411).

Questo Pane dei Forti mi dà ogni energia per portare avanti quest’opera ed ho il coraggio di eseguire tutto quello che richiede il Signore. Il coraggio e l’energia, che sono dentro di me, non sono miei, ma di Chi abita in me: l’Eucaristia.” (Diario di Santa Faustina, no. 91).

Mi vedo così debole che, se non fosse per la santa Comunione, cadrei continuamente. Una sola cosa mi sostiene, ed è la santa Comunione. Da essa attingo la forza, in essa c’è il mio sostegno. Nei giorni in cui non ricevo la santa Comunione, la vita mi spaventa; ho paura di me stessa. Gesù nascosto nell’Ostia è tutto per me. Dal tabernacolo attingo forza, vigore, coraggio, luce; lì nei momenti d’angoscia cerco sollievo. Non saprei dare gloria a Dio, se non avessi nel cuore l’Eucaristia.” (Diario di Santa Faustina, no. 1037).

Allora come al solito vado in fretta accanto al tabernacolo, m’inchino davanti alla pisside ed attingo la forza per uniformarmi alla volontà di Dio.” (Diario di Santa Faustina, no. 1431).

Dal libretto di 100 pagine, “Santa Veronica Giuliani – Vera Discepola e Apostola di Maria”, da Fr. Emmanuele del Cuore Immacolato e Addolorato di Maria (p. 52):

– E alla Santissima Eucaristia, questa «grande invenzione dell’amore», come la chiamava, alla quale ricorreva per chiedere le grazie più difficili, ottenendo la licenza di riceverla ogni giorno; e quante volte l’ha ricevuta dalle mani degli Angeli… o di Maria SS.ma… Bisogna specchiarci nel Diario per capire con quanta poca riverenza e troppa superficialità avviciniamo oggi il Sacro, e con quanta poca fede nella presenza reale e operante di Dio in questo mirabile Sacramento, fino al limite della desacralizzazione… Quanto era importante per lei il modo di riceverLo! … tutti i frutti spirituali dipendevano da ciò. Diceva: «Ogni qualvolta che Lo riceviamo nel Santissimo Sacramento, Iddio rinasce nelle anime giuste che di cuore Lo servono e Lo ricevono con purezza». Basta ricordare che era rapita in unione con Dio quasi dopo ogni Comunione…”

Santa Therese di Lisieux ha scritto:

Sono soltanto un granello di polvere, ma voglio fare la mia dimora nell’ombra del santuario con il Prigioniero d’amore. La mia anima brama per l’Ostia; Lo amo e non voglio nient’altro. E’ un Dio nascosto che mi attira. Sono l’atomo di Gesù Cristo.”

San Luigi Maria Grignion de Montfort

IL SEGRETO MARIA

37. 3) – Consacrarci così a Gesù per mezzo di Maria, è mettere nelle mani di Maria le nostre buone opere, le quali, benché sembrino buone, sono spesso macchiate e indegne degli sguardi e del compiacimento di quel Dio, davanti al quale le stelle stesse non sono pure. Preghiamo questa buona Madre e Padrona affinché, avendo accettato il nostro misero dono, lo purifichi, lo santifichi, lo nobiliti e l’abbellisca in modo da renderlo degno di Dio. Davanti a Dio, il Padre di famiglia, tutti i frutti della nostra anima hanno meno valore per attirarci la sua amicizia e la sua grazia, di quanto non ne avrebbe davanti al re la mela bacata di un povero contadino, colono di Sua Maestà, per pagare il proprio affitto. Che cosa farebbe il meschino, se fosse intelligente e sapesse di essere ben voluto dalla regina? Non metterebbe forse la sua mela nelle mani di lei? e questa, sia per bontà verso il povero contadino, sia per rispetto verso il re, non toglierebbe forse dalla mela quello che vi fosse di difettoso e di guasto, mettendola poi sopra un vassoio d’oro, ornato di fiori? E il re potrebbe non accettarla, anche con gioia, dalle mani della regina, che vuole così bene a quel contadino? Se vuoi offrire qualche piccolo dono a Dio, – dice San Bernardo mettilo nelle mani di Maria, a meno che non t’importi di essere respinto.”

(http://www.monasterovirtuale.it/classici/luigidamontfort/segretomaria.html)

Beato Francesco di Fatima, dopo aver ricevuto l’Eucaristia dall’Angelo a Fatima, ha capito la grandezza della realtà di Gesù presente nell’Eucaristia e ha passato tre ore ogni giorno davanti al Tabernacolo fino alla sua morte circa anno dopo.

Santo Padre Giovanni Paolo II ha detto nel suo omelia al Santuario di Nostra Signora del Rosario di Fátima; Sabato, 13 Maggio 2000:

“Più tardi Francesco, uno dei tre privilegiati, osservava: “Noi stavamo ardendo in quella luce che è Dio e non ci bruciavamo. Com’è Dio! Non si può dire. Questo sì, che noi non lo potremo mai dire”. Dio: una luce che arde, però non brucia. Fu la medesima percezione che ebbe Mosè, quando vide Dio nel roveto ardente; in quell’occasione Dio gli parlò, dicendosi preoccupato per la schiavitù del suo popolo e deciso a liberarlo per mezzo di lui: “Io sarò con te” (cfr Es 3, 2-12). Quanti accolgono questa presenza diventano dimora e, conseguentemente, “ROVETO ARDENTE” dell’Altissimo.” (http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/travels/documents/hf_jp-ii_hom_20000513_beatification-fatima_it.html).

Atti 9,31-42: La chiesa cresceva, perché hanno celebrato l’Eucaristia ogni giorno.

Tutti i santi hanno capito questo, per questo sono santi. Che cosa può fare polvere senza Dio? Madre Teresa, non apriva una nuova casa per le sue suore se non c’era la possibilità di avere non soltanto la Messa ogni giorno, ma almeno un ora di adorazione. Madre Teresa sapeva che davanti a Gesù eucaristico la fede cresce per poter vedere non soltanto Gesù nell’Eucaristia ma anche nei più poveri dei poveri.

– – –

Visitate anche articoli che ho scritto:

“A Servizio di Tutti” (http://cibo-spir.blogspot.it/2014/08/a-servizio-di-tutti.html).

“Il Dio Infinito Fra Noi” (http://cibo-spir.blogspot.it/2014/01/il-dio-infinito-fra-noi.html).

“L’Attacco Sottile e Potente all’Eucaristia” (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/11/attacco-alleucaristia.html)

– – – – – – –

APPENDICE II:

Chiara Lubich, nelle “Risposte di Chiara sul Rinnovamento” (Natale 1997) ha risposto ad alcune domande. Nella parte “Unità e autorità”, lei ha risposto così:

Domanda: “Come evitare l’autoritarismo? In un tuo discorso alle focolarine del dicembre ’62, hai affermato: «L’Opera non é una democrazia, non è una monarchia, non è un oligarchia…» e potremmo forse continuare dicendo che non è una dittatura né un’anarchia. Com’è allora? Hai detto una volta alle focolarine di “perdere l’obbedienza ed il comando, ma di solo amare”. Vuoi spiegarci meglio?

Risposta: “Nell’Opera non può esserci né l’autoritarismo, né paternalismo.

“Nell’Opera non vige né una democrazia (che sarebbe il governo della maggioranza); né una monarchia (dove comanda un capo); né l’anarchia (dove non comanda nessuno); né una dittatura (dove il capo si fa addirittura padrone delle persone); né un’oligarchia (dove è un gruppo che comanda). Nell’Opera ha da vigere solo – se così si può dire – i1 sistema trinitario.

“Come “funzionano” i rapporti tra le Persone della Trinità, perché Li possiamo avere come esempio, lo dirò in seguito.

“Intanto basta questa affermazione: per vivere a mo’ della Santissima Trinità occorre amare. Veramente, con Agostino: «Ama e fai quello che vuoi». Basta mettere l’amore a base di tutto (“Ante omnia”). Anche prima di comandare, anche prima di obbedire, anche a base di ogni rapporto… Sempre l’amore. Per questo ho detto che occorre perdere le virtù, non avere cioè le virtù senza la carità. Se tu hai pazienza ma non hai la carità, perché dentro borbotti mentre fuori sembri paziente, non hai neanche la pazienza… Occorre perdere le virtù che non siano motivate dall’amore, che non siano vissute per amore, nell’amore, con l’amore. Non pensare tanto di obbedire, né di comandare, ma sempre di amare.

“II responsabile, di fronte al focolarino o ai focolarini deve sapere che ha da fare anzitutto una cosa sola: amarli. Per questo vivrà i quattro modi di amare: amerà per primo, facendosi uno, amandoli tutti e vedendo Gesù in loro. Quando è sicuro di averli amati e, di conseguenza, di essere amato da loro, potrà dire cosa ognuno dovrebbe fare; ma sempre continuando ad amare, ascoltando quindi le eventuali loro obiezioni.

“A sua volta, il focolarino di fronte al responsabile non deve pensare di obbedire, ma di amare, anche lui con i quattro punti. Esporrà poi, come un dono, quello che può essere un suo pensiero anche diverso o anche alcunché che confermi quanto dettogli dal responsabile, perché ciò crea l’unità.

“La conseguenza sarà che egli avvertirà di obbedire non tanto al responsabile, quanto a Gesù. E infatti obbedisce a Gesù in mezzo. Gesù in mezzo deve essere il vero capofocolare. Di qui la libertà avvertita dall’uno e dall’altro.

“Il responsabile deve amare, amare sempre. Il rapporto fra responsabile e focolarino deve essere a mo’ di quello che esiste nella Santissima Trinità fra Padre e Figlio. Il Padre genera sempre, perché Amore, il Figlio. Se per un momento (ammesso che ci fosse il tempo nell’aldilà), cessasse di amare, non sarebbe più Padre. Dice una personalità: «Amo, dunque sono». E così.

“Amare continuamente significa curarsi dei focolarini, sempre: nutrirli, aggiornarli, aiutarli, comunicare loro le proprie esperienze. Ascoltarli, ascoltarli e ancora ascoltarli. Essere il loro miglior amico, il miglior fratello, il miglior padre.

“Può essere che per circostanze varie, il responsabile smetta ad un certo momento di amare il focolarino. Questo non giustifica la ribellione del focolarino… Può darsi infatti che quel povero responsabile sia stanco, affaticato, e che perciò in quel momento non ami: questo però non giustifica la ribellione. Il focolanno ha scelto Gesù abbandonato anche per questo caso.

“Ma questo abbandono non può perdurare. Per amore del focolare, e solo per questo, occorre farlo presente.

Domanda: “Noi siamo chiamati a stabilire i nostri rapporti sul modello trinitario. I responsabili di focolare svolgono spesso un compito “a mo’ del Padre”. Come fare per custodire la bellezza racchiusa nella frase: “Come nella Trinità, così in focolare”?

Risposta: “Forse più che «a mo’ del Padre» ho paura che i responsabili vivano spesso a mo’ di loro stessi… Come fare a vivere invece «a mo’ della Trinità»? Bisogna che il responsabile viva veramente a mo’ del Padre e che noi viviamo «a mo’ del Figlio». Ora, il Figlio non è una persona succube del Padre. Il Figlio ama il Padre a sua volta, come Padre Lo ama.

“Quindi anche noi dobbiamo mettere nell’amore. Se tu ami il responsabile di focolare e se egli ti ama, allora il rapporto trinitario fra di voi è stabilito, e tutto funziona. Perché scatta Gesù in mezzo che è anche Gesù in ciascuno di voi due. Sarà Egli che dirà al tuo responsabile cosa devi fare, mentre tu dirai se sei in grado di farlo e se puoi farlo. E così via. Ci sarà questo colloquio, che ha come modello il “colloquio” che esiste nella Santissima Trinità.

“Noi inoltre ereditiamo qualcosa dagli ordini religiosi, ad esempio i voti, tra cui quello di obbedienza. Quindi, sotto sotto, bisogna tener presente che questo responsabile ha anche qualche “grazietta” in più.

“Però, per la mia esperienza, è rarissimo il caso in cui nel mio focolare debba dire alle focolarine di ubbidirmi perché «ho una grazia», perché sono presidente, perché hanno il voto… Quasi mai. Noi ci amiamo a vicenda, ci aiutiamo a vicenda e tutto funziona, l’unità è stabile.”

Mi chiedono spesso: “Come fai, Chiara, lavorare così tanto, come riesci a fare così tante cose?” Il fatto è che quasi mai devo risolvere qualcuno. Mi alzo la mattina e tutti camminano già svelti. Vedo il Centro di Coordinamento, o quello ristretto, e osservo che c’è già unità. Non occorre fare niente… E quindi…

– – –

E’ interessanti che subito dopo queste “Risposte di Chiara sul Rinnovamento” (Natale 1997) c’erano le risonanze di entusiasmo, come “una seconda fondazione dell’Opera di Maria”. Ma ben presto dopo, non si sentiva più niente di questo “Rinnovamento”. Infondo Chiara, con delicatezza, indicava che mancava la maturità, l’umiltà, soprattutto fra i responsabili del Movimento dei Focolari.

Posted in Uncategorized | Tagged , , , , , | Leave a comment

Courage In This Great Final Battle

Courage In This Great Final Battle

No ecclesial movement will be exempt from the purification in this period of the “great tribulation” (Mt 24:21), not even the Marian Movement of Priests! In June 2016 I published the following article:

The Church Will Be Purified in the Great Tribulation!”

(http://spir-food.blogspot.it/2016/06/church-purified-tribulation.html).

I was happy that Padre Gabrielli Quartilio, who spent much time with Don Stefano Gobbi, had the COURAGE to offer the following meditation. This is the first of two meditations offered by Padre Gabrielli Quartilio at the International Spiritual Exercises of 2016. As soon as I find time, I will publish the second meditation of Padre Gabrielli Quartilio.

– – – – – – –

The following is a meditation offered by Padre Gabrielli Quartilio to more than 200 priests and more than 10 bishops in the International Spiritual Exercises of the Marian Movement of Priests, in Collevalenza – Shrine of Merciful Love (Madre Speranza), June 26 to 02 July, 2016.

The Movement as Work of Mary

HAIL MARY!

Beloved, I thought a lot before writing these brief reflections for these spiritual exercises and I wondered what Don Stefano would have told us, in these times, to understand the signs of the times in which we live. The current situation in the world and in the Church is such that “never has it been like this in the history of mankind and of the Church.”

Day by day your sufferings will increase. The crisis, now under way within my Church, will grow deeper to the point of open rebellion especially on the part of many of my sons who share in the priesthood of my Son Jesus. The darkness, which is indeed already growing denser, will deepen into night throughout the world. Marxist atheism will contaminate everything; like a poisonous fog it will penetrate everywhere and will bring many of my children to death of faith.

It will subvert the truth contained in the Gospel. It will deny the divine nature of my Son and the divine origin of the Church. Above all, it will threaten its hierarchical structure and attempt to break down the Rock upon which the edifice of the Church is built.” (November 9, 1975)

Even in 1975 in the beautiful message where SHE invites us to joy, in a much more explicit, clear and detailed way she description what we are living now:

My Adversary will one day think that he is celebrating a complete victory: over the world, over the Church, over souls. d It will be only then that I will intervene – terrible and victorious – that his defeat may be all the greater when he is certain in his conviction that he has conquered once for all. What is in preparation is so extraordinary that its like has never happened since the creation of the world. That is why everything has already been predicted in the Bible.

The terrible struggle between me, the Woman Clothed with the Sun, and the Red Dragon, Satan, who has now succeeded in seducing many even with the error of Marxist atheism, has already been foretold to you. The struggle between the angels together with my children and the followers of the dragon led by the rebellious angels has already been foretold to you. Above all, my complete victory has already been clearly foretold. You, my sons, have been called to live through these events. It is now the time for you to know this, that you may be consciously prepared for the battle. This is now the time for me to begin disclosing part of my plan.

First of all, it is necessary that my Enemy have the impression of having conquered everything, of having everything now in his hands. This is why he will be permitted to penetrate even into the interior of my Church, and he will succeed in plunging the sanctuary of God into darkness. He will reap the greatest number of victims from among the ministers of the sanctuary. This will in fact be a time of great falls on the part of my beloved sons, my priests.

Satan will seduce some of them by pride, others by love of the flesh, others by doubts, others by unbelief, and still others by discouragement and loneliness. How many will have doubts about my Son and about me and will believe that this is the end of my Church!

Priests consecrated to my Immaculate Heart, my beloved sons whom I am gathering together for this great battle, the first weapon that you must make use of is trust in me. It is your complete abandonment to me.” (October 18, 1975)

You all know by now that this message was the last one that Don Stefano wanted to comment on with Franco, John and me, a week before being hospitalized, and then leaving us for Heaven.

It’s true: he (the evil one) now believes he has everything in hand, even, let me say, perhaps a part of the Movement, because there is the tendency to ignore and to water down the content of the messages that warn us about the errors that lead us the lack of faith and into apostasy.

And so I note with deep sadness that the Movement has already forgotten Don Stefano, his charisma, his courage, his clear talk. I think we all remember when he spoke of Freemasonry in the Church, even if he said that Our Lady admonish him.

Today one says and does not say … but even worse, if one cites some messages of Our Lady, where she says clearly the situation in which the Church is living today, one is quick to deny it, even changing the circular letter. I say this with much sorrow and you cannot hide this! Let us ask ourselves: “Would Don Stefano remain silent? Would he make known these messages that speak to us about the Church’s situation today at the mercy to the forces of evil?”

Oggi si dice e non si dice… ma peggio ancora, se uno cita qualche messaggio della Madonna, dove Lei dice con chiarezza la situazione che vive la Chiesa oggi, ci si affretta a smentire, si cambia persino la lettera circolare. Questo lo dico con molto dolore e non si può nascondere! Chiediamoci: “Don Stefano tacerebbe? Farebbe conoscere questi messaggi che ci parlano della situazione della Chiesa oggi in balia alle forze del male?”

(Comments of Father Joseph Dwight: Many people who are part of the largest Catholic television network in the world, EWTN, do not have the openness to the signs of the times, the humility and the courage of their foundress, Mother Angelica. There is the attitude that Mother Angelica was lacking some prudence to talk about these things every now and then. But now, even after the death of Mother Angelica (March 27, 2016, 92 years old), with much veiled pressure from liberal bishops, many feel more enlightened and prudent and more “politically correct” than their foundress, Mother Angelica. Every now and then, on EWTN, one hears the attitude that it is taboo or naïve to consider the possibility that we are now living the Fatima prophecies and other biblical prophecies!)

In particular, as consecrated priests to the Immaculate Heart of Mary, as members of M.M.P. (Marian Movement of Priests): What would he have said about the second commitment? How to be faithful to the Pope?

Which magisterium to promulgate? That of the Church or that which is new, at the expense of the true?

I remember that Don Stephen was not afraid to condemn and to say that it was wrong to have the ecumenical gathering in Assisi at the Basilica of San Francesco and he openly declared that it was a desecration.

Today there are so many souls harmed, the Truth is shredded every day and in this way one destroys the Church! Do you remember the vision of the Blessed Emmerich that Don Stefano often quoted, who saw bishops, cardinals and priests demolishing St. Peter?

Not so long ago, the theologian and philosopher Robert Spaemann, who collaborated with Pope St. John Paul II and Pope Benedict XVI:

“Today it is a sacred duty, for love of souls who are confronted with errors that destroy the faith with real errors, to react and to resist in every way, is more than a duty.”

I have been reading the blue book since 1976, when Our Lady introduced me to the Movement, and I had never noticed certain messages. When Don Stefano, the week before being hospitalized with a heart attack that brought him to heaven, told us to open up the blue book and he commented on the message that I cited above of 1975, I have reread it several times, not only after his death, but especially now in these times, as well as indeed many other messages, and I noticed things that I never noticed before, which now, for me, are like the `compass’ for these times … for these end times in which we are living in “the greatest subversion of the faith and the apostasy that has spread even to the” SUMMITS of the CHURCH” and thus has darkened and wounded, stricken and betrayed the Church”.

(Note: The “Blue Book” refers to: “To The Priests Our Lady’s Beloved Sons”; http://our-lady-priests.blogspot.it/).

Upon this Church, darkened and wounded, stricken and betrayed, I am causing the rays of love and of light from my Immaculate Heart to come down. When there will have entered into her the MAN of INIQUITY, who will bring to fulfillment the abomination of desolation which will reach its climax in the horrible sacrilege, as the great apostasy will have spread everywhere, then my Immaculate Heart will gather together the little faithful remnant which, in suffering, in prayer and in hope, will await the return of my Son Jesus in glory. For this reason I urge you today to look to the great light which has spread out from Fatima over the events of this, your century, and which is becoming particularly strong in these last times. Mine is an apocalyptic message, because you are in the heart of that which has been announced to you in the last and so very important book of Sacred Scripture. I entrust to the angels of light of my Immaculate Heart the task of bringing you to an understanding of these events, now that I have opened the sealed Book for you.” (May 13 1994)

Why am I still weeping? I am weeping because humanity is not accepting my motherly invitation … I am weeping because the Church is continuing along the road of division, of loss of the true faith, of apostasy … Even now, that which I predicted at Fatima and that which I have revealed here in the third message confided to a little daughter of mine is in the process of being accomplished. And so, even for the Church the moment of its great trial has come, because the man of iniquity will establish himself within it and the abomination of desolation will enter into the holy temple of God.” (September 15, 1987)

I ask a question to myself and I want to make one also to you. Is it true or is not true that some are scandalized by hearing these messages that with great clarity warn us that these are the times of Fatima?

I have caused to spring up here, for twenty-five years now, my Marian Movement of Priests, so that the message of Fatima, often contested and rejected by many, might in your days come to its complete fulfillment.

Its fulfillment is necessary for you, my children, threatened and stricken, so that you may attain salvation. Its fulfillment is necessary for the Church, so wounded and crucified, so that from its painful and bloody trial it might emerge all beautiful, without spot or wrinkle, in imitation of its heavenly Mother…

It is the message of Fatima which is being fulfilled in your pledge of love, of prayer and of unity with the Pope and with the Church united to him. Here, I have predicted and have shown in a vision to the little children to whom I appeared, the sufferings, the oppositions, and the bloody trials of the Pope. These prophecies of mine are being fulfilled above all in this Pope of mine, John Paul the Second, who is the masterpiece formed in my Immaculate Heart” (May 8, 1997)

I was with Don Stefano the evening when Pope Benedict XVI was elected. I remember very well that Don Stefano said that Our Lady had shortened a few years the great trial thanks to Pope Benedict. After the resignation of Pope Benedict XVI, it is useless for us to hide it, there has been produced a split in the Church, and maybe even in the M.M.P., between those in favor and those opposed.

Many people wonder how to practice the second commitment, that Our Lady asks us in the messages of Blue Book.

It seems there is opposition between the freedom of the children of God and obedience which is due to the Church and to the Pope on many points of doctrine of primary importance, but on one thing, I think, we all agree:

Our Lady wants – this always has been and still is – that one obeys the “TRUE MAGISTERIUM” of the Church and not the NEW THINGS.

Today, more than anything else people go hunting for the NEW at the expense of the TRUTH. There is a type of craze that strongly attracts, because the means of communication are in the hands of him (the devil), so:

– Good is bad, while evil is made to become good,

– True is false and false is true.

All the confusion arises because we accept as TRUE the NEW. I think that Our Lady is very clear when she explains the term “TRUE.” Today there is much confusion, people go after what has the flavor of the doctrinal “NEW” (and this does not please Heaven at all), while the Good is considered false.

Our Lady does not dispute about ‘for or against’ a Pope or a Bishop, She is interested in the TRUTH being offered to all in a very clear way. She makes discernment between what is false doctrine and what is true doctrine.

Today, however, one hears often that it is necessary to give rise to A NEW CHURCH, to the detriment of the true Church of Christ, who gives in the name of Christ his Salvation in the Truth, in the Life with the Sacraments, in the Way that is Christ! As Pope Benedict XVI said a few years ago: Today the world powers want to establish THE DICTATORSHIP OF RELATIVISM, to enslave all of humanity.

My word is above all a flower of wisdom, which I cause to come down from heaven…

This Wisdom, made flesh in my virginal womb, from Word became man, and has the task of always giving men the gift of eternal Truth. This divine word, contained in Holy Scripture and above all in the Gospel, is the only light which must guide you.

But today it is being surrounded by many doubts, because there is a desire to interpret it according to the human way of reasoning and of seeing things, and is often no longer presented in its integrity. Errors are spreading, and, when you come to the plan of God, you are impeded from understanding it in its fullness, because you are making use of an attitude which is too human and which seeks to understand only by means of reason.

This is an attitude of pride, and it is the very least to be recommended for approaching the great mystery of God. To understand his truth, it is necessary to be little; to see it in its proper light, it is necessary to be poor; to keep it in its integrity, one must be simple; to give it to others in the splendor of its authenticity, one must be humble. For this reason, with my word, I am forming you to humility, to simplicity and to littleness. I want to lead you to be like so many little children, because only then can I speak to you.

My word is a flower of wisdom, which forms you through the Holy Spirit, given to you by the Father and the Son and who leads you to an ever more complete and deep understanding of the Gospel. In the obscurity which today has fallen everywhere, my word of wisdom becomes a ray of purest light which points out to you the way you must follow and the road along which you must go in order to remain always in the truth. Darkness, with a thick, cold fog, has entered the Church, obscuring it in the splendor of its truth.

For this reason, every day, my word is forming you to the spirit of wisdom, that you may always see, in the light, the truth which my Son has taught you and proclaim it with courage to all in its integrity. The time has now come when only the little children, cons crated to my Immaculate Heart and entrusted completely i their heavenly Mother, will have the gift of keeping themselves intact in the faith and of bringing to the true faith the souls entrusted to them. My word is also a drop of dew, which I cause to fall upon ti is earth, which has become an immense desert, and upon human in life, so dried up by sin and suffering” (February 9, 1985).

The attempt to bring together all religions, even those which adore false and lying gods, with the prospect of forming a worldwide religious union for the defense of human values, is vain, dangerous and not in conformity with the desire of my Immaculate Heart. It can on the contrary lead to an increase of confusion, to religious indifference and even make the attainment of true peace more difficult” (October 27, 1986)

This confirmation comes, not only from the blue book, but from many other true devotees, such as: St. Louis Marie Grignon de Montfort in his Treatise on ‘True Devotion to Mary’; La Salette and the three great secrets; Rue du Bac and the Miraculous Medal; Lourdes; Fatima etc., which had a specific task: to preserve the Doctrine of the Holy Catholic Church for the salvation of souls.

FROM THE MAGISTERIUM OF THE CHURCH

The then Cardinal Joseph Ratzinger prophesied:

“When the Church opposes the real powers and the sins of this age, when She denounces the destruction of the family, the killing of children not yet born, the deformations of the faith: then, she is contrasted with a Jesus that it would have been only merciful, who would have been always understanding and would have never hurt anyone. And there is formulated the maxim: you cannot be Christians at the expense of being men; and to be men is then understood as that which seems and pleases everyone. To be Christians is a optional gratification, but it must not cost anything … Christ ascended the Cross: a Jesus willing to tolerate everything would not have been crucified … “.

I would like to cite two passages from the Catechism of the Catholic Church, where there is described the

Before Christ’s second coming the Church must pass through a final trial that will shake the faith of many believers. The persecution that accompanies her pilgrimage on earth will unveil the “mystery of iniquity” in the form of a religious deception offering men an apparent solution to their problems at the price of apostasy from the truth. the supreme religious deception is that of the Antichrist, a pseudo-messianism by which man glorifies himself in place of God and of his Messiah come in the flesh.” (CCC 675).

The Church will enter the glory of the kingdom only through this final Passover, when she will follow her Lord in his death and Resurrection. The kingdom will be fulfilled, then, not by a historic triumph of the Church through a progressive ascendancy, but only by God’s victory over the final unleashing of evil, which will cause his Bride to come down from heaven. God’s triumph over the revolt of evil will take the form of the Last Judgment after the final cosmic upheaval of this passing world.” (CCC 677).

Some of the passages of the blue book help us to read and interpret the signs of the times: to make a short but true discernment; so as not to be deceived and to not deceive others; to use them for the triumph of truth; not to get carried away by this impetuous current of “WHAT’S NEW” and Relativism that: takes us away from the true Faith, it plunges us into “a dense darkness of apostasy,” and above all, puts in danger the eternal salvation of many souls.

When this Pope will have completed the task which Jesus has entrusted to him and I will come down from heaven to receive his sacrifice, all of you will be cloaked in a dense darkness of apostasy, which will then become general. There will remain faithful only that little remnant which, in these years, by accepting my motherly invitation, has let itself be enfolded in the secure refuge of my Immaculate Heart. And it will be this little faithful remnant, prepared and formed by me, that will have the task of receiving Christ, who will return to you in glory, bringing about in this way the beginning of the new era which awaits you.” (May 13, 1991).

Our Lady speaks of Pope St. John Paul II, that She obtained for us from the Most Holy Trinity as a great triumph of her Immaculate Heart.

Precisely when Satan was under the illusion that he had conquered, after God had accepted the sacrifice of Pope Paul VI and of John Paul I, I obtained from God for the Church the Pope who had been prepared and formed by me…

In the person and the work of the Holy Father, John Paul 11, I am reflecting my great light which will become stronger, the more the darkness envelops everything… You are entering the conclusive period of the purification and the time might not be measured by you, because it is now ordered according to a design of love that you are called to see soon in all of its splendor” (January 1, 1979).

Although nothing official has been revealed, it is said that at the beginning of the Conclave of 18 October 1978, there was opposition to allowing Card. Wojtyla to enter the Conclave, because a freak accident prevented him from arriving in time for the conclave.

Do you see how many of your brother-priests betray this truth, in the attempt to adapt it to the mentality of the world, impelled by a false illusion of being better understood, listened to by more people and more easily followed? No illusion is more dangerous than this. Always announce the Gospel that you live with fidelity and clarity! Your speech must be: ‘Yes, Yes – No, No.’ (cf. Mt 5:37). Everything else comes from the Evil One.” (February 2, 1976).

Satan is maneuvering more and more openly in my Church. He has now associated many of my priest-sons with himself, deluding them with the false mirage that Marxism proposes to all: exclusive interest in the poor, a Christianity engaged solely in the building up of a more equitable human society, a Church which would be more evangelical and therefore disengaged from its hierarchical institutions. This real division within my Church, this real apostasy on the part of so many of my priest-sons, will become accentuated and thus develop into a violent and open rebellion.” (December 31, 1975).

With my motherly voice I am leading you all to understand the signs of the great tribulation. From the Gospels, from the Letters of the Apostles and from the book of the Apocalypse, sure signs have been clearly described for you to make you understand what the period of the great tribulation is. All these signs are in the act of being realized in this time of yours.

– First of all, a great apostasy is spreading in every part of the Church, through the lack of faith which is flooding even among its very pastors…

– Then, in your time, overturnings of the order of nature are multiplying, such as earthquakes, droughts, floods, and disasters which cause the unforeseen death of thousands of persons, followed by epidemics and incurable diseases which are spreading everywhere.

– Moreover, your days are marked by continual rumors of wars which are multiplying and are reaping, each day, innumerable victims. Conflicts and dissensions within countries are increasing; revolts and struggles between various peoples are propagating; bloody wars are continuing to extend themselves, notwithstanding all the efforts which are being made to attain peace.

– Finally, in your time, there are occurring great signs in the sun, on the moon and in the stars. The miracle of the sun which took place at Fatima was a sign which I gave you to warn you that the times of these extraordinary phenomena which are taking place in the heavens have now arrived. And how many times during my present apparitions have you yourselves been able to contemplate the great prodigies that are taking place in the sky…

Because the Most Holy Trinity has entrusted to the Immaculate Heart of your heavenly Mother the task of preparing the Church and all humanity to live with confidence the hour of the great tribulation, which prepares you for the glorious return of Christ.” (December 31, 1987).

The black beast like a leopard indicates Freemasonry; the beast with the two horns like a lamb indicates Freemasonry infiltrated into the interior of the Church, that is to say, ecclesiastical Masonry, which has spread especially among the members of the hierarchy. This Masonic infiltration, in the interior of the Church, was already foretold to you by me at Fatima, when I announced to you that Satan would enter in even to the summit of the Church.

If the task of Masonry is to lead souls to perdition, bringing them to the worship of false divinities, the task of ecclesiastical Masonry on the other hand is that of destroying Christ and his Church, building a new idol, namely a false christ and a false church…

– After having destroyed the historical Christ, the beast with the two horns like a lamb seeks to destroy the mystical Christ which is the Church. The Church instituted by Christ is one, and one alone: it is the one, holy, catholic and apostolic Church, founded on Peter. As is Jesus, so too is the Church founded by Him which forms his Mystical Body, truth, life and way.

– The Church is truth, because Jesus has entrusted to it alone the task of guarding, in its integrity, all the deposit of faith. He has entrusted it to the hierarchical Church, that is to say, to the Pope and to the bishops united with him. Ecclesiastical Masonry seeks to destroy this reality through FALSE ECUMENISM, which leads to the acceptance of all Christian Churches, asserting that each one of them has some part of the truth. It develops the plan of founding a universal ecumenical Church, formed by the fusion of all the Christian confessions, among which, the Catholic Church.

– The Church is life because it gives grace, and it alone possesses the efficacious means of grace, which are the seven Sacraments. Especially it is life because to it alone is given the power to beget the Eucharist, by means of the hierarchical and ministerial priesthood. In the Eucharist, Jesus Christ is truly present with his glorified Body and his Divinity.

And so ecclesiastical Masonry, in many and subtle ways, seeks to attack the ecclesial devotion towards the sacrament of the Eucharist. It gives value only to the meal aspect, tends to minimize its sacrificial value, seeks to deny the real and personal presence of Jesus in the consecrated Host. In this way there are gradually suppressed all the external signs which are indicative of faith in the real presence of Jesus in the Eucharist, such as genuflections, hours of public adoration and the holy custom of surrounding the tabernacle with lights and flowers.” (June 13, 1989).

In these quotations we find described in detail how today they want to change the PERENNIAL VALUES of the Gospel and of the Church, with pseudo values that they want to destroy the true Gospel and the true Church. As Karol Wojtyla had said, speaking at the Militia of the Immaculate (Milizia dell’Immacolata) a few months before he was elected Pope:

We are before today the greatest fight that humanity has ever seen. I do not believe that the Christian community has totally understood this. We are today before THE FINAL CONFRONTATION BETWEEN THE CHURCH AND THE ANTI-CHURCH, between the Gospel and the anti-Gospel”.

Here it seems to me to be useful to bring a witness-prophecy of a great Bishop was to be beatified last year, but for now everything is stopped. This Bishop is Fulton Sheen, who for several decades, as a theologian and excellent communicator, through the press, television and conferences, impassioned and conquered a wide audience with numerous conversions to the faith. His prophecy about the Church and the end times is famous. It reads:

The two great forces – THE MYSTICAL BODY OF CHRIST AND THE MYSTICAL BODY OF THE ANTI-CHRIST – are beginning to draw battle lines for the catastrophic contest.

The False prophet will have a religion WITHOUT A CROSS. A religion without a world to come. A religion to destroy religions. There will be a counterfeit Church.

Christ’s Church the Catholic Church will be ONE.

The false Prophet will create the other. The false church will be worldly, ecumenical, and global. It will be a loose “FEDERATION” of CHURCHES and religions, forming some type of global association. A world parliament of Churches. It will be emptied of all Divine content, it will be the mystical body of the anti-christ.

The Mystical Body on earth today will have its Judas Iscariot, and he will be the false prophet. Satan will recruit him from our Bishops. The antichrist will not be so called; otherwise he would have no followers. He will not wear red tights, nor vomit sulphur, nor carry a trident nor wave an arrowed tail as Mephistopheles in Faust. This masquerade has helped the Devil convince men that he does not exist. When no man recognizes, the more power he exercises. God has defined Himself as “I AM WHO AM,” and the Devil as “I AM WHO AM NOT.

Nowhere in Sacred Scripture do we find warrant for the popular myth of the Devil as a buffoon who is dressed like the first “red.” Rather is he described as an angel fallen from heaven, as “THE PRINCE OF THIS WORLD,” whose business it is to tell us that there is no other world. His logic is simple: if there is no heaven there is no hell; if there is no hell, then there is no sin. He wants to deceive the elect; and so evil is good and good is evil” (Communism and the Conscience of the West, by Archbishop Fulton J. Sheen, Bobbs-Merril Company, Indianapolis, 1948, pp. 24-25)

So, dear brother priests, there is no time to stall, we are called to choose:

– OR FIGHT THE EVIL

– OR PRETEND to be part of the `ARMY ‘of Mary

And it is so: there is only one road in front of us: THAT OF CALVARY, if we want to be truly THE APOSTLES OF THE END TIMES.

I wish to close with the message of June 8, 1991, where Our Lady tells us clearly that She has chosen us to be “her property“, for Her design to be “apostles” of the end times, to give to humanity and to the Church the testimony of his “design”.

THE APOSTLES OF THE END TIMES

“Today you are celebrating the liturgical memorial of my Immaculate Heart. This is your feast, my beloved ones and children consecrated to me. You have been chosen by me and called to form part of my victorious cohort. You form part of my estate. I have a great design upon you.

This design of mine has been revealed to you in every detail. It must now appear to the Church and to humanity in all its splendor, because these are the times of your maturity and of your public witness. Show yourselves to all as my consecrated ones, as the apostles of these last times.

As apostles of the last times, you must announce with courage all the truths of the Catholic faith; proclaim the Gospel with force; and resolutely unmask the dangerous heresies which disguise themselves with truth in order to better deceive minds and thus lead astray from the true faith a great number of my children.

As apostles of the last times, you must withstand with the strength of little ones the proud force of the great and the learned, who, seduced by a false science and by vainglory, have torn to pieces the Gospel of Jesus, by propounding an interpretation of it which is rationalistic, humanistic, and entirely erroneous. The times foretold by Saint Paul have come, times when many announce false and strange doctrines, and thus they go running after these fables and stray away from the truth of the Gospel.

As apostles of the last times, you must follow Jesus along the road of disdain for the world and for yourselves, of humility, of prayer, of poverty, of silence, of mortification, of charity and of a more profound union with God. You are unknown and despised by the world and by those who surround you; you are often obstructed, marginalized and persecuted, because this suffering is necessary for the fecundity of your very mission.

As apostles of the last times, you must now illumine the earth with the light of Christ. Show yourselves to all as my children, because I am always with you. Let the faith be the light which illuminates you in these days of apostasy and of great darkness, and, in these times of such a vast infidelity, let it be zeal alone for the glory of my Son Jesus which consumes you.

As apostles of the last times, there befalls you the duty of carrying out the second evangelization, so much asked for by my Pope, John Paul II. Evangelize the Church, which has strayed from the spirit of Christ and has allowed itself to be seduced by the spirit of the world, which has penetrated it deeply and has pervaded it entirely. Evangelize humanity, which has again become pagan after almost two thousand years since the first announcement of the Gospel. Evangelize all men, who have become victims of errors, of evil, and of sin and who let themselves be swept away by the impetuous wind of all the false ideologies. Evangelize the peoples and the nations of the earth, immersed in the darkness of the practical denial of God, as they prostrate themselves in the worship of pleasure, of money, of power, of pride and of impurity.

Your times have come, and I have formed you during these years, so that you may be able to give now your strong witness as faithful disciples of Jesus, even to the shedding of your very own blood. When, from every part of the earth, all of you, my little children, will give this witness as apostles of the last times, then my Immaculate Heart will have its greatest triumph.”

Now the task of the Movement is before our eyes in these words of the Mother; I see no other avenues. The times, for which she has chosen us from various countries and continents, and has prepared us through her wonderful design, made know to us by way of her little son, Don Stefano, have arrived and it is our job to carry out her plan of love and of salvation, without a bunch of ‘BUTS’ and without a bunch of ‘IFS’.

Her words are so clear and lucid that there is none else to do but to obey Her, our Mother.

But more than ever in these times we must, all of us consecrated, follow Her, our LEADER for this final combat, in prayer, especially the holy Rosary and the Cenacles, so that her Immaculate Heart might triumph as soon as possible.

IMMACULATE HEART OF MARY, MY TRUST, HEALTH VICTORY!

Padre Quartilio Gabrielli

– – – – – – –

In this discernment process in a Church full of confusion, you might also find helpful my article:

The Great Difficulty In Overcoming Pharisaism – The Difference Between Schismatic Traditionalism and the False Pope Prophecies

http://schis-trad.blogspot.it/2016/05/overcoming-pharisaism.html

– – – – – – –

There is less prayer than ever before, more sin than ever before, even worse, indifference as if sin no longer exists, and so we have given much greater power to “the father of lies”, Satan (Jn 8:44). In particular Satan has more power to “disguise himself as an angel of light” (2Cor 11:14), to offer his very deadly beautiful lies as if they were the “truth that sets us free” (Jn 8:32)!

Thus it is very important in these times of great confusion, when even Catholic bishops are no longer in agreement about the fundamentals of our faith and morals, to not only pray much and to study the Catechism of the Catholic Church for adults, but to keep our eyes open so as not to fall into the beautiful lies of Satan presented as if they were the Truth!

FOR UPDATES on some of these fundamental, hidden, and disguised deceptions of the ancient serpent, visit one of my index web sites to see the more important, latest articles:

(as well as the DOCUMENTS REGARDING ECCLESIAL APPROVAL of the TESTIMONY OF GLORIA POLO):

http://josephdwight.blogspot.com

https://josephdwight.wordpress.com/2015/09/21/joseph-dwight-index/

https://www.scribd.com/doc/282239978/Joseph-Dwight-Index

Father Joseph Dwight

Posted in Uncategorized | Tagged , , , , , | Leave a comment

Il Coraggio In Questa Grande Battaglia Finale

Il Coraggio In Questa Grande Battaglia Finale

Nessun movimento ecclesiale sarà escluso dalla purificazione in questo periodo della “grande tribolazione” (Mt 24,21), neanche il Movimento Sacerdotale Mariano! In giugno 2016 ho pubblicato il seguente articolo:

La Chiesa Sarà Purificata nella Grande Tribolazione!” (http://cibo-spir.blogspot.it/2016/06/chiesa-purificata-tribolazione.html).

Ero contento che Padre Gabrielli Quartilio, che ha passato tanto tempo con Don Stefano Gobbi, ha avuto il CORAGGIO di offrire la seguente meditazione. Questa è la prima di due meditazione offerta da Padre Gabrielli Quartilio agli Esercizi Spirituali Internazionali di 2016. Appena che trovo tempo, pubblicherò la seconda meditazione di Padre Gabrielli Quartilio.

– – – – – – –

Il seguente è una meditazione di Padre Gabrielli Quartilio offerta a più di 200 sacerdoti e più di 10 vescovi negli Esercizi Spirituali Internazionali del Movimento Sacerdotale Mariano, a Collevalenza – Santuario dell’Amore Misericordioso (di Madre Speranza), il 26 giugno a 02 luglio 2016.

Il Movimento Come Opera Di Maria

AVE MARIA!

Carissimi, ho pensato molto, prima di scrivere queste brevi riflessioni per questi esercizi spirituali e mi sono chiesto cosa Don Stefano ci avrebbe detto, in questo tempo, per comprendere i segni dei tempi che viviamo. La situazione attuale nel mondo e nella Chiesa è tale che “mai è stata così nella storia dell’umanità e della Chiesa”.

“Giorno per giorno le vostre sofferenze aumenteranno. La crisi, in atto nella mia Chiesa, si approfondirà fino all’aperta ribellione da parte soprattutto di molti miei figli che partecipano al Sacerdozio di mio Figlio Gesù. L’oscurità, che già si addensa, diventerà notte profonda sul mondo. L’ateismo marxista contaminerà ogni cosa; come nebbia velenosa entrerà in ogni ambiente e porterà tanti miei figli alla morte nella fede.

Sovvertirà le verità contenute nel Vangelo. Negherà la natura divina di mio Figlio e l’origine divina della Chiesa. Soprattutto minaccerà la sua struttura gerarchica e tenterà di abbattere la Pietra su cui l’edificio della Chiesa è costruito.” (9 Novembre 1975)

Ancora nel 1975 nel bellissimo messaggio dove LEI c’invita alla gioia, in un modo molto più esplicito chiaro e dettagliato descrive ciò che stiamo vivendo ora:

“Il mio Avversario crederà un giorno di cantare completa vittoria: sul mondo, sulla Chiesa, sulle anime. Sarà soltanto allora che Io interverrò – terribile e vittoriosa – perché la sua sconfitta sia tanto più grande, quanto più sicura era la sua certezza di aver vinto per sempre. Quanto si sta preparando è cosa tanto grande, che mai cosi è stata dalla creazione del mondo: per questo già tutto è stato predetto nella Bibbia.

Vi è già stata annunciata la terribile lotta fra Me “la Donna vestita di sole”, e “il Dragone rosso”, Satana, che ora riesce a sedurre molti anche con l’errore dell’ateismo marxista. Vi è già stata annunciata la lotta fra gli Angeli e i miei figli, contro i seguaci del Dragone guidati dagli angeli ribelli. Soprattutto è già stata chiaramente annunciata la mia completa vittoria. Voi, figli miei, siete stati chiamati a vivere queste vicende. E’ il momento in cui questo dovete sapere, per prepararvi consapevolmente alla battaglia. È ora che incominci a svelarvi parte del mio piano.

Anzitutto è necessario che il mio Nemico abbia l’impressione di avere tutto conquistato, di aver ormai ogni cosa nelle sue mani. Per questo gli sarà concesso d’introdursi anche nell’interno della mia Chiesa e riuscirà ad offuscare il Santuario di Dio. Mieterà le vittime più numerose fra i Ministri del Santuario. Questo è infatti il momento di grandi cadute per i miei figli prediletti, per i miei Sacerdoti.

Alcuni Satana insidierà con l’orgoglio, altri con la passione della carne, altri con il dubbio, altri con l’incredulità, altri con Io scoraggiamento e la solitudine. Quanti dubiteranno di mio Figlio e di Me e crederanno che questa sarà la fine per la mia Chiesa!

Sacerdoti consacrati al mio Cuore Immacolato, figli prediletti, che Io sto radunando per questa grande battaglia: la prima arma che dovete usare è la fiducia in Me, è il vostro più completo abbandono.” (18 ottobre 1975)

Lo sapete tutti ormai che questo messaggio è stato l’ultimo che Don Stefano ha voluto commentare con Franco, Giovanni e me, una settimana prima di essere ricoverato, per poi lasciarci per il Cielo.

È proprio vero: lui (il maligno) ormai crede di avere tutto in mano, perfino, lasciatemi dire, forse una parte del Movimento, perché si tende ad ignorare e ad annacquare il contenuto dei messaggi che ci mettono in guardia dagli errori che ci portano alla mancanza di fede e all’apostasia.

Allora noto con profonda tristezza che il Movimento ha già dimenticato Don Stefano, il suo carisma, il suo coraggio, il suo parlare chiaro. Penso che tutti ricordiamo quando parlava della massoneria nella Chiesa, anche se diceva che la Madonna lo rimproverava.

Oggi si dice e non si dice… ma peggio ancora, se uno cita qualche messaggio della Madonna, dove Lei dice con chiarezza la situazione che vive la Chiesa oggi, ci si affretta a smentire, si cambia persino la lettera circolare. Questo lo dico con molto dolore e non si può nascondere! Chiediamoci: “Don Stefano tacerebbe? Farebbe conoscere questi messaggi che ci parlano della situazione della Chiesa oggi in balia alle forze del male?”

(Commento di Don Jo: Tantissime persone che fanno parte del network televisivo cattolico più grande del mondo, EWTN, non hanno l’apertura ai segni dei tempi, l’umiltà ed il coraggio della loro fondatrice, Madre Angelica. C’è l’atteggiamento che Madre Angelica mancava un po’ di prudenza di parlare di queste cose ogni tanto. Ma adesso, anche dopo la morte di Madre Angelica (27 marzo 2016, 92 anni), con tanta pressione velata dai vescovi liberali, si sentono più illuminati e prudenti e più “corretti politicamente” che la loro fondatrice, Madre Angelica. Ogni tanto, sul EWTN, si sente l’atteggiamento che è tabu o ingenuo di considerare la possibilità che stiamo vivendo adesso le profezie di Fatima ed altre profezie bibliche!)

Soprattutto, come Sacerdoti consacrati al Cuore Immacolato di Maria, come membri del M.S.M.: cosa ci avrebbe detto circa il secondo impegno? Come essere fedeli al Papa?

Quale magistero diffondere? Quello della Chiesa o quello che è nuovo, a scapito del vero?

Ricordo che Don Stefano non ebbe nessuna paura a condannare e dire che era sbagliato il raduno ecumenico ad Assisi alla basilica di San Francesco e dichiarò apertamente che fu una profanazione.

Oggi si danneggiano tante anime, si fa a brandelli la Verità ogni giorno e così si distrugge la Chiesa! Ricordate la visione che Don Stefano citava spesso della Beata Emmerick, che vedeva Vescovi, Cardinali e Sacerdoti demolire S. Pietro?

Diceva, non tanto tempo fa, il teologo e filosofo Robert Spaemann, che ha collaborato con Papa S. Giovanni Paolo Il e con Papa Benedetto XVI:

“Oggi è sacrosanto dovere, per amore delle anime che sono subissate da errori che distruggono la fede con veri errori, reagire e resistere in tutti i modi, è più che un dovere”.

Io il libro azzurro lo leggo dal 1976, da quando la Madonna mi ha fatto conoscere il Movimento, e non avevo mai notato certi messaggi. Da quando Don Stefano, la settimana prima di essere ricoverato con l’infarto che lo ha portato in Cielo, ci disse di aprire il libro azzurro e ci commentò il messaggio che ho citato sopra del 1975, io l’ho riletto diverse volte, non solo dopo la sua morte ma soprattutto ora in questi tempi, così come del resto tanti altri messaggi, e ho notato cose mai notate prima, che ormai, per me, sono come la `bussola’ per questi tempi… per questa fine dei tempi in cui viviamo “il più grande sovvertimento della fede e l’apostasia che si è estesa fino aiVERTICI della CHIESA” e quindi l’ha oscurata e ferita, percossa e tradita”.

(Nota: Il “libro azzurro riferisce a: “Ai sacerdoti figli prediletti della Madonna”; http://madonna-sacerdoti.blogspot.it/).

“Su questa Chiesa, oscurata e ferita, percossa e tradita, Io faccio scendere i raggi di amore e di luce del mio Cuore Immacolato. Quando in essa sarà entrato l’UOMO INIQUO, che porterà a compimento l’abominio della desolazione e che avrà il suo culmine nell’orribile sacrilegio, mentre la grande apostasia si sarà ovunque diffusa, allora il mio Cuore Immacolato raccoglierà il piccolo resto fedele che, nella sofferenza, nella preghiera e nella speranza, attenderà il ritorno di mio figlio Gesù nella gloria. Per questo oggi vi invito a guardare alla grande luce, che da Fatima si è diffusa sulle vicende di questo vostro secolo e che si fa particolarmente forte in questi ultimi tempi. Il mio è un messaggio apocalittico, perché siete dentro il cuore di ciò che vi è stato annunciato nell’ultimo e così importante Libro della Divina Scrittura. Affido agli Angeli di luce del mio Cuore Immacolato il compito di portarvi alla comprensione di questi avvenimenti, ora che Io vi ho aperto il libro sigillato” (13 maggio 1994)

“Perché ancora piango? Piango perché l’umanità non accoglie il mio materno invito… Piango perché la Chiesa continua sulla strada della divisione, della perdita della fede, dell’apostasia… Ormai si sta compiendo quanto Io ho predetto a Fatima e quanto qui ho rivelato nel terzo messaggio confidato a una mia piccola figlia. Allora anche per la Chiesa è giunto il momento della sua grande prova, perché l’uomo iniquo si stabilirà al suo interno e l’abominio della desolazione entrerà nel Tempio santo di Dio” (15 settembre 1987)

Faccio una domanda a me stesso e voglio farne una anche a voi. È vero o non è vero che alcuni sono scandalizzati dall’udire questi messaggi che con molta chiarezza ci avvertono che questi sono i tempi di Fatima?

“Io ho fatto sorgere qui, ormai da venticinque anni, il mio Movimento Sacerdotale Mariano: perché il Messaggio di Fatima, spesso contestato e da molti rifiutato, avesse ai vostri giorni il suo pieno compimento.

Questo suo compimento è necessario per voi miei figli, minacciati e percossi, perché possiate giungere alla salvezza. Questo suo compimento è necessario per la Chiesa, così ferita e crocifissa, perché, dalla sua dolorosa e sanguinosa prova, possa uscire tutta bella, senza macchie e senza rughe, ad imitazione della sua Mamma Celeste …

È il Messaggio di Fatima che si compie nel vostro impegno di amore, di preghiera e di unità al Papa ad alla Chiesa a Lui unita. Qui Io ho predetto ed ho mostrato in visione ai piccoli bambini, a cui sono apparsa, le sofferenze, le opposizioni e le prove sanguinose del Papa. Queste mie profezie si sono compiute soprattutto in questo mio Papa Giovanni Paolo secondo, che è il capolavoro formato nel mio Cuore Immacolato” (8 maggio 1997)

Ero con Don Stefano la sera quando fu eletto Papa Benedetto XVI. Ricordo benissimo che Don Stefano disse che la Madonna ci aveva accorciato di qualche anno la grande prova grazie a Papa Benedetto. Dopo la rinuncia di Papa Benedetto XVI, è inutile che ce lo nascondiamo, si è prodotta una spaccatura nella Chiesa, e forse anche nel M.S.M., tra i favorevoli e i contrari.

Molti si domandano come mettere in pratica il secondo impegno, che la Madonna ci chiede nei messaggi del libro azzurro.

Sembra ci sia un attrito fra la libertà dei figli di Dio e l’obbedienza che si deve alla Chiesa e al Papa su molti punti dottrinali di prima importanza, ma su una cosa, penso, saremo tutti d’accordo:

la Madonna vuole – questo lo è sempre stato e lo è ancora – che si obbedisca al “VERO MAGISTERO” della Chiesa e non alle NOVITÀ.

Oggi, più che altro si va a caccia del NUOVO a scapito del VERO. C’è come una moda che attira tantissimo, perché i mezzi di comunicazione sono in mano a lui (il diavolo), per cui:

– il Bene è male, mentre il male lo fanno diventare bene,

– il Vero è falso e il falso è vero.

Tutta la confusione nasce perché si accetta come VERO il NUOVO. Penso che la Madonna sia chiarissima quando ci spiega il termine “VERO“. Oggi c’è molta confusione, si va dietro a ciò che ha sapore di NOVITÀdottrinale (e al Cielo ciò non piace affatto), mentre il Bene è ritenuto falso.

La Madonna non fa dispute ‘pro o contro’ un Papa o un Vescovo, a Lei interessa che la VERITÀ sia offerta a tutti chiarissimamente. Lei fa discernimento tra ciò che è falsa dottrina e ciò che è vera dottrina.

Oggi, invece, si parla tanto che occorre dare inizio A UNA NUOVA CHIESA, a scapito della vera Chiesa di Cristo, che dona in nome di Cristo la sua Salvezza nella Verità, nella Vita con i Sacramenti, nella Via che è Cristo! Come diceva alcuni anni fa Papa Benedetto XVI: Oggi i poteri mondiali vogliono stabilire LA DITTATURA DEL RELATIVISMO, per schiavizzare tutta l’umanità.

“La mai Parola è anzitutto un fiore di Sapienza, che faccio discendere dal Cielo. (…)

Questa Sapienza, incarnata nel mio seno verginale, da Parola è diventata Uomo, ed ha il compito di dare sempre agli uomini il dono della eterna Verità. Questa divina Parola, contenuta nella Sacra Scrittura, e soprattutto nel Vangelo, è la sola Luce che vi deve guidare.

Ma oggi essa viene circondata da tanti dubbi, perché si vuole interpretarla secondo il modo umano di ragionare e di vedere, e spesso non viene più presentata nella sua integrità. Gli errori si diffondono e, quando vi accostate al disegno di Dio, siete impediti dal comprenderlo nella sua pienezza, perché vi servite di un atteggiamento troppo umano, che vuole capire solo attraverso la ragione.

Questa è un’attitudine di superbia, ed è la meno indicata per avvicinarvi al grande mistero di Dio. Per comprendere la sua Verità bisogna essere piccoli; per vederla nella giusta luce bisogna essere poveri; per custodirla nella sua integrità occorre essere semplici; per donarla agli altri, nello splendore della sua autenticità, occorre essere umili. Per questo, con la mia parola, vi formo alla umiltà, alla semplicità, alla piccolezza. Vi voglio condurre ad essere come tanti bambini, perché solo allora Io vi posso parlare.

La mia parola è un fiore di Sapienza, che vi forma attraverso lo Spirito Santo, a voi donato dal Padre e dal Figlio, e che vi conduce ad una sempre più integra e profonda comprensione del Vangelo. Nella oscurità, che oggi è ovunque discesa, la mia parola di Sapienza diventa un raggio di luce purissima, che vi indica il cammino da percorrere e la strada su cui dovete andare per rimanere sempre nella Verità. La tenebra, con una nebbia, densa e fredda, è entrata nella Chiesa, oscurandola nello splendore della sua Verità.

Per questo, ogni giorno, la mia parola vi forma allo spirito della Sapienza, perché possiate sempre vedere, nella luce, la Verità che mio Figlio vi ha insegnato, ed annunciarla con coraggio a tutti nella sua integrità. Ormai è giunto il tempo che solo i bambini, consacrati al mio Cuore Immacolato ed affidati completamente alla Mamma Celeste, avranno il dono di mantenersi integri nella fede e di portare alla vera fede le anime a loro affidate. La mia Parola è anche una goccia di rugiada, che faccio scendere sulla terra, diventata un immenso deserto, sulla vita umana tanto inaridita dal peccato e dalla sofferenza” (9 febbraio 1985)

“Il tentativo di raccogliere tutte le religioni, anche quelle che adorano dèi falsi e bugiardi, nella prospettiva di una unione religiosa mondiale per la difesa dei valori umani, è vano, pericoloso e non conforme al desiderio del mio Cuore Immacolato. Esso può, anzi, condurre all’aumento della confusione, alla indifferenza religiosa ed a rendere persino più difficile il conseguimento della vera pace” (27 ottobre 1986)

Questa conferma ci viene, non solo dal libro azzurro, ma da tanti altri veri devoti, come: S. Luigi Maria Grignon de Monfort nel suo `Trattato della Vera Devozione a Maria’; la Salette e i tre grandi segreti; Rue du Bac e la Medaglia Miracolosa; Lourdes; Fatima ecc., che hanno avuto un compito preciso: salvaguardare la Dottrina della Santa Chiesa Cattolica per la salvezza delle anime.

DAL MAGISTERO DELLA CHIESA

L’allora Card. Joseph Ratzinger ha profetizzato:

“Quando la Chiesa si oppone ai veri poteri e peccati di quest’epoca, quando Essa denuncia la distruzione della famiglia, l’uccisione dei bambini non ancora nati, le deformazioni della fede: allora le si contrappone un Gesù che sarebbe stato solo misericordioso, sarebbe stato sempre comprensivo e non avrebbe mai fatto male a nessuno. E viene formulata la massima: non si può essere cristiani a spese dell’essere uomini; e per essere uomini si intende poi ciò che pare e piace a ciascuno. Essere cristiani è un optional gradito, ma non deve costare nulla… Cristo è salito sulla Croce: un Gesù disponibile a tollerare tutto non sarebbe stato crocifisso…”.

Vorrei citarvi due passaggi del Catechismo della Chiesa Cattolica, dove viene descritta ‘la grande prova finale della Chiesa’.

“Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti. La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra svelerà il “il Mistero di iniquità” sotto la forma di una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia dalla verità. La massima impostura religiosa è quella dell’Anti-Cristo cioè di uno pseudo­messianismo in cui l’uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne.” (CCC, 675)

“La Chiesa non entrerà nella gloria del Regno che attraverso quest’ultima Pasqua, nella quale seguirà il suo Signore nella sua morte e Risurrezione. Il Regno non si compirà dunque attraverso un trionfo storico della Chiesa secondo un progresso ascendente, ma attraverso una vittoria di Dio sullo scatenarsi ultimo del male che farà discendere dal cielo la sua Sposa. Il trionfo di Dio sulla rivolta del male prenderà la forma dell’ultimo Giudizio dopo l’ultimo sommovimento cosmico di questo mondo che passa” (CCC 677).

Alcuni brani del libro azzurro ci aiutano a leggere e interpretare i segni dei tempi: per fare un breve ma veritiero discernimento; per non essere ingannati e non ingannare gli altri; per adoperarci per il trionfo della verità; per non lasciarci trascinare da questa corrente impetuosa di “NOVITÀ” e Relativismo che: ci allontana dalla vera Fede, ci fa piombare in “una densa tenebra di apostasia”, e mette soprattutto in pericolo la salvezza eterna di tante anime.

Quando questo Papa avrà compiuto il compito che Gesù gli ha affidato ed Io scenderò dal cielo ad accogliere il suo sacrificio, tutti sarete avvolti da una densa tenebra di apostasia che sarà allora diventata generale. Rimarrà fedele solo quel piccolo resto che, in questi anni, accogliendo il mio materno invito, si è lasciato racchiudere dentro il rifugio sicuro del mio Cuore Immacolato. E sarà questo piccolo resto fedele, da Me preparato e formato, che avrà il compito di ricevere il Cristo che tornerà a voi nella gloria, dando così inizio alla nuova era che vi attende.” (13 Maggio 1991)

La Madonna parla di Papa S. Giovanni Paolo II, che Lei ci ha ottenuto dalla SS. Trinità come un grande trionfo del suo Cuore Immacolato.

“Proprio mentre Satana si illudeva di vincere, dopo che Dio aveva accolto il sacrificio di Papa Paolo VI e di Giovanni Paolo I, da Dio ho ottenuto alla Chiesa il Papa da Me preparato e formato. (…)

Nella persona e nell’opera del Santo Padre Giovanni Paolo II, Io rifletto la mia grande luce, che diventerà tanto più forte, quanto più la tenebra avvolgerà ogni cosa. (….) State entrando nel periodo conclusivo della purificazione e il tempo non sia da voi misurato, perché è ormai ordinato secondo un disegno di amore che siete chiamati a vedere presto in tutto il suo splendore.” (1 gennaio 1979)

Anche se nulla di ufficiale è stato svelato, si dice che all’inizio del Conclave del 18 ottobre del 1978, ci fu opposizione per far entrare in Conclave il Card. Wojtyla, perché uno strano incidente gli aveva impedito di arrivare in tempo per il conclave.

Vedete quanti vostri fratelli Sacerdoti tradiscono la verità, nel tentativo di adattarla alla mentalità del mondo, spinti dalla fallace illusione di essere meglio compresi, più ascoltati e più facilmente seguiti? Nessuna illusione è più pericolosa di questa. Annunciate sempre con fedeltà e chiarezza il Vangelo che vivete. Il vostro parlare sia: “Sì, sì; no, no”; il resto viene dal Maligno”. (2 febbraio 1976)

“Satana sta tramando in maniera sempre più aperta nella mia Chiesa. Si è ormai associato tanti miei figli Sacerdoti, illudendoli con il falso miraggio che il marxismo a tutti propone: l’interesse esclusivo dei poveri; un cristianesimo impegnato solo nella costruzione di una più giusta società umana; una Chiesa che si vuole più evangelica e perciò sottratta alla sua istituzione gerarchica. Questa vera divisione nella mia Chiesa, questa vera apostasia da parte di tanti miei figli Sacerdoti, si accentuerà e diventerà anzi una violenta e aperta ribellione”. (31 dicembre 1975)

“Con la mia voce materna vi conduco tutti a comprendere i segni della grande tribolazione. Dai Vangeli, dalle Lettere degli Apostoli, dal Libro della Apocalisse vi sono stati chiaramente descritti degli indizi sicuri per farvi comprendere quale è il periodo della grande tribolazione.

– Anzitutto una grande apostasia si sta diffondendo in ogni parte della Chiesa per la mancanza di fede che dilaga anche fra i suoi stessi Pastori…

– Poi, nel vostro tempo, si moltiplicano sovvertimenti di ordine naturale, come terremoti, siccità, inondazioni, disastri che causano morte improvvisa di migliaia di persone, seguiti da epidemie e da mali inguaribili che si diffondono ovunque.

– Inoltre i vostri giorni sono segnati da continui rumori di guerre che si moltiplicano e mietono, ogni giorno, innumerevoli vittime. Crescono le discordie e i dissidi all’interno delle Nazioni; si propagano le rivolte e le lotte fra i diversi popoli; guerre sanguinose continuano ad estendersi, nonostante tutti gli sforzi che si fanno per giungere alla pace.

– Infine, nel vostro tempo, avvengono grandi segni nel sole, sulla luna e nelle stelle. Il miracolo del sole avvenuto a Fatima è stato un segno, che vi ho dato, per avvertirvi che ormai sono giunti i tempi di questi straordinari fenomeni che avvengono nel cielo. (…)

Perché la Santissima Trinità ha affidato al Cuore Immacolato della vostra Mamma Celeste il compito di preparare la Chiesa e tutta l’umanità a vivere con fiducia l’ora della grande tribolazione che vi prepara al ritorno glorioso di Cristo”. (31 dicembre 1987)

“La bestia nera, simile a una pantera, indica la massoneria; la bestia con due corna, simile a un agnello, indica la massoneria infiltrata all’interno della Chiesa, cioè la massoneria ecclesiastica, che si è diffusa soprattutto fra i membri della Gerarchia. Questa infiltrazione massonica, all’interno della Chiesa, vi è già stata da Me predetta in Fatima, quando vi ho annunciato che Satana si sarebbe introdotto fino al vertice della Chiesa.

Se compito della massoneria è di condurre le anime alla perdizione, portandole al culto di false divinità, lo scopo della massoneria ecclesiastica è invece quello di distruggere Cristo e la sua Chiesa, costruendo un nuovo idolo, cioè un falso Cristo ed un falsa Chiesa. (…)

– Dopo di avere distrutto il Cristo storico, la bestia con due corna simili a un agnello cerca di distruggere il Cristo mistico che è la Chiesa. La Chiesa istituita da Cristo è una sola: quella santa, cattolica, apostolica, una, fondata su Pietro. Come Gesù, anche la Chiesa da Lui fondata, che forma il suo Corpo mistico, è verità, vita e via.

La Chiesa è verità, perché ad essa sola Gesù ha affidato da custodire, nella sua integrità, tutto il deposito della fede. Lo ha affidato alla Chiesa gerarchica, cioè al Papa ed ai Vescovi uniti con Lui. La massoneria ecclesiastica cerca di distruggere questa realtà con il FALSO ECUMENISMO, che porta all’accettazione di tutte le Chiese cristiane, affermando che ciascuna di esse possiede una parte della verità. Essa coltiva il disegno di fondare una Chiesa ecumenica universale, formata dalla fusione di tutte le confessioni cristiane, fra cui la Chiesa Cattolica.

La Chiesa è vita perché dona la grazia ed essa sola possiede i mezzi efficaci di grazia, che sono i sette Sacramenti. Specialmente è vita perché ad Essa sola è stato dato il potere di generare l’Eucaristia, per mezzo del Sacerdozio ministeriale e gerarchico. Nella Eucaristia Gesù Cristo è realmente presente col suo Corpo glorioso e la sua divinità.

Allora la massoneria ecclesiastica, in tante e subdole maniere, cerca di attaccare la pietà ecclesiale verso il sacramento della Eucaristia. Di essa valorizza solo l’aspetto della Cena, tende a minimizzare il suo valore sacrificale, cerca di negare la reale e personale presenza di Gesù nelle Ostie consacrate. Per questo si sono gradualmente soppressi tutti i segni esterni, che sono indicativi della fede nella presenza reale di Gesù nella Eucaristia, come le genuflessioni, le ore di adorazione pubbliche, la consuetudine santa di circondare il Tabernacolo di luci e di fiori”. (13 giugno 1989)

In queste citazioni troviamo descritto nei dettagli come oggi si vogliono cambiare I VALORI PERENNI del Vangelo e della Chiesa, con pseudo valori che vogliono distruggere il vero Vangelo e la vera Chiesa. Come ebbe a dire Karol Wojtyla, parlando alla Milizia dell’Immacolata pochi mesi prima di essere eletto Papa:

“Ci troviamo oggi di fronte al più grande combattimento che l’umanità abbia mai visto. Non penso che la comunità cristiana l’abbia compreso totalmente. Siamo oggi davanti ALLA LOTTA FINALE TRA LA CHIESA E L’ANTI-CHIESA, tra il Vangelo e l’Anti-Vangelo”.

Qui mi sembra utile riportare una testimonianza-profezia di un grande Vescovo che doveva essere proclamato Beato l’anno scorso, ma per ora è tutto fermo. Questo Vescovo si chiama Fulton Sheen, che per vari decenni, come teologo e eccellente comunicatore, attraverso la stampa, la televisione e conferenze, ha appassionato e conquistato un uditorio sempre più vasto con numerose conversioni alla fede. È rimasta famosa la sua profezia sulla Chiesa e gli ultimi tempi. Diceva:

“Le due grandi forze, il CORPO MISTICO di CRISTO e del CORPO MISTICO DELL’ANTI-CRISTO, stanno cominciando ad elaborare le linee della battaglia per la fine.

Il falso profeta avrà una religione SENZA “CROCE“. Una religione senza un mondo a venire. Una religione per distruggere le religioni. Ci sarà una Chiesa contraffatta.

La Chiesa di Cristo (Chiesa Cattolica) sarà UNA.

Il falso profeta ne creerà un’altra; la falsa Chiesa sarà mondana, ecumenica e globale. Sarà una “FEDERAZIONE” di CHIESE. Le religioni formeranno un certo tipo di associazione globale. Un parlamento mondiale delle chiese. Sarà svuotato di ogni contenuto divino e sarà il corpo mistico dell’anti-Cristo.

Il corpo mistico sulla terra oggi avrà il suo Giuda Iscariota, e sarà il falso profeta. Satana lo assumerà tra i Vescovi. L’anti-Cristo non si chiamerà così, altrimenti non avrebbe seguaci. Egli non indosserà calze rosse, ne vomiterà zolfo, né porterà un tridente, per aiutare il diavolo a convincere gli uomini che egli non esiste. Quanto più l’uomo lo nega, tanto più diventa potente. Dio ha definito Se stesso come `COLUI CHE SONO’; il diavolo come ‘IO SONO COLUI CHE NON SONO’.

Da nessuna parte della Sacra Scrittura troviamo descritto il diavolo come buffone, ma come “PRINCIPE di QUESTO MONDO“, che cerca di convincerci che non c’è la vita eterna, non c’è il Paradiso, non c’è l’inferno: allora non c’è il peccato. Egli vuole ingannare gli eletti: allora il male è bene e il bene è male”. (Flynn T&L., il Tuono di Giustizia p. 20)

Ecco, cari confratelli Sacerdoti, non è più tempo di temporeggiare, siamo chiamati a scegliere:

– O COMBATTERE IL MALE

– O ILLUDERCI di fare parte della `SCHIERA’ di Maria

Ed è così: c’è una sola strada davanti noi: QUELLA DEL CALVARIO, se vogliamo essere veramente GLI APOSTOLI DEGLI ULTIMI TEMPI.

Vorrei chiudere col messaggio dell’8 giugno 1991, dove la Madonna ci dice con chiarezza che Lei ci ha scelti per essere “sua proprietà”, per il Suo disegno a essere “apostoli” degli ultimi tempi, per dare all’umanità e alla Chiesa la testimonianza del Suo “disegno”.

APOSTOLI DEGLI ULTIMI TEMPI

Oggi celebrate la memoria liturgica del mio Cuore Immacolato. È la vostra festa, miei prediletti e figli a Me consacrati. Voi siete stati scelti da Me e chiamati a far parte della mia schiera vittoriosa. Voi fate parte della mia proprietà. Ho un grande disegno sopra di voi.

Questo mio disegno vi è stato svelato in ogni suo particolare. Ora esso deve apparire alla Chiesa ed all’umanità in tutto il suo splendore, perché sono questi i tempi della vostra maturità e della vostra pubblica testimonianza. Mostratevi a tutti come i miei consacrati, come gli Apostoli di questi ultimi tempi.

Come Apostoli degli ultimi tempi, dovete annunciare con coraggio tutte le verità della fede cattolica, proclamare con forza il Vangelo, smascherare con decisione le pericolose eresie, che si travestono di verità, per meglio ingannare le menti e così allontanare un grande numero di miei figli dalla vera fede.

Come Apostoli degli ultimi tempi, dovete opporvi con la potenza dei piccoli alla superba forza dei grandi e dei dotti, che, sedotti da una falsa scienza e dalla vanagloria, hanno dilaniato il Vangelo di Gesù, proponendo di esso un’interpretazione razionale, umana e tutta errata. Sono giunti i tempi predetti da S. Paolo in cui molti annunciano dottrine false e peregrine e così si corre dietro a queste favole e ci si allontana dalla verità del Vangelo.

Come Apostoli degli ultimi tempi, dovete seguire Gesù sulla strada del disprezzo del mondo e di voi stessi, dell’umiltà, della preghiera, della povertà, del silenzio, della mortificazione, della carità, di una più profonda unione con Dio. Siete sconosciuti e disprezzati dal mondo e da quanti vi circondano, spesso siete ostacolati, emarginati e perseguitati, perché questa sofferenza è necessaria alla fecondità della vostra stessa missione.

Come Apostoli degli ultimi tempi dovete ora illuminare la terra con la Luce di Cristo. Mostratevi a tutti come miei figli, perché Io sono sempre con voi. La fede sia la luce che vi illumini, in questi giorni di apostasia e di grande oscurità, e vi consumi solo lo zelo per la gloria di mio figlio Gesù, in questi tempi di una così vasta infedeltà.

Come Apostoli degli ultimi tempi, tocca a voi il compito di compiere la seconda evangelizzazione, tanto domandata dal mio Papa Giovanni Paolo II. Evangelizzate la Chiesa, che si è allontanata dallo Spirito di Cristo e si è lasciata sedurre dallo spirito del mondo, che in essa è profondamente penetrato e l’ha tutta pervasa. Evangelizzate la umanità che è ritornata pagana, dopo quasi duemila anni dal primo annuncio del Vangelo. Evangelizzate tutti gli uomini, che sono diventati vittime degli errori, del male, del peccato e si lasciano travolgere dal vento impetuoso di tutte le false ideologie. Evangelizzate i popoli e le nazioni della terra, immersi nella tenebra della pratica negazione di Dio, mentre si prostrano al culto del piacere, del denaro, della forza, dell’orgoglio, dell’impurità.

Sono giunti i vostri tempi ed Io vi ho formato in questi anni perché possiate dare ora la vostra forte testimonianza di discepoli, fedeli a Gesù, fino allo spargimento del vostro stesso sangue. Quando, da ogni parte della terra, tutti voi, miei piccoli bambini, darete questa testimonianza di Apostoli degli ultimi tempi, allora il mio Cuore Immacolato avrà il suo più grande trionfo” (8 giugno 1991)

Ora il compito del Movimento è davanti ai nostri occhi in queste parole della Mamma; non vedo altre strade percorribili. I tempi per i quali Lei ci ha scelti da vari paesi e continenti e ci ha preparati attraverso il suo meraviglioso disegno, fattoci conoscere dal suo piccolo figlio, Don Stefano, sono arrivati ed è nostro compito realizzare e portare a compimento questo suo disegno d’Amore e di Salvezza, senza tanti MA e senza tanti SE.

Le Sue parole sono di una chiarezza e di una limpidezza che non resta altro che obbedire a Lei, la nostra Mamma.

Ma più che mai in questi tempi dobbiamo, tutti noi consacrati, seguire Lei, la nostra CONDOTTIERA per questa lotta finale, nella preghiera, soprattutto del santo Rosario e dei cenacoli, perché il Suo Cuore Immacolato trionfi quanto prima.

CUORE IMMACOLATO DI MARIA FIDUCIA, SALUTE, VITTORIA MIA!

Padre Quartilio Gabrielli

– – – – – – –

In questo processo di discernimento in una Chiesa piena di confusione, forse troverete di aiuto il mio articolo:

La Grande Difficoltà nel Superare il Fariseismo – La Differenza Fra Tradizionalismo Scismatico e le Profezie del Papa Falso

http://cibo-spir.blogspot.it/2016/11/superare-fariseismo.html

– – – – – – –

C’è meno preghiera che mai, più peccato che mai, ancora peggio, l’indifferenza come il peccato non esistesse più, e perciò abbiamo dato tanto potere al “padre della menzogna”, Satana (Gv 8,44). In particolare Satana ha più potere di “mascherarsi come un angelo di luce” (2Cor 11,14), per offrire le sue belle bugie mortali come fossero “la verità che ci fa liberi” (Gv 8,32)!

Perciò è molto importante in questi tempi di grande confusione, quando perfino i vescovi cattolici non sono più d’accordo in quando riguarda le cose fondamentali della fede e della morale, di non soltanto pregare molto e di studiare il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti, ma di tenere i nostri occhi aperti per non cadere nelle belle bugie velenose di Satana presentate come fossero la Verità!!!

PER GLI AGGIORNAMENTI sugli inganni fondamentali, nascosti e mascherati del antico serpente, visitate uno dei miei siti indici per vedere gli ultimi articoli più importanti:

http://giuseppedwight.blogspot.com

https://josephdwight.wordpress.com/2015/09/21/giuseppe-dwight-indice/

https://www.scribd.com/doc/282241370/Giuseppe-Dwight-Indice

Don Jo (Joseph) Dwight

Posted in Uncategorized | Tagged , , , , | Leave a comment

La Russia Punirà il Mondo – Terzo Segreto di Fatima Rivelato

La Russia Punirà il Mondo – Terzo Segreto di Fatima Rivelato

Le persone oggi non si rendono conto la grande devastazione nel ignorare le leggi sante di Dio. È come i bambini che ignorano ciò che i loro genitori li dicono – di non giocare con i fiammiferi o di non giocare vicino alla strada, e poi dopo ci sono le conseguenze. L’Arcangelo San Michele a Garabandal, mandato dalla Madonna (Spagna, 1965), ha detto: “Cardinali, Vescovi e sacerdoti camminano in molti sulla via della perdizione e trascinano con loro moltissime anime”! Credo che uno dei motivi principali per ciò che l’Arcangelo San Michele ha detto è a causa del silenzio strano di tanti vescovi e sacerdoti di ciò che fa il più male ad ogni persona, il peccato, in particolare, peccato mortale. Oggi “l’amore” (falso) è di dire ciò che le persone vogliono sentire invece di ciò che Dio desidera di comunicare alle persone. “Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole” (2Tim 4:3-4).

Dobbiamo essere molto attenti oggi perché con meno preghiera e più peccati che mai, abbiamo dato molto potere al “padre della menzogna” (Gv 8,44) di poter più che mai “mascherarsi come un angelo di luce” (2Cor 11,14).

Dobbiamo stare vicino alle cose fondamentale della verità rivelata ben riassunte nel Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti (CCC) e nei documenti veri del Magistero della Chiesa, non lo “spirito del Vaticano II”! Ma naturalmente UNA TATTICA FONDAMENTALE DEL NOSTRO NEMICO È DI OFFRIRCI LE MEZZE VERITÀ, ad esempio, di parlare soltanto della misericordia senza parlare dell’altra parte della verità, cioè, la necessità e l’obbligo di pentirsi e di cambiare la vita. Una mezza verità è peggio che una bugia perché crediamo che ci portano nella direzione giusta da quelli che hanno la vocazione da Dio di portarci verso Dio e verso la vita eterna, non la morte eterna.

Non vi è nessun caso nelle Sacre Scritture dove la misericordia di Dio non si aspetta una risposta di fede e di pentimento. Uno dei grandi inganni è che sapendo che Dio è misericordioso, ciò significa che sono OK. Diventiamo OK quando rispondiamo alla misericordia, quando ci pentiamo e quando crediamo. E questo deve essere parte del messaggio, che molto spesso oggi viene a mancare anche dalle più alte autorità nella Chiesa.

I Massoni hanno tantissimo potere e soldi adesso per plagiarci e di manipolare i politici ed i responsabili nella Chiesa Cattolica.

CON BERGOGLIO LA CHIESA E’ RIDOTTA A BURATTINO DI POTERI NEMICI

Questo articolo dice che si è scoperto che il potente miliardario George Soros – uno dei principali finanziatori della campagna della Clinton – ha stanziato ingenti fondi durante la visita di Bergoglio negli Usa per cambiare le priorità della Chiesa (da quelle a favore della vita a quelle politically correct), per far schierare i vescovi con Bergoglio, per fermare l’opposizione cattolica all’ideologia gay, per far schierare la Chiesa americana – attraverso Bergoglio – a favore della Clinton e contro Trump. Si dice pure che già nel 2015 ci sarebbe l’influenza di Soros dietro la sterzata ecologista impressa da Bergoglio alla Chiesa.

https://www.lifesitenews.com/news/breaking-leaked-e-mails-show-george-soros-paid-to-influence-bishops-during

Più di quattro cento anni fa, la Nostra Signora del Buon Successo, Quito, Ecuador (il 20 gennaio 1610) ci ha detto:

Ora, ti faccio sapere che dalla fine del secolo XIX e da poco dopo la metà del secolo XX, … esploderanno le passioni e vi sarà una totale corruzione dei costumi… Per il Sacramento del Matrimonio, che simboleggia l’unione di Cristo con la Sua Chiesa, questo sarà attaccato e profondamente profanato…. La MASSONERIA, che sarà allora al potere, approverà leggi inique con lo scopo di liberarsi di questo Sacramento, rendendo facile per ciascuno di vivere nel peccato e incoraggiando la procreazione di figli illegittimi, nati senza la benedizione della Chiesa… IN QUESTO SUPREMO MOMENTO DI BISOGNO DELLA CHIESA, CHI DOVREBBE PARLARE RIMARRÀ IN SILENZIO!”

– – –

Arcivescovo Fulton Sheen e il cardinale Biffi ci hanno dato un idea di come sarebbe la Nuova Religione Mondiale:

“La chiesa falsa sarà mondana, ecumenica (falsa) e globale. Sarà una federazione vaga di chiese e le religioni formeranno una specie di associazione globale, un parlamento mondiale di chiese. Sarà vuota di tutto il contenuto divino e sarà il corpo mistico dell’anticristo.” Così vediamo ora che il Vescovo Fellay è in arrivo insieme a” Papa Francesco” perché “Papa Francesco” ha indicato che le questioni dottrinali non sono così importanti!!! Mettiamo da parte la scomoda Verità, Che è Gesù Cristo, in modo da essere tutti insieme in un vasto mondo di fraternità fraterno di “pace e amore”!?! Ma Cristo è venuto per la divisione (Lc 12, 49-53), la divisione fra quelli che accettano e abbracciano la Verità di Dio (non del mondo), e quelli che accettano e abbracciano la verità falsa del “padre della menzogna”(Gv 8,44)!

Parlando del incontro dei due estremi, trovo piuttosto interessante il fatto che molto di recente il Vescovo Fellay e “Papa Francesco” sembrano venire insieme!?! Papa Benedetto ha aperto il dialogo con la Fraternità San Pio X e anche fatto di tutto per accoglierli nella Chiesa cattolica, permettendo loro di mantenere i loro riti liturgici. Ma Papa Benedetto non li ricevesse nella Chiesa se non fossero disposti ad accettare i documenti della Concilio Vaticano II. Papa Benedetto ha portato questo processo di discernimento fuori della Congregazione per il Culto Divino e la diede alla Congregazione per la dottrina della fede, perché il vero problema non era tanto una questione liturgica, ma un problema dottrinale.

(https://www.ncregister.com/daily-news/sspxs-bishop-fellay-little-by-little-rome-is-giving-us-all-we-need-for-reco/)

(http://www.corriere.it/cronache/14_marzo_04/vi-racconto-mio-primo-anno-papa-90f8a1c4-a3eb-11e3-b352-9ec6f8a34ecc.shtml).

(“Bergoglio, il generale che vuole vincere senza combattere”; http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350737)

(https://www.ncregister.com/daily-news/sspxs-bishop-fellay-little-by-little-rome-is-giving-us-all-we-need-for-reco/)

– – – – – – – –

La Nostra Signora di Fatima ha offerto un grande miracolo del sole il 13 ottobre 1917; più di 70.000 testimoni hanno visto questo miracolo che era riportato anche nei mass media secolari. La “donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sulsuo capo una corona di dodici stelle” (Apoc 12,1) farà la battaglia con “il drago” (Apoc 12,4) è alla fine schiaccerà la testa del antico serpente (Gen 3,15) per preparare la seconda venuta del suo figlio, Gesù Cristo.

In questa grande battaglia in questo periodo della “grande tribolazione” (Mt 24,21) ci saranno tanti seguaci del serpente, in particolare i seguaci della prima bestia (l’anticristo), un leader politico, e della seconda bestia (il profeta falso), un leader religioso, del libro dell’Apocalisse.

Alcuni dei santi e degli uomini e delle donne saggi del passato ci hanno offerto UNA DESCRIZIONE DI QUESTI DUE figuri per avvertirci del grande inganno di queste marionette del “padre della menzogna” (Gv 8,44).

Papa Benedetto XVI ha invitato CARDINALE BIFFI DI OFFRIRE L’ANNUALE RITIRO AL PAPA e ai membri più importante del Vaticano il 27 febbraio 2007. Il cardinale parla spesso sulla tema dell’Anticristo. “Times di Londra” ha riportato nel 2004 che il Cardinale descrive l’Anticristo “camminando fra noi”. “Verranno giorni in cui nella cristianità si tenterà di risolvere il fatto salvifico in una mera serie di valori. E’ un passaggio chiave dell’ultima opera di Vladimir Solovev, “I Tre Dialoghi E Il Racconto Dell’anticristo”, al centro delle riflessioni del cardinale Giacomo Biffi. Il filosofo russo, morto nell’anno 1900, con grande acume aveva profetizzato le tragedie del XX secolo. Nei “Dialoghi”, ha ricordato il porporato, L’ANTICRISTO SI PRESENTA COME PACIFISTA, ECOLOGISTA ED ECUMENISTA. Convocherà un Concilio ecumenico e cercherà il consenso di tutte le confessioni cristiane concedendo qualcosa ad ognuno. Le masse lo seguiranno, tranne dei piccoli gruppetti di cattolici, ortodossi e protestanti. Incalzati dall’anticristo, risponderanno: “Tu ci dai tutto, tranne ciò che ci interessa, Gesù Cristo”. Questo racconto, ha detto il cardinale Biffi, ci è di ammonimento. Oggi, infatti, corriamo il rischio di avere un Cristianesimo che mette tra parentesi Gesù con la sua Croce e Risurrezione. ….”

(http://www.radiovaticana.org/it1/Articolo.asp?c=120479).

Il Venerabile Arcivescovo FultonSheen disse nel 1950:

IL FALSO PROFETA AVRÀ UNA RELIGIONE SENZA CROCE. Una religione senza un mondo che verrà. Una religione per distruggere le religioni. Sarà una chiesa falsa.

La Chiesa di Dio (la Chiesa Cattolica) è Una, mentre il falso profeta ne creerà un’altra. La chiesa falsa sarà mondana, ecumenica e globale.

Sarà una federazione vaga di chiese e le religioni formeranno una specie di associazione globale, un parlamento mondiale di chiese. SARÀ VUOTA DI TUTTO IL CONTENUTO DIVINO e sarà il corpo mistico dell’anticristo.

Il corpo mistico di cristo sulla terra avrà il suo giuda iscariota e sarà il falso profeta. SATANA LO ARRUOLERÀ FRA I VESCOVI CATTOLICI.”

(Communism and the Conscience of the West, by Archbishop Fulton J. Sheen, Bobbs-Merril Company, Indianapolis, 1948, pp. 24-25)

Nel suo libro intitolato “Il Comunismo e la coscienza dell’Occidente” (**), l’Arcivescovo Fulton John Sheen avvertì che :

L’ANTICRISTO NON SARÀ CHIAMATO COSÌ PERCHÉ AL CONTRARIO, NO AVREBBE SEGUACI. Egli non userà calzamaglie rosse, né vomiterà zolfo, né porterà un tridente, né agiterà una coda con forma di freccia, come Mefistofele nel Fausto. Questa mascherata ha aiutato a convincere gli uomini che il diavolo non esiste. Quando nessuno lo riconosce, più potere egli esercita. Dio si è definito a Sé stesso come “Io Sono Colui che è”, e il diavolo come “io sono quello che non sono”.

In nessuna parte della Sacra Scrittura troviamo giustificato il mito popolare del quale il diavolo è un buffone che si veste principalmente di «rosso». Piuttosto lo si descrive come un angelo caduto dal cielo, come «il principe di questo mondo», la cui missione è che ci dica che non c’è altro mondo. LA SUA LOGICA È SEMPLICE: se non c’è cielo non c’è inferno, e se non c’è inferno, allora, non c’è peccato, e se non c’è peccato, allora, non c’è nessun giudice, e se non c’è giudizio, allora, il male è buono e il buono è male. Ma, al di là di tutte queste descrizioni, NOSTRO SIGNORE CI DICE CHE SARÀ COSÌ SOMIGLIANTE A SE STESSO CHE INGANNEREBBE ANCHE GLI ELETTI, e certamente nessuna immagine del diavolo vista nei libri mai potrebbe ingannare anche gli eletti. Allora, come entrerà in questa nuova era per guadagnare adepti nella sua religione?”

(Communism and the Conscience of the West, by Archbishop Fulton J. Sheen, Bobbs-Merril Company, Indianapolis, 1948, pp. 24-25)

É molto interessante che “Papa Francesco” ha fermato il processo della beatificazione del Venerabile Arcivescovo FultonSheen!?!

– – –

Un potere fondamentale dei leader mondiale, i Massoni, il Nuovo Ordine Mondiale, è chiaramente i soldi, le banche. Qualsiasi politico con il potere di fare una legge per mandare via questi padroni subdoli dei soldi, e di lasciare il governo coniare i soldi invece di queste banche private, sarebbe ammazzato come il Presidente Abraham Lincoln o il Presidente J. F. Kennedy e tanti altri compresso lo Zar di Russia quasi 100 anni fa. Per alcuni riferimenti, visitate: “Satana Scimmiotta Cristo” (http://cibo-spir.blogspot.it/2016/09/satana-scimmiotta-cristo.html).

PUTIN PROIBISCE ROTHSCHILD NELLA RUSSIA

In inglese:

Putin Bans Rothschild From Russia INFINITE FLAMES 36,873 views (https://www.youtube.com/watch?v=XoHtwZogMKM).

Questo è il motive principale per cui USA vuole provocare la guerra con la Russia, per eliminare Putin.

Un altro motivo che il Nuovo Ordine Mondiale vuole eliminare Putin è il fatto che PUTIN STA PROMUOVENDO LA CULTURA DELLA VITA invece la cultura della morte; i Massoni promuovano in un modo nascosto ma in un modo molto potente, la cultura della morte in tutto il mondo per indebolire, controllare e manipolare il popolo.

I MASS MEDIA È MOLTO CONTRO PUTIN!

PUZZLE EUROPA Putin sta facendo votare una legge che vieta di parlare bene dell’omosessualità ai minori e proibisce i gay pride. Gran parte della popolazione è con lui. La scusa del carcere e le origini dell’omofobia.

L’11 giugno la Duma ha approvato una legge contro la propaganda gay. Il provvedimento deve ancora ottenere il placet della Camera alta ma, visto che in prima lettura è stato approvato all’unanimità, ha ottime probabilità di arrivare in porto senza scossoni.

La legge voluta dal Cremlino vieta ai cittadini russi di parlare positivamente dell’omosessualità con i minori e di organizzare manifestazioni di orgoglio gay. Mentre in Europa le coppie dello stesso sesso stanno combattendo (e vincendo) per ottenere il diritto di sposarsi e adottare bambini, la Russia rema all’indietro incurante e, anzi, fiera, di attirare le critiche di un Occidente che per Mosca rappresenta ancora una minaccia di corruzione morale.

14/06/2013

http://www.limesonline.com/rubrica/la-russia-non-e-un-paese-per-gay-diritti-omofobia

– – –

Il governo russo ha proibito due siti popolari pornografici, youporn e xhamster, per proteggere la morale pubblica!

In inglese:

The Russian government banned two popular porno-graphy sites, youporn and xhamster, also on the grounds of protecting public morality.

http://www.spectator.co.uk/2016/10/revealed-putins-covert-war-on-western-decadence/

Durante la Guerra fredda fra la Russia e gli Stati Uniti, NIKITA KHRUSHCHEV ha fatto importare segretamente negli Stati Uniti la pornografia. In una intervista con il Segretario dell’Agricoltura, Esra Taft Benson, duranti l’amministrazione di Eisenhower, KHRUSHCHEV ha detto, “Voi americani siete così creduloni. No, non accetterete addirittura il comunismo, ma continueremo a darvi i piccoli dosi di socialismo fino al punto che vi sveglierete un giorno e scoprirete che avete già comunismo. Non dovremo combattervi, vi faremo così deboli la vostra economia fino al punto che cadrete nelle nostre mani come un frutto troppo maturo.”

PRIMA di 1950 negli Stati Uniti, gli uomini cristiani non guardavano generalmente gli immagini pornografici; Il tasso di divorzio era circa 8% fra i matrimoni cristiani; adesso il tasso di divorzio fra i cristiani è circa lo stesso come il resto del mondo! Una delle priorità principale dei Massoni e di altri gruppi che cercano di distruggere la religione e la società per renderci i loro schiavi è di promuovere la pornografia più possibile! Papa Giovanni Paolo II ha detto che il problema con la pornografia non è che fa vedere troppo, ma che non fa vedere abbastanza; guardando la pornografia non aiuta il maschio di vedere la bellezza dentro la donna!

Gli uomini sposati che guardano regolarmente la pornografia, tradiscono veramente le loro moglie e fanno sesso non con le loro moglie, mentre sono a letto con le loro moglie, ma con un porno star non esistente conficcato nelle loro memorie. La pornografia ha aiutato gli uomini a dare se stessi in sacrifici alle loro moglie o di sfruttare le loro moglie per il loro proprio piacere? Con la pornografia l’uomo diventa il predatore invece il protettore. Giuda Iscariota ha tradito Gesù con un bacio!

Sulla “Rivista internazionale delle Società Segrete” troviamo la spiegazione di quanto sta avvenendo sotto gli occhi di tutti; sono parole tanto chiare quanto diaboliche: “La religione non teme la punta del pugnale, ma può cadere sotto il peso della corruzione. Non stanchiamoci quindi di corrompere. Rendiamo popolare il vizio nelle moltitudini: bisogna che lo respirino i cinque sensi, che lo bevano, che ne siano sature. Fate dei cuori viziosi e non avrete più cattolici”.

In altre parole: PER DISTRUGGERE LA CHIESA… MEGLIO LA CORRUZIONE CHE LA PERSECUZIONE. Quindi lo scopo della Massoneria è fin troppo chiaro e, da buoni figli della Massoneria, anche il Comunismo ateo e il Capitalismo selvaggio hanno individuato nella corruzione la via migliore per giungere alloro scopo: la sparizione della fede, l’eliminazione della Chiesa e l’asservimento dell’umanità. Riporto senza alcun commento, alcune frasi stralciate dai loro programmi:

1) “CORROMPETE LA GIOVENTÙ; alienatela dalla religione; fissate la loro attenzione sul sesso; lasciateli diventare superficiali; distruggete il loro idealismo; provocate con ogni mezzo il crollo delle virtù morali, dell’onestà, della purezza” (Manuale per i comunisti della Florida).

2) “Il nostro compito è di PROMUOVERE L’ONDATA DELLA PORNOGRAFIA e di presentarla con simpatia come il fine supremo della libertà artistica” (Parola d’ordine del Partito Comunista Italiano).

3) “Se vogliamo distruggere una nazione, DOBBIAMO PRIMA DISTRUGGERE LA SUA MORALE; poi ci cadrà in grembo come un frutto maturo. Svegliate l’interesse della gioventù per il sesso e sarà vostra” (Lenin).

4) “Abrogate tutte le leggi contro l’oscenità. Distruggete il senso morale diffondendo la pornografia nei libri, nei periodici, nei cinema, alla radio e in televisione. PRESENTATE LE DEGENERAZIONI SESSUALI COME NORMALI, naturali, favorevoli all’equilibrio psichico e igienico. Distruggete la famiglia, favorendo le unioni libere e il divorzio” (Direttive impartite ai comunisti degli Stati Uniti).

5) “Quando l’uomo sarà divenuto un essere che striscia, che grugna e salta sulla femmina, e voi continuerete soltanto ad accarezzare il suo sesso e a SCATENARE LA BESTIA che è in lui, allora il porcile diventerà un macello. La carne che offrite nelle vostre riviste illustrate è buona tutt’al più ad essere venduta, schernita, torturata, uccisa e bruciata” (Jean Cau, scrittore francese).

6) “La prima conquista da fare è LA CONQUISTA DELLA DONNA… La donna deve essere liberata dalle catene della Chiesa e della legge… Per abbattere il Cattolicesimo, bisogna cominciare col sopprimere la dignità della donna; la dobbiamo corrompere assieme alla Chiesa. Diffondiamo la pratica del nudo: prima le braccia, poi le gambe, poi tutto il resto. Alla fine la gente andrà in giro nuda o quasi, senza più battere ciglio. E, tolto il pudore, si spegnerà il senso del sacro, s’indebolirà la morale e morirà per asfissia la fede” (Piano Massonico).

7) “Abbiamo associato giovinezza, musica, sesso, droga e rivoluzione con tradimento: è molto difficile andare oltre” (Jerry Rubin, rivoluzionario americano).

Commenta il Card. Ratzinger: “C’è qualcosa di diabolico nel modo con cui si sfrutta il mercato della pornografia e della droga. E infernale una cultura che persuade la gente che il solo scopo della vita sono il piacere e l’interesse privato”.

(http://medjugorje.altervista.org/index.php/archivio/articolo/vitacristiana/1397/Impurit%C3%A0-e-pornografia-i-responsabili-dello-sfascio).

Abbiamo aperto la scatola di Pandora con la pornografia, l’anticoncezione, l’aborto, l’eutanasia, … Parlando dell’accettazione dell’aborto, l’apologista, l’Arcivescovo Fulton J. Sheen ha predetto, “Se non fermiamo la distruzione della vita, arriveremo a mezzanotte, cioè, la guerra nucleare, in cui ci sarà UNA MANCANZA TOTALE DI CONSIDERAZIONE PER LA VITA.”

Gli Stati Uniti non è più un paese cristiano. Gli Stati Uniti ha dato approvazione di più di 50 milioni aborti da 1973. Adesso gli Stati Uniti è il numero uno produttore e esportatore della pornografia, il grande distruttore delle coppie e delle famiglie e perciò la società! Negli Stati Uniti si da i condom agli studenti nelle scuole pubbliche; gli Stati Uniti ha fatto legale le coppie omosessuali USANDO LA PAROLA MATRIMONIO!?!

Per leggere il mio combattimento contro la PORNOGRAFIA e l’indifferenza e il relativismo dei proprietari di un bar qui in Italia, e l’indifferenza del parroco, visitate:

http://parolafavita.blogspot.it/2013/04/giacomo-59.html .

– – –

In verità, il Signore non fa cosa alcuna senza aver rivelato il suo consiglio ai suoi servitor, i profeti” (Amos 3,7).

Guardando ciò che sta succedendo in Russia e nell’Ukraine, forse sarebbe prudente di ricordare gli avvertimenti di Lucia di Fatima.

LA RUSSIA PUNIRÀ IL MONDO!”

In inglese:

Sr. Lucia of FATIMA: “Russia is going to punish the world!” prolifeformankind.com 382,710 views

https://www.youtube.com/watch?v=jCjmYEujp5Y

L’imminente Grande Castigo; è rivelato nel Terzo Segreto di Fatima

http://fatima.org/it/resources/cr73grande.asp

http://www.lalucedimaria.it/suor-lucia-di-fatima-il-castigo-del-cielo-e-imminente/

Prima pensavo che la RussiaPUNIRÀ IL MONDO” come un paese comunista secolare!?!

Prima della morte di Padre Pio tante persone dalla mia diocesi di Perugia sono andate a visitare Padre Pio. Quando Padre Pio ha scoperto che sono dalla Perugia, ad alcuni, PADRE PIO HA DETTO CHE DOPO QUESTO PERIODO DELLA GRANDE TRIBOLAZIONE, A PERUGIA, NON RIMARRÀ PIETRA SU PIETRA! Percentualmente, la concentrazione dei massoni a Perugia è più alto che in qualsiasi altra città in tutta Italia! Da 16 anni ho preso il consiglio santo del Servo di Dio, l’Arcivescovo Fulton Sheen, di fare un’ora santa ogni giorno in chiesa davanti al Dio infinito nel tabernacolo nel Santissimo Sacramento. Quando ho suggerito questo a più di 20 preti nella mia diocesi di Perugia, tutti mi hanno risposto che non hanno tempo. Li ho risposto che se non passo un’ora ogni giorno con Gesù nella chiesa nel tabernacolo, finisco a dare alle persone un povero prete, Don Jo, invece di darle Gesù. 2000 anni fa Gesù è morto come il Sommo Sacerdote sulla croce per la redenzione del mondo. La Madonna ha rivelato a Don Stefano Gobbi che tanti dei pochi sacerdoti che rimangono fedeli alla Verità, che è Gesù (Gv 14,6), saranno offerto il dono del martirio per la purificazione del Corpo di Cristo, la Chiesa!

COME APOSTOLI DEGLI ULTIMI TEMPI, dovete seguire Gesù sulla strada del disprezzo del mondo e di voi stessi, … Sono giunti i vostri tempi ed io vi ho format in questi anni perché possiate dare ora la vostra forte testimonianza di discepoli, fedeli a Gesù, fino allo spargimento del vostro stesso sangue. Quando, da ogni parte della terra, tutti voi, miei piccoli bambini, darete questa testimonianza di apostoli degli ultimi tempi, allora il mio Cuore Immacolato avrà il suo più grande trionfo” (La Madonna a Don Stefano Gobbi, 8 giugno 1991).

Vi invito a chinarvi con Me sull’altare ove anche voi generate Gesù nel mistero Eucaristico. Con Me adoratelo, con Me ricolmatelo di amore, con Me consolatelo, con Me ringraziatelo, con Me riparate per le offese, il gelo e la grande indifferenza di cui è circondato. Con Me difendetelo con la vostra vita, pronti a donare per Lui il vostro sangue.” (La Madonna a Don Stefano Gobbi, 24 dicembre 1977).

Oggi il suo sangue può ancora purificare questo mondo. Il suo e il vostro sangue, figli miei prediletti. Perché per mezzo di voi Gesù rivive veramente; con voi rinnova il suo Sacrificio dell’eterna alleanza; in voi ogni giorno Lui ancora si immola Vittima e Sacerdote, altare e offerta.” (La Madonna a Don Stefano Gobbi, 24 marzo 1978).

(http://madonna-sacerdoti.blogspot.it/)

– – –

Quando Israele nell’Antico Testamento ha dimenticato Dio e le sue leggi, Dio, che per amore rispetta il libero arbitrio dell’uomo, ha tolto la sua mano protettrice e gli altri paesi hanno vinto le battaglie contro Israele. In questo periodo della “tribolazione grande , quale mai avvenne dall’inizio del mondo fino a ora, né mai più ci sarà” (Mt 24,21), la Nostra Signora di Fatima ha detto ai tre bambini che sarà la Russia che sarà lo strumento di Dio di castigo per punire il mondo per aiutare quelli di buona volontà di pentirsi, di fare penitenza e di cambiare vita prima di incontrare la Giustizia di Dio dopo la morte. Siccome non abbiamo esaudito le richieste della Madonna a Fatima, la Russia (il braccio destra della Massoneria fino a 1989) “diffonderà i suoi errori in tutto il mondo, causando guerre e persecuzioni alla Chiesa.”

UN SECONDO NELL’INFERNO È PEGGIO DI MILLE ANNI DEI DOLORI PIÙ FORTI QUI SULLA TERRA! “La pena principale dell’inferno consiste nella separazione eterna da Dio” (CCC 1035). Tantissime persone non vogliono stare con la Verità che è Dio, è perciò dopo la morte si buttano volentieri nel posto dove non c’è Dio, che si chiama l’Inferno! “La verità (di Dio!) vi fa liberi” (Gv 8,32), ma tantissime persone preferiscono le belle bugie facili egotistiche del “padre della menzogna” (Gv 8,44) che bisbiglia nelle loro menti di non fidarsi a Dio ma a se stessi, and che i Dieci Comandamenti di Dio non sono per il loro vero bene ma per il loro male!

– – –

Svelato: La Guerra nascosta di Putin contro la decadenza occidentale.

In inglese:

Revealed: Putin’s covert war on western decadence

Russia is being presented as a moral fortress against gays and pornography

1 October 2016

http://www.spectator.co.uk/2016/10/revealed-putins-covert-war-on-western-decadence/

– – –

Fatima e il Terzo Segreto Esposto 9/11: Il Motivo per cui hanno paura e odiano Putin; Avere Effetto Contrario

In inglese:

Fatima and Third Secret Exposé 9/11: Why They Fear and Hate Putin; Backfiring

https://www.youtube.com/watch?v=VKCHlNNV9Sw

Published on Aug 27, 2016

https://xlerma.wordpress.com/2010/12/22/why-the-west-fears-putin/

– – –

Putin – il Difensore della Fede.

In inglese:

Putin- Defender of the Faith

http://y2u.be/22HkzDOc18k

https://www.youtube.com/watch?v=22HkzDOc18k

– – –

Parte 11: PADRE AMORTH sulla Consacrazione Russia, la Fede Cristiana di Putin

In inglese:

Part 11: Fr. Amorth on Russia Consecration, Putin’s Christian Faith

http://y2u.be/jZYFwev2Ybo

– – –

Quando la gente dirà: ‘Ora tutto è tranquillo e sicuro’, proprio allora il disastro li colpirà, improvviso, come i dolori del parto. E nessuno potrà sfuggire” (1Tess 5,3).

40 milioni russi vanno nel bunker il 4 a 7 ottobre

In inglese:

40 Million Russians Going To Bunkers During October 4th To October 7th Drills – What Do The Russians Know That The American People Don’t Know?

http://allnewspipeline.com/WW3_Russians_Drill_Moving_40_Million_To_Bunkers.php

Per la crisi di Cuba nel 1960, c’erano tanti bunker pubblichi per i cittadini americani, mentre nella Russia c’erano i gulag nella Siberia per i cittadini russi e i capi della partita comunista avevano tutte le comodità. Adesso ci sono tanti campi FEMA pronti per i cittadini americani e ci sono i bunker lussuosi per gli elite ricchi del Nuovo Ordine Mondiale, mentre nella Russia ci sono tanti bunker per i cittadini russi!?! Dopo tanti anni della indottrinazione molto forte della cultura della morte negli Stati Uniti, ed un nuovo premier cattolico della Russia, vediamo adesso un ROVESCIO INCREDIBILE, che era anche profetizzato dall’Arcivescovo Fulton Sheen ed altri!?!

La Russia: Un Gioiello nella Corona della Madonna; Dove Dio Piange

In inglese:

Russia: A Jewel in Our Lady’s Crown

Where God Weeps

http://tv-episodes.prettyfamous.com/l/2537558/Russia-A-Jewel-in-Our-Lady-s-Crown

http://www.messengersaintanthony.com/content/secret-fatima

Russia: Il Sangue dei martiri sono i semi della fede

Where God Weeps

Fr. Michael Shields

La Lezione la Russia Può Insegnare all’occidente

Where God Weeps

Fr. Michael Shields

– – –

Durante una visione del 1820, fu rivelato alla beata Anna Caterina Emmerick che Satana sarebbe stato liberato dalle catene circa ottanta’anni prima dell’anno 2000; dunque verso la fine degli anni ’10 del XX secolo. Tale periodo di libertà per il serafino decaduto sarebbe durato un secolo, come Leone XIII sentì in quell’insolito “dialogo” un 13 ottobre. Pensateci bene. Non vi viene in mente nulla? Satana è stato liberato dalle catene il 13 ottobre del 1917, giorno dell’ultima apparizione mariana a Fatima, quando ci fu il “miracolo del sole”, e la Madonna ha promesso che «il mio Cuore Immacolato trionferà»! Questo corrisponderà all’adempimento del “Proto-Vangelo” (Gen 3,15) quando la donna schiaccerà la testa del serpente, il “enorme drago rosso” (Apoc 12,3), in un modo definitivo e finale, come San Luigi de Montfort spiega nel suo libro classico: “Trattato della Vera Devozione a Maria” (http://holyqueen.altervista.org/pdf/Libri/Montfort_Trattato_vera_devozione.pdf).

La Chiesa non entrerà nella gloria del Regno che attraverso quest’ultima pasqua, nella quale seguirà il suo Signore nella sua morte e risurrezione” (CCC 677). Il Corpo di Cristo, la Chiesa, passerà le tappe della vita di Gesù. È interessante che Leone XIII (che era il vescovo della mia diocesi, Perugia, per 32 anni!) sentì quell “dialogo” esattamente 33 anni prima del “miracolo del sole” a Fatima. Gesù ha vissuto 33 anni ed è finito la sua vita sulla croce, quando Satana, nella sua superbia, ha creduto di aver sconfitto Cristo! Credo che noi (la Chiesa) siamo già nella passione di Gesù e sulla croce. La “morte” e la “sepoltura” della Chiesa è vicino, ma dopo sarà la Risurrezione!!!

In riguardo di questo periodo di grande crisi, la Madonna ha rivelato a Don Stefano Gobbi:

IL MIO AVVERSARIO CREDERÀ UN GIORNO DI CANTARE COMPLETA VITTORIA: sul mondo, sulla Chiesa, sulle anime. Sarà soltanto allora che Io interverrò – terribile e vittoriosa – perché la sua sconfitta sia tanto più grande, quanto più sicura era la sua certezza di aver vinto per sempre. Quanto si preparando è cosa tanto grande, che mai così è stata dalla creazione del mondo: per questo già tutto è stato predetto nella Bibbia. Vi è già stata annunciata la terribile lotta fra me “la Donna vestita di sole”, e “il Dragone rosso” (Apoc 12), Satana, che ora riesce a sedurre molti …” (18 ottobre 1975).

(“La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html).

La bella Signora a Fatima (1917) si è identificata come la Nostra Signora del ROSARIO. “Il FULMINE su San Pietro nella festa della Madonna del ROSARIO” (7 ottobre 2016; http://www.lalucedimaria.it/la-seconda-volta-un-fulmine-colpisce-san-pietro-segno-sara/). L’ultima volta che un fulmine ha colpito la cupola della Basilica di San Pietro era il giorno delle dimissioni di Papa Benedetto (http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/11-febbraio-dimissioni-Benedetto-XVI-chiesa-a7a36426-ab0c-4c64-8b5c-11d699b03340.html)!!!

– – –

Dopo tanti anni di avvelenamento morale devastante, non è possibile di risolvere il problema con un nuovo presidente degli Stati Uniti che prometti di mettere apposto le cose. Questa battaglia, questa guerra, è soprattutto una guerra spirituale.

L’AMERICA, E ANCHE TUTTO IL MONDO, HA BISOGNO DI UN RISANAMENTO RADICALE; “sanatio in radice” in latino quando si riferisce alla guarigione di un matrimonio non valido, non una guarigione falsa con nessun pentimento o cambiamento di vita come è offerto da tanti vescovi oggi nel nome della “misericordia”! Dobbiamo tutti metterci in ginocchio e fare digiuno ed implorare Dio come ha fatto Ester (4,16) del Antico Testamento, e tutti i santi. “I cittadini di Ninive credettero a Dio e bandirono un digiuno, vestirono il sacco, dal più grande al più piccolo” (Giona 3,5). I cittadini di Ninive cedettero le parole del profeta Giona ma le persone oggi non credono nelle parole del profeta umano più grande mai mandato alla terra, la Madre di Dio, la Regina dell’Universo, la “Sede della Sapienza” in persona!!!

La Madonna ha rivelato a Don Stefano Gobbi:

LA LOTTA SARÀ SOPRATTUTTO FRA ME E IL SERPENTE ANTICO, A CUI INFINE SCHIACCERÒ LA TESTA. Per questo ora vi domando solo quelle cose che, al vostro umano modo di vedere, sembrano piccole e insignificanti. Mentre ogni giorno aumenta la propaganda, il clamore dei nemici di Dio che riescono a conquistare ogni cosa, Io vi domando di rispondere solo con la vostra fiducia e il totale abbandono, con la preghiera, con la sofferenza e il vostro silenzio. Eppure quanto offrite al mio Cuore, nelle mie mani, diventerà una terribile arma per combattere e vincere questa battaglia. Alla orgogliosa schiera dei superbi che si ribellano a Dio, Io risponderò con la schiera dei miei figli piccoli, umili, disprezzati e perseguitati. E per mezzo di voi la vittoria sarà alla fine dell’umile “serva del Signore”.” (Leggete tutto il messaggio di questa data di 30 ottobre 1975, a http://madonna-sacerdoti.blogspot.it/).

Il capo invisibile del Nuovo Ordine Mondiale, della Massoneria, degli Illuminati, dei Bildebergers, è SATANA, “il padre della menzogna” (Gv 8,44). Se non risolviamo la causa del problema ai radici, non conviene di cambiare qualche decorazioni esteriori con le promesse audaci. Ormai, solo Dio può salvarci, come da sempre. Naturalmente la vera soluzione è ciò che Cristo ci ha offerto nei Vangeli, spiegata infallibilmente dalla Sua Chiesa, la Chiesa Cattolica. Questa soluzione è riassunta semplicemente dalla Madre di Dio a Fatima che ci ha detto che la soluzione è tanta preghiera, in particolare il SANTO ROSARIO, ed i sacrifici personali offerti per la conversione dei peccatori. Ma non La abbiamo ascoltato!

Papa Giovanni Paolo II ha detto ad un gruppo a Fulda, Germania in novembre 1980, parlando dei segreti di Fatima, che: “Dobbiamo essere preparati a soffrire presto grande tribolazioni che ci esigerà la disposizione di sacrificare perfino la nostra vita per Cristo. Attraverso le vostre e le mie preghiere, è ancora possibile di diminuire la tribolazione (predetta da Fatima), ma non è più possibile di evitarla, perché soltanto in questa maniera la Chiesa può essere rinnovata effettivamente. Quante volte è stato compiuto il rinnovo della Chiesa con il sangue. Non sarà diversa questa volta.” (http://www.fatima.org/it/thirdsecret/pubtestjp2.asp).

I MASS MEDIA, CONTROLLATI DAL NUOVO ORDINE MONDIALE, DARÀ LA COLPA A PUTIN PER LA TERZA GUERRA MONDIALE. Penso che il Nuovo Ordine Mondiale (NOM) e gli Stati Uniti credono che possono facilmente vincere contro la Russia! Putin ha resistito la grande pressione di obbedire il NOM; Putin, simile allo Zar di Russia 100 anni fa, non ha lasciato il potere monetario fondamentale del NOM a rimanere ne rientrare nella Russia come è successo in quasi tutti i paesi del mondo – negli Stati Uniti, il Federal Reserve Banca; in Italia, la Banca Centrale d’Italia, conosciuto come la “Zecca”!

Credo che la Russia vincerà gli Stati Uniti presto e poi la Russia andrà verso l’Europa e il Medio Oriente, perché il NOM sarà contro Putin. Satana sa “che gli resta poco tempo” (Apoc 12,12)! Tanti rivelazioni private indicano che prima del centenario del grande miracolo del sole a Fatima, Portugalo, il 13 ottobre 1917, VEDREMO TUTTO QUELLO CHE NON ABBIAMO VISTO ANCORA DEL CAPITOLO 24 DEL VANGELO DI MATTEO E ANCHE UNA BUONA PARTE DEL LIBRO DELL’APOCALISSE, in particolare il capitolo 13! (Vedete: “Satana Scimmiotta Cristo”; http://cibo-spir.blogspot.it/2016/09/satana-scimmiotta-cristo.html)

Oggi ho udito queste parole: «Nell’Antico Testamento mandai al Mio popolo i profeti con i fulmini. Oggi mando te a tutta l’umanità con la Mia Misericordia. Non voglio punire l’umanità sofferente, ma desidero guarirla e stringerla al Mio Cuore misericordioso. FACCIO USO DEI CASTIGHI SOLO QUANDO ESSI STESSI MI COSTRINGONO A QUESTO; la Mia mano afferra malvolentieri la spada della giustizia. Prima del giorno della giustizia mando il giorno della Misericordia». Ho risposto: «O mio Gesù, parla Tu stesso alle anime, poiché le mie parole non hanno importanza» (Diario di Santa Faustina, no. 1588).

– – – – – – –

SOTTO CI SONO ALTRI ARTICOLI CHE FORSE TROVERETE INTERESSANTE:

– – –

SUOR LUCIA di FATIMA si sforza di DIRE IL TERZO SEGRETO

In inglese:

SR. LUCY OF FATIMA struggles to tell THE THIRD SECRET prolifeformankind.com 172,352 views

https://www.youtube.com/watch?v=sXkNhkcYVXI

HERE IS A LOOK AT SR. LUCY OF FATIMA’s STRUGGLES IN TELLING THE THIRD SECRET OF FATIMA.

– – –

Putin dice che la Guerra con USA è imminente. La prima settimana di ottobre 40 milioni cittadini russi sono andati nei bunker in preparazione.

In inglese: This has been a critical week. Putin was quoted in Pravda that nuclear war with the US is imminent. Russia spent Monday-Weds. on civil defense preparations moving 40 million citizens into bomb shelters with the aid of 200,000 emergency personnel. Please read carefully the article below then listen.

http://www.thecommonsenseshow.com/2016/10/09/emergency-announcement-where-you-are-at-is-where-you-will-soon-stay-ww3-is-here/

http://thefederalistpapers.org/us/russian-media-claims-nuclear-war-with-u-s-is-imminent

– – –

Putin minaccia di rivelare le prove satellitari del 11 settembre

In inglese:

http://www.veteranstoday.com/2015/02/10/pravda-putin-threatens-to-release-satellite-evidence-of-911/

Pravda: Putin Threatens to Release Satellite Evidence of 9/11 …

Feb 10, 2015 – Pravda: US fears Russian publication of satellite photos of the tragedy of 9/11 … the US and Russia reached the worst point since the Cold War, Putin …. to the actual operations and uses of nuclear technology in commercial applications. … In your second sentence, you mentioned George Bush as being a …

– – –

Papa Francesco e Putin. Il viaggio Fatima-Roma-Mosca

Giuseppe Brienza Porpora

Nel messaggio di Fatima, Mosca è destinata ad avere un peso determinante nella crisi mondiale contemporanea, come spiega don Ennio Innocenti nel suo ultimo libro.

http://formiche.net/2015/02/16/papa-francesco-putin-il-viaggio-fatima-roma-mosca/

– – –

Questa è la testimonianza del Sacerdote Paul Leonard Kramer – SSPX Marian Corps, tra i più autorevoli studiosi delle vicende di Fatima (traduzione del video): Il Presidente Russo signor Vladimir Vladimirč Putin ha chiesto a Bergoglio la consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria e Bergoglio gli ha risposto: NO!?!

http://pesolex.com/it/papa-francesco-e-il-controllo-massonico-dal-vaticano/

Vladimir Putin chiede la Consacrazione della Russia, il Papa dice NO.

In inglese:

Vladimir Putin requests the Consecration of Russia; Pope says No.

https://www.youtube.com/watch?v=WehqTwn600Q

Published on Jan 15, 2015

Ha chiesto Putin al Papa Francesco di consacrare la Russia?, Padre Gruner spiega…

In inglese:

Did Putin ask Pope Francis to consecrate Russia?, Fr. Gruner explains…

http://www.cathinfo.com/catholic.php/Did-Putin-ask-Pope-Francis-to-consecrate-Russia

Il Presidente Putin Chiede per la Consacrazione della Russia – Francesco Dice NO!

In inglese:

President Putin Asks for the Consecration of Russia-Francis Says NO!

http://op54rosary.ning.com/forum/topics/president-putin-asks-for-the-consecration-of-russia-francis-says-

– – –

La lunga marcia: da Fatima a Putin, breve storia della consacrazione della Russia

http://www.papalepapale.com/develop/la-lunga-marcia-da-fatima-a-putin-breve-storia-della-consacrazione-della-russia/

Posted in Uncategorized | Tagged , , , , , , | 1 Comment

Russia Will Punish the World – 3rd Secret of Fatima Revealed

Russia Will Punish the World – 3rd Secret of Fatima Revealed

People today do not realize the great devastation of ignoring God’s holy laws. It is like kids ignoring what their parents tell them such as not to play with matches or to not play near the highway, and later there are dire consequences. Saint Michael the Archangel at Garabandal, sent by Our Lady, (Spain, 1965) said: “Many Cardinal, many Bishops and many Priests are on the road to perdition and with them they are bringing many souls”! I believe that one of the main reasons for what Saint Michael the Archangel said is due to the strange silence of so many bishops and priests about what does most harm to each person, sin, in particular, mortal sin. Today (false) “love” is equated with saying what people want to hear rather than what God desires to communicate to people. “For the time is coming when people will not endure sound teaching, but having itching ears they will accumulate for themselves teachers to suit their own likings, and will turn away from listening to the truth and wander into myths” (2Tim 4:3-4).

We must be very careful today because with less prayer and more sin than ever before, we have given great power to “the father of lies” (Jn 8:44) to be able to more than ever before disguise “himself as an angel of light” (2Cor 11:14).

We must stay close to the fundamentals of revealed truth very well summarized in the Catechism of the Catholic Church for adults (CCC) and in the true documents of the Magisterium of the Church, not the “spirit of Vatican II”! But of course A FUNDAMENTAL TACTIC OF OUR ENEMY IS TO OFFER US HALF-TRUTHS, such as, only talking about mercy without talking about the other half of the truth, that is, the need and obligation to repent and change our lives. A half-truth is worse than a lie because we think we are being led properly by those who have the God-given vocation to lead us toward God and toward eternal life, not eternal death.

There is nowhere in the scriptures where the mercy of God doesn’t expect a response of faith and repentance. One of the huge deceptions is that just because God is merciful, that means I’m OK. We become OK when we respond to mercy, when we repent and when we believe. And that needs to be part of the message, which very often today is lacking even from the highest authority in the Church.

The Freemasons now have very great power and a lot of money to brainwash us and to manipulate the politicians and leaders of the Catholic Church.

George Soros paid $650K to influence bishops during Pope’s US visit

BREAKING: Leaked e-mails show George Soros paid $650K to influence bishops during Pope’s US visit

August 23, 2016 (LifeSiteNews) – Leaked emails through WikiLeaks reveal that billionaire globalist George Soros – one of Hilary Clinton’s top donors – paid $650,000 to influence Pope Francis’ September 2015 visit to the USA with a view to “shift[ing] national paradigms and priorities in the run-up to the 2016 presidential campaign.” The funds were allocated in April 2015 and the report on their effectiveness suggests that successful achievements included, “Buy-in of individual bishops to more publicly voice support of economic and racial justice messages in order to begin to create a critical mass of bishops who are aligned with the Pope.”

https://www.lifesitenews.com/news/breaking-leaked-e-mails-show-george-soros-paid-to-influence-bishops-during

Over four hundred years ago Our Lady of Good Success; Quito, Ecuador (January 20, 1610), told us:

“Thus I make it known to you that from the end of the 19th century and shortly after the middle of the 20th century…the passions will erupt and there will be a total corruption of morals… As for the Sacrament of Matrimony, which symbolizes the union of Christ with His Church, it will be attacked and deeply profaned. FREEMASONRY, which will then be in power, will enact iniquitous laws with the aim of doing away with this Sacrament, making it easy for everyone to live in sin and encouraging procreation of illegitimate children born without the blessing of the Church… IN THIS SUPREME MOMENT OF NEED FOR THE CHURCH, THE ONE WHO SHOULD SPEAK WILL FALL SILENT.”

– – –

Archbishop Fulton Sheen and Cardinal Biffi gave us an idea of what the New World Religion would be like:

The false church will be worldly, ecumenical (false), and global. It will be a loose federation of churches, religions forming some type of global association, a world parliament of churches. It will be emptied of all divine content and will be the mystical body of the antichrist.” Thus we see now that Bishop Fellay is coming together with “Pope Francis” because “Pope Francis” has indicated that the doctrinal issues are not so important!!! Let us put aside the uncomfortable Truth, Who is Jesus Christ, so as to be all together in a worldwide brotherly fraternity of “peace and love”!?! But Christ came for division (Lk 12:49-53), the division between those who accept and embrace the Truth of God (not of the world), and those who accept and embrace the false truth of “the father of lies” (Jn 8:44)!

Talking about the two extremes meeting, I find it rather interesting that very recently Bishop Fellay and “Pope Francis” seem to be coming together!?! Pope Benedict opened up dialogue with the SSPX and even bent over backwards to receive them into the Catholic Church, allowing them to maintain their liturgical rites. But Pope Benedict would not receive them into the Church if they were not willing to accept the documents of the Second Vatican Council. Pope Benedict took this discernment process out of the Congregation for Divine Worship and gave it to the Congregation for the Doctrine of the Faith, because the real problem was not so much a liturgical issue but a doctrinal issue.

(https://www.ncregister.com/daily-news/sspxs-bishop-fellay-little-by-little-rome-is-giving-us-all-we-need-for-reco/)

(“Bergoglio, the General Who Wants to Win without Fighting”; http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350737?eng=y).

– – – – – – – –

Our Lady of Fatima offered as a sign the great miracle of the sun on October 13, 1917; more than 70,000 witnessed this miracle which was reported even in the secular mass media. The “woman clothed with the sun, with the moon under her feet, and on her head a crown of twelve stars” (Rev 12:1) will do battle with “the dragon” (Rev 12:4) and will ultimately crush the head of the ancient serpent (Gen 3:15) so as to prepare the second coming of her son, Jesus Christ.

In this great battle in this period of the “great tribulation” (Mt 24:21) there will be many followers of the serpent, in particular the followers of the first beast (the antichrist), a political leader, and the second beast (the false prophet), a religious leader, of the Book of Revelation.

Some of the saints and wise men and women of the past have offered to us A DESCRIPTION OF THESE TWO FIGURES so as to warn us of their great deception of these puppets of “the father of lies” (Jn 8:44).

Pope Benedict XVI INVITED CARDINAL BIFFI TO OFFER THE ANNUAL LENTEN RETREAT for the Pope and the top members of the Vatican (Feb. 27, 2007). The cardinal speaks often on the theme of the Antichrist. The Times of London reported in 2004 that the Cardinal described the Antichrist as “walking among us”. “Days will come in Christianity in which they will try to reduce the salvific event to a mere series of values.” It is a key passage in the last work of Vladimir Soloviev, “Tale of the Antichrist”, at the center of Cardinal James Biffi’s reflections. The Russian philosopher, who died in the year 1900 with great acumen, had prophesied the tragedies of the 20th century. In the “Tale of the Antichrist”, recalled the cardinal, “THE ANTICHRIST PRESENTS HIMSELF AS PACIFIST, ECOLOGIST AND ECUMENIST. He will convoke an ecumenical council and will seek the consensus of all the Christian confessions, granting something to each one. The masses will follow him, with the exception of small groups of Catholics, Orthodox and Protestants who will resist and will say to the Antichrist: ‘You give us everything, except what interests us, Jesus Christ’.” For Cardinal Biffi, this narrative is a warning: ‘Today, in fact, we run the risk of having a Christianity which puts aside Jesus with his cross and resurrection’.

(http://www.radiovaticana.org/it1/Articolo.asp?c=120479).

The Servant of God, Archbishop Fulton Sheen, told us in 1950:

“[Satan] will set up a counter church which will be the ape of the [Catholic] Church … It will have all the notes and characteristics of the Church, but in reverse and EMPTIED OF ITS DIVINE CONTENT.”

“We are living in the days of the Apocalypse, the last days of our era. The two great forces – the Mystical Body of Christ and the Mystical Body of the anti-Christ – are beginning to draw battle lines for the catastrophic contest.”

“The False prophet will have A RELIGION WITHOUT A CROSS. A RELIGION WITHOUT A WORLD TO COME. A religion to destroy religions. There will be a counterfeit Church.”

“Christ’s Church the Catholic Church will be one; and the false Prophet will create the other.”

THE FALSE CHURCH WILL BE WORLDLY, ECUMENICAL, AND GLOBAL. It will be a loose federation of churches and religions, forming some type of global association.”

“A world parliament of Churches. It will be emptied of all Divine content, it will be the mystical body of the anti-christ. The Mystical Body on earth today will have its Judas Iscariot, and he will be the false prophet. Satan will recruit him from our Bishops.”

“THE ANTICHRIST WILL NOT BE SO CALLED; OTHERWISE HE WOULD HAVE NO FOLLOWERS. He will not wear red tights, nor vomit sulphur, nor carry a trident nor wave an arrowed tail as Mephistopheles in Faust. This masquerade has helped the Devil convince men that he does not exist. When no man recognizes, the more power he exercises. God has defined Himself as “I am Who am,” and the Devil as “I am who am not.”

“Nowhere in Sacred Scripture do we find warrant for the popular myth of the Devil as a buffoon who is dressed like the first “red.” Rather is he described as an angel fallen from heaven, as “the Prince of this world,” whose business it is to tell us that there is no other world. HIS LOGIC IS SIMPLE: if there is no heaven there is no hell; if there is no hell, then there is no sin; if there is no sin, then there is no judge, and if there is no judgment then evil is good and good is evil. But above all these descriptions, OUR LORD TELLS US THAT HE WILL BE SO MUCH LIKE HIMSELF THAT HE WOULD DECEIVE EVEN THE ELECT–and certainly no devil ever seen in picture books could deceive even the elect. How will he come in this new age to win followers to his religion?”

(**): Communism and the Conscience of the West, by Archbishop Fulton J. Sheen, Bobbs-Merril Company, Indianapolis, 1948, pp. 24-25)

It is very interesting that “Pope Francis” stopped the process of beatification of Venerable Archbishop Fulton J. Sheen!?!

– – –

The fundamental power of the world leaders, the Freemasons, the New World Order, is obviously money, the banks. Any Politian with the power to enact a law to throw out these devious money masters, and to allow the government to print money instead of these private banks, would be killed like President Abraham Lincoln or President J. F. Kennedy and many others including the Zar of Russia almost a hundred years ago. For a few references, visit: “Satan Apes Christ” (http://spir-food.blogspot.it/2016/09/satan-apes-christ.html).

PUTIN BANS ROTHSCHILD FROM RUSSIA INFINITE FLAMES 36,873 views (https://www.youtube.com/watch?v=XoHtwZogMKM).

This is the primary underlying reason why the USA wants to provoke war with Russia, to eliminate Putin.

Another reason that the New World Order wants to eliminate Putin is the fact that PUTIN IS PROMOTING THE CULTURE OF LIFE instead of the culture of death; the Freemasons promote in a hidden but very powerful way the culture of death throughout the world, so as to weaken, control and manipulate the people.

THE MASS MEDIA IS VERY BIASED AGAINST PUTIN!!!

The Russian federal law “for the Purpose of Protecting Children from Information Advocating for a Denial of Traditional Family Values”, also known in English-language media as the gay propaganda law[1][2] and the anti-gay law,[3][4][5][6] is a bill that was unanimously approved by the State Duma on 11 June 2013 (with just one MP abstaining—IlyaPonomarev),[5] and was signed into law by President Vladimir Putin on 30 June 2013.[4]

The Russian government’s stated purpose for the law is to protect children from being exposed to content recognizing homosexuality as being a norm in society, under the argument that it contradicts traditional family values. The statute amended the country’s child protection law and the Code of the Russian Federation on Administrative Offenses, to make the distribution of “propaganda of non-traditional sexual relationships” among minors, an offense punishable by fines. This definition includes materials that “raises interest in” such relationships; cause minors to “form non-traditional sexual predispositions”; or “[present] distorted ideas about the equal social value of traditional and non-traditional sexual relationships.” Businesses and organizations can also be forced to temporarily cease operations if convicted under the law, and foreigners may be arrested and detained for up to 15 days then deported, or fined up to 5,000 rubles and deported.

https://en.wikipedia.org/wiki/Russian_gay_propaganda_law

– – –

The Russian government banned two popular porno-graphy sites, youporn and xhamster, also on the grounds of protecting public morality.

http://www.spectator.co.uk/2016/10/revealed-putins-covert-war-on-western-decadence/

During the cold war between Russia and the USA, NIKITA KHRUSHCHEV covertly imported pornography into the USA. In an interview with the Sec. of Agriculture, Esra Taft Benson during the Eisenhower administration, KHRUSHCHEV said, “You Americans are so gullible. No, you won’t accept communism outright; but we’ll keep feeding you small doses of Socialism until you will finally wake up and find that you already have communism. We won’t have to fight you; we will so weaken your economy UNTIL YOU FALL LIKE OVERRIPE FRUIT INTO OUR HANDS.”

BEFORE 1950 in the USA, Christian men generally did not regularly look at pornographic images; the divorce rate was about 8% among Christian marriages; now the divorce rate among Christians is about the same as the rest of the world! One of the main priorities of the Freemasons, and other groups seeking to destroy religion and the society so as to render us their slaves, is to promote pornography as much as possible! Pope John Paul II said that the problem with pornography is not that it shows too much, but that it does not show enough; looking at pornography does not help the male to see the beauty inside of the woman!

Married men who regularly look at pornography, are really betraying their wives and having sex not with their wives, while in bed with their wives, but with the non-existent porn star imbedded in their memories. Has pornography helped men to give themselves in self-sacrifice for their wives or to use their wives for their own pleasure? With pornography the man becomes the predator instead of the protector. Judas Iscariot betrayed Jesus with a kiss!

In order to destroy the Church… it is better by way of corruption than by persecution. … A few statements taken from the program of the Masons found in the ‘International Review of Secret Societies’ (http://medjugorje.altervista.org/index.php/archivio/articolo/vitacristiana/1397/Impurit%C3%A0-e-pornografia-i-responsabili-dello-sfascio):

In the ‘International Review of Secret Societies’ we find the explanation of what is happening under the eyes of everyone; they are words clear as they are diabolical: “Religion does not fear the point of the dagger, but it can fall under the weight of corruption. Thus we must not tire of corrupting. Let us make popular vice among the multitudes: it is necessary that they breath vice with the five senses, that they drink it, that they might be saturated with vice. Make their hearts dissolute and you will no longer have Catholics”.

In other words: TO DESTROY THE CHURCH… IT IS BETTER BY WAY OF CORRUPTION THAN BY PERSECUTION. Thus the goal of Freemasonry is rather clear and, from the good sons of Freemasonry, also atheistic Communism and savage Capitalism have identified corruption as the best way to arrive at their goals: the disappearance of the faith, the elimination of the Church and the enslavement of humanity. Here are a few statements taken from their programs:

1) “CORRUPT THE YOUTH; lead them away from religion; fix their attention on sex; let them become superficial; destroy their idealism; provoke within every way the collapse of the moral virtues, honesty, purity” (Manual for the communists of Florida).

2) “Our job is to PROMOTE A WAVE OF PORNOGRAPHY and to present it with sympathy as the supreme goal of artistic freedom” (Word of order of the Italian Communist Party).

3) “If we want to destroy a nation, WE MUST FIRST DESTROY IT’S MORALS; then it will fall in our laps as a ripe fruit. Awaken the interest of the youth for sex and it will be yours” (Lenin).

4) “Abrogate all the laws against obscenity. Destroy the sense of morals by diffusing pornography in the books, in the magazines, in the cinema, by way of radio and television. PRESENT THE SEXUAL DEGENERATIONS AS NORMAL, natural, favorable to the psychological and hygienic equilibrium. Destroy the family, favoring free unions and divorce” (Directives given to the communists of the United States).

5) “When man will become a being that crawls, that grunts and jumps on the female, and you will continue only to caress his sex and to UNLEASH THE BEAST that is in him, then the pigsty will become a slaughterhouse. The meat that you offer in your illustrated magazines is all the better to be sold, mocked, tortured, killed and burned” (Jean Cau, French writer).

6) “The first conquest to do is THE CONQUEST OF THE WOMAN; she must be liberated from the chains of the Church and from the law. To knock down Catholicism, it is necessary to begin with the suppression of the dignity of the woman; we must corrupt her together with the Church. Let us spread the practice of nudity: first the arms, then the legs, then all the rest. In the end people will go around naked or almost, without even batting an eye. And, having taken away modesty, the sense of the sacred will be snuffed out, morals will be weakened and the Faith will die from suffocation” (Masonic Plan).

7) “We have associated youth, music, sex, drugs and revolution with betrayal: it is very difficult to go further” (Jerry Rubin, American revolutionary).

Cardinal Ratzinger comments: “There is something diabolical in the way in which the market of pornography and of drugs is exploited. It is infernal a culture that persuades the people that the only goal of life is pleasure and private interest”.

We have opened Pandora’s box with pornography, contraception, abortion, euthanasia, …. Regarding America’s acceptance of abortion, the late Catholic apologist Archbishop Fulton J. Sheen predicted, “If we don’t stop the destruction of life, we’ll come to midnight, that is nuclear war, in which there will be A TOTAL DISREGARD FOR LIFE.”

The USA is no longer a Christian country. The USA has sanctioned well over 50 million abortions since 1973. Now the USA is the number one producer and exporter of pornography, the great destroyer of married couples and families and thus the society! In the USA condoms are handed out to students in the public schools; the USA has legalized homosexual couples USING THE WORD MARRIAGE!?!

To read about my struggle against the selling of PORNOGRAPHY and the indifference of the owners of a bar in Italy, and the indifference of the local pastor, visit:

http://wordbelife.blogspot.it/2013/04/james-59.html .

– – –

Surely the Lord GOD does nothing, without revealing his secret to his servants the prophets” (Amos 3:7).

WITH WHATS GOING ON IN RUSSIA AND UKRAINE, IT MIGHT BE WISE TO LOOK BACK AT SR. LUCIA’S WARNINGS!

Sr. Lucia of FATIMA: “Russia is going to punish the world!” prolifeformankind.com 382,710 views

https://www.youtube.com/watch?v=jCjmYEujp5Y

Sister Lucia of Fatima – “RUSSIA IS GOING TO PUNISH THE WORLD!” 3rd Secret revealed.

http://beforeitsnews.com/blogging-citizen-journalism/2015/10/sister-lucia-of-fatima-russia-is-going-to-punish-the-world-3rd-secret-revealed-2522436.html

http://www.ashtarcommandcrew.net/forum/topics/russia-is-going-to-punish-the-world

https://youtu.be/CkNrDNnFYrI

Before I thought that Russia wouldPUNISH THE WORLD” as a secular communist country!?!

– – –

Before the death of Padre Pio many people from my diocese of Perugia went to visit Padre Pio. When Padre Pio discovered that they were from Perugia, to some of them, PADRE PIO SAID THAT AFTER THIS PERIOD OF THE GREAT TRIBULATION, AT PERUGIA, THERE WILL NOT BE LEFT STONE UPON STONE. Percentage wise, the concentration of Freemasons at Perugia is higher than any other city in all of Italy! Sixteen years ago I took the holy advice of the Servant of God, Archbishop Fulton Sheen, to make a holy hour everyday in church before the infinite God in the tabernacle in the Most Holy Eucharist. When I suggested this to over 20 priests in my diocese of Perugia, they all said that they do not have time. I replied to them that if I do not spend one hour everyday with Jesus in church in the tabernacle, I end up giving other people a poor priest, Father Joe, instead of giving them Jesus. 2000 years ago Jesus died as the High Priest on the cross for the redemption of the world. Our Lady indicated several times to Don Stefano Gobbi that many of the few priests who remain faithful to the Truth, who is Jesus (Jn 14:6), will be offered the gift of martyrdom for the purification of the Body of Christ, the Church!

AS APOSTLES OF THE LAST TIMES, you must follow Jesus along the road of disdain for the world and for yourselves, … Your times have come, and I have formed you during these years, so that you may be able to give now your strong witness as faithful disciples of Jesus, even to the shedding of your very own blood. When, from every part of the earth, all of you, my little children, will give this witness as apostles of the last times, then my Immaculate Heart will have its greatest triumph” (Our Lady to Don Stefano Gobbi, June 8, 1991).

I invite you to bend with me over the altar where you too will beget Jesus in the Eucharistic mystery. Adore Him with me; heap love upon Him with me; console Him with me; thank Him with me; with me, make reparation for the offenses, the coldness and the great indifference with which He is surrounded. Together with me, defend Him with your life, ever ready to shed your blood for Him.” (Our Lady to Don Stefano Gobbi, December 24, 1977).

Today his blood can again purify this world. His blood and yours, my beloved sons! Because through you Jesus truly lives again. With you He renews his Sacrifice of the eternal Covenant. In you He immolates Himself again each day, as Victim and Priest, altar and offering.” (Our Lady to Don Stefano Gobbi, March 24, 1978).

(http://our-lady-priests.blogspot.it/)

– – –

When Israel in the Old Testament forgot God and His laws, God, who out of love respects the free choice of men, withdrew his protecting hand and the other tribes defeated Israel in battle. In this period of the “great tribulation, such as has not been from the beginning of the world until now, no, and never will be” (Mt 24:21), our Lady of Fatima told the three children that it will be Russia that will be God’s instrument of chastisement to punish the world so as to help those of good will to repent, to do penance and to change their lives before meeting the Justice of God after death. Since we did not heed Our Lady’s requests at Fatima, Russia (the right arm of Freemasonry up to 1989) has “spread her errors throughout the world, causing wars and persecutions of the Church”.

ONE SECOND IN HELL IS WORSE THAN A THOUSAND YEARS OF THE WORST PAINS HERE ON EARTH! “The chief punishment of hell is eternal separation from God” (CCC 1035). A great number of people do not want to be with the Truth who is God, and thus after death they willingly throw themselves into the place where God is not, which is called hell! “The Truth (of God!) shall make you free” (Jn 8:32), but a great number of people prefer the beautiful easy egotistical lies of “the father of lies” (Jn 8:44) who whispers in their minds to not trust God but themselves, and that God’s Ten Commandments are not for their real good but for their evil!

– – –

Revealed: Putin’s covert war on western decadence

Russia is being presented as a moral fortress against gays and pornography

1 October 2016

http://www.spectator.co.uk/2016/10/revealed-putins-covert-war-on-western-decadence/

– – –

Fatima and Third Secret Exposé 9/11: Why They Fear and Hate Putin; Backfiring

https://www.youtube.com/watch?v=VKCHlNNV9Sw

Published on Aug 27, 2016

https://xlerma.wordpress.com/2010/12/22/why-the-west-fears-putin/

– – –

Putin- Defender of the Faith

http://y2u.be/22HkzDOc18k

https://www.youtube.com/watch?v=22HkzDOc18k

– – –

Part 11: FR. AMORTH on Russia Consecration, Putin’s Christian Faith

http://y2u.be/jZYFwev2Ybo

– – –

When people say, “There is peace and security,” then sudden destruction will come upon them as travail comes upon a woman with child, and there will be no escape” (1Thess 5:3).

40 Million Russians Going To Bunkers During October 4th To October 7th Drills – What Do The Russians Know That The American People Don’t Know?

http://allnewspipeline.com/WW3_Russians_Drill_Moving_40_Million_To_Bunkers.php

For the Cuban crisis in 1960, there were many public bunkers for the US citizens, while in Russia there were the gulags in Siberia for the Russian citizens and the heads of the communist party had every comfort. Now there are many FEMA camps ready for the US citizens and luxurious bunkers for the elite rich of the New World Order, while in Russia there are many bunkers for the Russian citizens!?! After years of very strong indoctrination of the culture of death in the USA, and a new Catholic Premier of Russia, we now see an INCREDIBLE REVERSAL which was also prophesied by Archbishop Fulton Sheen and others!?!

Russia: A Jewel in Our Lady’s Crown

Where God Weeps

http://tv-episodes.prettyfamous.com/l/2537558/Russia-A-Jewel-in-Our-Lady-s-Crown

http://www.messengersaintanthony.com/content/secret-fatima

Russia: The Blood Of The Martyrs Are The Seeds Of Faith

Where God Weeps

Fr. Michael Shields

The Lesson Russia Can Teach To The West

Where God Weeps

Fr. Michael Shields

– – –

During a vision in 1820, it was revealed to Blessed Anna Caterina Emmerick that Satan would be freed from his chains about 80 years before the year 2000; thus toward the end of the 1910’s of the twentieth century. This period of freedom for the fallen seraph would last one century, as Pope Leo XIII heard in that unusual “dialogue” on October 13, 1884. What comes to mind? Satan was liberated October 13, 1917, the day of the last apparition of Our Lady at Fatima, when there was the “miracle of the sun”, and Our Lady promised that “my Immaculate Heart will triumph”! “And a great portent appeared in heaven, A WOMAN CLOTHED WITH THE SUN” (Rev 12:1). This will correspond to the fulfillment of the “Proto-Gospel” (Gen 3:15) when the woman will crush the head of the serpent, the “great red dragon” (Rev 12:3), in a definitive final way, as St. Louis de Montfort explains in his classical book: “True Devotion to Mary” (http://www.montfort.org/content/uploads/pdf/PDF_EN_26_1.pdf).

“The Church will enter the glory of the kingdom only through this final Passover, when she will follow her Lord in his death and Resurrection” (CCC 677). The Body of Christ, the Church, will pass through the stages of the life of Jesus. It is interesting that Pope Leo XIII (who by the way was the bishop of my diocese, Perugia, Italy, for 32 years!) heard that mysterious “dialogue” exactly 33 years before the “miracle of the sun” at Fatima. Jesus lived 33 years and finished His life on the cross, when Satan, in His pride, believed to have defeated Christ! I believe that we (the Church) are already in the passion of Jesus and on the cross. The Church’s “death” and “burial” is close at hand, but afterwards will be the Resurrection!!!

Regarding this period of great crisis, Our Lady revealed to Father Stefano Gobbi:

MY ADVERSARY WILL ONE DAY THINK THAT HE IS CELEBRATING A COMPLETE VICTORY: over the world, over the Church, over souls. It will be only then that I will intervene – terrible and victorious – that his defeat may be all the greater when he is certain in his conviction that he has conquered once for all. What is in preparation is so extraordinary that it’s like has never happened since the creation of the world. That is why everything has already been predicted in the Bible. The terrible struggle between me, the Woman Clothed with the Sun, and the Red Dragon (Rev 12), Satan, who has now succeeded in seducing many souls…” (October 18, 1975).

(“The Hidden Broad Road to Perdition”; http://spir-food.blogspot.it/2015/05/road-perdition.html).

The beautiful Lady at Fatima (1917) identified herself as Our Lady of the ROSARY. “LIGHTNING strikes dome of St. Peter’s Basilica on Feast of Our Lady of the ROSARY” (http://aleteia.org/2016/10/07/lightning-strikes-dome-of-peters-basilica-on-feast-of-our-lady-of-the-rosary/). The last time that lightning struck the dome of St. Peter’s Basilica was on the day of the resignation of Pope Benedict (http://www.mirror.co.uk/news/world-news/lightning-bolt-hit-vatican-not-1705156)!!!

– – –

After years of devastating moral poisoning, it is no longer possible to resolve the problem with a new president of the US who promises to put things straight. This battle, this war, is above all a spiritual war.

AMERICA, AS WELL AS THE WHOLE WORLD, NEEDS A RADICAL SANATION, “sanatio in radice” in Latin when referring to the healing of an invalid marriage, not a false healing with no repentance and no change of life as is offered by many clergymen today in the name of “mercy”! We must all get on our knees and fast and implore God as did Esther (4:16) of the Old Testament, and all of the saints. “The people of Nineveh believed God; they proclaimed a fast, and put on sackcloth, from the greatest of them to the least of them” (Jon 3:5). The people of Nineveh believed the words of the prophet Jonah but the people today do not believe the words of the greatest human prophet ever sent to earth, the Mother of God, the Queen of the Universe, and the “Seat of Wisdom” Herself!!!

Our Lady revealed to Don Stefano Gobbi:

THE STRUGGLE WILL BE ESPECIALLY BETWEEN ME AND THE ANCIENT SERPENT WHOSE HEAD I WILL, IN THE END, CRUSH. And so I now ask of you only those things which, according to you human way of looking at things, seem small and insignificant. As day by day propaganda increases, as well as the clamor of the enemies of God who are succeeding in winning everything over to themselves, all I ask of you is to respond with your trust and total abandonment, with prayer, with suffering and with your silence. However, whatever you offer to my Heart will become in my hands a terrible weapon with which to fight and to win this battle. To the haughty cohort of the arrogant who rebel against God, I will reply with the cohort of my little, humble, despised and persecuted sons. And through you the victory will belong, in the end, to the humble ‘handmaid of the Lord.’ ” (Lk 1:38) (Read the rest of the message of this date of October 30, 1975 at: http://our-lady-priests.blogspot.it/).

The invisible head of the New World Order, of the Masons, of the Illuminati, of the Bildebergers, is SATAN, “the father of lies” (Jn 8.44). If we do not solve the cause of the problem at its roots, it will not help to change a few exterior decorations with bold promises. By now, only God can save us, as always. Of course the real solution is what Christ offered us in the Gospels explained infallibly by His Church, the Catholic Church. This solution is simply summarized by the Mother of God at Fatima who told us that the solution is much prayer, in particular the HOLY ROSARY, and personal sacrifices offered for the conversion of sinners. But we did not listen to Her.

Pope John Paul II said to a group of pilgrims in Fulda, West Germany, in November 1980, speaking about the secrets of Fatima, that: “We have to be prepared to suffer, before long, great trials which will require of us the disposition to sacrifice even our life for Christ. Through your prayers and mine, it is still possible to diminish this trial (predicted at Fatima), but it is no longer possible to avert it, because only in this manner can the Church be effectively renewed. How many times has the renewal of the Church been brought about in blood! It will not be different this time.” (http://www.fatima.org/thirdsecret/fulda.asp).

THE MASS MEDIA, CONTROLLED BY THE NEW WORLD ORDER, WILL PUT THE BLAME ON PUTIN FOR WORLD WAR III. I think that the New World Order (NWO) and the USA feel they can easily defeat Russia! Putin resisted the very great pressure to obey the NWO; Putin, as the Zar of Russia 100 years ago, did not allow the fundamental monetary power of the NWO to remain or re-enter in Russia as has happened in almost all the countries of the world – in the USA, the Federal Reserve Bank; in Italy, the Central Bank of Italy, known as the “Zecca”!

I believe that Russia will quickly defeat the USA and then Russia will turn to Europe and the middle east, since the NWO will be against Putin. Satan “knows that his time is short” (Rev 12:12)! Many private revelations indicate that before the centenary of the great miracle of the Sun at Fatima, Portugal, October 13, 1917, WE WILL SEE ALL THAT WE HAVE NOT SEEN YET OF CHAPTER 24 OF THE GOSPEL OF MATTHEW AS WELL AS MUCH OF THE BOOK OF REVELATION, in particular chapter 13! (see: “Satan Apes Christ”; http://spir-food.blogspot.it/2016/09/satan-apes-christ.html)

“Today I heard the words: In the Old Covenant I sent prophets wielding thunderbolts to My people. Today I am sending you with My mercy to the people of the whole world. I do not want to punish aching mankind, but I desire to heal it, pressing it to My Merciful Heart. I USE PUNISHMENT WHEN THEY THEMSELVES FORCE ME TO DO SO; My hand is reluctant to take hold of the sword of justice. Before the Day of Justice I am sending the Day of Mercy. I replied, “O my Jesus, speak to souls Yourself, because my words are insignificant.” (Diary of Saint Faustina, no. 1588).

– – – – – – –

BELOW ARE OTHER ARTICLES YOU MIGHT FIND INTERESTING:

– – –

SR. LUCY OF FATIMA struggles to tell THE THIRD SECRET prolifeformankind.com 172,352 views

https://www.youtube.com/watch?v=sXkNhkcYVXI

HERE IS A LOOK AT SR. LUCY OF FATIMA’s STRUGGLES IN TELLING THE THIRD SECRET OF FATIMA.

– – –

Putin was quoted in Pravda that nuclear war with the US is imminent. Russia spent Monday-Weds. on civil defense preparations moving 40 million citizens into bomb shelters with the aid of 200,000 emergency personnel. Please read carefully the article below then listen.

http://www.thecommonsenseshow.com/2016/10/09/emergency-announcement-where-you-are-at-is-where-you-will-soon-stay-ww3-is-here/

http://thefederalistpapers.org/us/russian-media-claims-nuclear-war-with-u-s-is-imminent

– – –

Pravda: Putin Threatens to Release Satellite Evidence of 9/11 …

Feb 10, 2015 – Pravda: US fears Russian publication of satellite photos of the tragedy of 9/11 … the US and Russia reached the worst point since the Cold War, Putin …. to the actual operations and uses of nuclear technology in commercial applications. … In your second sentence, you mentioned George Bush as being a …

http://www.veteranstoday.com/2015/02/10/pravda-putin-threatens-to-release-satellite-evidence-of-911/

– – –

Pope Francis and Putin. The trip Fatima-Rome-Moscow

In Italian:

Papa Francesco e Putin. Il viaggio Fatima-Roma-Mosca

Giuseppe Brienza Porpora

Nel messaggio di Fatima, Mosca è destinata ad avere un peso determinante nella crisi mondiale contemporanea, come spiega don Ennio Innocenti nel suo ultimo libro

http://formiche.net/2015/02/16/papa-francesco-putin-il-viaggio-fatima-roma-mosca/

– – –

This is the testimony of the priest Father Paul Leonard Kramer – SSPX Marian Corps, among the more authoritative experts on Fatima: The Russian President Vladimir Putin asked Bergoglio the consecration of Russia to the Immaculate Heart of Mary and Bergoglio said NO!?!

In Italian:

Questa è la testimonianza del Sacerdote Paul Leonard Kramer – SSPX Marian Corps, tra i più autorevoli studiosi delle vicende di Fatima (traduzione del video): Il Presidente Russo signor Vladimir Vladimirč Putin ha chiesto a Bergoglio la consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria e Bergoglio gli ha risposto: NO!?!

http://pesolex.com/it/papa-francesco-e-il-controllo-massonico-dal-vaticano/

Vladimir Putin requests the Consecration of Russia; Pope says No

https://www.youtube.com/watch?v=WehqTwn600Q

Published on Jan 15, 2015

Did Putin ask Pope Francis to consecrate Russia?, Fr. Gruner explains…

http://www.cathinfo.com/catholic.php/Did-Putin-ask-Pope-Francis-to-consecrate-Russia

President Putin Asks for the Consecration of Russia-Francis Says NO!

http://op54rosary.ning.com/forum/topics/president-putin-asks-for-the-consecration-of-russia-francis-says-

– – –

The long march: from Fatima to Putin, a brief history of the consecration of Russia.

In Italian:

La lunga marcia: da Fatima a Putin, breve storia della consacrazione della Russia

http://www.papalepapale.com/develop/la-lunga-marcia-da-fatima-a-putin-breve-storia-della-consacrazione-della-russia/

Posted in Uncategorized | Tagged , , , , , , | 1 Comment