É Cattolico il Papa? – Il più grande scisma nella storia della Chiesa Cattolica!

(Nota: Quando si incolla questo documento nel WordPress, sembra che si perde il formato del grassetto, corsivo, ecc. Per leggere l’articolo con tutti I formati, visitate direttamente: http://cibo-spir.blogspot.it/2016/05/e-cattolico-il-papa.html).

 

É Cattolico il Papa? – Il più grande scisma nella storia della Chiesa Cattolica!

Cari amici,

Come sempre, è molto importante in questi tempi di grande confusione, quando perfino i vescovi cattolici non sono più d’accordo in quando riguarda le cose fondamentali della fede e della morale, di non soltanto pregare molto e di studiare il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti, ma di tenere i nostri occhi aperti per non cadere nelle belle bugie di Satana presentate come fossero la Verità!!!

È difficile di perseverare nella preghiera ma è anche molto difficile di perseverare nello studio, in un mondo ed in una Chiesa piena di confusione, mentre si cerca di smascherare le belle bugie del “padre della menzogna” (Gv 8,44) presentate come fossero la Verità, che alla fine ci avvelenano in un modo mortale ed eterno. Un’altra ragione fondamentale per cui tanti non vogliono cercare la Verità e la realtà come Dio ce l’ha date è perché c’è il rischio che dovremo cambiare vita e soffrire. Perciò la grande maggioranza dei così detti “cattolici” si sono scivolati gentilmente nella filosofia di vita molto più facile: “Occhio non vede, cuore non duole”!!! Ma duole dopo la morte quando saremo di fronte alla Verità che abbiamo cercato di evitare durante questa vita corta!

Sembra che i non cattolici e i non cristiani si rendono conto meglio che i cattolici (i preti e vescovi?!?) che qualcosa non va bene. Si può spiegare questo in gran parte dal fatto che il primo bersaglio di Satana è di distruggere il Corpo di Cristo, la Chiesa Cattolica, e perciò i cattolici, specie i sacerdoti ed i vescovi, sono stati bersagliati, in un modo molto subdolo e sottile, più che altre persone nel più grande lavoro di plagiare nella storia del mondo! Credo che il titolo di questo articolo è apparso prima nel:
“Newsweek – Is the Pope Really Catholic” (September 18, 2015; http://eponymousflower.blogspot.it/2015/09/newsweek-is-pope-really-catholic.html).

“É Catolico il Papa? Improvvisamente una domanda seria
(“Is the Pope Catholic?” suddenly a serious question
By David Gibson; Religion News Service April 20, 2016 (http://www.cruxnow.com/church/2016/04/20/is-the-pope-catholic-suddenly-a-serious-question/).)

“SPAEMANN AD ALZO ZERO CONTRO IL PAPA: “PORTA LA CHIESA ALLO SCISMA”
Robert Spaemann, considerato il massimo filosofo tedesco cattolico contemporaneo” (http://www.ilfoglio.it/chiesa/2016/04/30/spaemann-papa-francesco-la-chiesa-scisma___1-v-141390-rubriche_c181.htm).

“Il Filosofo Cattolico, Amico di Benedetto XVI, Stronca L'”Amoris Furbizia” E Il Bergoglismo. Finalmente Un Grande Pensatore Dice Quello Che Tutti Pensano” (http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/04/28/spaemann-e-il-caos-eretto-a-principio-con-un-tratto-di-penna/).

“VOICE OF THE FAMILY” INVITA PAPA FRANCESCO A RITIRARE L’AMORIS LAETITIA
(Voice of the Family calls on Pope Francis to withdraw Amoris Laetitia)
(http://cibo-spir.blogspot.it/2016/05/ritirare-amoris-laetitia.html).

“Il Discorso Integrale di Mons. Gaenswein E’ Ancora Piu’ Esplosivo Di Quanto Si Immaginava: Siamo A Una Vera Svolta. O Il Papato Diventa Un Organo Collegiale O E’ Invalida La Rinuncia di Benedetto.”
(http://www.antoniosocci.com/discorso-integrale-mons-gaenswein-ancora-piu-esplosivo-quanto-si-immaginava-vera-svoltapapato-diventa-un-organo-collegiale-invalida-la-rinuncia/#more-4444)

In qualche modo, nella profondità di ogni persona, perfino i non cattolici si rendono conto alcune verità fondamentali messo dentro da Dio. Tante persone sono abituati a vedere altre chiese cambiare le leggi secondo ciò che la maggioranza vuole, e poi si concludono, questo è ciò che Dio vuole!?! La maggiorana vuole credere in un futuro felice, anche dopo la morte, ma senza la croce di Cristo in questa vita corta!

Quanti sacerdoti e vescovi hanno abbandonato la MISSIONE PRINCIPALE dell’unica vera Chiesa, la Chiesa Cattolica? Le prime parole scritte da Papa Giovanni Paolo II all’inizio del Catechismo della Chiesa Cattolica sono: “Custodire il deposito della fede è la missione che il Signore ha affidato alla sua Chiesa e che essa compie in ogni tempo…”!!!

È molto importante di mantenere l’umiltà davanti a Dio e davanti ai Suoi Verità che sono spiegati infallibilmente nei documenti del Magistero della Chiesa. Satana cercherà a spingerci fuori della Barca di Pietro, la Chiesa, alla sinistra verso liberalismo o alla destra come alcuni cattolici hanno fatto che hanno rifiutato il Concilio Vaticano Secondo, lasciando la Chiesa come tradizionalisti scismatici. Il problema era la interpretazione errata organizzata dei documenti, non il Concilio Vaticano Secondo, in particolare organizzata dal movimento femminismo secolare.
Vedete l’Appendici sotto: FEMMINISMO – HELEN HULL HITCHCOCK.

Ho tradotto i primi paragrafi di un discorso caldo di MADRE ANGELICA (In inglese, “Mother Angelica about Second Vatican Council – The WILD VOICE The WILD VOICE” (https://www.youtube.com/watch?v=mGZocJZsMbk):
“Come cattolici siamo stati terribilmente zitti in tutti questi anni. Dopo il Concilio Vaticano, quelle belle documenti, ispirati dallo Spirito Santo, sono così belli quando si leggono i documenti, è come leggere la Scrittura. Ma erano travisati e mis-ritratti e male interpretati in tutti questi anni. E ogni scusa, come questo mimo (Via Crucis, con una donna nella parte di Gesù!) è stato incolpato sui documenti del Vaticano; essi sono stati anche riformulati. E tutti questi anni dal momento in cui ha messo da parte la Madonna al momento che hanno tolto il tabernacolo, al momento che hanno tirato fuori le stazioni (Via Crucis), al momento che hanno tirato fuori tutte le devozioni. Al tempo, a questo punto, che hanno cambiato le nostre chiese, le hanno chiuse. E ora non siamo permessi … la Presenza meravigliosa scende in questa piccola ostia. Alcuni si adegua comodamente, alcuni seduti, altri in piedi. Sono stanco delle vostre enneagrams, sono stanco della tua stregoneria. Sono stanco. Sono stanco di essere spinto negli angoli. Sono stanco del tuo linguaggio inclusivo che si rifiuta di ammettere che il Figlio di Dio è un uomo. Sono stanco dei tuoi trucchi. Sono stanco dei tuoi inganni. Sono stanco di voi che fate costantemente una fessura e la prima cosa che sapete che c’è un buco e tutti noi cadiamo dentro. No. Questo è stato intenzionale. Si trattava di un gruppo che è stato detto cosa fare e come farlo.
Sono così stanco della vostra chiesa liberale in America. E tutto quello che avete fatto è andato in silenzio. Niente, niente che hai fatto dalla vostra stregoneria ai vostri anagrammi alla vostra preghiera di centratura a tutti questa spiritualità terra … No, questo non è per caso. Abbiamo ingoiato questo ormai da trent’anni. Sono stanco di ciò. Abbiamo ingoiato abbastanza della vostra idea di Dio e davvero non avete alcun Dio.
Diffondete i vostri errori ai bambini. E i nostri figli non sanno neanche più che cos’è l’Eucaristia. Non capiscono che è il Santissimo Sacramento. Che è il Corpo e il Sangue, Anima e Divinità di Gesù. I suoi Catechismi sono così annacquati che non dicono nulla, ma ‘amare il prossimo’. No, dovete amare Dio primo … Non mi piace la tua Chiesa. Non avete nulla da offrire. Non fate nient’altro che distruggere … ”
(Per chi capisce inglese, si può vedere il video clip di Madre Angelica nel 1993 subito dopo la Giornata Mondiale Gioventù a Denver, Colorado (“Madre Angelica sulla Bestemmia, il Concilio Vaticano Secondo, e GMG 1993”): “Mother Angelica on Blasphemy, the Second Vatican Council, and WYD 1993” (https://www.youtube.com/watch?v=oCvX94US7SY&feature=youtu.be).)

Madre Angelica diceva: “Se non sei una spina nel fianco di qualcuno, non stai facendo il cristianesimo nel modo giusto.” Ormai nella femminilizzata “Chiesa dei Simpatici”, pochi preti e vescovi hanno il coraggio di fare come Madre Angelica, o come San Giovanni Battista, o come San Pietro, e come tutti i santi, di rischiare di non essere “corretto politicamente” (“politically correct”) per il Regno di Dio e per la salvezza delle anime! È difficile, ma assolutamente necessario, di mantenere l’umiltà anche mentre si offre la correzione fraterna per il vero bene delle anime e per il vero bene della Chiesa. È molto importante di ricordarsi prima di tutto che Cristo è morto per i miei peccati, che facilmente dimentichiamo o li consideriamo come poco. Bisogna essere motivato veramente soltanto per la gloria di Dio e per la salvezza delle anime e non per il proprio onore o la propria gloria; la Verità non appartiene a noi, non siamo noi l’autori della Verità. È Gesù Che ha sofferto molto di più che noi sulla croce a causa del rifiuto della Verità, Che ha sofferto per questi offesi al Suo Padre e per il grande danno recato alle anime immortali. Madre Angelica ci ha detto che la correzione fraterna è più accettabile quando la persona si sente amato dalla persona che offre la correzione fraterna.

Certamente non è facile a tenere i nostri occhi aperti alla possibilità dell’arrivo del profeta falso, del papa falso, anche mentre si pensa alle profezie di San Francesco d’Assisi, della Beata Caterina Emmerich, di Santa Ildegarda (dottore della Chiesa), di Bruno Cornacchiola (Libro: Il Veggente, di Saverio Gaeta) ed altri in quanto riguarda il papa falso. Spero che i miei articoli hanno aiutato a mantenere l’equilibrio e l’armonia in questo periodo della “grande tribolazione” (Mt 24,21), mentre teniamo i nostri occhi aperti con tanta preghiera e tanto studio per non scivolare alla destra o alla sinistra o cadere nelle trappole numerose di Satana, le sue belle bugie presentate come fosse la Verità. Quando sono tentato a criticare un sacerdote che mi tratta male perché sono preoccupato del grande pericolo alle anime in questo periodo, fra altri esempi, mi piace a ricordarmi l’atteggiamento del Buon Ladrone sulla croce che, mentre riconosceva i suoi peccati, ha detto all’altro ladrone: “Noi giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male”. E aggiunse: “Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno” (Lc 23,40-42). Quando San Francesco d’Assisi ha visto un peccatore pubblico ad Assisi, ha detto: “Ecco Francesco se non fosse la grazia di Dio”! La Verità non appartiene a nessun essere umano; la Verità è Gesù (Gv 14,6). Ogni buon pensiero o ogni ispirazione buona viene da Dio (2Cor 3,5; Fil 2,13). Dobbiamo difendere la Verità, ma con l’atteggiamento giusto di chi siamo noi e Chi è Dio!
(In inglese: “A Common Sense Rebuttal to Schismatic Traditionalists and Sedevacantists”; http://schis-trad.blogspot.it/2008/03/rebuttal-to-schismatic-traditionalists.html).

Non è il nostro compito di giudicare qualcuno dei loro motive che soltanto Dio vede. È il nostro compito di dire, di proclamare la pienezza. Però la Chiesa insegna che una volta che le persone hanno fatto l’esperienza e le benedizioni di essere cattolici e poi scelgono di lasciare la Chiesa, sono nello scisma e si mettono le loro anime in pericolo. Perciò il nostro compito non è di giudicare gli altri ma di chiamarli a casa nella Chiesa Cattolica. Quelli che sono fuori della Chiesa che non hanno mai fatto l’esperienze delle benedizioni, la Chiesa insegna che per la misericordia di Dio, per la Chiesa Cattolica nelle benedizioni di Cristo, possono arrivare in fatti alla salvezza, ma tocca a Dio a decidere. Non possiamo dire che sono salvati; non possiamo dire, perché sono bravi Presbiteriani e perciò sono salvati. Questo dipende dalla misericordia di Dio. Il nostro compito è di proclamare e non giudicare; il nostro mansione è di piantare il seme ma la conversione è fra ogni persona e lo Spirito Santo. E quando siamo presi dalla frase, “fuori dalla Chiesa non c’è la salvezza”, spesso sfruttiamo questa frase per bastonare e giudicare senza la carità. Questo non è il nostro lavoro. Però non dobbiamo diventare noncurante nel non offrire con ardore i grandi tesori nella Chiesa Cattolica che offre la pienezza della Verità e dei mezzi di santificazione, in un mondo oggi pieno di confusione e delle tentazioni presentate come fossero la cosa migliore da fare e la cosa corretta politicamente.

Per chi capisce inglese, forse troverete utile di leggere alcune domande e risposte del mio esame finale nell’Ecclesiologia all’Angelicum a Roma (1986):

DOMANDA 3. Come si può comprendere il detto “Extra ecclesiam nulla salus” senza cadere in un falso trionfalismo o nel indifferentismo? (“Ecclesiology of the Catholic Church”; http://schis-trad.blogspot.it/2008/03/ecclesiology-of-vcii.html; Visit also: “The Impact and Interpretation of ‘Subsists In’ (Vatican II)”; http://schis-trad.blogspot.it/2008/03/subsists-in.html).

Come ho scritto nella “Lettera ai fratelli sacerdoti” (http://cibo-spir.blogspot.it/2014/11/lettera-ai-fratelli-sacerdoti.html):
“L’Arcivescovo Fulton Sheen ha detto: “La verità è la verità anche se nessuno la crede; l’errore è l’errore anche se tutti lo crede.” Tanti cattolici attualmente credono oggi, nel nostro clima di relativismo, che la verità è stabilita dalla maggioranza delle persone o forse dai sacerdoti, vescovi o il papa; pochi cattolici si rendono conto oggi che Dio non soltanto stabilisce la Verità, ma Dio è la Verità (Gv 14:6), Che è immutabile! In questo periodo prima della seconda venuta di Gesù Cristo, “infatti DOVRÀ AVVENIRE L’APOSTASIA” (2Ts 2,3); questo indica che la maggioranza, se non la grande maggioranza dei cattolici a tutti i livelli della Chiesa seguiranno “l’apostasia” molto attraente che sembrerà la via migliore, la via giusta, la via più misericordiosa, la via più amorosa, la via più ecumenica, presentata dai “angeli di luce” (2Cor 11,14), che danno la loro approvazione e benedizione senza nessun esortazione di “Propongo col Tuo santo aiuto di non offenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato” (Atto di Dolore)! La cristianità senza la croce! Questi sono i liberali che nel passato hanno lasciato la Chiesa dalla parte della sinistra (babordo) della Barca di Pietro, mentre ci sono tanti che lasciano la Barca di Pietro dalla parte della destra (tribordo) della Barca di Pietro, gli scismatici tradizionalisti, mettendosi al di sopra gli insegnamenti del Magistero della Chiesa, al di sopra della Verità che non si può cambiare siccome fa parte della Verità Divina Rivelata…” (in inglese, visitate: “The Great Difficulty In Overcoming Pharisaism The Difference Between Schismatic Traditionalism and the False Pope Prophecies” (http://schis-trad.blogspot.it/2016/05/overcoming-pharisaism.html).

“San Tommaso d’Aquino ci dice che la virtù sta fra i due estremi che normalmente è la via più difficile che richiede tanta pazienza, discernimento e umiltà. Alcune volte Gesù ha usato parole forte per quelli che hanno preso la strada più facile…” (“La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html).

In quanto riguarda la necessità fondamentale d’umiltà, si legge spesso nel diario di Santa Veronica Giuliani, che Padre Pio ha chiamata la sua madre spirituale e maestra, la chiamata ad offrire allo sposo un complemento di pene volontarie, per espiare per sé stessa prima – come amava ripetere – e per i peccatori.

Sto seguendo i segni dei tempi da 1975. È stato piuttosto un viaggio arduo quando ho seguito i miei genitori in una apparizione falsa a Necedah, Wisconsin (http://necedah-cult.blogspot.com). Più tardi ho fatto un’altra esperienza con gli Oblati di Maria Vergine con un mistico falso, Padre Gino Burresi (http://nelsegnodizarri.over-blog.org/article-rev-joseph-dwight-oblates-of-the-virgin-mary-73944398.html; “The Great Responsibility of Religious Leaders”; https://josephdwight.wordpress.com/2014/08/07/great-responsibility/). In quei anni di confusione dopo il Concilio Vaticano Secondo quando tanti preti hanno lasciato il sacerdozio, sembrava in palio le dottrine e le cerimonie liturgiche della Chiesa Cattolica. Dopo ho scoperto come le forze del male erano molto organizzate subito dopo il concilio di interpretare i documenti del concilio in un modo falso per cambiare gli insegnamenti veri della Chiesa nelle università cattoliche e nei seminari per portare, in un modo subdolo e presuntuoso, tanti cattolici, preti e seminaristi, lontano da gli insegnamenti veri della Chiesa.

Durante gli Esercizi Spirituali Internazionali, a Collevalenza – Santuario dell’Amore Misericordioso (di Madre Speranza), 22-28 giugno 2008, Padre Michael Gaughran ha offerto a più di 200 sacerdoti e più di 10 vescovi del Movimento Sacerdotale Mariano queste parole in una meditazione, con il titolo della meditazione, “La Chiesa, Il Movimento ed i Tempi Attuali”:
“[É Una Attacco Alla Verità Di Dio.]
É cresciuto gradualmente. Basti pensare ad un cambiamento subdolo che è accaduto intorno all’epoca del Concilio Vaticano Secondo. Con l’arrivo dei “periti” si è sviluppata la moda dei teologi (Nota 1), a prescindere dal fatto che meritassero o meno questo nome; il fatto che avessero pubblicato un libro, in genere era sufficiente. Esso continua e, con ciò, IL CENTRO CHE GUIDA LA CHIESA, nella mente di molti, si è spostato da dove il Signore lo aveva posto, vale a dire nella gerarchia, il Santo Padre ed i vescovi uniti a lui, ed è divenuto le varie opinioni di ogni sorta di scrittori. [Gli studenti hanno raccolto i libri.] Così, ciò non ha avuto conseguenze solo sui sacerdoti, ma anche sui seminaristi di molte università. Questa è la prima parte dell’attacco: l’attacco alla Verità di Dio, fondamento della Chiesa” (http://parolafavita.blogspot.it/2014/11/cibo-spirituale-1411.html).

Satana ha tanta pazienza per portarci lentamente, progressivamente, nell’errore, nel relativismo, così non ci rendiamo conto la devastazione reale del suo veleno nascosto, il danno alle anime immortali. Ma come ho indicato nel “Cibo Spirituale 1603” (“Siamo davvero arrivati ad uno SCISMA?”; http://cibo-spir.blogspot.it/2016/03/scisma-cattolico.html), Satana sa che il suo tempo sta per scadere; le profezie dei santi indicano che il suo tempo di potere finirà più o meno al centenario del grande miracolo di Fatima, Portogallo il 13 ottobre 1917. Se questo avverrà, Satana ha soltanto circa 18 mesi per fare tutto possibile per distruggere la Chiesa Cattolica e per portare più anime possibile all’inferno. Perciò forse vedremo nei prossimi 18 mesi l’adempimento di ciò che non è ancora adempiuto della “grande tribolazione” (Mt 24,21).

Qualcuno che ha cercato a seguire i segni dei tempi si rende conto che il profeta falso, la seconda bestia dell’Apocalisse (Apoc 13,11.15; 16,13; 19,20; 20,10) finirà ad ingannare un gran numero di persone. Forse sembrasse esagerato che le persone arriverebbero fino al punto di adorare l’Anticristo come leggiamo nel capitolo 13 dell’Apocalisse. Ma ogni volta che una persona accetta perfino una piccola bugia del demonio, c’è sempre un aumento della cecità spirituale e la superbia; se questa persona non si pente con una buona confessione sincera con la preghiera sincera, continuerà ad accettare sempre più delle belle bugie facili del “padre della menzogna” (Gv 8,44).

LA STRATEGIA DEL SERPENTE!
Quando incontro le persone numerose che hanno difficoltà di immaginare la gravità della situazione oggi, fra l’altro, qualche volta le dico che per scoprire le trappole terribile del serpente, che si maschera “da angelo di luce” (2 Cor 11,14), può essere utile di cercare di pensare come un serpente.

È molto importante in questi tempi, quando Satana ha più potere per ingannare a causa di pochissima preghiera e più peccati che mai, di essere non soltanto “semplici come colombe” ma soprattutto “prudenti come serpenti” (Mt 10,16) per poter percepire gli inganni nascosti e ben mascherati del serpente. Non vorrebbe il papa falso di dare l’impressione che lui è in unione con la Chiesa, con i santi del passato e con i papi recenti? Perciò non sarebbe al suo vantaggio di canonizzare i papi recenti così che quando approva le proposte eretiche di Cardinale Kasper che le persone crederanno che Papa Giovanni Paolo II e Papa Giovanni XXIII e Papa Paolo VI sono d’accordo con il papa falso?

Non vorrebbe il papa falso di cambiare le dottrine della Chiesa mentre ci da l’impressione che le dottrine non sono cambiate? Cioè, non ci vorrebbe Satana a pensare che siamo apposto, e perciò non sentiamo il bisogno di cercare di scoprire ciò che Dio volesse e poi cambiare le nostre vite di conseguenza, finché è troppo tardi per tutta l’eternità??? Di cambiare le parole di Gesù in quanto riguarda l’adulterio è un veleno molto potente che pochissimi sacerdoti e vescovi si rendono conto delle conseguenze alle anime immortali e tutta la società!

Quando il vescovo ausiliario di Perugia (d’accordo con il Cardinale) mi ha detto il 13 ottobre 2015 che la mia parrocchia mi sarebbe tolta, ho detto al vescovo ausiliario che arriveremmo fino al punto che sarebbe approvato, nella Chiesa Cattolica, sesso fuori del matrimonio. Lui mi ha detto di no, non succederebbe, ma gli ho detto che quando succede, “Spero che allora aprirai i tuoi occhi”! Questo vescovo ausiliario ha ricevuto la sua formazione al seminario d’Assisi, Italia, dove gli insegnamenti erano già modificati in un modo sottile allettante per mettere da parte o ignorare i documenti della Chiesa come antiquati e non moderni per le persone di oggi. Non c’erano offerti i corsi sulla logica ed altri corsi fondamentali che erano normali prima del Concilio Vaticano Secondo che ho ricevuto dai padri domenicani all’Angelicum a Roma, 1983-1989. Credo che la mia laurea nella matematica da UCLA (1974) mi ha aiutato a pensare logicamente anche, nonostante ci sono un gran numero dei scienziati e dei matematici che sono atei. Perciò questo vescovo ausiliario non vede l’errore fondamentale di ciò che cardinale Kasper promuove, che era spiegato bene nell’articolo, “Lo Scisma nella Chiesa Cattolica – Padre Santiago Martin, F.M.” (http://cibo-spir.blogspot.it/2016/03/lo-scisma-cattolico-santiago-martin.html). Ma ancora più importante su questa strada verso sempre più cecità spirituale e teologale era l’incoraggiamento sottile, in tanti modi, dei professori del seminario, di mettere la priorità sull’attivismo nella parrocchia e non sul passare tempo nell’adorazione umile davanti al Santissimo Sacramento e nel pregare il Rosario (“La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html). Perché per capire l’errore grave di ciò che cardinale Kasper promuove non è soltanto una questione di intelligenza e lo studio (benché lo studio è molto importante per distinguere fra il falso ed il vero) ma soprattutto una questione della grazia e della guida dall’altro per non scivolare gentilmente e lentamente nel modernismo e soggettivismo e relativismo, facendoci gli arbitri del giusto e non giusto, invece di sottometterci umilmente alla Rivelazione Divina spiegata infallibilmente dal Magistero della Chiesa. “Maledetto l’uomo che chiama bene male e male bene” (Is 5,20)!

Mi pare che il mio vescovo ausiliario e tanti altri plagiati nella “nuova teologia” credono che è inevitabile di andare avanti verso una chiesa moderna per oggi, che è inevitabile di avere alcuni del vecchio stile, quelli all’antica, i tonti e gli sciocchi, come me, che devono essere messi da parte in un modo o l’altro, come parte del corso per arrivare a “l’epoca d’oro della pace”.” (“Il Piano Massonico Per la Distruzione della Chiesa Cattolica”; http://www.preghiereagesuemaria.it/sala/il%20piano%20massonico%20per%20la%20distruzione%20della%20chiesa.htm). Non è questo lo stesso atteggiamento che i seguaci di Hitler avevano, di sentirsi importanti nel Terzo Reich? Mi meraviglia che siamo veramente già sostanzialmente sotto il controllo del Nuovo Ordine Mondiale e dell’Una Chiesa Mondiale, ma finché arriva la grande sofferenza, pochissimi si interessa a svegliarsi!

San Michele Arcangelo a Garabandal (Spagna, 1965) ha detto: “Ci sono tanti sacerdoti e vescovi sulla strada della perdizione e stanno portando tanti anime con loro”! Tre anni dopo c’era la grande ribellione nella Chiesa Cattolica a tutti i livelli contro l’enciclico di Papa Paolo VI, Humanae Vitae, che ha riaffermato l’insegnamento costante della Chiesa sul peccato grave ed il pericolo di separare l’atto sessuale unitivo nel matrimonio dalla responsabilità della procreazione. Quando ho menzionato Humanae Vitae a questo vescovo ausiliario, lui voleva minimizzare la sua importanza, ma gli ho detto che ci sono tanti teologi che spiegano chiaramente che in questo enciclico non si tratta di peccato veniale. (Visitate: “Una Lettera Aperta ad un Sacerdote Confratello”; http://testim-polo.blogspot.com/2009/05/open-letter.html).

Ignorando l’insegnamento della Chiesa, i cattolici si sono scivolati velocemente nella mentalità contraccettiva, e poi l’aborto, e adesso eutanasia. Tantissimi non hanno più gli occhi di fede per vedere “questi miei fratelli più piccoli” (Mt 25,40). I cattolici non vedono più il “Prigioniero divino” nel Santissimo Sacramento, l’Eucaristia. “Adorerai il Signore Dio tuo e lo servirai” (Es 20,2-5; Dt 5,6-9; CCC 2084). È Dio che devi adorare” (Apoc 22,9)!

La Madonna ha rivelato a Don Stefano Gobbi (28 gennaio 1979):
Vari segni vi indicano che è giunto per la Chiesa il tempo della purificazione: il primo di essi è la confusione che vi regna. Questo infatti è il tempo della più grande confusione.
La CONFUSIONE si è diffusa all’interno della Chiesa, ove ogni cosa viene sovvertita in campo dogmatico, liturgico e disciplinare.
Vi sono verità rivelate da mio Figlio che la Chiesa ha per sempre definito con la sua divina e infallibile autorità.
Queste verità sono immutabili, come immutabile è la Verità stessa di Dio. Molte di esse fanno parte di veri e propri misteri, perché non sono e non potranno mai essere comprese dalla umana intelligenza.
L’uomo le deve accogliere con umiltà, attraverso un atto di pura fede e di ferma fiducia in Dio che le ha rivelate e le propone agli uomini di tutti i tempi, attraverso il magistero della Chiesa.
Ma ora si è diffusa la tendenza così pericolosa di volere penetrare e comprendere tutto – anche il mistero – giungendo così ad accogliere della Verità solo quella parte che è comprensibile dalla umana intelligenza. Si vuole svelare il mistero stesso di Dio.
Si rifiuta quella verità che non è razionalmente compresa. Si tende a riproporre razionalisticamente tutta la verità rivelata, nella illusione di renderla accettabile a tutti.
Così si corrompe la verità con l’errore. L’errore viene diffuso nella maniera più pericolosa, cioè come un modo nuovo e aggiornato di comprendere la Verità; e si finisce con il sovvertire le stesse verità che sono il fondamento della fede cattolica.
Non si negano apertamente, ma si accolgono in maniera equivoca giungendo nella dottrina al più grave compromesso con l’errore che mai si sia compiuto.
Alla fine ancora si parla e si discute, ma non si crede più e la tenebra dell’errore si diffonde…
Dovete essere solo Vangelo vissuto. Poi dovete a tutti annunciare, con forza e con coraggio, il Vangelo che vivete. La vostra parola avrà la forza dello Spirito Santo che vi riempirà, e la Luce della Sapienza che vi dona la Mamma Celeste.
Per questo quanto più la confusione, entrata all’interno della Chiesa, aumenterà la grande sofferenza della sua purificazione, tanto più Essa per mezzo di voi esperimenterà il conforto e l’aiuto della mia azione materna.
Da voi la Chiesa sarà aiutata a uscire dalla tenebra, per rinascere allo splendore divino della sua immutabile Verità» (http://madonna-sacerdoti.blogspot.it/).

Come ho scritto il mese scorso nel “Cibo Spirituale 1603”: “Pochissimi cattolici oggi si rendono conto della grande devastazione che sarà causata se diventa accettata largamente, o perfino approvata, ciò che Cardinale Kasper propone, e anche tanti vescovi e cardinali, d’accordo con Cardinale Kasper, che sono stati promossi nei ultimi tre anni, ad esempio il nuovo Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana, Monsignor Nunzio Galantino, ed il nuovo Arcivescovo di Chicago, Mons. Blase Cupich. Cardinale Burke, che ha spiegato fermamente che non si può cambiare la Dottrina della Chiesa, la Verità, Che è Cristo, era licenziato.” (http://cibo-spir.blogspot.it/2016/03/scisma-cattolico.html). I responsabili hanno dato il microfono con gli alto parlanti, e il mass media, a quelli che vogliono cambiare i Dieci Comandamenti di Dio, spiegati infallibilmente dal Magistero della Chiesa, per offrire ciò che la grande maggioranza delle persone vuole, un cristianesimo senza la croce con le promessi vuote che tutti vanno automaticamente a paradiso dopo, se ancora credono che c’è qualcosa dopo la morte!?!

Perciò fino a questo punto è aumentato continuamente la CONFUSIONE nella Chiesa Cattolica come mai prima soprattutto nei ultimi tre anni come Cardinale Burke ha spesso indicato (“Siamo davvero arrivati ad uno SCISMA?”; http://cibo-spir.blogspot.it/2016/03/scisma-cattolico.html). Ma non c’è stata una dichiarazione, firmata dal Papa per confermare e approvare ufficialmente ciò che Cardinale Kasper e i vescovi che sono stati promossi nei ultimi tre anni, fino ad adesso con l’Esortazione Apostolica Postsinodale, Amoris Laetitia, che era firmato il 19 marzo 2016, e pubblicato il 8 aprile 2016. Perché un papa vero, eletto canonicamente in due sinodi sulla famiglia, lascerebbe le cose andare come fosse in palio la Verità, espresso nelle dottrine della Chiesa? Perché Cardinale Burke ha detto: “A questo momento critico, c’è un senso forte che la Chiesa è come una nave senza un timone”? (La Donna Vestita di Sole alla Ricerca dei Piccoli”; http://cibo-spir.blogspot.it/2016/02/i-piccoli-della-donna.html).

Per questo motive, questo mio articolo mensile è in ritardo (in fatti per la prima volta non ho pubblicato nel mese scorso), a causa della gravità della situazione e il bisogno di offrire alcune delle questioni di fondo in gioco qui. Perciò questo articolo è un po’ lungo a causa dell’importanza del tema e il bisogno di spiegare chiaramente alcuni delle deviazioni gravi dal insegnamento fondamentale e costante della Chiesa. Vi prego di considerare questo articolo di Maggio come due articoli insieme, quelli di Aprile e di Maggio! Ho messo alcuni dei riferimenti e delle spiegazioni nell’Appendice per accorciare l’articolo principale.

Una delle strategie fondamentali del “angelo di luce” (2 Cor 11,14) è quello di nascondere non solo i suoi bugie mortali, ma di coprire la verità, che tra le altre cose, significa essere ambiguo e di offrire molte distrazioni in modo che è più difficile trovare la verità ricoperta con la confusione – sofisticata e ben pensata – che aiuta a portare la nostra attenzione lontano dai pericoli reali nascosti per le nostre anime immortali. Così ci vuole vera perseveranza per non esaurirsi in questa lotta continua per scoprire i diamanti in mezzo a innumerevoli false verità continuamente accatastati sopra la vera Verità che ci rende veramente liberi (Gv 8,32). Si consideri la lotta di Sant’Atanasio e tanti altri santi che hanno attraversato la stessa lotta in mezzo a grande persecuzione per non perdere la Verità, che è Gesù Cristo (Gv 14,6). In questo periodo della “grande tribolazione” (Mt 24:21), questa lotta per la verità è più difficile che mai in mezzo a sottili e anche nuovi tipi di camuffamenti raffinati e persecuzione! Questo è anche uno dei motivi per la lunghezza di questo articolo, per scoprire le molte ambiguità e distrazioni dalla verità, in particolare nel documento Amoris Laetitia.

Devo ammettere che non sono un scrittore professionale. Ho ricevuto il Baccalaureato nella matematica e nelle scienze da UCLA in 1974, non in Inglese né nella Storia né in altri arti liberali (non che queste discipline sono mali in se stesse). Sono stato ordinato un sacerdote in Italia il 31 agosto 1996. Ma almeno nei anni 60 e 70 e 80 c’era molto meno influsso dei umanisti secolari (che hanno minato la ragione e la logica) nei reparti della matematica; due più due sono ancora quattro! La virtù è ancora la virtù, e il peccato è ancora il peccato, il paradiso e l’inferno esistano ancora secondo il Creatore dell’universo nonostante che questi distruttori della cultura ci hanno conviti al contrario!

Uno dei miei motivi principali per pubblicare tanti articoli, e anche questo articolo, è proprio ciò che ho scritto nel mio articolo, “La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione” (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html):
“Sapendo che in queste situazioni la persona è già pregiudicata con poca opportunità di difendersi, ho offerto la mia risposta scritta, siccome sapevo 4 giorni prima di questo incontro. Ecco la mia lettera al vescovo:…”

Ma la mia motivazione principale per scrivere la maggior parte dei miei articoli è quello di mettere in guardia le pecore del lupo molto intelligente e furbo e subdolo che offre veleno potente nelle sue belle bugie presentate come se fossero la verità! Pochi pastori oggi hanno il coraggio di essere “politicamente sbagliato” a beneficio delle pecore!

Quante volte troviamo negli scritti di san Paolo la grande importanza per i pastori di proteggere le pecore da queste bugie nascoste ma mortali del “padre della menzogna” diffuse dai seguaci molto numerosi di Satana travestiti da “agnelli”? “È lui che ha stabilito alcuni come apostoli, altri come profeti, altri come evangelisti, altri come pastori e maestri, per rendere idonei i fratelli a compiere il ministero… affinché non siamo più come fanciulli sballottati dalle onde e portati qua e là da qualsiasi vento di dottrina, secondo l’inganno degli uomini, con quella loro astuzia che tende a trarre nell’errore” (Ef 4,11-14)! Se i sacerdote e vescovi non offrono i loro “doni” per il popolo di Dio, chi ci proteggerà da essere ” sballottati dalle onde e portati qua e là da qualsiasi vento di dottrina…”?

UNA STRATEGIA FONDAMENTALE utilizzata per manovrare verso una dittatrice o per minare l’osservanza delle leggi di Dio, che ci salvano, è “tre passi avanti, due passi indietro”, finché tutto il potere è ottenuta – poi non bisogna più fare due passi indietro! In quanto riguarda gli ultimi due sinodi sulla famiglia, alcuni dei passi avanti di quelli che vogliono attaccare e profanare il Sacramento di Matrimonio è stato di incaricare Cardinale Kasper a parlare al concistoro dei vescovi nella preparazione per il sinodo, di promuovere tanti vescovi, cardinali e preti, in un modo piuttosto nascosto, che vogliono cambiare i Dieci Comandamenti per accontentare le persone, per offrire un cristianesimo senza la croce, per consentire, in un modo furbo e nascosto, sesso fuori del Sacramento di Matrimonio, per aprire le porte della diga alla china scivolosa in giù!

“Nella sua prima reazione a Amoris Laetitia, Cardinale Raymond Burke, il patrono della Sovrano Militare Ordine di Malta e prima il Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, ha scritto che benché l’esortazione è “un documento non magistrale,” deve essere interpretato dall’ottica della dottrina Cattolica magistrale. Comunque Cardinale Burke non ha offerto ancora la sua valutazione del documento stesso.” (in inglese: http://biblefalseprophet.com/2016/04/26/cardinals-muller-and-sarah-are-quiet-about-amoris-laetitia/).

Cristo ha detto che conosceremo l’albero dai suoi frutti, NON DALLE SUE FOGLIE, cioè, non dalle belle parole e la retorica (Lc 6,44; Mt 7,16-18). Stiamo già vedendo Amoris Laetitia interpretato dappertutto il mondo in un modo contrario all’insegnamento costante del Magistero della Chiesa per 2000 anni! Sembra veramente che gli effetti (lo scopo nascosto???) di Amoris Laetitia sono il aprire le porte della diga alla china scivolosa in giù!?!

DOV’È LA VOCE DEL SOMMO PONTEFICE in questo scivolare gentilmente e nascostamente dalle leggi scomode di Dio che ci salvano? Dove sono i pastori delle pecore per avvertirci del vuoto e della falsità e dei grandi pericoli di un cristianesimo senza la croce di Cristo? “In questo supremo momento di bisogno della Chiesa, CHI dovrebbe parlare rimarrà in silenzio!” (La Nostra Signora del Buon Successo, Quito, Ecuador, il 20 gennaio 1610) (“Il Papa Falso Rimarrà In Silenzio”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/09/il-papa-falso-rimarra-in-silenzio.html).

Cristo ha chiamato San Giovanni Battista il più grande profeta nato da donna, e che cosa ha detto San Giovanni Battista? “Non ti è lecito tenere la moglie di tuo fratello” (Mc 6,18). Quanti sacerdoti e vescovi oggi hanno il fegato di essere un profeta come San Giovanni Battista? Che cosa era uno dei motivi principali per cui Cristo è venuto sulla terra? Non era per offrirci la possibilità di liberarci da ciò che ci fa il più male, i nostri peccati, come diciamo in ogni Messa: “Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo…” Ma dobbiamo qualificare questa frase: i peccati secondo Dio, non i peccati secondari secondo il mondo di oggi. Che cosa ha detto il primo papa della Chiesa, San Pietro, il primo giorno della Chiesa, dopo essersi nascosti tanti giorni nel cenacolo prima di Pentecoste. “Voi avete crocifisso Gesù” (Atti 4,10), con i vostri peccati gravi, mortali! Se abbiamo perso il senso del peccato, non abbiamo bisogno più di Cristo, e perciò la redenzione è resa inutile se una persone si sente che non ha bisogno del perdono. I sacerdoti e vescovi molto numerosi, che non parlano più di ciò che fa il più male, i peccati mortali, ed i suoi conseguenze qui sulla terra e dopo la morte, credono veramente che Dio ci ha dato i Dieci Comandamenti per il nostro vero ben o per il nostro male? Ci fidiamo di Gesù con la croce, o ci fidiamo di noi stessi senza la croce, cambiando i Comandamenti di Dio secondo i nostri desideri e la nostra intelligenza? Le ultime parole che Cristo ci ha dato prima di ascendere al cielo, dopo aver aperto “loro la mente all’intelligenza delle Scritture, che è proprio ciò che si nega oggi nella Chiesa, erano: “Così sta scritto: il Cristo dovrà PATIRE e risuscitare dai morti il terzo giorno e nel suo nome saranno predicati a tutte le genti la CONVERSIONE e il perdono dei peccati…” (Lc 24,45-47)!

Dov’è il coraggio dei sacerdoti e dei vescovi oggi? Pochi sacerdoti e pochi vescovi oggi hanno il fegato di aiutare le persone ad identificare ed a curare ciò che fa il più male, i peccati mortali, mentre i sacerdoti offrono amore secondario al prossimo, che alla fine è amore falso, che mimetizza la vera malattia delle anime, il più grande danno e male, il peccato. È veramente simile ad un pastore che da i bacini di rassicurazione d’amore secondario, simile al bacio di Giuda Iscariota a Gesù per i motivi secondari sperando di liberare Israele dai Romani; questo è un vero tradimento com’è anche la Teologia della Liberazione, che continua nella Chiesa oggi nonostante i condanni dei Papi del passato. Quando un pastore fa così è un vero tradimento a Dio ed a le persone perché il pastore non fa il suo lavoro di essere il dottore spirituale delle anime per la loro salvezza eterna, ma questo pastore fa addormentare spiritualmente le persone perché credono di essere apposti vivendo nello stato di peccato mortale siccome il pastore non parla mai dei peccati mortali e li da i bacini della rassicurazione dell’amore secondario. Noi preti siamo stati ingannati, e stiamo ingannando le persone! Quando ho detto ad un sacerdote che i Papi recenti, fino a “Papa Francesco”, che il più grande peccato oggi è che non c’è il peccato, abbiamo perso il senso del peccato, ha cercato di difendere la sua mancanza apparente del parlare del peccato dicendo che dipende come si spiega il peccato. Ma il problema è che la grande maggioranza dei preti e dei vescovi oggi non parlano affatto del peccato! Le persone adesso non vogliono vedere gli effetti secondari ed invisibili del peccato, e perciò diventano sempre più insensibili come gli animali. Il più che un cristiano prega sinceramente e segue Cristo, il più che questo cristiano è sensibile alle sofferenze di Cristo Che si identifica con “questi miei fratelli più piccoli” (Mt 25,40). Mi meraviglia come “Papa Francesco” parla di aiutare i poveri, mentre facilita la perdita del senso del peccato in tanti modi! (“La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html).

“Lombardi: il documento post Sinodo dopo Pasqua. Kasper: sarà rivoluzionario”
“In merito va registrata una battuta – riferisce l’Agi – del cardinale teologo Walter Kasper, autore della relazione nel Concistoro del febbraio 2014 che diede inizio al processo di rinnovamento: «Il documento segnerà l’inizio della più grande rivoluzione nella Chiesa da 1500 anni a questa parte».”
(http://www.lastampa.it/2016/03/17/vaticaninsider/ita/news/lombardi-il-documento-post-sinodo-dopo-pasqua-kasper-sar-rivoluzionario-V8tzXrg7HIJrVnyNziEcHP/pagina.html).
(In inglese: http://www.catholicherald.co.uk/commentandblogs/2016/03/18/why-is-cardinal-kasper-doing-a-victory-lap-ahead-of-the-apostolic-exhortation/; http://www.lastampa.it/2016/03/17/vaticaninsider/eng/news/postsynodal-document-to-be-published-after-easter-it-will-be-revolutionary-kasper-says-1GObubX0GlAQ9d09pjvyCN/pagina.html).

Pochissimi sacerdoti e vescovi si rendono conto della grande devastazione che sarà causato alle anime immortali per via di convincere i cattolici che la Chiesa è l’Autore della Verità invece di Dio. La Chiesa è l’ancella della Verità, non l’Autore della Verità. Ovviamente questo cambiamento devastante non sarà presentato apertamente in un modo chiaro, ma piuttosto in un modo ambiguo. Quando, per la prima volta il papa falso firmerà un documento ufficiale della Chiesa, contraddicendo anche in un modo subdolo ed ambiguo, che non è più oggettivamente un peccato mortale di fare sesso fuori di un matrimonio valido, e la grande maggioranza sono manovrato a seguire questo, allora la porta sarà aperta a convincere i cattolici, con il papa falso, di credere che la Chiesa può cambiare qualsiasi altra Verità fondamentale rivelata spiegata durante i secoli dallo Spirito Santo al Corpo di Cristo, la Chiesa. Certamente questo cambiamento sarà promosso con le belle parole: “amore” e “misericordia” e l’ambiguità astuta. Le parole ed i documenti di tutti i papi ed i santi del passato, che sono in contraddizione a questo cambiamento non lecito, saranno messo da parte nel nome di amore (falso) e la misericordia (falsa). Pochi preti o vescovi avranno il coraggio di lottare contro “la difficoltà più profonda dei nostri tempi”, relativismo, per offrire il vero bene alle pecore come ha fatto Cardinale Ratzinger. Parlando della cura pastorale delle persone omosessuali e dei divorziati risposati, Cardinale Ratzinger ha scritto: “Solo ciò che è vero può ultimamente essere anche pastorale”.

Nella sua omelia alla Messa prima del conclave che l’ha presto eletto Papa Benedetto XVI, l’allora Cardinale Ratzinger ha detto: “Avere una fede chiara, secondo il Credo della Chiesa, viene spesso etichettato come fondamentalismo. Mentre il relativismo, cioè il lasciarsi portare “qua e là da qualsiasi vento di dottrina”, appare come l’unico atteggiamento all’altezza dei tempi odierni. SI VA COSTITUENDO UNA DITTATURA DEL RELATIVISMO che non riconosce nulla come definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio io e le sue voglie.”
(“Chi Decide La Verità?”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/06/chi-decide-la-verita.html).

Parlando della riunione dei due estremi, trovo piuttosto interessante il fatto che molto di recente il Vescovo Fellay e “Papa Francesco” sembrano venire insieme!?! Papa Benedetto ha aperto il dialogo con la Fraternità San Pio X (SSPX) e anche fatto di tutto per accoglierli nella Chiesa cattolica, permettendo loro di mantenere i loro riti liturgici, ma Papa Benedetto non li ha ricevuto nella Chiesa se non fossero disposti ad accettare i documenti della Concilio Vaticano II. Papa Benedetto ha trasferito questo processo di discernimento dalla Congregazione per il Culto Divino alla Congregazione per la dottrina della fede, perché il vero problema non era tanto una questione liturgica, ma un problema dottrinale.

Nella Nuova Religione Mondiale, come Arcivescovo Fulton Sheen (e il cardinale Biffi) ha sottolineato anni fa: “Il profeta falso avrà una religione senza la croce, una religione senza un mondo che verrà, una religione per distruggere le religioni. Sarà una chiesa falsa. La Chiesa di Dio sarà Una, e il Profeta Falsa creerà l’altra. La chiesa falsa sarà mondana, ecumenica (falsa, non ecumenica secondo l’insegnamento del Secondo Concilio Vaticano) e globale. Sarà una federazione vaga di chiese, religioni che formeranno una specie di associazione globale, un parlamento mondiale di chiese. Sarà vuota di tutto il contento divino e sarà il corpo mistico dell’Anticristo.” Così vediamo ora che il Vescovo Fellay sta unendosi insieme a”Papa Francesco” perché “Papa Francesco” ha indicato che le questioni dottrinali non sono così importanti!!! Mettiamo da parte la verità scomoda, che è Gesù Cristo, in modo da essere tutti insieme in un vasto mondo di fraternità di “pace e amore”!?! Ma Cristo è venuto per la divisione (Lc 12, 49-53), fra quelli con la Verità, e quelli che non sono con la Verità, che è Gesù Cristo (Gv 14, 6)!

“Il vescovo Fellay di FSSPX: Pian Piano Roma ci sta dando tutto quello che abbiamo bisogno per la Riconciliazione”
“Ma il leader francese-svizzero FSSPX ha imparato come comunicare con questo Papa, riconoscendo che Francesco sembra spesso considerare la dottrina come un ostacolo per condurre le persone a Gesù. Per il Papa, il Vescovo Fellay ha detto, “ciò che è importante è la vita, è la persona, e così cerca di guardare la persona, e lì, se così si può dire, è molto umano” …
Di certo non è d’accordo con noi su questi punti del Consiglio che stiamo attaccando. Sicuramente non lo fa. Ma per lui, siccome la dottrina non è così importante – è l’uomo, la gente, che sono importanti – ci abbiamo dato una prova sufficiente che siamo cattolici”.
(https://www.ncregister.com/daily-news/sspxs-bishop-fellay-little-by-little-rome-is-giving-us-all-we-need-for-reco/)

“LA DOTTRINA NON È COSÌ IMPORTANTE!”:
Ha detto “Papa Francesco” il 10 marzo 2014: “Non ho mai compreso l’espressione valori non negoziabili” (http://www.corriere.it/cronache/14_marzo_04/vi-racconto-mio-primo-anno-papa-90f8a1c4-a3eb-11e3-b352-9ec6f8a34ecc.shtml).
Per “Papa Francesco”, e per tanti sacerdoti e vescovi di oggi, non ci sono più gli atti intrinsecamente peccaminosi, mali intrinseci, contrariamente alle parole di Cristo, spiegati dalla Chiesa cattolica per 2000 anni! Fellay ha detto: “Francesco sembra spesso considerare la dottrina come un ostacolo per condurre le persone a Gesù”! Questo vuol dire che “Papa Francesco” sembra spesso considerare la Verità come un ostacolo per condurre le persone a Gesù, nonostante che Gesù è la Verità!?!

I due estremi si incontrano! Come ho scritto nel mio articolo, “Lettera ai fratelli sacerdoti” (http://cibo-spir.blogspot.it/2014/11/lettera-ai-fratelli-sacerdoti.html):
“Il profeta falso, il papa falso, cercherà a formare Una Religione Mondiale, a titolo di falso ecumenismo, che si tradurrà nella riduzione al più basso denominatore comune. Papa Francis sta cercando di portare tanti pastori protestanti verso Roma, mediante qualche tipo di “ecumenismo”, come Pastore Kenneth Copeland, Pastore Tony Palmer, e tanti altri pastori protestanti.” Ed adesso “Papa Francesco” sta cercando di portare FSSPX verso Roma. Come ci ha detto la Nostra Signora di La Salette: “Roma diventerà la sede dell’Anticristo”!

“Vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo. Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anatema! L’abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anatema! (Gal 1,7-9; 1Cor 15,1-2).

Quante volte nelle Sacre Scritture troviamo la maggioranza delle persone abbandona Dio e le sue leggi che salva, ma Dio suscita poche persone come una testimonianza per tutti gli altri. Dopo Mattatia “oro e argento e doni in quantità” per “costringere all’apostasia e a fare sacrificare” ai dei pagani, “Mattatia rispose a gran voce: “Anche se tutti i popoli nei domani del re lo ascolteranno e ognuno si staccherà dal culto dei suoi padri e vorranno tutti aderire alle sue richieste, io, i miei figli e i miei fratelli cammineremo nell’alleanza dei nostri padre; ci guardi il Signore dall’abbandonare la legge e le tradizioni; non ascolteremo gli ordini del re per deviare dalla nostra religione a destra o a sinistra” (1Mac 2,15-22).

Dobbiamo ascoltare le ultime parole di Mattatia soprattutto oggi! “Intanto si avvicinava per Mattatia l’ora della morte ed egli disse ai figli: “Ora domina la superbia e l’ingiustizia, è il tempo della distruzione e dell’ira rabbiosa. Ora, figli, mostrate zelo per la legge e date la vostra vita per l’alleanza dei nostri padri. Ricordate le gesta compiute dai nostri padri ai loro tempi e ne trarrete gloria insigne e nome eterno. Abramo non fu trovato forse fedele nella tentazione e non gli fu ciò accreditato a giustizia? Giuseppe nell’ora dell’oppressione osservò il precetto e divenne signore dell’Egitto. … Non abbiate paura delle parole dell’empio, perché la sua gloria andrà a finire ai rifiuti e ai vermi; oggi è esaltato, domani non si trova più, perché ritorna alla sua polvere e i suoi calcoli falliscono. Figli, siate valorosi e forti nella legge, perché in questa sarete glorificati” (1Mac 2,49-64).

Un cambiamento fondamentale simile di chi decide la verità è successo durante il Sinodo Generale della Chiesa di Inghilterra in 1992 (“Lettera ai fratelli sacerdoti”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/11/lettera-ai-fratelli-sacerdoti.html).

La Verità, Che è Gesù (Gv 14,6), non cambia con il mondo ne con i tempi! “Cristo ha detto “sono la Verità”; NON ha detto, “sono il costume”.” – San Toribio.

“Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Mc 13,31)!

Recentemente: “12 aprile. Anniversario dell’apparizione delle Tre Fontane. Un Libro (Il Veggente) Adesso Rivela Che Bruno Cornacchiola Ebbe La Rivelazione di Un Futuro Papa Eretico”; http://www.antoniosocci.com/12-aprile-anniversario-dellapparizione-delle-tre-fontane-un-libro-adesso-rivela-brunocornacchiola-ebbe-la-rivelazione-un-futuro-papa-eretico/).

13 maggio 1820: “VIDI ANCHE IL RAPPORTO TRA I DUE PAPI… VIDI QUANTO SAREBBERO STATE NEFASTE LE CONSEGUENZE DI QUESTA FALSA CHIESA. L’ho veduta aumentare di dimensioni; eretici di ogni tipo venivano nella città [di Roma]. Il clero locale diventava tiepido, e vidi una grande oscurità… Vidi ancora una volta che la Chiesa di Pietro era minata da un piano elaborato dalla SETTA SEGRETA, mentre le bufere la stavano danneggiando. Ma vidi anche che l’aiuto sarebbe arrivato quando le afflizioni avrebbero raggiunto il loro culmine. Vidi di nuovo la Beata Vergine ascendere sulla Chiesa e stendere il suo manto su di essa. Vidi un Papa che era mite e al tempo stesso molto fermo…” (“Le Profezie di Beata Anna Katherina Emmerick”; http://cibo-spir.blogspot.it/2013/11/profezie-emmerick.html).

Credo che uno dei poteri principali che Cristo ha concesso a Satana per 100 anni cominciando circa il momento delle apparizioni a Fatima, rivelato durante la visione di Papa Leone XIII il 13 ottobre 1884, era di lasciare Satana di sostenere i suoi seguaci così che non si esaurisce con il sesso e le droghe così potrebbero promuovere lo stesso stile di vita a tanti altri, per preparare e portare il mondo ad adorare l’Anticristo.

Si trova sul Internet in inglese una frase che Don Stefano Gobbi ha detto privatamente:
“Father Gobbi told us pray for the next pope but don’t listen to him”.
(“Don Gobbi ci ha detto di pregare per il prossimo papa ma non ascoltarlo”.)

La Madonna ha rivelato a Don Stefano Gobbi:
“La bestia nera, simile a una pantera, indica la Massoneria; la bestia con due corna, simile a un agnello, indica la Massoneria infiltrata all’interno della Chiesa, cioè la Massoneria ecclesiastica, che si è diffusa sopratutto fra i Membri della Gerarchia. Questa infiltrazione massonica, all’interno della Chiesa, vi è già stata da Me predetta in Fatima, quando vi ho annunciato che Satana si sarebbe introdotto fino al vertice della Chiesa. Se compito della massoneria è di condurre le anime alla perdizione, portandole al culto di false divinità, lo scopo della massoneria ecclesiastica è invece quello di distruggere Cristo e la sua Chiesa, costruendo un nuovo idolo, cioè un falso Cristo ed un falsa Chiesa” (13 giugno 1989; vedete anche: 1 gennaio 1979; 6 settembre 1986; 15 agosto 1988).
(http://madonna-sacerdoti.blogspot.it/)

I pochi vescovi e sacerdoti che rimangono fedeli alla Verità, Che è Cristo (Gv 14,6), saranno molto perseguitati per non avere “amore” e “misericordia” a quelli che non sono disponibile di “fuggire le occasioni prossime di peccato” come si diceva nel “Atto di Dolore”. La situazione si deteriorerà velocemente giù per la china scivolosa mentre si apre la porta a cambiare qualsiasi e tutti i Comandamenti di Dio, che ci salvano, e perfino le parti essenziali del Sacrificio Santo della Messa con la scusa di poter celebrare la Messa tutti insieme con i nostri fratelli protestanti e tutti gli altri, in una grande fraternità mondiale della Nuova Religione Mondiale.

Una Messa del Rito Romano NON è valido: 1) QUANDO il celebrante della Messa non è un sacerdote ordinato in un modo valido, 2) QUANDO il sacerdote non ha l’intenzione giusta, 3) QUANDO il pane di grano o il vino di uva non sono usati, 4) o QUANDO le parole “Questo è mio Corpo” o “Questo è … mio Sangue” non sono dette dal sacerdote durante la consacrazione della Messa. (http://www.cuf.org/faithfacts/details_view.asp?ffID=188).

La frase chiave che fa presente l’Eucaristia sono “Questo è il Mio Corpo” e “Questo è … Mio Sangue”, che quando dette da un sacerdote con l’intenzione giusta e con la matteria giusta, fa vedere veramente le azioni del sacerdote nella Persona di Cristo. Le altre parte della preghiera Eucaristica sono, secondo Sant’Ambrogio (citate anche nella Somma Teologica), essenzialmente preparatorie; “Infatti con tutte le altre parole si loda Dio, si supplica per il popolo, per i re, per tutti gli altri. Ma quando si compie il venerabile sacramento, il sacerdote non si serve più delle proprie parole, bensì di quelle di Cristo.” San Tommaso anche spiega questo requisito in grande dettaglio nella Somma Teologica (“Somma Teologica P3 Arg78 A1-6”). Cambiare le parole delle parte preparatorie è illecito e peccaminoso gravemente per il sacerdote, ma non invaliderebbe l’Eucaristia finché le parole “Questo è il Mio Corpo” e “Questo è … Mio Sangue” sono dette.

IL CATECHISMO DEL CONCILIO DI TRENTO (o Il Catechismo per i Sacerdoti Parrocchiali) proclama precisamente che “la forma consiste di queste parole: Questo è il Mio Corpo” e “Questo è … Mio Sangue”.

“I segni essenziali del sacramento eucaristico sono il pane di grano e il vino della vite, sui quali viene invocata la benedizione dello Spirito Santo e il sacerdote pronunzia le parole della consacrazione dette da Gesù durante l’ultima Cena: “Questo è il mio Corpo dato per voi. . . Questo è il calice del mio Sangue. . . ” (CCC 1412).
(In inglese, visitate: “A Common Sense Rebuttal to Schismatic Traditionalists and Sedevacantists” (http://schis-trad.blogspot.it/2008/03/rebuttal-to-schismatic-traditionalists.html).

Quanti sacerdoti e vescovi oggi saranno capaci di rendersi conto, in un documento ambiguo di più di 250 pagine, il VELENO sottile, potente e mortale che almeno facilita tanto o cambia veramente la pratica e successivamente le dottrine della Chiesa Cattolica, dopo essere portati nel relativismo e nel mettere da parte o nel ignorare le dottrine della Chiesa perfino dalla loro formazione nelle università cattoliche e seminari?

Quando ho offerto la sintesi della conferenza di Padre Santiago Martin, F.M., intitolata “Amore, Verità e Misericordia”, del maggio del 2014 (“Lo Scisma nella Chiesa Cattolica – Padre Santiago Martin, F.M.”; http://cibo-spir.blogspot.it/2016/03/lo-scisma-cattolico-santiago-martin.html), ad alcuni sacerdoti della mia diocesi, riferendosi a ciò che Cardinale Kasper propone, alcuni sacerdoti ha detto che è soltanto una questione di INTERPRETAZIONE, come non esistesse più l’eresia. Nel relativismo tutto è accettato tranne la Verità assoluta da Dio! Non è questo di mettere l’uomo prima di Dio come l’arbitro del giusto e del non giusto, del vero e del falso, proprio come ha fatto Adamo e Eva (Gen 3,4-5) e come ha fatto molti dei filosofi moderni? Nella maggioranza dei seminari cattolici e delle università cattoliche oggi, tanti degli insegnamenti fondamentali autentici della Chiesa Cattolica sono raramente presentati, e quando sono presentati sono presentati accanto a tanti filosofi moderni ed insegnamenti falsi come fossero tutti uguali e il giovane seminarista o studente può scegliere quale filosofia o teologia si piace come non fosse il giusto o il non giusto ma soltanto secondo la scelta o il gusto personale di ognuno. Ho studiato la filosofia e la teologia all’Angelicum a Roma da 1983 a 1989; almeno i Padri Dominicani hanno avuto il coraggio di stare in piedi contro questa corrente relativistica forte mettendo Tomismo come la base prima di guardare agli altri filosofi moderni e altre teologhe eterodosse. “Maledetto l’uomo che chiama bene male e male bene” (Is 5,20)!

Il pastore in una parrocchia vicina dove ho lasciato dopo mi ha minacciato perché non gli sono piaciuto le mie omelie (“La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html), ha continuato a molestarmi di tornare nella gregge, nella mentalità di oggi in cui l’amore vuol dire di offrire le persone ciò che vogliono, senza nessun riferimento alla legge d’amore secondo Dio. Una catechista di questa parrocchia mi ha raccontato come questo parroco, insieme con un altro parroco della zona, hanno indicato apertamente che non è più necessario di preoccuparsi dei Dieci Comandamenti e che la confessione individuale non è tanto necessaria. Questa catechista mi ha detto recentemente che subito dopo la pubblicazione di Amoris Laetitia questi due preti hanno detto ai catechisti della zona che i divorziati e risposati senza un annullamento possono adesso ricevere la Comunione e quelli che obiettano sono quelli che mancano la carità e la misericordia. Già nella mia diocesi di Perugia, si fa gli incontri della formazione del clero per dare la stessa interpretazione di Amoris Laetitia. Mi meraviglia come sembra che tutto è organizzato con una certa comunicazione fra al meno la maggioranza dei vescovi e dei preti di questi cambiamenti nonostante che nessuno mi ha detto niente prima di questi cambiamenti; sembrava che tanti preti sapevano già ciò che da fare. Questa catechista mi ha detto che alcuni altri catechisti si sono resi conto che qualcosa non andava bene ma ormai avevano paura ad alzare la voce davanti a questi due preti che sapevano scegliere certe frasi da Amoris Laetitia che erano adatte al programma di ammettere tutti ai sacramenti e di minimizzare i Dieci Comandamenti e la necessità di confessare i peccati, che per tanti ormai, non esistono neanche!

Per promuover un’agenda nascosta, non è una buona strategia di offrire tante parole, insieme con le ambiguità, a quelle persone che forse obiettino a quest’agenda nascosta, mentre si apre la porta a quest’agenda e poi si promuove questa agenda in un modo celato, per causare meno reazione ed opposizione possibile? Quando i due vescovi della mia diocesi hanno scoperto che ho scritto tanti articoli, con tanti riferimenti agli insegnamenti del Magistero della Chiesa, mi hanno tolto la mia parrocchia ma non volevano fare un dialogo per cercare la Verità insieme o una soluzione insieme siccome per loro il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti è antiquata e Don Jo non pensa come la maggioranza oggi che sono stati manipolati o costretti di pensare che abbiamo bisogno di una Chiesa moderna per i tempi moderni e perciò le dottrine della Chiesa devono essere modificate o eliminate secondo le loro ideali e la loro illuminazione che credono d’avere nelle loro menti intelligenti.

La grande maggioranza delle persone nelle parrocchie oggi vogliono un cristianesimo senza la croce. Se si spiega semplicemente e chiaramente che se si ignora i Dieci Comandamenti si fa tanto male a se stesso adesso e dopo la morte, tante persone che vengono alla Messa domenicale non sono contente con un tale parroco. Quando ho alzato la voce contro la vendita della pornografia nella parrocchia vicina, il Pastore ha preso la parte dei venditori della pornografia (http://parolafavita.blogspot.it/2013/04/giacomo-59.html).

Quando ho offerto una copia del articolo, “Lo Scisma nella Chiesa Cattolica – Padre Santiago Martin, F.M.”, questo pastore della parrocchia vicina ha detto che Cardinale Kasper è soltanto un cardinale, e lui non voleva saperne i dettagli ne l’informazione. Per questo pastore, tipico di tanti preti oggi (“Occhio non vede, cuore non duole”), non c’è un problema, prendiamo un po’ di vino e pasta e facciamo allegria, nel culto dell’uomo, dove la Verità (Gesù Cristo – Gv 14,6) è messo da parte gentilmente o ignorato, o peggio ancora sfruttato per i nostri scopi umani come fanno tanti preti e vescovi oggi con la Teologia della Liberazione. Questo pastore non vuole la divisione causata dalla Verità. Ma Cristo è venuto per la divisione (Lc 12,49-53) fra quelli che seguono e vivono la Verità e quelli che non seguono e non vivono la Verità. Questo mi fa pensare di un uomo che non sopporta la suocera e la mette in una stanza isolata nella casa e la ignora più possibile, sperando che non vivrà a lungo. Ma quando questo pastore muore, questo pastore che ha messo da parte la Verità per essere corretto politicamente nel culto dell’uomo, non sarà Dio che lo manda all’inferno, ma questo pastore non vorrà stare con la Verità in paradiso, e si butterà volentieri nell’altro posto eterno dove non c’è la Verità (Gv 3,17-21; 12,44-50) ma “il padre della menzogna”. Gesù ha spiegato a Santa Caterina da Genova, che era disponibile di soffrire molto per portare tutti quelli nell’inferno a paradiso, che quelli nell’inferno soffrirebbero di più in paradiso che nell’inferno perché non vogliono stare con Dio, Che è la Verità! “La pena principale dell’inferno consiste nella separazione eterna da Dio” (CCC 1035). Qui sulla terra, se crediamolo o no, siamo tutti circondati da Dio, quelli nell’amicizia di Dio (nello stato di grazia) e quelli non nell’amicizia di Dio (non nello stato di grazia), altrimenti la terra sarebbe già l’inferno. Alla morte, Dio, Che è amore e perciò rispetta la nostra scelta, il nostro libero arbitrio, conferma la nostra scelta per tutta l’eternità.

Sono molto addolorato per le anime affidate a tali pastori che non vivono né predicano le verità che ci salvano nel Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti. Se i pastori non vogliono passare l’eternità con la Verità, Che è Dio, così sia. Ma di sfruttare la loro posizione di portare le anime affidate a loro nella stessa direzione è estremamente ripugnante!

Nell’inferno c’è l’unità forzata, senza la Verità, sotto il dittatura di Satana. In paradiso c’è l’unità scelta liberamente dell’amore che Cristo l’ha pregata al discorso dell’ultima cena (Giovanni 17), “che tutti siano uno”!

Ecco l’ecumenismo falso, di mettere da parte Cristo, la Verità, per stare insieme in un’unità false e superficiale. Cardinale Biffi al ritiro annuale al Papa e ai membri più importante del Vaticano il 27 febbraio 2007, ha citato Vladimir Solovev, un filosofo russo, che è morto nell’anno 1900 con grande acume aveva profetizzato le tragedie del XX secolo. Nei “I Tre Dialoghi e il Racconto dell’anticristo”,”, ha ricordato il porporato, “L’anticristo si presenta come pacifista, ecologista ed ecumenista. Convocherà un Concilio ecumenico e cercherà il consenso di tutte le confessioni cristiane concedendo qualcosa ad ognuno. Le masse lo seguiranno, tranne dei piccoli gruppetti di cattolici, ortodossi e protestanti. Incalzati dall’anticristo, risponderanno: “Tu ci dai tutto, tranne ciò che ci interessa, GESÙ CRISTO”. Questo racconto, ha detto il cardinale Biffi, ci è di ammonimento. Oggi, infatti, corriamo il rischio di avere un Cristianesimo che mette tra parentesi Gesù con la sua Croce e Risurrezione. ….” (“Il PAPA FALSO – Santa Ildegarda”; http://marchiobestia.blogspot.it/2013/02/dimissione-del-papa-benedetto.html).

Si trova nel libro: “Nel nome di Scopo – sacrificare la verità sull’altare dell’Unità” (Geremia 6:16), da Tamara Hartzell (in inglese: http://inthenameofpurpose.org/inthename.pdf):
“Questo “cambiamento di paradigma “- un nuovo modo di pensare di Dio e del mondo – è un cambiamento enorme nel modo di pensare dalla verità assoluta di Dio al relativismo dell’uomo.”
“L’onda anomala distruttiva che sta seguendo questo cambiamento sta spazzando la gente via dalla fede nella Nuova Spiritualità che trascende le barriere religiose”.
“Eppure, in mezzo a tutto questo, solo un numero relativamente ridotto di persone nella Chiesa sono stati diligenti nel cercare di avvertire il Corpo di Cristo, e chiese locali continuano a trasformare nell’immagine del mondo. Sostenendo che gli avvertimenti ed esortazioni sono troppo “negativi” e “moralista”, le chiese locali scelgono spesso di diffamare e marginalizzare coloro che tentano di avvertirli, e gli avvertimenti vanno inascoltati”.
“La verità di Dio è stato una delle vittime nel nuovo modo di pensare, e molte persone sono semplicemente inconsapevoli o non ricordano ciò che realmente dice la Parola di Dio. Questa mancanza di conoscenza facilita la diffusione di inganno. Le Sacre Scritture sono stati scritti da Dio per tutte le persone, non solo per i teologi e pastori”.

Un gran numero dei responsabili nel Movimento dei Focolari, così come in tutta la Chiesa, stano “Sacrificando la verità sull’altare dell’Unità”!
“SE camminiamo nella luce, come Dio è nella luce, noi siamo in comunione gli uni con gli altri, e il sangue di Gesù Cristo, suo figlio, ci purifica da ogni peccato” (1Gv 1,7). Se NON camminiamo nella luce, se NON mettiamo l’amore di Dio primo, non siamo in comunione gli uni con gli altri, è amore falso!!! Anche l’essenza reale del peccato è pervertito siccome non è basata prima di tutto nel offendere Dio, e perciò alla fine, si smette a confessarsi, e perciò il sangue di Gesù Cristo non ci purifica da ogni peccato! In questo modo la redenzione è reso nulla e vuota!

Il Servo di Dio, l’ARCIVESCOVO FULTON SHEEN, ha detto: “Il profeta falso avrà una religione senza la croce, una religione senza un mondo che verrà, una religione per distruggere le religioni. Sarà una chiesa falsa. La Chiesa di Dio sarà Una, e il Profeta Falsa creerà l’altra. La chiesa falsa sarà mondana, ecumenica (falsa, non ecumenica secondo l’insegnamento del Secondo Concilio Vaticano) e globale. Sarà una federazione vaga di chiese, religioni che formeranno una specie di associazione globale, un parlamento mondiale di chiese. Sarà vuota di tutto il contento divino e sarà il corpo mistico dell’Anticristo. Il Corpo Mistico di Cristo sulla terra avrà il suo Giuda Iscariota e sarà il Profeta Falso. SATANA LO ARRUOLERÀ FRA I VESCOVI CATTOLICI.”
(“Il PAPA FALSO – Santa Ildegarda”; http://marchiobestia.blogspot.it/2013/02/dimissione-del-papa-benedetto.html).
“Papa Francesco” ha fermato il processo di beatificazione del Servo di Dio, l’Arcivescovo Fulton Sheen.

Come la Nostra Signora di La Salette ci ha detto: “Roma diventerà la sede dell’Anticristo”!

“Tu ci dai tutto, tranne ciò che ci interessa, Gesù Cristo!” Questo è il motivo per cui l’enfasi è ora sull’umanesimo, dando a parole “Gesù Cristo”, in modo tale da usare Gesù Cristo, o almeno di utilizzare le sensazioni soggettive o nostalgia di una “religione superata” al servizio del culto dell’uomo, dietro la quale si nasconde Satana che sposta lentamente l’enfasi e la gloria a se stesso. Il nome di Gesù Cristo è usato nelle riunioni, ma pochissimi si rendono conto del sottile ben pensato allontanamento da Gesù Cristo. Questo è il motivo per cui all’inizio di indirizzi pubblici “Papa Francesco” non saluta la gente, come i Papi del passato hanno sempre fatto con “Sia lodato Gesù Cristo”, ma con “Buona sera”, o “Buongiorno”. Non finirebbe il profeta falso, per guadagnare più simpatia e seguaci finire i suoi discorsi con: “Per favore, pregate per me”! Tante donne mi dicono: “Oh, che carino! Papa Francesco è un santo”!?! Il discorso di “Papa Francesco” e il tema del 5° Congresso Nazionale Ecclesiale per la Chiesa in Italia è stato “un nuovo umanesimo in Gesù Cristo” (http://www.firenze2015.it/5-vie-per-un-nuovo-umanesimo/).

Recentemente, il giorno prima della pubblicazione dell’Esortazione Apostolica post-sinodale, Amoris Laetitia, il 7 aprile 2016, il mio cardinale della diocesi di Perugia, il cardinale Bassetti, ha chiamato un ritiro del clero della diocesi. Durante la sessione del mattino Don Giovanni Fazzini, del “Centro nuovi stili di vita” del Patriarcato di Venezia, ha esposto i capitoli V e VI della “Laudato si’.” In parole povere, il suo discorso era fondamentalmente la promozione della teologia della liberazione. Neanche una volta Don Gianni ha menzionato la necessità di Gesù o di Maria o dell’Eucaristia per arrivare a questa liberazione, una liberazione in particolare sul piano ecologico, economica. Ad un certo punto don Gianni ha detto, con un sorriso, che il Papa Francesco non può usare apertamente la frase “teologia della liberazione”. La conclusiva frase finale che Don Gianni ci ha lasciato i sacerdoti della diocesi di Perugia è stata: “Auguro a tutti voi di essere pastori che camminano con le persone verso un cammino di liberazione”!

Durante la seconda sessione P. Krzyzstof Pawlik OFMcapp, vicario giudiziale del Tribunale interdiocesano, ha presentato, a partire dalla Lettera apostolica “Mitis iudex”, le novità relative ai procedimenti di nullità matrimoniale.

In data 11 febbraio 2016, al ritiro del clero per i sacerdoti della diocesi di Perugia, P. Marco Presciutti, Vicario per le opere pastorali della diocesi di Fano-Fossombrone, ha anche tenuto conferenze su “Laudato Si”, durante i quali il cardinale Bassetti ha elogiato P. Leonardo Boff e P. Pierre Teilhard de Chardin, SJ.

“Il Panteista Scientifico che Consiglia Papa Francesco (Hans Schellnhuber) – Il scienziato che ha influenzato Laudato Si, e che serve all’ufficio scientifico del Vaticano, sembra di credere in Gaia, ma non in Dio” (https://stream.org/scientific-pantheist-who-advises-pope-francis/; http://sspx.org/en/news-events/news/laudato-si-eco-ecumenism-of-pope-francis-8851; http://en.denzingerbergoglio.com/laudato-si-ii-what-francis-forgot/).

“Papa Francesco” parla di amare i poveri, che è importante, ma se le priorità non sono tenuti giustament, che il vero amore cerca la felicità eterna prima della felicità temporale, egli finisce per condurre le persone alla loro distruzione ignorando l’unica cosa che terrà fuori dal paradiso i poveri e chiunque altro, il peccato mortale, spiegato molto bene nel Catechismo della Chiesa cattolica degli adulti (CCC). Non è questo ciò che ha fatto Giuda Iscariota, cercando di utilizzare Gesù per quello che Giuda si sentiva che era importante, per liberare gli ebrei dai Romani, per liberarci da una oppressione economica come “Laudato Si” è stato spiegato ai sacerdoti della diocesi di Perugia.

“Sfruttare la gente sul lavoro per arricchirsi è come essere delle sanguisughe, è peccato mortale: è quanto ha detto il Papa nella Messa del mattino a Casa Santa Marta… Questo è affamare la gente con il loro lavoro per il mio profitto! Vivere del sangue della gente. E questo è peccato mortale. E’ peccato mortale. E ci vuole tanta penitenza, tanta restituzione per convertirsi di questo peccato” (http://www.avvenire.it/Papa_Francesco/santmarta/Pagine/santa-marta-del-19-aprile-2016.aspx).

“Questo è peccato mortale”! Sicuramente si tratta di un peccato di sfruttare i lavoratori in questo modo. Ma se uno non crede nella vita dopo la morte, e l’unica cosa che conta è questa breve vita, allora si parla in questo modo, ignorando quello che fa la maggior danno per l’anima immortale, peccato mortale, il sesso al di fuori del matrimonio. Chiamare questo sfruttamento un peccato mortale dice alla gente che il Papa crede che esista il peccato, ma solo i peccati contro il culto dell’uomo, ma non contro il culto di Dio, non contro le leggi di Dio. Nel documento Amoris Laetitia, NON È MENZIONATO nemmeno una volta la parola “peccato mortale” o “l’adulterio”.

La radice fondamentale della decadenza della società è il decadimento della famiglia. Ci è promosso falsa pietà di perdono per adulterio, senza aiutare le persone a comprendere il veleno mortale di adulterio, che porta alla distruzione della famiglia, che è alla radice della povertà. C’è una contraddizione nascosta qui dal “padre della menzogna” per condurci alla nostra distruzione e la distruzione della famiglia mentre si utilizzano di belle pie parole che fanno appello al pubblico e coprono oltre il problema reale ed il veleno! Questo è ciò che i politici fanno, parlando di certi problemi che fanno appello al pubblico senza offrire soluzioni reali che richiedono i sacrifici da ogni cittadino, e di vivere i Dieci Comandamenti! Ma se un politico offre la vera soluzione di fare i sacrifici personali per il bene comune, oggi, questo politico non sarà mai eletto. I cittadini preferiscono le promesse vuote senza l’obbligo di fare i sacrifici per gli altri. Alla fine, il bene comune crolla. Meritiamo ciò che succede e ciò che succederà!

“Anche la Chiesa, che in questo continente vive e soffre, è minacciata da una interiore divisione, causata dalla divisione dal Papa e dalla opposizione al suo Magistero da parte di alcuni vescovi, teologi, sacerdoti e fedeli. Sopratutto il mio Avversario ha voluto colpirla, con la subdola insidia della teologia della liberazione, che è un vero tradimento di Cristo e del suo Vangelo. Per questo il mio Cuore viene ancora oggi trapassato dalla spada del dolore” (La Madonna a Don Stefano Gobbi, 27 febbraio 1992).
“In questa Nazione, ove il mio Avversario è riuscito a sedurre tanti miei figli con il pericoloso errore della teologia della liberazione, Io formo la mia schiera con tutti i miei poveri e piccoli bambini” (La Madonna a Don Stefano Gobbi, Ilobasco, El Salvador, 13 febbraio 1994).

Non mi rendevo conto che la teologia della liberazione è stata così diffusa tra i sacerdoti ed i vescovi nella Chiesa di oggi! Circa sei anni fa, quando un importante sacerdote della mia diocesi ha elogiato questo errore del socialismo, gli ho detto: “Ma l’enciclica di Leone XIII “Rerum Novarum”, o enciclica di Giovanni Paolo II “Centesimus Annus”?” Mi guardò come se fossi molto ignorante e non illuminato!

“Tu ci dai tutto, tranne ciò che ci interessa, GESÙ CRISTO”.

Il cardinale della mia diocesi, il Presidente della Conferenza Episcopale Umbra, S. Em. Cardinale Gualtiero Bassetti, che Papa Francesco lo ha fatto cardinale nonostante che la diocesi di Perugia non era mai una diocesi di un cardinale, lo era consegnato il XXII “Premio Rotary Umbria” il 14 maggio 2015 nel cattedrale di Perugia. Alcuni amici miei che abitano a Perugia mi hanno detto che quel giorno a Perugia (14 maggio 2015) il Cattedrale era pieno dei massoni! Un premio simile era consegnato dal Rotary Club nel Buenos Aires da 1999 a Cardinale Bergoglio. “Il Rotary è di ispirazione massonica in quanto porta avanti ideali massonici ed ha legami con la Massoneria. Questa è la ragione per cui il Rotary è stato soprannominato – assieme ad altri club come per esempio il Lions Club International – ‘Massoneria bianca’.” (“La Donna Vestita di Sole alla Ricerca dei Piccoli”; http://cibo-spir.blogspot.it/2016/02/i-piccoli-della-donna.html).

Il falso profeta, il falso papa, cercherà di formare Una Religione Mondiale, a titolo di falso ecumenismo, che si tradurrà in riduzionismo al minimo comune denominatore, perdendo i nostri mezzi più preziosi di santificazione e la pienezza della verità, come cattolici, in nome del “amore” (falso) e “misericordia” (falsa) e “ecumenismo” (falso)!?! È proprio ora che il mondo ha bisogno, più che mai, questi “mezzi di santificazione”, che si trovano nella Chiesa fondata da Gesù Cristo. È proprio ora, quando Satana è riuscito a diffondere più che mai le sue belle bugie come se fossero la verità, che abbiamo bisogno della guida infallibile del Magistero della Chiesa! Oggi pochi cattolici, soprattutto i preti e vescovo, si rendono conto che il veleno più potente di Satana sono proprio le sue belle bugie che fanno il più male alle anime immortali! In questo modo si va sempre più verso la mediocrità cercando di ricevere e di accontentare tutti, con il compromesso, dopo il compromesso, fino al punto di perdere quasi tutti i veri valori di Gesù Cristo, nonché le fonti autentiche di grazia per mezzo di Gesù Cristo. Il fondatore della Christendom College (USA), il Dr. Warren Carroll, ha scritto che l’ecumenismo è importante, ma ben compreso “non è un ecumenismo in cui si abbandonerebbe le convinzioni in verità che sarebbero gli accordi superficiali e privi di significato, ma lo sviluppo di un ecumenismo costruito solidamente su reale convinzione e verità”.

Anche se la “misericordia di Dio dura per sempre” (Sal 136), Gesù non ha mai offerto i compromessi anche quando c’era il rischio di perdere molti seguaci. Quando molti dei suoi discepoli lo hanno lasciato per quanto riguarda la verità sull’Eucaristia, Egli non ha offerto i compromessi con la verità, ma era perfino disposto a perdere i suoi Apostoli: “Forse anche voi volete andare via” (Gv 6,67)! Coloro che non seguono la Verità, che è Gesù (Gv 14, 6), sono interessati prima di tutto nella quantità di seguaci, “per andare alle periferie”, invece di prima trovare un grande unione con Dio sul monte Tabor (Mosè ), nel deserto (Sant’Antonio Abate), a Subiaco (San Benedetto), a Laverna (San Francesco d’Assisi); non sono interessati alla vera qualità spirituale di coloro che sono disposti a sacrificare e soffrire tutto per seguire la Verità! Questi falsi cristiani, che sfruttano la religione per i propri motivi, sono contenti con la mediocrità e cercano di condurre altri con loro lungo il percorso della mediocrità, e in ultima analisi, il perdita della Verità, la fede e la salvezza!

Ad Assisi il 29-30 novembre 2013, c’è un convegno per i sacerdoti e i laici. Il titolo del convegno è “Custodire l’umanità – Verso le periferie esistenziali”. Ma se non abbiamo l’Eucaristia o non passiamo tempo davanti al Sole Divino, il Fuoco Divino, con l’aiuto della Madre del Figlio divino, che cose riusciamo a dare agli altri? I santi ci dicono che soltanto ciò che trabocca dalla nostra unione con Gesù diamo agli altri! “Una parola di un’anima unita a Dio procura più bene alle anime che eloquenti dibattiti o prediche di un’anima imperfetta” (Diario, 1595). “Una persona ha un bel da fare dietro alle anime che le sono affidate, riprenderle, cercare di infondere in loro un po’ più di pietà: non vi riuscirà che proporzionatamente alla sua interiorità. È solo ciò che sovrabbonda dalla sua pietà che essa riverserà nei loro cuori; nel caso contrario, se non è quale dovrebbe essere, se non è unita con Gesù, le sue parole giungeranno agli orecchi, ma non al cuore, i suoi sforzi non saranno benedetti. Considerate se è cosa buona l’essere uniti a Gesù… È così, non è vero?… Ed è solamente in questo la vera felicità della terra” (“Un Manoscritto sul Purgatorio”; http://purgatorio-mano.blogspot.com).

Vedete l’Appendici sotto: UNA CHIESA RISTRUTTURATA CON MOLTO MENO MEMBRI

Tanti vescovi hanno dato il loro Imprimatur al libro che contiene i messaggi della Madonna a Don Stefano Gobbi (http://madonna-sacerdoti.blogspot.it/). Il 6 settembre 1986, la Madonna ha revelato a Don Stefano Gobbi:
“Questi sono i tempi, da Me predetti, in cui Cardinali si oppongono a Cardinali, Vescovi a Vescovi (Akita, Giappone; 13 ottobre 1973), Sacerdoti a Sacerdoti ed il gregge di Cristo viene dilaniato dai lupi rapaci, che si sono introdotti sotto le vesti di inermi e mansueti agnelli. Fra costoro vi sono anche alcuni che occupano posti di grande responsabilità e, per loro mezzo, Satana è riuscito ad entrare e ad operare al vertice stesso della Chiesa.”

Come bambini, la prima domanda nel catechismo era: “Chi ti ha creato?”. La seconda domanda era: “Perché Dio ti ha creato?”. Abbiamo imparato a memoria la risposta: “Dio mi ha creato per conoscerLo, per amarLo, e per servirLo su questa terra, e per essere felici con Lui per l’eternità in paradiso”. Il nostro nemico mortale ha rovesciato questo lentamente così che la grande maggioranza dei cattolici oggi credono e vivono come se la parrocchia, il parroco, la religione e persino Dio esistessero per servire me, me stesso, mio ego, la nuova trinità. Ora sono IO centro dell’universo, non Dio!

Al ritiro del clero del 7 aprile 2016, vi è stato anche fortemente promosso una mostra ” Abramo, La nascita dell’io” (di I. Carbajosa). Mi sembra che la Chiesa, fino ad ora, ha sempre spiegato come la prima priorità, la manifestazione di Dio ad Abramo, non la nascita dell’ego di Abramo. Che cosa è promossa qui, l’umanesimo cristiano o umanesimo laico (secolare), il culto di uomo o il culto di Dio?!? (Http://abramo.diocesi.perugia.it/mostra-perugia/). Proprio come nelle parrocchie, così anche a livello diocesano, la religione cattolica è oggi una religione culturale, non è più una religione che esiste per aiutarci a scoprire e poi fare la santa volontà di Dio! Anche i nazisti si vantavano di essere di una cultura più elevata, la raccolta di opere d’arte, mentre uccidevano milioni di persone che i nazisti non ha ritenuto degni di vita, proprio come si fa oggi con i bambini indesiderati nel grembo materno e gli anziani che non possono più contribuire alla società. Le chiese erano abbellite nel passato per onorare Dio e per attirare l’attenzione al Dio infinito nell’Eucaristia. Oggi, in Italia, la grande parte delle persone entrano nelle chiese per vedere le belle arti ma non hanno nessun idea che la seconda Persona della Santissima Trinità è presente Corpo, Sangue, Anima e Divinità nel tabernacolo! Una ragazza con cui sono uscito al college, ha gettato fuori la sua fede cattolica per sposare un uomo protestante; lei ha scelto un uomo invece Dio (nell’Eucaristia)!

È vero che Gesù è molto esigente, ma a differenza di qualsiasi creatura, Gesù può offrire la vita eterna! Per tantissimi pastori la prima priorità nel loro cuore è la parrocchia non la Verità scomoda, Che è Cristo crocifisso sulla croce. Per tanti laici, le loro famiglie o perfino un piccolo gruppo di preghiera è più importante che la Verità scomoda, spiegata dalla Chiesa e riassunta nel Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti (CCC). I parrocchiani non vogliono sentiere del peccato mortale e le conseguenze del peccato mortale e il bisogno di cambiare la propria vita e soffrire, e le persone non vogliono perdere i loro amici e perciò rimangono in silenzio di ciò che Dio volesse nelle loro vite. “Chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli” Mt 10,33)! “Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me…” (Mt 10,37). “Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo” (Lc 14,26).

Un SPOSTAMENTO relativo ben orchestrata è stata dal riconoscimento del peccato personale e sociale, alla misericordia falsa senza l’obbligo di cambiare la propria vita, per portare fino al più grande scisma nella storia della Chiesa cattolica. All’Angelus della Domenica V di Quaresima, con il Vangelo dell’adultera (Gv 8,1-11), Papa Francesco non ha menzionato il tema tradizionale (cfr “Messale dell’Assemblea Cristiana; Centro catechistico Salesiano; Editori: ELLE dI CI) che è stato dato a questo brano del Vangelo: “Va ‘e non peccare più”! (“Angelus Domini 2016/03/13”; https://www.youtube.com/watch?v=mPNMk1N5ypc; https://w2.vatican.va/content/francesco/en/angelus/2016/documents/papa-francesco_angelus_20160313.html). Questo sarebbe come se i genitori parlassero ai loro figli solo della misericordia, senza dire loro l’importanza di “andare e non peccare più”! È incredibile quanti pochi preti e vescovi vedono l’inganno e le gravissime conseguenze di questo silenzio su ciò che fa la maggior danno ad una persona, con un’anima immortale, il peccato secondo il Creatore degli esseri umani. E poi tra coloro che hanno lottato per tenere gli occhi aperti in una Chiesa dove “il padre della menzogna”, ha seminato tante belle bugie e confusione , pochi sono disposti a correre il rischio di parlare in questo momento di grande necessità per la salvezza eterna delle anime, e quindi, scelgono di fare tanti piccoli compromessi, uno dopo l’altro, senza chiedersi se questo è veramente il meglio per le anime affidate ad essi secondo la rivelazione divina del Padre nostro che è nei cieli, il Creatore di ogni persona con un’anima immortale !!!

Abbiamo sentito questa stessa strategia sottile di mettere da parte la verità rivelata di Dio in molti modi, come non battezzare i neonati fino a quando non sono abbastanza grandi per decidere quale religione che vogliono. È interessante il fatto che uno dei recenti obiettivi della massoneria è: “Abolizione del battesimo ai minorenni o a persone comunque non consenzienti” (“Obiettivi futuri della Massoneria; http://antimassoneria.altervista.org/obiettivi-della-massoneria/).

Non è facile continuare a rimanere attenti alle strategie nascoste e ben mimetizzati, del nostro nemico mortale. Ma se i pastori del gregge, che hanno studiato filosofia e teologia, non fanno questo lavoro essenziale di continuo spogliarsi la maschera del lupo mortale, chi farà questo lavoro molto importante? Questo è anche il motivo per cui il lupo molto furbo ha lavorato fortemente per cambiare i corsi universitari cattolici ed i corsi in filosofia e teologia nel seminario in modo che i nuovi sacerdoti non hanno più la preparazione di riconoscere neanche i veleni potenti e mortali offerti alle anime immortali oggi.

Quando ho offerto il mio articolo, “La Donna Vestita di Sole alla Ricerca dei Piccoli” (http://cibo-spir.blogspot.it/2016/02/i-piccoli-della-donna.html), a diversi sacerdoti agli esercizi spirituali annuali della mia diocesi di Perugia e Città di Castello (18-22 gennaio 2016), un prete più giovane (meno di quaranta anni) è stato felice di leggere questo articolo e ha cominciato a difendere l’esistenza del diavolo. Un vecchio prete della sua diocesi non piaceva l’articolo, e quando gli ho chiesto come si spiega l’aumento del male nel mondo di oggi, ha risposto che esso è dovuta alla natura umana. Tanti sacerdoti e vescovi non credono più che il diavolo esiste (http://www.preghiereagesuemaria.it/sala/intervista%20a%20padre%20amorth.htm).

Ho detto a questo prete più anziano, che per 2000 anni la Chiesa ha sempre inteso dalla rivelazione divina che fa grande danno ed è un peccato di avere rapporti sessuali fuori del matrimonio; stai dicendo che d’ora in poi è OK per fare sesso fuori dal matrimonio?!? Egli rispose, ma no; dobbiamo aspettare quello che dirà Papa Francesco su questo. C’è un vero e proprio “disconnettere” (logico) con un gran numero di sacerdoti, vescovi e laici che hanno scivolato nel relativismo più facile e più gratificante in cui ogni persona può decidere la verità e la morale fondamentale secondo il proprio giudizio privato senza fare alcun riferimento alla verità oggettiva trovata al di fuori delle loro testoline; Dio ci ha rivelato la Verità per il vero bene dell’uomo.

Quante persone oggi credono o dicono “Sono apposto”! Li dico: “Secondo chi, tu o Dio?” Tanti hanno fatto i passi per la strada distruttiva del relativismo dicendo: “Sono apposto secondo Dio”, perché hanno equiparato le loro idee e convinzioni come fossero quelle di Dio!

Sembra che in queste situazioni molto comuni oggi, non si può applicare il principio di contraddizione di S. Tommaso, cioè, una cosa non può essere e non essere, allo stesso tempo. I sacerdoti e vescovi relativistici che conosco non vogliono ascoltare o leggere o confutare i miei articoli, che hanno molti riferimenti agli insegnamenti della Chiesa, anche se allo stesso tempo loro vanno contro gli insegnamenti della Chiesa in molte aree fondamentali di fede e di morale; essi considerano Don Joseph Dwight come antiquato e non con i tempi. Lucifero credeva di essere Dio, anche se sapeva che non era Dio, e così divenne Satana, «padre della menzogna» (Gv 8,44)! Quando rifiutiamo la verità scomoda crocifissa sulla croce e quindi cadiamo dalla grazia di Dio, perdiamo tutti i riferimenti con la realtà creata dal Creatore. Così molti cattolici oggi hanno buttato fuori la Pietra, il Magistero della Chiesa, e hanno finito nella falsa libertà di sabbie mobili. Questo prete più anziano, che caratterizza tanti sacerdoti di oggi, dice che le cose non cambieranno (come alcuni responsabili del Vaticano hanno detto di recente), e poi non vede le contraddizioni insite in quello che tanti vescovi, come il cardinale Kasper, dicono.

Padre Larry Richards spiega “Dite la verità nella carità” (Ef 4,15).; amore e giudicare, non sono antagonisti, sono due facce della stessa medaglia.
Vedete l’Appendici sotto: FR. LARRY RICHARDS – AMORE INCONDIZIONATO

La grande maggioranza dei figli della rivoluzione sessuale non ha ricevuto il vero amore sacrificale cristiano dai loro genitori, che non hanno visto più i bambini in senso biblico, come una benedizione o un “dono di Dio” (Sal 128,3; Gv 16,21; Mt 18,1-3,10; Prov 17,6), ma piuttosto come un peso o come ostacoli al loro piacere quando “la pillola” non ha funzionato. Negli anni Sessanta ci sentiremmo slogan, “pace e amore”, ma senza alcuna comprensione o un riferimento a sacrificare se stessi per gli altri come Cristo ci ha insegnato sulla croce. Ora questa falsa “amore” e falsa “pace” sono in piena fioritura nel mondo e nella Chiesa. Anche molti bambini con buoni genitori, si ribellarono come per dire ai loro genitori, amatemi di meno o smettete di amarmi così non c’è bisogno di sentirsi in colpa per non corrispondente al vostro amore. Ciò equivale a dire: “Vai via di Dio”, ma non come San Pietro che in seguito si pentì (Lc 5,8-11). “Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio” (Gv 3,20-21).

Quando i parrocchiani esprimono la loro ribellione contro di me come parroco, qualche volta rispondo che non ho scritto io i Dieci Comandamenti! Se Don Jo non cerca a scoprire e a vivere i Dieci Comandamenti, anche nella grande confusione nella Chiesa oggi, Don Jo andrà direttamente all’inferno per tutta l’eternità! Forse i padri delle famiglie devono dire qualcosa simile ai loro figli che hanno imparato dal TV a ribellare contro tutta l’autorità, che poi dopo i figli finiscono nella schiavitù del principe del mondo, Satana (Gv 12,31; 14,30)! Tutti sono liberi a fare la loro scelta, di stare con Dio, l’autorità suprema, o di non stare con Dio per l’eternità!

Articoli in inglese:
“La Rivoluzione Sessuale e le Sue Vittime”, di Dr. Jennifer Roback Morse
“The Sexual Revolution and Its Victims”, by Dr. Jennifer Roback Morse
(http://www.ncregister.com/daily-news/jennifer-roback-morse-remember-the-victims-of-the-sexual-revolution1)

“La Rivoluzione Sessuale e le Sue Vittime: Trentacinque Articoli Profetici di Due Decenni”
“The Sexual Revolution and Its Victims: Thirty-Five Prophetic Articles Spanning Two Decades”
(http://www.ruthinstitute.org/store/ruth-books/the-sexual-revolution-and-its-victims)

““Dr. J” e le Sue Predizioni Precise Incredibili dei Risultati della Rivoluzione Sessuale”
““Dr. J” and Her Amazingly Accurate Predictions of the Sexual Revolution’s Fall-Out”
(http://aleteia.org/2015/02/23/dr-j-and-her-amazingly-accurate-predictions-of-the-sexual-revolutions-fall-out/)

Fate confronto di questo atteggiamento egoistico con l’atteggiamento e la conoscenza dei santi e degli angeli: “Gli angeli, se potessero provare invidia, ci invidierebbero due cose: la prima – il fatto che possiamo ricevere la santa Comunione; la seconda – le sofferenze.” (Diario di St . Faustina, n. 1804)! Il modo migliore per amare qualcuno è di soffrire per qualcuno. Gli angeli, che vedono quanto Dio li ama, vuole corrispondere di più con il suo amore, ma non sono in grado in quanto non hanno un corpo per poter soffrire per Dio come possiamo noi. Quanti cattolici non vanno alla Messa di Domenica a ricevere Gesù nel loro cuore e non vogliono soffrire con Gesù?!?

Dopo hanno presso Paolo a sassate… credendo morto; Paolo si è alzato per continuare a predicare il vangelo, per spiegare a tutti noi: “É necessario attraversare molte tribolazioni per entrare nel regno di Dio” (Atti 14,19-22)!

Troviamo questa contraddizione palese proprio nelle parole di Cardinale Kasper:
“Nessuno nega la indissolubilità di matrimonio. Io no, e non conosco qualsiasi vescovo che la nega,” ha detto Kasper la settimanale gesuita” (http://www.religionnews.com/2014/10/09/catholic-bishops-debate-doctrine-end-pastoral-practice-begin/).

Padre Santiago Martin scrive:
Applichiamo questo ai casi concreti. Si sta parlando dei “divorziati-risposati” che, senza aver ottenuto la nullità matrimoniale, possono ricevere la Comunione. Però si sta prospettano un problema che, in primo luogo, non è il problema della famiglia; si sta prospettando, nel contesto del sinodo sulla famiglia, a tal punto che il cardinal Kasper – colui a cui papa Francesco incaricò la relazione preventiva alla studio di questo sinodo – è arrivato a dire: “Se non si permette ai divorziati-risposati di ricevere la Comunione – sono parole sue – è inutile portare il sinodo a compimento, perché sarebbe una grande defezione”.” (“Schism in the Catholic Church – Padre Santiago Martin, F.M.; http://spir-food.blogspot.it/2016/03/catholic-schism-santiago-martin.html).

Questa contraddizione fondamentale nella verità è peggiore della Torre di Babele (Gn 11:1-9) perché al primo Torre di Babele almeno si poteva comunicare lentamente con un dizionario. Ma senza i fondamenti della verità da Dio accettati e in comune tra sacerdoti e vescovi della stessa Chiesa cattolica, è impossibile giungere a una conclusione, senza questa base della verità divina su cui costruire e di andare avanti insieme. Così sempre più nella Chiesa cattolica, vediamo le parole di Papa Benedetto XVI realizzate: “Avere una fede chiara, secondo il Credo della Chiesa, viene spesso etichettato come fondamentalismo. Mentre il relativismo, cioè il lasciarsi portare “qua e là da qualsiasi vento di dottrina”, appare come l’unico atteggiamento all’altezza dei tempi odierni. SI VA COSTITUENDO UNA DITTATURA DEL RELATIVISMO che non riconosce nulla come definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio io e le sue voglie.” (“Chi Decide La Verità?”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/06/chi-decide-la-verita.html). Senza questa base della Verità di Dio, andiamo velocemente a “La forza fa Giusto” (“Might makes Right”)!

Tanti sacerdoti e vescovi per molti anni hanno scelto solo ciò che li piace e ciò che la gente vuole, senza guardare Cristo e le sue leggi che ci salvano; hanno preso molti passi indietro nel ignorare e di perdere Cristo, che è la Verità (Gv 14, 6); questi passi sono accompagnati dalla cecità spirituale sempre più e “quello che mi piace o approvo”, con nessun riferimento vero al Magistero della Chiesa.

Sotto la dittatura del relativismo, tutto è OK, tranne la verità assoluta di Dio. Così, nel Sinodo del 2014, i vescovi africani che hanno capito il grande dono degli insegnamenti della Chiesa sul matrimonio sono stati emarginati e il libro scritto da cinque cardinali, “Permanere nella Verità di Cristo”, in difesa del matrimonio, non è stato lasciato entrare nel Sinodo dello scorso ottobre 2014! (“Il Papa Falso Rimarrà In Silenzio”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/09/il-papa-falso-rimarra-in-silenzio.html). In mezzo a questa confusione, pochissimi sacerdoti e vescovi riconosceranno il potente veleno del inganno mascherato nel documento ambiguo e lungo, dell’Esortazione Apostolica post-sinodale, Amoris Laetitia. La maggior parte dei pochi che si rendono conto che qualcosa non va con questo documento NON avrà il coraggio di andare contro la grande maggioranza manipolata dai mass media; non avranno il coraggio di rischiare di perdere le loro posizioni, i titoli, il reddito monetario, insieme con la possibilità reale di persecuzione, anche la morte.

Questa mancanza diffusa dei padri buoni e sani, delle famiglie, è alla radice della femminilizzata “Chiesa dei Simpatici” che abbiamo oggi e anche la crescita dell’omosessualità e il scivolare nel ecumenismo falso che porterà all’Una Chiesa Mondiale per la preparazione del avvento dell’Anticristo. (“Siamo davvero arrivati ad uno SCISMA?”; http://cibo-spir.blogspot.it/2016/03/scisma-cattolico.html).
Vedete l’Appendici sotto: FEMMINISMO – HELEN HULL HITCHCOCK.

La carta vincente di Satana oggi è quello di dire a tutti di questa misericordia incondizionata, senza spiegare la necessità assoluta di cambiare la propria vita, di “andare e non peccare più”, come si dice nell’Atto di Dolore. È come i genitori di una famiglia dicendo loro figli: “fate quello che volete perché i tuoi genitori vi amiamo e offriamo la misericordia incondizionata.” Questo è misericordia falsa e amore falso che portano alla distruzione dei bambini. La strategia di Satana è quello di eliminare la voce di coloro che in particolare hanno la vocazione di offrire anche l’amore condizionale per il vero bene delle anime a loro affidate, per eliminare i padri maturi delle famiglie, i pastori maturi delle parrocchie e della diocesi. Satana vuole rendere gli uomini: “SONO TUTTI CANI MUTI, INCAPACI DI ABBAIARE” (Is 56,10), come Papa San Gregorio Magno ci dice (Papa San Gregorio Magno, Ufficio delle letture, Domenica, 27 Settimana di OT). I pastori non predicano più del peccato, mentre il lupo conduce dolcemente le pecore al suo regno del inganno sottile, del amore falso, della misericordia falsa e della compassione malconsigliata.

Coloro che rimarrà fedele alle leggi salvifici di Dio saranno considerati il male e crudele e sarà sempre meno tollerato, come abbiamo visto nel corso della storia umana.

Dio ha rivelato a San Francesco d’Assisi queste profezie:
6. “Coloro che nel fervore spirituale abbracceranno la pietà con la carità e zelo per la verità, subiranno persecuzioni e insulti come se fossero scismatici e disobbedienti. Perché i loro persecutori, spronati da spiriti maligni, diranno che in questo modo prestano grande onore a Dio nell’uccidere e rimuovere dalla terra degli uomini tanto cattivi. Allora il Signore sarà il rifugio degli afflitti e lui li salverà, perché hanno sperato in Lui. E poi per rispettare il loro Capo, agiranno secondo la Fede e sceglieranno di obbedire a Dio piuttosto che agli uomini, acquistando con la morte la vita eterna, non volendo conformarsi all’errore e alla perfidia, per assolutamente non temere la morte.” (http://cibo-spir.blogspot.it/2013/11/profezia-san-francesco.html)

Il messaggio del Papa Francesco nella sua Messa a Casa Santa Marta era “Chi esclude crea conflitti” (5 Novembre 2015; https://www.youtube.com/watch?v=S9XELtpveSA)! Se questo messaggio non è spiegato nel contesto di tutta la rivelazione divina e di tutta la Sacra Scrittura, coloro che creano conflitto perché offrono la verità salvifica di Gesù Cristo, saranno considerati “nemici dell’ecumenismo, nemici della fraternità, nemici dell’umanità. “Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso! C’è un battesimo che devo ricevere; e come sono angosciato, finché non sia compiuto! Pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione. D’ora innanzi in una casa di cinque persone si divideranno tre contro due e due contro tre; padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera” ( Lc 12,49-53). Quanto tempo sarà prima che questa frase di Papa Francesco diventerà: “Chi esclude coloro, che vivono nel peccato, dalla Santa Comunione nella Chiesa cattolica, crea conflitti”? Non sarebbe un vero papa che spiega semplicemente che Cristo esclude il peccato ma non il peccatore, che Cristo ama il peccatore ma odia il peccato? Qual è il messaggio che il pubblico sta ricevendo da “Papa Francesco”? Che quelli che odiano il peccato creano conflitti e sono i bigotti?!?

“Una mezza verità inganna quelli che ascoltano presentando qualcosa credibile e sfruttando gli aspetti della frase che sono veri come un buon ragione per credere che la frase intera è vera, o che la frase rappresenta tutta la verità. Una persona ingannata da una mezza verità considera la proposizione di essere la conoscenza e agisce in quel modo” (https://en.wikipedia.org/wiki/Half-truth).

Gesù non era politicamente corretto e quindi ha offeso molte persone e quindi, alla fine, Gesù è stato crocifisso! I profeti del Vecchio Testamento non erano politicamente corretti e quindi hanno offeso molte persone e quindi, alla fine, la maggior parte dei profeti del Vecchio Testamento sono stati uccisi.

La grande ribellione contro la Verità crocifissa! Quando le persone nelle parrocchie, dove frequento, si brontolano perché sentono predicato tutto il Vangelo, e non soltanto le parti facili ma anche la Verità scomoda sulla croce, le dico che se non predica il Vangelo secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti, Don Jo andrà all’inferno, e non ci vado all’inferno per nessuno! Suppongo che non ero corretto politicamente quando ho detto questo, e alla fine siccome il mio vescovo non vuole predicato tutto il Vangelo, ma soltanto quella parte che vogliono la gente, mi ha tolto la mia parrocchia il 13 ottobre 2015!

In questa stessa riunione il 13 ottobre 2015, quando ho detto a questo vescovo che se si mette la gente, che ancora vengono regolarmente alla Messa Domenicale, davanti al Catechismo della Chiesa cattolica degli adulti, la maggior parte di loro sono oggettivamente in peccato mortale. Il vescovo ha risposto, non si può sapere questo. Sembra che qui il vescovo non fa distinzione tra la colpa oggettiva e la colpa soggettiva. La colpa soggettiva solo Dio lo sa, ma la colpa oggettiva, ciò che possiamo vedere e osservare, dobbiamo giudicare in modo da non seguire coloro che danno scandalo, anche un sacerdote o un vescovo! Ma se pochi sacerdoti e vescovi oggi parlano del peccato, come possono le persone sanno cosa sia il peccato secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica e non secondo le loro teste soggettive formate dalla TV e mass-media? Ecco la scomparsa del sacramento della Riconciliazione che è molto importante! Ma ciò che è ancora peggio è che questo vescovo ausiliare non ha dato nessun indicazione di essere preoccupato del grande pericolo per le anime che non sanno cosa sia il peccato, così come la grande necessità di offrire la soluzione ai parrocchiani per il bene delle loro anime eterne!

Il Servo di Dio, l’arcivescovo Fulton Sheen, nel suo discorso dal titolo, “Il Bacio Che Ha Prodotto Vesciche” (“The Kiss That Blistered”), spiega il “Mito di convivenza” con i comunisti, per poi essere distrutto “con un bacio”, come fece Giuda Iscariota.

Il cardinale Kasper ha detto che il documento post-sinodale “segnerà l’inizio della rivoluzione più GRANDE vissuta dalla Chiesa in 1500 anni.” Molti filosofi moderni ci hanno portato nella “rivoluzione copernicana” di non cercare più la realtà e la verità al di fuori di noi stessi attraverso i nostri cinque sensi, ma all’interno di noi stessi, come se ognuno di noi “sarà come Dio” (Gen 3: 4-5) (“Chi Decide La Verità?”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/06/chi-decide-la-verita.html). Dopo questa rivoluzione copernicana sul piano filosofico, è ora ufficialmente confermata con questa Esortazione post-sinodale, Amoris Laetitia, la rivoluzione copernicana sul piano teologico in via di sviluppo, sul piano della fede e della morale. Saremo finalmente liberi dai Comandamenti di Dio!?! Tutto sarà capovolto, in modo che “il padre della menzogna” (Gv 8,44) ci farà liberi oggi, ma non ci spiegono più della grande schiavitù domani e per tutta l’eternità! Non crediamo più che la Verità scomoda crocifissa sulla croce “ci farà liberi” (Gv 8,32) oggi e anche domani e per tutta l’eternità! Negli Stati Uniti non si può mettere un presepe di Natale o i Dieci Comandamenti in pubblico, ma un monumento di Satana è OK!

Considerando quello che ho scritto sopra, con molti riferimenti ai miei articoli precedenti, nei nostri sforzi in corso per smascherare il lupo travestito “da angelo di luce” (2Cor 11,14), e la nostra ricerca della verità in una Chiesa piena di “CARDINALI CONTRO CARDINALI e vescovi contro altri vescovi… la Chiesa sarà pieno di quelli che accettano compromessi…” (La Madonna a Akita, Giappone; 13 ottobre 1973), indicherò solo brevemente alcuni di questi ambiguità e inganni in questa Esortazione post-sinodale, Amoris Laetitia.

La grande maggioranza dei cattolici ormai sono stati portati a credere che la verità è stabilita dal consenso della maggioranza del popolo o da un gruppo di vescovi, ma non più da Dio che è la Verità (Gv 14,6). Perciò darò alcune indicazioni qui di quelli che capiscono che Dio è la Verità immutabile, e anche alcune delle reazioni sbagliate a Amoris Laetitia, con commenti che indicano alcune delle reazioni di persone che non capiscono o credere che la Chiesa è la serva della Verità e non l’Autore della Verità. Per quelli di voi che avete mantenuto la vera fede in un mondo e in una Chiesa piena di confusione seminata dal nemico, spero che questo ci aiuterà a capire meglio il modo in cui veniamo manipolati, in modo molto segreto, dolce e sottile verso il relativismo, da un mondo sotto il controllo dell’organizzazione fondamentale di Satana oggi, la massoneria, come la Madonna del Buon Successo ci ha avvertito più di quattrocento anni fa: “La MASSONERIA, che sarà allora al potere…” (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/09/il-papa-falso-rimarra-in-silenzio.html).

“Papa Francesco”, ha spesso utilizzato nel passato delle pubblicazioni come “La Repubblica” (in Italia) per diffondere e facilitare più rapidamente al pubblico generale e ai cattolici il scivolare nel relativismo, mentre lui ha evitato, fino ad ora, fare un comunicato ufficiale, nonostante la comunicazione fondamentale del relativismo nel Amoris Laetitia è ben camuffata (“Lettera ai fratelli sacerdoti”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/11/lettera-ai-fratelli-sacerdoti.html).

Userò un recente articolo del “La Repubblica” (8 aprile 2016) scritto per lodare e promuovere Amoris Laetitia, per indicare semplicemente che cosa sta succedendo, e anche ciò che viene promosso nel mass media altamente controllato in tutto il mondo. Oggi “Papa Francesco” è l’idolo dei mass media laici; i mass media fino a tre anni fa, sono sempre stati contro i Papi e la Chiesa cattolica in modi più o meno sottili. Basta invertire ciò che viene elogiato e promosso in questo articolo, e chi viene ridicolizzato e condannato in questo articolo, per capire cosa sta succedendo in quanto riguarda le verità immutabili di Dio spiegata dagli insegnamenti autentici della Chiesa cattolica, in confronto con i mass media secolari contro-Dio.

“Il giornale, “La Repubblica”, ha messo sulla prima pagina la lettera di risposta di Papa Francesco di due lettere aperte pubblicate nei mesi precedenti da Eugenio Scalfari, il fondatore del “La Repubblica” che è un ateo dichiarato (11 settembre 2013). Sulla stessa prima pagina era scritto un articolo con il titolo: “La Verità Non É Mai Assoluta”! (http://www.ilpost.it/2013/09/11/le-prime-pagine-di-oggi-835/repubblica-574/)… Se poi si pensa che persino la maggior parte dei cattolici è convinta che quanto dice il papa sia solo e sempre infallibile, il gioco è fatto. Per quanto si possa protestare che una lettera a Scalfari o un’intervista a chicchessia siano persino meno di un parere da dottore privato, nell’epoca massmediatica, l’effetto che produrranno sarà incommensurabilmente maggiore a qualsiasi pronunciamento solenne. Anzi, più il gesto o il discorso saranno formalmente piccoli e insignificanti, tanto più avranno effetto e saranno considerati come inattaccabili e incriticabili.” (“Lettera ai fratelli sacerdoti”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/11/lettera-ai-fratelli-sacerdoti.html).

Vedete l’Appendici sotto: LA REPUBBLICA – PORTAVOCE DEI MESSAGGI DI “PAPA FRANCESCO” AL MONDO.

Subito dopo il Sinodo sulla Famiglia nel mese di ottobre 2015, i mass media qui in Italia hanno cominciato a dirci che i divorziati risposati possono ricevere la Santa Comunione.

“Bomba: il Papa al suo giornalista favorito: “Tutti i divorziati che chiedono saranno ammessi [alla Comunione]”.
(Novembre 2015; Eugenio Scalfari, è il fondatore della rivista popolare “La Repubblica” in Italia, che è un ateo dichiarato).
“Il parere diversificata dei vescovi è parte di questa modernità della Chiesa e delle diverse società in cui si opera, ma l’obiettivo è lo stesso, e per ciò che riguarda l’ammissione dei divorziati ai sacramenti, [il documento] conferma che questo principio è stato accettato dal Sinodo. Questo è il risultato di fondo, le valutazioni di fatto sono affidate ai confessori, ma alla fine di percorsi più veloci o più lenti tutti i divorziati che lo chiedono saranno ammessi”. (http://www.repubblica.it/politica/2015/11/01/news/dalle_miserie_politiche_alle_alte_visioni_di_francesco-126366372/).

Alla presentazione di Amoris Laetitia alla conferenza stampa l’8 aprile 2016, il card. Christopf Schonborn, O.P ha detto che non è una rottura con il passato, ma c’è l’innovazione, uno sviluppo della dottrina, un cambiamento linguistico, e diversa esposizione, non più con la distinzione tra quelli in situazioni regolari o irregolari, ma siamo tutti un solo popolo.

Subito dopo la conferenza stampa, in televisione del Vaticano, Stefania Falasca; editorialista del Avvenire, ha detto: “Non ci sono differenze fra regolari e irregolari” (mio commento: come se non c’è più il peccato). “Tutti abbiamo bisogno dell’amore di Dio, di Dio, della sua misericordia, del suo perdono” (mio commento: ma senza alcun obbligo di fare e vivere la nostra fede cristiana riassunto bene nell’Atto di Dolore: “Propongo col Tuo santo aiuto di non offenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato”!!!). Ha detto: “Il Papa Francesco ha voluto dare una visione globale senza cadere nella casistica e senza scendere nei particolari. Perché in questo senso può essere una trappola, cioè di fissarsi sui i punti particolari… di lasciare queste cose al discernimento dei confessori nei singoli casi” (il mio commento: come può un confessore determinare se il primo matrimonio è valido o meno e, quindi, se “Dio ha congiunto l’uomo non lo separi” (Mt 19,6)???). Lei ha spiegato che questo è il motivo per cui la nota in calce, no. 351, non era nel documento principale, ma messo in una nota in calce, come tra parentesi, perché non è un punto importante, per non mettere più l’accento su queste distinzioni non importanti! (non importante?!?!?)!
Ha continuato a dire che, considerando il discernimento della coscienza, “le persone non possono più essere etichettati come essere in peccato mortale. Ha detto che vi è ora il primato sulla coscienza (mio commento: come se non vi è più la legge oggettiva di Dio a conformarsi o per formare la propria coscienza di conseguenza!!!). Ha detto questo documento è un passo avanti nel capire il mistero sacramentale del matrimonio.”

Che modo furbo di mettere da parte la distinzione tra peccato o senza peccato, tra l’essere in stato di grazia o di non essere in stato di grazia, tra essere in peccato mortale o no essere in peccato mortale, tra la separazione da Dio o uniti con Dio, tra l’eternità con Dio o l’eternità non con Dio! Siamo tutti ormai una grande famiglia felice senza più di queste distinzioni di “casistica” o del “rigido” o dei “rigoristi”. Non più peccato! Siamo liberi dalle norme e dai regolamenti dei nostri genitori. Siamo finalmente liberi dalle leggi di Dio! Che bella inganno del “padre della menzogna” (Gv 8,44)!!! Abbiamo perso il prospettico di Dio, il punto di vista di Dio, e adesso ci ritroviamo solo con il punto di vista dell’uomo, il prospettico dell’uomo, il prospettico del mondo, nel culto dell’uomo! Il principe (il sovrano) del mondo è Satana (Gv 12,31; 14,30). Mi viene in mente un immagine di persone, senza pensare, che vanno a offrire sacrificio alla statua d’oro fatto dal re Nabucodonosor (Dan, capitolo 3)!

I genitori buoni soffrono quando il figlio sceglie ciò che fa male al figlio. I genitori soffrono anche a causa del rapporto interrotto con il figlio. Ma se il figlio è diventato viziato e egoistico, il figlio non considera la sofferenza dei genitori ma vede soltanto da suo punto di vista egoistica e cieca. Così non vede più le lacrime della sua madre che soffre a causa della sua scelta libera di peccare. Lui sta guardando solo a sé, e di auto giustificazione, con l’aiuto del mondo e, oggi più che mai, con l’aiuto dei più alti prelati di rango nella Chiesa cattolica, in nome di (false) l’amore e la (falsa) misericordia!

I numerosissimi seguaci del “padre della menzogna”, che hanno ripreso i motori della cultura – le scuole, i mezzi di comunicazione di massa, delle istituzioni religiose – ci hanno preparato bene di buttare via la religione del vecchio tempo (Ad esempio, in inglese: “The Astounding Impact of the Ruthless Manipulation of Militant Gay Activists!”; http://markbeast.blogspot.com), che è per il nostro vero bene (perché la Verità non cambia), e di guardare quelli che dicono che Dio ama il peccatore ma odia il peccato, come fossero bigotti. Tutti coloro che sposano la falsa libertà del “padre della menzogna” sono politicamente corretti, ma quelli che dicono le regole di Dio sono per il nostro vero bene e per il bene della società, sono etichettati come bigotti. Le regole dei buoni genitori sono per il bene dei bambini o per il male dei bambini?

Il femminismo secolare, dopo aver messo da parte in modo efficace il padre nella famiglia, ha favorito i bambini viziati egoistici, che non sono disposti a sacrificare se stesso per gli altri come fa un buon padre; questi bambini sono diventati adulti e sono nelle posizioni di potere e non vogliono le regole di Dio Padre.

È stato molto ben orchestrato, per i numerosissimi seguaci del “padre della menzogna”, di accettare finalmente, o peggio ancora non se ne fregano nemmeno, di quella che ci fa più male, il peccato, specie il peccato grave mortale. Questo è l’effetto fondamentale ed i frutti reali di un documento della Chiesa Cattolica firmato, Amoris Laetitia! Perché Gesù è venuto sulla terra? Perché Gesù è morto sulla croce una morte così orribile? Per la ricreazione o per divertirsi?!? Così pochi cattolici meditano sulla passione di Gesù nella Via Crucis, che Padre Pio ha detto che è la preghiera più gradita a Dio dopo il Santo SACRIFICIO della Messa. Meditando spesso su quanto Cristo ha sofferto per ognuno di noi, lentamente iniziamo a non solo realizzare quanto Cristo ama ognuno di noi, ma anche quanto è orribile il peccato dal punto di vista della verità, dal punto di vista di Dio, il Creatore dell’universo e di ogni essere umano.

Un articolo di LifeSiteNews, 8 aprile 2016, cita brevemente “Le reazioni Selvaggiamente divergenti per l’esortazione del Papa: uno studio sui risultati di ambiguità”:
(An article of LifeSiteNews, April 8, 2016, briefly cites the “Wildly divergent reactions to Pope’s exhortation: a study on the results of ambiguity”:)
“In particolare sulla questione centrale della ammissione alla Santa Comunione dei cattolici divorziati risposati, il documento ha lasciato la questione in modo aperto da provocare una profonda confusione”.
“Le reazioni variegate dimostrano una lettura con un’ampia divergenza di opinioni è possibile. Di tutti i molti post che ho letto, e sarò riassumendo in basso, uno è stato più interessante mettere in evidenza – quella di Robert Royal, l’editor-in-chief di The Catholic Thing, e presidente del Faith & Reason Institute di Washington DC.
Reale propone una situazione ipotetica che mette il più probabile risultato finale dell’esortazione ambiguo a fuoco:
Ecco un ipotetico che potrebbe presto essere un banco di prova: supporre che, prendendo spunto dalla tendenza generale di Amoris Laetitia, i vescovi tedeschi seguono le loro inclinazioni dichiarati e consentono la comunione ai divorziati risposati. I vescovi polacchi, categoricamente ortodossi e trovando nulla nel testo che richiede esplicitamente la modifica dell’insegnamento millenaria, scelgono invece di leggerla come solo incoraggiare una maggiore consulenza pastorale con l’obiettivo finale di condurre le persone a cambiare la loro vita e seguire le parole di Cristo sul matrimonio.
Entrambe le letture possono essere possibile, ma le conseguenze, in questo caso e altri, sono impossibili. Su un lato di un confine tra due paesi, la comunione ai divorziati risposati sarebbe ormai diventato un segno di una nuova effusione di misericordia e di perdono di Dio. D’altra parte, dando la comunione a qualcuno in circostanze “irregolari” rimane l’infedeltà alle parole di Cristo e, potenzialmente, un sacrilegio. In concreto, in tutto il mondo, quello che si profila davanti è il caos e il conflitto, non cattolicità. Una nuova cortina di ferro può scendere tra il cattolicesimo occidentale e la Chiesa nel resto del mondo – per non parlare di guerre civili nei paesi “sviluppati” … ”
(https://www.lifesitenews.com/news/wildly-divergent-reactions-to-exhortation-a-study-on-the-results-of-ambigui).

Altri autori indicano questo “caos e conflitto”, “catastrofe”
(http://www.corrispondenzaromana.it/lesortazione-post-sinodale-amoris-laetitia-prime-riflessioni-su-un-documento-catastrofico/)

Antonio Socci scrive:
“Bergoglio Decreta il Trionfo di Erodiade e di Enrico VIII, Contro San Giovanni Battista e San Tommaso Moro”; https://www.facebook.com/pages/Antonio-Socci-pagina-ufficiale/197268327060719?fref=ts).

“World Over – 2016/04/14 – Papa Francesco ‘Esortazione Apostolica sulla famiglia con Raymond Arroyo”, “FR GERALD Murray e ROBERT ROYAL … il Posse papale … unirsi a noi per discutere la pubblicazione recente dell’Esortazione Apostolica Papa Francesco ‘, AMORIS LAETITIA (The Joy of Love)”.
(“World Over – 2016-04-14 – Pope Francis’ Apostolic Exhortation on the Family with Raymond Arroyo” (https://www.youtube.com/watch?v=E5Avd7bCiV0), “FR GERALD MURRAY and ROBERT ROYAL…the Papal Posse…join us to discuss Pope Francis’ recently released Apostolic Exhortation, AMORIS LAETITIA (The Joy of Love)”.)

Su di EWTN, 14 aprile programma di “World Over” in diretta ospitato da Raymond Arroyo, diritto canonico esperto P. Gerald Murray e Robert Royal, autore cattolico e presidente della “Fede e Ragione Istituzione”, hanno presentato una molto franco, analisi rispettosa degli aspetti problematici della Esortazione Apostolica controversa di Papa Francesco, Amoris Laetitia (The Joy of Love). Attentamente e metodicamente rispondendo alle domande di sondaggio di Arroyo, i relatori hanno dato il supporto per le profonde preoccupazioni e allarme di molti cattolici per quanto riguarda le parti particolari “problematici” dell’Esortazione.

L’interrogatorio di Arroyo ha toccato una serie di questioni delicate per i due relatori per quanto riguarda Esortazione di Papa Francesco. La difficoltà della sfida di fornire risposte oneste alle domande di Arroyo per quanto riguarda il capo della Chiesa cattolica era evidente nei volti di Royal e Murray in tutto il dialogo di 35 minuti. Fr. Murray è apparso particolarmente doloroso di dover spiegare i gravi difetti evidenti e pericoli reali per la Chiesa in varie parti dell’esortazione che egli indica devono essere affrontati e corretti dal Santo Padre.

Una parte notevole della lunga discussione si verifica vicino all’inizio del dialogo. Arroyo mostra la diapositiva di seguito contenente testo (paragrafo n. 3) dall’Esortazione di Francis che sembra indicare il Santo Padre sta suggerendo che ci può essere variata comprensione teologica e l’applicazione dell’insegnamento della Chiesa in base alle realtà culturali locali. Il conduttore di EWTN chiede p. Murray per i suoi pensieri sulla citazione.

Fr. Murray risponde: “Penso che questa è una dichiarazione pericolosa proprio perché stiamo parlando della legge universale della Chiesa per quanto riguarda l’amministrazione dei sacramenti e dire che inculturazione vorrebbe dire che in Germania la disciplina sacramentale sarebbe diversa da quella nella vicina Polonia o in un paese in Africa, questo è molto preoccupante.” Continua inoltre ad espandersi sui motivi della sua grande preoccupazione.
(In inglese: https://www.lifesitenews.com/news/ewtn-raymond-arroyo-panel-explains-reasons-for-alarm-over-pope-francis-exho).

Vedete l’appendice sotto per il testo completo trascritto:
“WORLD OVER – 2016-04-14 – POPE FRANCIS’ APOSTOLIC EXHORTATION ON THE FAMILY WITH RAYMOND ARROYO”

“Benché infatti nel mondo diverse siano le lingue, unica e identica è la forza della tradizione. Per cui le chiese fondate in Germania non credono o trasmettono una dottrina diversa da quelle che si trovano in Spagna o nelle terre dei Celti o in Oriente o in Egitto o in Libia o al centro del mondo. Come il sole, creatura di Dio, è unico in tutto l’universo, così la predicazione della verità brilla ovunque e illumina tutti gli uomini che vogliono giungere alla conoscenza della verità.” (Ufficio delle letture, la Seconda lettura, “La proclamazione della verità”, sant’Ireneo, Contro le eresie; 25 aprile).

Gli ultimi papi prima di “Papa Francesco” ci hanno detto che il peccato più grande oggi è che non c’è più il peccato, abbiamo perso il senso del peccato. Ora abbiamo sentito l’esatto messaggio opposto! La gente mi dice perché andare a confessarsi a confessare lo stesso peccato? Questa è la prova fondamentale per ciascuno di noi di perseverare nella preghiera sincera e vivare la nostra preghiera al fine di fidarsi sempre di più in Dio e sempre meno in noi stessi. Perseverando, riusciamo sempre di più di fare quello che abbiamo imparato da bambini, le parole del Atto di Dolore: ““Propongo col Tuo santo aiuto di non offenderTi mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato”. Le persone che si fermano in preghiera finiscono per dire a cosa serve di continuare a confessare i miei peccati? Le persone che perseverano nella preghiera continuano a fare questa promessa, sinceramente, man mano che crescono in umiltà e fiducia in Dio, non in se stessi.

Nonostante le sue buone intenzioni, Santa Faustina era triste perché cadeva continuamente nei stessi difetti. Ma Gesù NON ha detto, non preoccupare, o non ha indicato che va bene continuare a commettere quelli peccati. Ma piuttosto Gesù ha detto: “Vedi, bambina Mia, quello che sei per te stessa. La causa delle tue cadute dipende dal fatto che conti troppo su te stessa e ti appoggi troppo poco su di Me” (Diario, no. 1488).

Dio da’ sempre la grazia sufficiente, ma la grazia non vuol dire che Dio toglie la sofferenza come vogliamo noi, e di colpo diventa facile. Come i santi ci dicono “L’amore fa’ il lavoro leggero. Solo l’amore da’ il valore a tutte le cose” (S. Teresa d’Avila), perché siamo innamorati con Gesù crocifisso. Un ragazzo e una ragazza fidanzati non considerano nemmeno le difficoltà delle prove del loro fidanzamento perché sono innamorati e i loro pensieri sono all’altra persona, non a se stesso.

Tantissime persone oggi NON vogliono mettersi sotto il criterio di Dio come la cosa migliore per noi. La superbia e la mancanza di fiducia in Dio è alla radice. Oggi tutti, compresso “Papa Francesco”, stanno offrendoci le scuse, i ragioni, e le giustificazioni di non cercare o di non accettare la guida di Dio per ciò che è meglio per noi, che è di superare il peccato, il peccato secondo il criterio di Dio. Giustificate con belle parole, questa è il passo fondamentale lontano da Dio, un voltare da Dio e verso se stesso come chi è il criterio per ciò che è meglio per noi, di fidarsi sempre più in se stesso e sempre meno in Dio. Questo ci lascia venerabili all’influsso potente del principe del mondo, Satana (Gv 12,31; 14,30)!

Si possono trovare diversi esempi nei Vangeli e anche dei discepoli di Gesù che volevano rinunciare.
Quando i discepoli “rimasero stupefatti”, e perfino “ancora più sbigottiti”, Cristo non ha offerto i compromessi falsi e vuoti e distruttivi come tanti responsabili nella Chiesa oggi stanno offrendo ai “cristiani” creduli, ma piuttosto ha detto: “Impossibile presso gli uomini, ma non presso Dio! Perché tutto è possibile presso Dio” (Mt 19,26; Mc 9,23; 10,23-27; Lc 18,27).

Gesù non ha offerto compromessi anche quando molti dei suoi discepoli lo ha lasciato a causa del suo insegnamento sull’Eucaristia (Giovanni cap. 6). Mettiamoci in ginocchio in adorazione davanti al Santissimo Sacramento con l’aiuto di Maria, pregando il suo Santo Rosario!

Cristo ci conduce sempre più in alto, senza compromessi, mentre ci offre misericordia. I numerosissimi seguaci del “padre della menzogna” fanno esattamente opposta, offrendo la misericordia falsa e amore falso con i compromessi, mentre si giudica e si condanna come “rigido” coloro che rimangono fedeli agli insegnamenti di Cristo spiegato dal Magistero della Chiesa. Familiaris consortio, 33: “Sono quindi ripetere:” Non sminuire in nulla la salutare dottrina di Cristo è eminente forma di carità verso le anime “. (Paolo VI, “Humanae Vitae”, 29).

Amoris Laetitia migliora la slitta verso il basso in compromesso e apre sostanzialmente la porta ai sacramenti a tutti senza l’obbligo di cambiare la propria vita secondo le leggi di Dio spiegati dalla Chiesa, mentre allo stesso tempo, il documento rimane abbastanza ambiguo che è difficile per quelli che sono fedeli alle verità immutabili di Dio, spiegata dal Magistero della Chiesa, di opporsi o smentire l’esortazione. “Satana si maschera da angelo di luce” (2Cor 11,14). Oggi ci sono tantissimi ricezioni della Santa Comunione sacrilegi!

Viviamo in un mondo che dopo l’invenzione della “pillola” (1960), l’atto di matrimonio è stato quasi completamente separata dalla responsabilità della procreazione. Come si suol dire, “il cavallo è fuori dalla stalla”, e quindi è molto difficile a riportare il cavallo nella stalla. Di non osservare “Humanae Vitae” rimane un peccato grave, mortale, anche se la maggior parte dei cattolici potrebbe importare di meno, e prendere la Comunione lo stesso. Ma quando i discepoli hanno avuto un momento molto difficile ad accettare le parole di Cristo, Cristo non ha offerto i compromessi, Cristo non ha abbassato la barra, neanche ha modificato i Dieci Comandamenti per soddisfare ciò che la gente voleva?

Quando il nostro Signore ha detto, “Quello dunque che Dio ha congiunto, l’uomo non lo separi” (Mt 19,6), i discepoli dissero a Gesù: “Se questa è la condizione dell’uomo rispetto alla donna, non conviene sposarsi” (Mt 19,10). I discepoli hanno capito ciò che Gesù diceva. QUESTO È DIFFICILE! Sapete quanti divorzi si faceva negli Stati Uniti in 1960? Cinque percento! Gli essere umani erano diversi allora? Che cosa ha causato che 95% dei matrimoni rimangono insieme fino alla morte? Adesso si guarda questo e si dice come si può aspettare oggi di rimanere insieme fino alla morte!?! Nonostante che tanti che sono rimasti insieme anni fa avrebbero divorziati se vivessero oggi, quelli che sono rimasti insieme anni fa, quando lo sposo (o la sposa) è morto, hanno pianto come bambini. Perciò la Chiesa dice si, ci rendiamo conto che le cose terribili succedono. Ma sfortunatamente quando si apre la porta al divorzio, TUTTI VOGLIONO CORRERE PER QUELLA PORTA!
(“Siamo davvero arrivati ad uno SCISMA?”; http://cibo-spir.blogspot.it/2016/03/scisma-cattolico.html)

“Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci. Dai loro frutti li riconoscerete” (Mt 7,15-20). Gesù non ha detto dalle loro foglie, che sarebbe dalle loro belle parole, ma “dai loro frutti”!

L’effetto complessivo, “i frutti” di Amoris Laetitia è quello di offrire il colpo di grazia all’esistenza del peccato, e le Dieci Comandamenti; siamo finalmente liberi da queste regole imposte!?! Così non abbiamo più bisogno di un Salvatore per i nostri peccati, peccati che non crediamo più nemmeno che esistono. In questa stessa strategia nascosta, non abbiamo più bisogno non solo del sacramento della Riconciliazione, ma non abbiamo più bisogno del sacrificio di Cristo sul Calvario e, quindi, la Santa Messa è superfluo, e tutto il resto della vera religione cattolica. Visita: “L’Attacco Sottile e Potente all’Eucaristia” (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/11/attacco-alleucaristia.html), “La Protestantizzazione Progressiva della Messa Cattolica” (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/11/protestantizzazione-messa.html). In un mondo che ha perso la fede nel suo Creatore, quelli che vogliono arrivare a paradiso devono fare il salto di fede e di fiducia in Dio, anche se da nostro punto di vista sembreremmo impossibile. “Impossibile presso gli uomini, ma non presso Dio! Perché tutto è possibile presso Dio” (Mt 19,26; Mc 10,23-27; Lc 18,27).

Il titolo di questa esortazione è ” Amoris Laetitia “, che significa “Amore Gioia”. Offre “amore” come “gioia”, ma senza sacrificio, e quindi è amore falso che porta alla nostra distruzione. Senza sacrificio, uno per l’altro, senza sacrificio secondo Dio che ha creato tutti noi, si finisce approfittando del uno e dell’altro, come la masturbazione reciproca, che alla fine è autodistruttivo invece di costruire l’uno e l’altro come Cristo ci ha insegnato da il suo esempio nella sua passione e morte in croce. Il matrimonio vero, secondo la creazione di Dio e spiegato nella sua rivelazione divina, comporta il sacrificio l’ uno per l’altro, che può essere realizzato solo seguendo le regole di Colui che ci ha creati, Dio! Il titolo di questa esortazione avrebbe dovuto essere “Amore Sacrificio”, “AMORIS SACRIFICIUM”!!!

“Papa Francesco”, continua l’anno di misericordia con “per Asciugare le Lacrime”! Ma ancora una volta, si tratta di asciugare le lacrime delle difficoltà della vita SENZA ricorrere a Cristo crocifisso come la soluzione. “Asciugare le lacrime” è piuttosto mettendo da parte la croce, mettendo da parte i Dieci Comandamenti, in modo da sentire meglio per un po’, ma domani ci saranno le conseguenze di non seguire le leggi che guidano la nostra esistenza umana, dateci dal nostro Creatore che ci ama. È falso amore che suona bello, ma non è basato sulla realtà creata dal nostro Creatore e, quindi, porta alla nostra distruzione. “Satana si maschera da angelo di luce” (2Cor 11,14).

Dove sono i veri padri e pastori, pronti a dare la vita per i loro figli e le anime a loro affidate, per avvertirci di questo veleno devastante che è RIVESTITO DI ZUCCHERO?!? Quelli che non vanno d’accordo con questo falso amore e falsa pietà, saranno sempre più perseguitati, come Cristo era sempre più perseguitato dagli ebrei fino alla sua morte in croce! Quelli che hanno veramente bisogno dell’asciugare delle lacrime sono i buoni genitori e buoni pastori e il Buon Pastore sulla croce che soffrono per gli altri. Proprio per questi i veri santi parlano spesso di fare riparazione al Cuore Sacro di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria! Quelli che hanno liberamente scelto di non amare gli altri e, quindi, di non soffrire per gli altri e non hanno vissuto le proprie responsabilità di rispondere all’amore dato loro (senza gratitudine) e non vogliono asciugare le lacrime di quelli che hanno fatto molti sacrifici per loro, stanno vivendo adesso le conseguenze della loro irresponsabilità e non vogliono togliere i loro occhi da se stessi e vedere il dolore che hanno causato agli altri. Sì queste persone irresponsabili vogliono che i loro lacrime siano asciugate, ma se non imparano ad amare Dio e il prossimo, invece di se stessi ci saranno più lacrime, senza la consolazione di Dio. Tantissime persone non hanno ricevuto la guida e l’incoraggiamento da parte dei leader religiosi a convertire se stessi in vero amore e sacrificio per gli altri, meditando su Cristo crocifisso e chiedendo l’aiuto di Gesù e di Maria nella preghiera assidua. È un’ingiustizia di dare i pesci liberi alle persone nei paesi del terzo mondo, invece di insegnare loro a pescare; così anche per asciugare le lacrime delle persone ingannate senza mostrare loro la via d’uscita del loro inganno egoista è un’ingiustizia ancora più grande! Oggi, più che mai, si potrebbe riscrivere la frase di San Paolo: “Amore falso si maschera da angelo di luce” (2 Cor 11,14), che induce in errore un gran numero di anime immortali verso la distruzione!

I bambini egoistici vogliono quello che vogliono oggi indipendentemente dalle conseguenze per sé o per gli altri. A loro non importa se domani i loro genitori, o qualcun altro, dovranno pagare un prezzo pesante di sofferenza per la loro irresponsabilità. Questa irresponsabilità è sempre stata promossa dal “padre della menzogna” e ora abbiamo raggiunto il culmine di irresponsabilità totale! Dove si ferma questo crollo? Si ferma questo crollo con la persona che è disposta a pagare il prezzo per gli atti di irresponsabilità; quello è Cristo crocifisso ed i pochi veri cristiani che abbracciano i sacrifici della vita con l’aiuto di Gesù con molta preghiera. Questa è esattamente la soluzione che la Madonna di Fatima ci ha proposto 99 anni fa, la preghiera e il sacrificio. Tutto risale al vero amore, che è perfettamente esemplificato nel grande atto d’amore nella storia del genere umano, Cristo crocifisso con la sua madre Maria ai piedi della croce! Il VERO “Francesco”, è quella di Assisi più di 800 anni fa, che non offre amore falso o pietà falsa o compassione malconsigliata o ecumenismo falso. Il VERO “Francesco”, con le sofferenze di Cristo nel suo corpo, ha detto: “L’amore non è amato” , Cristo crocifisso non è amato !!!

“LA SOFFERENZA È IL TESORO PIÙ GRANDE CHE CI SIA SULLA TERRA. Essa purifica l’anima. Nella sofferenza conosciamo chi ci è veramente amico. Il vero amore si misura col termometro della sofferenza …” (Diario di Santa Faustina, no. 342).
“Gli angeli, se potessero provare invidia, ci invidierebbero due cose: la prima – il fatto che possiamo ricevere la santa Comunione; la seconda – le sofferenze.” (Diario, no. 1804)

“Nel corso dei due “sinodi sulla famiglia” tenutosi a Roma nel mese di ottobre 2014 e ottobre 2015 ci fu un’intensa pressione per la Chiesa di cambiare il suo insegnamento immutabile su omosessualità e le unioni omosessuali. Questa pressione non è venuto solo da attivisti “LGBT”, ma anche da quelli responsaibile per la redazione dei documenti ufficiali sinodali.

“Dobbiamo riconoscere la grande varietà di situazioni familiari che possono offrire una certa regola di vita, ma le unioni di fatto o tra persone dello stesso sesso, per esempio, non si possono equiparare semplicisticamente al matrimonio” (Amoris Laetitia, no. 52).
Ciò implica:
(i) che “le unioni omosessuali” sono uno dei “grande varietà di situazioni familiari”
(ii) che “le unioni dello stesso sesso” offrono una “certa stabilità” e
(iii) che “le unioni omosessuali” possono essere “equiparati” con il matrimonio ad un certo livello, se non “semplicemente”.
(http://voiceofthefamily.com/amoris-laetitias-approach-to-same-sex-unions-already-rejected-by-synod-fathers/)

È interessante il fatto che Obama è rimasto lontano dal tema dell’omosessualità prima delle elezioni nel novembre 2008 perché ha saputo come la maggior parte degli americani sentivano nel 2008 dell’omosessualità. Da allora Obama ha promosso la cultura della morte con tutta la potenza e il denaro degli Stati Uniti in tutto il mondo. (“Catholic Prophecy Today”; http://markbeast.blogspot.com). Sembra che “Papa Francesco” sta usando la stessa strategia. “Nonostante poco per gli omosessuali nel ‘Amoris’, Francesco vede la misericordia per i gay anche” (“Despite short shrift in ‘Amoris’, Francis sees mercy for gays too”; http://nospincatholicism.com/tag/amoris-laetitia/).

“Una biografia sul cardinale belga Godfried Danneels svela le riunioni di un gruppo di porporati per eliminare Raztinger e far eleggere Bergoglio
Esisteva un piano per eliminare Benedetto XVI e far eleggere Papa Francesco. Lo annuncia il vaticanista de La Stampa Marco Tosatti, che riprende una biografia sul cardinale belga Godfried Danneels scritta da Jürgen Mettepenningen e Karim Schelkens.
Secondo i due autori, il cardinale belga avrebbe lavorato per anni per esautorare Ratzinger al fine di avviare una drastica riforma della Chiesa. L’elezione di Papa Bergoglio rientrava in questo piano.
(“La Donna Vestita di Sole alla Ricerca dei Piccoli”; http://cibo-spir.blogspot.it/2016/02/i-piccoli-della-donna.html)

Non era questa la strategia fondamentale di migliorare la parabola discendente predetto dalla Madonna più di 400 anni fa?
“Ora, ti faccio sapere che dalla fine del secolo XIX e da poco dopo la metà del secolo XX, … esploderanno le passioni e vi sarà una totale corruzione dei costumi… Per il Sacramento del Matrimonio, che simboleggia l’unione di Cristo con la Sua Chiesa, questo sarà attaccato e profondamente profanato…. La MASSONERIA, che sarà allora al potere, approverà leggi inique con lo scopo di liberarsi di questo Sacramento, rendendo facile per ciascuno di vivere nel peccato e incoraggiando la procreazione di figli illegittimi, nati senza la benedizione della Chiesa… In questo supremo momento di bisogno della chiesa, chi dovrebbe parlare rimarrà in silenzio!” (La Nostra Signora del Buon Successo, Quito, Ecuador, il 20 gennaio 1610; “Il Papa Falso Rimarrà In Silenzio”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/09/il-papa-falso-rimarra-in-silenzio.html).

Coloro che non stanno seguendo Cristo nei loro cuori, e non sono quindi nello stato di grazia, credono “il padre della menzogna” (Gv 8,44). Considerando “la rivoluzione più grande” secondo Cardinal Kasper, ci viene in mente la direttiva n. 33 del Gran Maestro della Massoneria ai vescovi cattolici, in vigore dal 1962:
“33. Ordinate a tutti i sudditi del Papa di combattere in sante crociate per estendere l’unica religione mondiale. Satana sa dove si trova tutto l’oro perduto. Conquistate senza pietà il mondo! Tutto ciò apporterà all’umanità quanto essa ha sempre bramato: “l’epoca d’oro della pace”.” (“Il Piano Massonico Per La Distruzione Della Chiesa Cattolica”; http://cibo-spir.blogspot.it/2013/11/piano-massonico.html).

Se la loro strategia fosse rivelata apertamente molto pochi prenderebbero questi passi verso la loro PROPRIA distruzione. Se potemmo vedere Satana per un attimo saremmo morti di terrore immediatamente (Diario di Santa Faustina, n. 741). Così il veleno mortale di Satana deve essere nascosto e rivestito di zucchero. Quanto è importante di aprire i nostri occhi, non solo con la preghiera, ma anche con lo studio diligente per togliere questo rivestimento di zucchero in modo da non essere avvelenato ora e per tutta l’eternità.

Ho scritto nell’introduzione del mio articolo “Il PAPA FALSO – Santa Ildegarda” (marzo 2013, dopo le dimissioni del Papa Benedetto; http://marchiobestia.blogspot.it/2013/02/dimissione-del-papa-benedetto.html):
“Il Papa, è stato così ignorato, disobbedito e disprezzato in questi ultimi 50 anni non soltanto dalla sinistra (ignorare o disobbedire) ma anche dalla destra (ribellione superba). Penso che questo posto vacante (mentre un “Giuda Iscariota” sarà in controllo del Vaticano) sarà un grande castigo giusto non soltanto per tutta la Chiesa ma per tutto il mondo. Il mondo essendo collegato intrinsecamente con tutta la creazione, va avanti o indietro secondo il comportamento e le scelte di quelli che hanno ricevuto molto di più da Dio in questa “lotta cosmica” (come Papa Giovanni Paolo II diceva), i laici cattolici, i sacerdoti e i vescovi della Chiesa Una Vera, la Chiesa Cattolica! Papa Paolo VI era così devastato dalla reazione a Humanae Vitae che ha detto, parlando della situazione della Chiesa, “DA QUALCHE FESSURA SIA ENTRATO IL FUMO DI SATANA NEL TEMPIO DI DIO” (29 giugno 1972). Papa Paolo VI non ha scritto un altro enciclico dopo Humanae Vitae (1968)!

Qualche mese dopo che ho pubblicato l’articolo “Il PAPA FALSO – Santa Ildegarda”, ho scoperto per la prima volta “La “Profezia” di San Francesco (Assisi)” (http://cibo-spir.blogspot.it/2013/11/profezia-san-francesco.html):
2. Il potere dei demoni sarà più grande del solito, la purezza immacolata della nostra comunità religiosa e altri saranno appassiti al punto che ben pochi fra i cristiani vorranno obbedire al vero sommo Pontefice e alla Chiesa Romana con un cuore sincero e perfetta carità. Nel momento decisivo di questa crisi, un personaggio non canonicamente eletto, elevato al soglio pontificio, si adopererà a propinare sagacemente a molti il veleno mortale del suo errore.
7. Così alcuni predicatori terranno la verità in silenzio e negandola la calpesteranno. La santità di vita sarà derisa da coloro che la professano solo esteriormente e per questa ragione Nostro Signore Gesù Cristo invierà loro non un degno pastore, ma uno sterminatore.”
(“Lettera ai fratelli sacerdoti”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/11/lettera-ai-fratelli-sacerdoti.html)

È comprensibile per i buoni cattolici di avere molto difficoltà a considerare la possibilità che Dio ha permesso un Papa falsa di prendere in consegna il Vaticano. Questo non è mai accaduto nella storia della Chiesa. Non ci ha detto Cristo che “le porte degli inferi non prevarranno” (Mt 16,18)? Tante volte nei messaggi della Madonna a Don Stefano Gobbi ci viene detto di obbedire al Papa! Ma, come indicato dalla profezia di San Francesco d’Assisi, CI MERITIAMO quello che la grande maggioranza dei cattolici vuole, un Pastore che porterà via queste restrizioni obsolete chiamati i “Dieci Comandamenti” e, infine, liberarci da questi scrupoli del peccato!

La grande maggioranza accoglierà questo falso profeta che finalmente aggiornerà la Chiesa con la rivoluzione sessuale, la libertà totale, che a nostro avviso non porterà alla nostra distruzione! La maggior parte delle persone oggi si preoccupano solo per oggi come se domani e l’eternità non esistono. Non più responsabilità per domani o per le conseguenze delle nostre azioni sugli altri! “Occhio non vede, cuore non duole”! Alcune persone sinceramente interessate dicono che è sbagliato considerare la possibilità di un papa falso, a tenere gli occhi aperti. Ma quando questo falso papa arriverà, questo falso Papa porterà un gran numero di persone lontano da Dio e perfino al punto di adorare la prima bestia, l’anticristo. “Vidi poi salire dalla terra un’altra bestia, che aveva due corna, simili a quelle di un agnello, che però parlava come un drago. Essa esercita tutto il potere della prima bestia in sua presenza e costringe la terra e i suoi abitanti ad adorare la prima bestia, la cui ferita mortale era guarita…” (Apoc 13,11-13). Ma dobbiamo sempre ricordare che, anche se la parola “bestia” è utilizzato” in questo brano, “Satana si maschera da angelo di luce” (2Cor 11,14).

“Quando Dio vuole castigare l’umanità, Egli non dà alla Chiesa il Papa di cui ha bisogno, ma lascia alla Chiesa il Papa che merita” (Arcivescovo Fulton Sheen).

Normalmente quelli che hanno l’autorità devono fare il loro lavoro e curarci. Dopo anni di grande ribellione contro l’autorità legittima di Dio, il Magistero della Chiesa, Dio ci ha dato ciò che vogliamo. È interessante che perfino i ladri si appoggiano sull’autorità perché se quasi tutti sono ladri, e poi tutto crolla, non ci saranno più soldi o proprietà a rubare da quelli che hanno lavorato per produrre questi beni. Adesso la Verità che è stata consegnata a noi dal sudore e dalle sofferenze dei nostri antenati è stata buttata via e non abbiamo più neanche un Papa che è pronto a dare la sua vita per le pecore, anzi, è lui il Lupo vestito “di un agnello” (Apoc 13,11)! Adesso la Verità che ci farà veramente liberi (Gv 8,32; Ger 6,16) dev’essere riscoperta, non nel senso che la Verità non è già proclamata almeno nei scritti, ma dobbiamo tornare indietro e trovare e leggere quelle verità espresse nei secoli del Corpo di Cristo, la Chiesa. Adesso questo compito non sarà fatto da quelli che hanno la vocazione più alta in cima, ma da quelli con la vocazione meno alta che hanno i superiori che hanno abbandonato la Verità che veramente ci fa liberi (Gv 8,32). Quelli che controllano i mass media hanno tolto la voce pubblica dei pochi vescovi che non hanno abbandonato la Verità immutabile! Dobbiamo essere molto docili nelle mani della Regina del cielo e della terra che preparerà il mondo per la seconda venuta del suo Figlio divino e schiaccerà la testa del serpente (Gen 3,15) (“Trattato della Vera Devozione a Maria”; http://holyqueen.altervista.org/pdf/Libri/Montfort_Trattato_vera_devozione.pdf). Siamo stati portati a fidarci più ai nostri feeling e i nostri sentimenti invece della Verità oggettiva spiegataci dalla Chiesa da 2000 anni. Come detto prima, la strategia principale di Satana è di seminare la confusione e di nascondere la Verità, Che è Cristo. Perfino Hitler ha fatto bruciare i libri ed ha ammazzato i professori che aiutassero le persone a scoprire le bugie insidiose del Terzo Reich. Adesso la strategia è di riempire i mass media, anche l’Internet, con belle bugie fuorvianti.

IL PECCATO HA ATTACCATO LA “GERARCHIA DEI VALORI”. L’uomo vuole diventare Dio (Gen 3,4-5). Il corpo dell’uomo ribella contro l’anima dell’uomo, e l’anima si capitola e si rifiuta il primato dello spirito. E allora il feeling del corpo domina la mente, e tutti i due dominano lo spirito. La moralità diventa sottosopra, confusa e relativistica. La legge naturale di Dio è rifiutata. I rapporti non naturali diventano la moda e pretendono gli stessi diritti dei rapporti naturali. La rivelazione divina e la legge divina sono rifiutate; la nostra civilizzazione declina e crolla!
(“Chi Decide La Verità?”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/06/chi-decide-la-verita.html).

Non possiamo più fidarci al Papa presunto, ma sarà molto duro a cercare la Verità, non con i nostri feeling e sentimenti nei quali siamo abituati, ma negli insegnamenti costanti della Chiesa riassunti nel Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti.

Un dottore della Chiesa, Santa Ildegarda, ci ha avvertiti più di 800 anni fa del papa falso! (“Il PAPA FALSO – Santa Ildegarda”; http://marchiobestia.blogspot.it/2013/02/dimissione-del-papa-benedetto.html)

La Madonna ha rivelato a Don Stefano Gobbi:
“In questo periodo storico la Massoneria, aiutata da quella Ecclesiastica, riuscirà nel suo grande intento: costruire un idolo da mettere al posto di Cristo e della sua Chiesa. Un falso Cristo e una falsa Chiesa. Pertanto la statua costruita in onore della prima bestia, per essere adorata da tutti gli abitanti della terra e che segnerà del suo marchio tutti coloro che vorranno comprare o vendere è quella dell’Anticristo… (Apoc 13). Quasi tutti seguiranno il falso Cristo e la falsa Chiesa. Allora sarà aperta la porta per la comparsa dell’uomo o della persona stessa dell’Anticristo!”. (17 giugno 1989).
“Anzitutto è necessario che il mio Nemico abbia l’impressione di avere tutto conquistato, di avere ormai ogni cosa nelle sue mani. Per questo gli sarà concesso d’introdursi nell’interno della Mia Chiesa e riuscirà ad offuscare il Santuario di Dio. Mieterà le vittime più numerose fra i ministri del santuario. QUESTO È INFATTI IL MOMENTO DI GRANDI CADUTE PER I MIEI FIGLI PREDILETTI, PER I MIEI SACERDOTI”. (18 ottobre 1975).
Dall’altra parte, i pochi sacerdoti e vescovi che rimangono fedeli alla Verità, Che è Dio, saranno i strumenti principali nelle mani della Madonna come ha rivelato a Don Stefano Gobbi:
“Nello stesso momento infatti in cui Satana si sarà assiso quale signore del mondo e si sentirà ormai vincitore sicuro, Io stessa gli strapperò dalle mani la preda. Si troverà per incanto a mani vuote e all’ultimo la vittoria sarà soltanto di mio Figlio e mia: questa sarà il trionfo del mio Cuore Immacolato nel mondo. Sapessero tutti i Sacerdoti del mio Movimento con quale cura sono stati da Me prescelti e plasmati per prepararli a questo grande compito! Ogni cosa – anche la più insignificante – nella loro vita ha un suo preciso e profondo significato. Perciò si abitui ciascuno a leggere con Me nel libro stupendo della propria esistenza. Io darò ad essi il dono della Sapienza del cuore, e comprenderanno con Me il perché di ogni loro cosa. Il perché di molte loro incomprensioni; il perché delle loro sofferenze, il perché dei loro abbandoni, il perché anche delle loro cadute. Oh, quanti momenti di buio e di agonia hanno dovuto provare nella loro esistenza questi figli da Me prediletti … HO BISOGNO DI VOI E DELLA VOSTRA PREGHIERA PER ATTUARE IL GRANDE DISEGNO DEL TRIONFO DEL MIO CUORE IMMACOLATO” (19 dicembre 1973)!
“Ecco: quando sarà tutto crollato, resterà solo la forza del loro pianto che mi costringerà ad intervenire in maniera prodigiosa e terribile. E IL MIO TRIONFO INIZIERÀ CON I FIGLI PREDILETTI, CON I MIEI SACERDOTI” (23 febbraio 1974).
(“Lettera ai fratelli sacerdoti”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/11/lettera-ai-fratelli-sacerdoti.html)

Non credo che fosse un caso che Dio ha rivelato queste profezie in dettagli del papa falso a San “FRANCESCO” di Assisi. San Francesco d’Assisi ci ha offerto una ecologia cristiana, un vero ambientalismo, non una falsa ecologia, non un falso ambientalismo (Laudato Si). San Francesco ci ha offerto un ecumenismo cristiano nel amare tutti rispettando le convinzioni e libero arbitrio di ogni persona e di ogni gruppo religioso, ma san Francesco, come tutti i veri santi ha mantenuto la propria fede nella Chiesa una, santa, cattolica e apostolica fondata da Gesù Cristo; non tutti hanno ricevuto la grazia per rendersi conto che la Chiesa cattolica è l’unica vera Chiesa. I santi hanno avuto l’amore vero, con le dovute priorità – prima Dio, Che è la Verità, e poi il prossimo. I santi non offrono questo falso amore e falsa misericordia e falso ecumenismo, che si traduce in riduzionismo al minimo comune denominatore, perdendo i nostri mezzi più preziosi di santificazione e della pienezza della Verità, come cattolici.

“La Verità vi farà liberi” (Gv 8,32), ma deve essere la Verità di Dio, non la falsa “verità” che ci viene offerta dalle numerosissime pupazzi di Satana. Il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti, pubblicato nel 1992, è stato un grande dono per la Chiesa, per coloro che sono disposti a correre il rischio di cercare la Verità scomoda e per cambiare la loro vita di conseguenza. C’è sempre la speranza finché siamo vivi su questa terra, se siamo disposti a tornare come il figlio prodigo, e dire: “Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio “(Lc 15,21). E poi con la preghiera assidua a perseverare nella ricerca e nel fare la santa volontà di Dio, non la nostra o quella del mondo o del diavolo.

In verità ciò che San Paolo e il profeta Daniele profetizzarono molti anni fa è per noi oggi:
“E per questo Dio invia loro una potenza d’inganno perché essi credano alla menzogna e così siano condannati tutti quelli che non hanno creduto alla verità, ma hanno acconsentito all’iniquità” (2Ts 2,11-12).
“Io udii bene, ma non compresi, e dissi: “Mio Signore, quale sarà la fine di queste cose?”. Egli mi rispose: “Va’, Daniele, queste parole sono nascoste e sigillate fino al tempo della fine. Molti saranno purificati, resi candidi, integri, ma gli empi agiranno empiamente: nessuno degli empi intenderà queste cose, ma i saggi le intenderanno” (Dn 12,8-12).

Cari amici, non è un segreto che stiamo vivendo in tempi straordinari e molto difficili. La prima bestia dell’Apocalisse sarà un leader politico come capo del Nuovo Ordine Mondiale. La seconda bestia sarà un leader religioso, come il capo del Una Religione Mondiale, per portare le persone ad adorare la prima bestia (Ap cap. 13).

Qual è stato il vero motivo e lo scopo e gli autori dell’11 settembre 2001? Quali sono stati gli effetti reali o frutti di 11 settembre? Dopo 11 settembre perché la polizia militare USA sta facendo esercitazioni congiunte con la polizia militare russa e cinese? Da dove Isis, tutto ad un tratto, è spuntato fuori in Europa, con così tanti soldi, la tecnologia e le armi (http://bibliotecaneval2.altervista.org/califfato-e-anticristo/; http://www.ilgiornale.it/news/mondo/petrolio-trovati-i-documenti-che-provano-legami-turchia-isis-1239631.html)?!? Il 14 aprile 2016, sono andato a Collevalenza (Italia), Santuario dell’Amore Misericordioso (Madre Speranza), per la prima volta, tutte le porte esterne ed i cancelli erano chiusi a chiave e c’era un poliziotto militare di fronte al santuario con una mitragliatrice! È questo sicurezza maggiore negli Stati Uniti ed in Europa, con un accumulo di truppe daperttutto, per la sicurezza dei cittadini o per preparare per il Nuovo Ordine Mondiale? Ho detto a questo giovane soldato italiano a Collevalenza che Hitler è stato facilmente in grado di fare il lavaggio del cervello ai giovani di fare ciò che Hitler voleva, ora le tecniche di controllo della situazione mondiale e manipolare i giovani e dei popoli è ancora più avanzata per arrivare al Nuovo Ordine Mondiale, che sarà di gran lunga peggiore della dittatura di Hitler a livello globale, con tutta la tecnologia di oggi per rendere tutto il mondo un grande campo di prigione!

Mettete in Google: Foreign Troops On Us Soil
Vedete ciò che troverete (in inglese)!

Qual è la vera causa e motivo di immigrazione in Europa e in USA, “di proporzioni bibliche”?

Un documento recente (24 agosto 2015) elenca gli obiettivi future della Massoneria in Italia. Sono sicuro che questi obiettivi sono molto simili per gli altri paesi in tutto il mondo:
“Alimentare il caos con rivoluzioni, terrorismo false flag e guerre (il loro motto: Ordo ab Chao!).
Ius soli e voto agli immigrati (aumentare l’immigrazione selvaggia: piano Kalergi).
Chiusura dei CIE e apertura totale delle frontiere.
Fine del concetto di cittadinanza nazionale e passaggio al concetto di apolidismo.”
(“Obiettivi futuri della Massoneria”; http://antimassoneria.altervista.org/obiettivi-della-massoneria/).

Perché Obama e “Papa Francesco” stanno promuovendo “l’immigrazione INCONTROLLATA”? Obama veramente ama il suo prossimo e perciò è realmente preoccupato per il benessere dei immigranti? Perché di colpo l’immigrazione è cominciata al livello delle proporzioni bibliche; chi o quale gruppo ha causato questo e sta finanziando le cause di questa immigrazione al livello delle proporzioni bibliche negli Stati Uniti e nell’Europa?

Perché c’è il silenzio, anche tra i politici, per il danno che è stato fatto alle persone a causa delle scie chimiche che vengono spruzzate su di noi dagli aerei in tutto il mondo? Stiamo già totalmente sotto il Nuovo Ordine Mondiale, ma non ci è stato ancora detto?!? Siamo così assorbiti con la TV, e l’iPod, e l’iPad, e il sesso al di fuori del matrimonio che non ci interessa più e non abbiamo più la forza morale di reagire? Dove sono gli uomini veri, ispirati dalle loro mogli che pregano, pronti a sacrificare se stessi per le loro famiglie e per la società in cui la famiglia vive?

Non soltanto la Nostra Signora del Buon Successo (Quito, Ecuador, il 20 gennaio 1610) ci ha avvertito che il Sacramento del Matrimonio “sarà attaccato e profondamente profanato” nel nostro secolo, ma anche Suor Lucia di Fatima ha rivelato a Cardinale Caffarra: “La Scontro Finale fra il Signore e Satana sarà sulla Famiglia e il Matrimonio”

Nel mio articolo, “Il Papa Falso Rimarrà In Silenzio” (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/09/il-papa-falso-rimarra-in-silenzio.html), ho scritto:
“Padre Gerald E. Murray si riferiva a ciò che Cardinale Caffarra ha detto in un’intervista (marzo 2014); una delle domande in questa intervista era il seguente:
Si parla della possibilità di riammettere all’eucaristia i divorziati risposati. Una delle soluzioni proposte dal cardinale Kasper ha a che fare con un periodo di penitenza che porti al pieno riaccostamento. E’ una necessità ormai ineludibile o è un adeguamento dell’insegnamento cristiano a seconda delle circostanze?
“Chi fa questa ipotesi, almeno finora non ha risposto a una domanda molto semplice: che ne è del primo matrimonio rato e consumato? Se la Chiesa ammette all’eucarestia, deve dare comunque un giudizio di legittimità alla seconda unione. E’ logico. Ma allora – come chiedevo – che ne è del primo matrimonio? Il secondo, si dice, non può essere un vero secondo matrimonio, visto che la bigamia è contro la parola del Signore. E il primo? E’ sciolto? Ma i papi hanno sempre insegnato che la potestà del Papa non arriva a questo: sul matrimonio rato e consumato il Papa non ha nessun potere. La soluzione prospettata porta a pensare che resta il primo matrimonio, ma c’è anche una seconda forma di convivenza che la Chiesa legittima. Quindi, c’è un esercizio della sessualità umana extraconiugale che la Chiesa considera legittima. Ma con questo si nega la colonna portante della dottrina della Chiesa sulla sessualità. A questo punto uno potrebbe domandarsi: e perché non si approvano le libere convivenze? E perché non i rapporti tra gli omosessuali? La domanda di fondo è dunque semplice: che ne è del primo matrimonio? Ma nessuno risponde. Giovanni Paolo II diceva nel 2000 in un’allocuzione alla Rota che ‘emerge con chiarezza che la non estensione della potestà del Romano Pontefice ai matrimoni rati e consumati, è insegnata dal Magistero della chiesa come dottrina da tenersi definitivamente anche se essa non è stata dichiarata in forma solenne mediante atto definitorio’. La formula è tecnica, ‘dottrina da tenersi definitivamente’ vuol dire che su questo non è più ammessa la discussione fra i teologi e il dubbio tra i fedeli”.
(http://www.ilfoglio.it/articoli/2014/03/15/da-bologna-con-amore-fermatevi___1-v-91630-rubriche_c369.htm).

Questo non è una nuova strategia di Satana!
“I figli di DIO videro che le figlie degli UOMINI erano belle e ne presero per mogli quante ne vollero… Quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli… Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro che male… Il Signore disse: “Sterminerò dalla terra l’uomo che ho creato… Ma Noè trovò grazia agli occhi del Signore…” (Gen 6,1-8).

LA BEATA VERGINE, NEL MESSAGGIO FINALE, IL 13 OTTOBRE 1973, A AKITA, GIAPPONE, NELL’ANNIVERSARIO DELL´ULTIMA APPARIZIONE E DEL MIRACOLO DI FATIMA, HA DETTO A SUORA AGNES KATSUKO SASAGAWA: “Come vi dissi, se gli uomini non si pentono e migliorino loro stessi, il Padre infliggerà un terribile castigo su tutta l’umanità. Sarà un castigo più grande del DILUVIO, come non si avrà mai visto prima. Il fuoco cadrà dal cielo e farà morire una grande parte dell´umanità, i buoni e i cattivi , non risparmiando né preti né fedeli. I sopravvissuti si troveranno così desolati che invidieranno i morti. Le uniche arme che rimarranno per Voi saranno il Rosario e il Segno lasciato a voi da mio Figlio. Recitate ogni giorno, la preghiere del Rosario. COL ROSARIO, PREGATE PER IL PAPA, I VESCOVI E I SACERDOTI . L´opera del diavolo si infiltrerà anche nella Chiesa in tale modo che vedrete cardinali contro cardinali e vescovi contro altri vescovi. I preti che mi venerano saranno disprezzati e saranno opposti dai loro confratelli. La Chiesa e gli altari saranno danneggiati. La Chiesa sarà pieno di quelli che accettano compromessi e il demonio spingerà molti preti e anime consacrate a lasciare il servizio del Dio. “Il demonio infurierà specialmente contro le anime consacrate . Il pensiero della perdita di tante anime è la causa della mia tristezza. Se i peccati aumentano in numero e gravità, non ci sarà più perdono per loro.” (http://blogcristianocattolico.blogspot.com/2008/01/la-madonna-di-akita-giappone.html).

La Madonna ha rivelato a Don Stefano Gobbi (http://madonna-sacerdoti.blogspot.it/):
“Così ogni giorno diventano più numerosi i poveri figli che si lasciano sedurre dall’egoismo sfrenato, dall’invidia e dall’impurità. Le vittime più facili, meno colpevoli, sono i giovani che hanno la dolorosa sorte di vivere in questi anni in cui il mondo è diventato peggiore che non ai tempi del diluvio” (13 agosto 1982).
“In questo mondo (diventato peggiore che al tempo del diluvio), correte veramente il pericolo di perdervi, in questa vita, sulle strade cattive del peccato e della infedeltà; e, nell’altra vita, correte il pericolo di perdervi per l’eternità”(13 ottobre 1982).
“Ai tempi di Noè, immediatamente prima del diluvio, entravano nell’Arca coloro che il Signore destinava a sopravvivere al suo terribile castigo. Ai vostri tempi, Io invito ad entrare nell’Arca della nuova Alleanza, che ho costruito nel mio CUORE IMMACOLATO, tutti i miei figli, perché siano da Me aiutati a portare il peso sanguinoso della grande prova, che precede l’arrivo del giorno del Signore». Non guardate altrove. Avviene oggi come al tempo del diluvio e nessuno pensa a ciò che vi attende. Tutti sono molto occupati a pensare solo a se stessi, ai propri interessi terreni, al piacere, a soddisfare, in tutti i modi, le proprie disordinate passioni” (30 luglio 1986).
“È un castigo molto più grande di quello del diluvio. Scenderà il fuoco dal cielo e gran parte della umanità verrà distrutta” (6 settembre 1986),
“Ti ho voluto qui, per dirti che ora dovete entrare tutti al più presto nel rifugio sicuro del mio Cuore Immacolato. Come Noè, in nome del Signore, invitava ad entrare nell’arca coloro che dovevano essere salvati dal diluvio, così ora tu, mio più piccolo bambino, in nome della tua Mamma Celeste, devi invitare ad entrare nel RIFUGIO del mio CUORE IMMACOLATO coloro che devono essere protetti, difesi e salvati dalla grande prova che è ormai giunta per la Chiesa e per tutta l’umanità” (15 marzo 1993),
“In questi anni vedrete il grande castigo, con cui la Giustizia di Dio purificherà questo mondo, tornato mille volte peggiore che al tempo del diluvio e tanto posseduto dagli Spiriti del male” (8 dicembre 1993).

Perché ci sono così tanti situazioni del tempo molto strano in tutto il mondo, soprattutto dopo l’elezione di “Papa Francesco”, che gli scienziati non sono in grado di spiegare (“Signs Of Change The Past Week Or So April 2013 Part 3 – YouTube”; Signs Of Change The Past Week Or So May 2013 Part 1 – YouTube”; Signs Of Change The Past Week Or So June 2013 Part 2 – YouTube”; “Signs Of Change July 2013 Part 1 – YouTube”; etc.)??? Non credo che fosse un caso che un fulmine ha colpito la cupola della Basilica di San Pietro, il giorno delle dimissioni di Papa Benedetto!!!

Il Catechismo della Chiesa Cattolica ci dice (CCC 675): “Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti (Cf. Lc 18,8; Mt 24,12). La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra (Cf. Lc 21,12; Gv 15,19-20) svelerà il “mistero di iniquità” sotto la forma di una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia dalla verità. La massima impostura religiosa è quella dell’Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianismo in cui l’uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne” (Cf. 2Ts 2,4-12; 1Ts 5,2-3; 2Gv 7; 1Gv 2,18.22).
Prima della seconda venuta di Gesù Cristo “infatti DOVRÀ AVVENIRE L’APOSTASIA e dovrà esser rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio ed è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio” (2Ts 2,3-4).

Le preghiere e la grazia non sono mai sprecate. Se molti non vogliono perseverare in questa “lotta tremenda” (CCC 409), quelle grazie offerte loro andranno a coloro che sono disposti a perseverare e di soffrire ancora di più con Cristo crocifisso nel suo corpo, la Chiesa, in questi tempi . San Luigi Maria Grignion de Montfort, nel suo libro classico, “Trattato della vera devozione a Maria”, ha scritto:
“Ho detto che ciò dovrà accadere soprattutto alla fine del mondo, e ben presto, perché l’Altissimo e la sua santa Madre intendono plasmare dei santi così eccelsi, da superare in santità la maggior parte degli altri santi, quanto i cedri del Libano sorpassano gli arbusti” (No. 47).

La bestia “aprì la bocca per proferire bestemmie contro Dio, per bestemmiare il suo nome e la sua dimora, contro tutti quelli che abitano in cielo. Le fu permesso di far guerra contro i santi e di vincerli…Colui che deve andare in prigionia, andrà in prigionia; colui che deve essere ucciso di spada di spada sia ucciso. In questo sta la costanza e la fede dei santi” (Apoc 13,6-7.10).

“Uno dei vegliardi allora si rivolse a me e disse: “Quelli che sono vestiti di bianco, chi sono e donde vengono?”. Gli risposi: “Signore mio, tu lo sai”. E lui: “Essi sono coloro che sono passati attraverso la grande tribolazione e hanno lavato le loro vesti rendendole candide col sangue dell’Agnello.” (Apoc 7,13-14; 22,14)!

Nel messaggio finale della Beata Vergine, 13 Ottobre, 1973, in occasione dell’ultima apparizione e il miracolo di Fatima, a Akita, in Giappone, ha detto a Suor Agnes Sasagawa: “Come vi dissi, se gli uomini non si pentono e migliorino loro stessi, il Padre infliggerà un terribile castigo su tutta l’umanità. Sarà un castigo più grande del diluvio, come non si avrà mai visto prima…” (http://blogcristianocattolico.blogspot.com/2008/01/la-madonna-di-akita-giappone.html).

Come il nostro amato Papa Giovanni Paolo II ha detto molte volte a noi: “Non abbiate paura”! Ma dobbiamo rifugiarci nel Cuore Immacolato di Maria, LA NUOVA ARCA di Dio, proprio come Noè si rifugiò nella Arca nel grande diluvio!

Proprio come Cristo era crocifisso e sepolto 2000 anni fa, così anche il Suo Corpo, la Chiesa, sarà crocifissa e sepolta in questo periodo della “grande tribolazione” (Mt 24,21). Soltanto dopo questo, quando sembra che la Chiesa è totalmente morta e sepolta, quando Satana ed i suoi seguaci molto numerosi sembrano di avere la vittoria totale, allora la “Donna vestita di sole” (Apoc 12,1) schiaccerà la testa del “enorme drago rosso” (Apoc 12,3), il serpente antico (Gen 3,15), ed il Cuore Immacolato di Maria trionferà (Fatima, 1917) e ci sarà la Risurrezione di Gesù con il Suo Corpo, la Chiesa purificata!

L’ultima parte dell’omelia del Santo Padre BENEDETTO XVI; Spianata del Santuario di Fatima; 13 maggio 2010:
“Si illuderebbe chi pensasse che la missione profetica di Fatima sia conclusa… Possano questi sette anni che ci separano dal centenario delle apparizioni affrettare il preannunciato trionfo del Cuore Immacolato di Maria a gloria della Santissima Trinità.”
(http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/homilies/2010/documents/hf_ben-xvi_hom_20100513_fatima_it.html).

Il centenario dell’anniversario del grande miracolo del sole, il 13 Ottobre 1917 a Fatima, Portogallo, sarà il 13 Ottobre 2017!

Facciamo una buona confessione e cambiamo vita, con tanta preghiera e sacrifici e buona volontà, finché le porte della Misericordia sono aperte.

Gesù a Santa Faustina: “PRIMA CHE IO VENGA COME GIUDICE GIUSTO, spalanco la porta della Mia Misericordia. Chi non vuole passare attraverso la porta della Misericordia, deve passare attraverso la porta della Mia Giustizia” (Diario, 1146).

Gesù ha detto a Santa Faustina (della Divina Misericordia): “PREPARERAI IL MONDO ALLA MIA ULTIMA VENUTA” (Diario di Santa Faustina, 429).
(“Il PAPA FALSO – Santa Ildegarda”; http://marchiobestia.blogspot.it/2013/02/dimissione-del-papa-benedetto.html)

Don Jo (Joseph) Dwight

– – –

Appendice:

(In molti casi, ho tradotto solo i titoli degli articoli in inglese in italiano)

LA REPUBBLICA – PORTAVOCE DEI MESSAGGI DI “PAPA FRANCESCO” AL MONDO

“La Repubblica” (8 aprile 2016)
Il titolo dell’articolo è:
“Sinodo, la decisione di Papa Francesco: comunione possibile per i divorziati risposati”
(http://www.repubblica.it/vaticano/2016/04/08/news/sinodo_la_decisione_del_papa_comunione_possibile_per_i_divorziati_risposati-137156951/?ref=HREA-1).
Alcuni citazioni dall’articolo:
LA REPUBBLICA: “Bergoglio invita a valutare caso per caso e chiede “autocritica” per le rigidità del passato. Sottolinea che non è più peccato mortale vivere situazioni “irregolari”.”
I MIEI COMMENTI: Così è Cristo un rigorista come “Papa Francesco” vuole accusare tutti i sacerdoti che aiutano a identificare e curare la malattia mortale dell’anima chiamato peccato mortale secondo Dio ???
“Pio XII: chi accusa la Chiesa e la sua morale di durezza e rigidità, ACCUSA IN REALTÀ GESÙ CRISTO”; Radiomessaggio Di Sua Santità Pio XII in Occasione della «Giornata della Famiglia», Domenica, 23 marzo 1952 (http://w2.vatican.va/content/pius-xii/it/speeches/1952/documents/hf_p-xii_spe_19520323_la-culla.html; http://www.iltimone.org/34537,News.html).
– – –
LA REPUBBLICA: “La porta d’accesso ai sacramenti per chi vive situazioni familiari “irregolari”, compresi i divorziati risposati, si è aperta.”
I MIEI COMMENTI: “Quello dunque che Dio ha congiunto, l’uomo non lo separi” (Mt 19,6; Mc 10,9). Perfino i discepoli di Gesù ‘all’inizio del loro cammino con Gesù parlava come molti leader delle “chiese locali che stanno morendo in Europa” oggi. “Se tale è il caso di un uomo con la moglie, non conviene sposarsi» (Mt 19,10). Un vero papa avrebbe detto Kasper, nel cui paese (germania), dove c’è poca partecipazione alla vita della Chiesa cattolica, forse in modo più educato (come ha fatto Giovanni Paolo II: “Familiaris Consortio”, come ha fatto il cardinale Ratzinger: vedere “Chi Decide La Verità?”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/06/chi-decide-la-verita.html): “Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!” (Mt 16,23)!
“La Morente Chiesa Belga É Stata il Laboratorio Europeo del Bergoglismo. Allo Stesso Modo di Danneels (Suo Grande Amico) Bergoglio Sta Portando La Chiesa Intera al Fallimento Come Quella Belga”
(http://www.lanuovabq.it/it/articoli-il-mondo-di-dio-nel-mondo-degli-uomini-16015.htm)
– – –
LA REPUBBLICA: “Sottolinea citando a suo sostegno san Tommaso d’Aquino, “quanto più si scende nelle cose particolari, tanto più si trova indeterminazione”.” (Amoris Laetitia, no. 304)
I MIEI COMMENTI: Questa frase di San Tommaso è preso fuori contesto; in nessun modo ha scritto San Tommaso questa frase per indicare che non c’è bisogno di entrare nei dettagli a cercare la volontà di Dio, secondo le parole stesse di Gesù Cristo spiegate con gli insegnamenti della sua Chiesa!
Un articolo che spiega questo in modo più dettagliato: “Valorizzare l’adulterio citando (male) san Tommaso”; http://www.lanuovabq.it/it/articoli-valorizzare-ladulterio-citando-male-san-tommaso-15828.htm).
– – –
LA REPUBBLICA: “Si tratta però di una conclusione che fa felici soprattutto coloro che spingevano per un’apertura.”
I MIEI COMMENTI: Hurrah per tutti coloro che gridano: “Finalmente siamo liberi da questo Dio tiranno che non esiste!
Ricordo di aver letto un commento di un ateo omosessuale che non capiva perché gli altri omosessuali sono preoccupati che cosa insegna la Chiesa Cattolica. Questo ateo omosessuale è giusto, se non se ne frega quello che Dio vuole, che questa ateo non crede nemmeno che esista. “Si tratta però di una conclusione che fa felici soprattutto coloro che spingevano per un’apertura”; se non se ne frega della volontà di Dio, perché c’è una tale preoccupazione per ciò che la Chiesa cattolica insegna circa la volontà di Dio? Qual è la strategia di fondo del “padre della menzogna” e che cos’è l’obiettivo principio e obiettivo in tutta questa confusione?!?
La partecipazione alla Messa nella Germania è patetica.
– – –
LA REPUBBLICA: “Cita il paragrafo 86 (della relazione finale del sinodo più recente), pure molto contestato, nel quale si rimanda il giudizio ai sacerdoti nel “foro interno”, cioè nel confessionale.”
I MIEI COMMENTI: Ma questo ignora completamente le stesse parole di Cristo: “Quello dunque che Dio ha congiunto, l’uomo non lo separi” (Mt 19, 6). Come può un sacerdote in confessionale stabilire se il primo matrimonio era valido o non valido secondo Dio, in base alla presenza o meno dei requisiti necessari di un matrimonio valido, uniti tra loro da Dio, al momento del primo matrimonio?!?
Non si tratta qui con la sincerità del pentimento della persona, ma di vivere le parole di Cristo! Un sacerdote o un vescovo o un papa non può “separi” quello “che Dio ha congiunto”! Non è un peccato mortale di soffrire con Cristo dopo essere abbandonato o trattato molto male da uno sposo prima. Cristo era abbandonato e trattato peggio di tutti noi; la Sua sofferenza era molto di più perché ha amato molto di più e perciò il tradimento del Suo amore era molto più doloroso!!! I santi che corrispondono con la grazie di Dio, e perciò diventano veramente innamorati con Cristo, e non con se stessi, scoprono: “LA SOFFERENZA È IL TESORO PIÙ GRANDE CHE CI SIA SULLA TERRA” (Diario di Santa Faustina, no. 342).
“Oh se i mortali conoscessero ch gran cosa è la grazia, quanto è bella, quanto nobile e preziosa, quante ricchezze nasconde in sé, quanti tesori, quanta felicità e delizie! Senza dubbio andrebbero essi stessi alla ricerca di fastidi e pene; andrebbero questuando molestie, infermità e tormenti invece che fortune, e ciò per conseguire l’inestimabile tesoro della grazia. Questo è l’acquisto e l’ultimo guadagno della sofferenza ben accettata. Nessuno si lamenterebbe della croce e dei dolori, che gli toccano in sorte, se conoscesse con quali bilance vengono pesati nella distribuzione fra gli uomini” (Santa Rosa da Lima; 23 agosto; Breviario).
– – –
LA REPUBBLICA: “Le conseguenze o gli effetti di una norma non necessariamente devono essere sempre gli stessi” (Amoris Laetitia, no. 300) e questo “nemmeno per quanto riguarda la disciplina sacramentale”. Si sottolinea addirittura che “non è più possibile dire che tutti coloro che si trovano in qualche situazione cosiddetta irregolare vivano in stato di peccato mortale”, perché “la Chiesa possiede una solida riflessione circa i condizionamenti e le circostanze attenuanti” (Amoris Laetitia, no. 301). Nessun impedimento, quindi, alla riammissione ai sacramenti.”
I MIEI COMMENTI: Questo sta dicendo che NON ABBIAMO PIÙ BISOGNO di prendere in considerazione le leggi morali di Dio come le leggi oggettive (soggettivismo!), e non c’è bisogno di cercare di conformare la nostra vita secondo le leggi di Dio. La Chiesa ha sempre insegnato: “L’imputabilità e la responsabilità di un’azione possono essere sminuite o annullate dall’ignoranza, dall’inavvertenza, dalla violenza, dal timore, dalle abitudini, dagli affetti smodati e da altri fattori psichici oppure sociali” (CCC 1735).
Ma la Chiesa cattolica ha sempre insegnato (di cui “Papa Francesco” NON parla nonostante che c’è più confusione e relativismo nel mondo e nella Chiesa che mai!): “LA COSCIENZA DEVE ESSERE EDUCATA E IL GIUDIZIO MORALE ILLUMINATO. Una coscienza ben formata è retta e veritiera. Essa formula i suoi giudizi seguendo la ragione, in conformità al vero bene voluto dalla sapienza del Creatore. L’educazione della coscienza è indispensabile per esseri umani esposti a influenze negative e tentati dal peccato a preferire il loro proprio giudizio e a rifiutare gli insegnamenti certi” (CCC 1783).
Queste frasi da Amoris Laetitia stanno facendo l’eccezione la norma. Questo è di prendere certe situazioni particolari e applicarle a tutti i casi e a tutti le situazione. Questo è simile a “divorzio senza colpa” (“no fault divorce”) che rende molto facile di lasciare la sposa o lo sposo per qualsiasi motivo, e che non dobbiamo più soffrire con Cristo nelle nostre vocazione date da Dio. Questo di nuovo sta aiutandoci di scendere per la china scivolosa lontano dal Calvario, con la croce di Cristo, e verso la porta larga: “Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano!” (Mt 7,13-14)!
LA VERITÀ ASSOLUTA ESISTE! “La coscienza può rimanere nell’ignoranza o dare giudizi erronei. Tale ignoranza e gli errori non sono sempre esenti da colpevolezza” (CCC 1801, 1713, 1714). “Si presume però che nessuno ignori i principi della legge morale che sono iscritti nella coscienza dei ogni uomo” (CCC 1860).
(“La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html).
“Non vi fate illusioni; NON CI SI PUÒ PRENDERE GIOCO DI DIO. Ciascuno raccoglierà quello che avrà seminato. Chi semina nella sua carne, dalla carne raccoglierà corruzione; chi semina nello Spirito, dallo Spirito raccoglierà vita eterna” (Gal 6,7-8)!
Questo è l’inganno fondamentale del “padre della menzogna” di oggi, che “occhio non vede, cuore non duole”, e quindi non ho l’obbligo di “informare la mia coscienza” secondo Dio, che ci ha dato una Chiesa per guidarci per il nostro vero bene! Che cosa penseremmo di un infermiere che vede due farmaci sul tavolo, ma non sa quale di dare ad un determinato paziente, ma dice a se stessa, “io sono una brava persona, quindi non cercheremo di scoprire quale medicina dovrei dare a questo paziente”?!? Lei da’ quello spagliato e il paziente muore!
– – –
LA REPUBBLICA: “Bergoglio sottolinea infatti che “la strada della Chiesa è quella di non condannare nessuno”.”
I MIEI COMMENTI: Ma la Chiesa ha sempre insegnato questo; di nuovo “Papa Francesco” non fa la distinzione tra il soggettivo e oggettivo.
Proprio come gli attivisti gay non fanno questa distinzione e, quindi, accusano i veri cristiani di odiare gli omosessuali, perché i veri cristiani odiano l’atto di peccato, ma amano il peccatore.
“Papa Benedetto ci ha spiegato la grande IMPORTANZA DI DISTINGUERE tra le questioni che sono negoziabili e le questioni che non sono negoziabili” (“Lettera ai fratelli sacerdoti”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/11/lettera-ai-fratelli-sacerdoti.html). I peccati non negoziabili sono chiamati anche i mali intrinseci siccome che sono errati in tutte le circostanze (http://www.stjoseph-marysville.org/faqnonnegotiables.html).
“Papa Francesco a un anno dall’elezione: “Valori non negoziabili? Un’espressione che non ho mai capito”
(http://www.ilgiornale.it/news/interni/papa-francesco-anno-dallelezione-valori-non-negoziabili-998767.html)
Un papa che dice che non capisce l’insegnamenti constanti della Chiesa Cattolica!?!?!
Per “Papa Francesco”, e per tanti preti e vescovi oggi, non ci sono più atti peccaminosi intrinsecamente, male sostanziale, in contrasto con le parole di Cristo spiegate dalla Chiesa Cattolica per 2000 anni!
Questo mettere da parte i valori non negoziabili, che sono i mali intrinseci, è la spoliazione, pezzo per pezzo, della carne di Cristo che è la Verità!
– – –
LA REPUBBLICA: “Non è un’apertura piena alle unioni di fatto, ma il riconoscimento che anche nelle convivenze, ad esempio, “potranno essere valorizzati quei segni d’amore che riflettono l’amore di Dio” (Amoris Laetitia, no. 294), e che queste situazioni vanno “affrontate in maniera costruttiva” (Amoris Laetitia, no. 294), secondo lo spirito della “Chiesa ospedale” caro al pontefice.”
I MIEI COMMENTI: Come Padre Larry Richards dice spesso: “Sì, Dio ti incontra dove sei, ma Dio ti ama troppo da lasciarti dove sei”! “Papa Francesco” continua a chiedere per la misericordia, ma non finisce mai il messaggio completo di Cristo per il bene di ogni persona: “Va’ e non peccare più”! Il messaggio che il mondo in generale sta prendendo dal messaggio di “Papa Francesco” è che ora possiamo restare nella “le occasioni prossime di peccato” che è quello che promettiamo di non fare nel “Atto di Dolore”! Perfino l’ateo marxista comunista dittatore Raúl Castro ha detto: “Se il Papa continua a parlare così,… tornerò alla Chiesa Cattolica…” (“Lettera ai fratelli sacerdoti”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/11/lettera-ai-fratelli-sacerdoti.html). Il mondo, come Raul Castro, interpreta questo bel “Chiesa ospedale” di prendere tutti dentro, come se non vi è alcun obbligo di conformare la nostra vita ai Dieci Comandamenti. Secondo me, questa interpretazione in tutto il mondo, promosso dai mass media, non è per caso ma ben calcolato ed orchestrato!!! Ciò significa che non vi è più alcuna necessità di offrire l’aiuto di guarire le malattie dell’anima (eterna), ma solo del corpo (temporale); questo è compassione malconsigliata che fa grandi danni a far sentire alle persone che tutto è OK, ignorando lo stato delle loro anime immortali, che è molto più importante di quanto il loro corpo fisico!
– – –
LA REPUBBLICA: “Non serve pretendere di imporre norme con la forza dell’autorità” (Amoris Laetitia, no. 35)
I MIEI COMMENTI: È inutile per Dio di imporre i Dieci Comandamenti; secondo questo modo di pensare, Dio doveva offrirci Dieci Suggerimenti, e non doveva mai dare all’umanità qualsiasi comandamento con la forza dell’autorità divina! Dopo tutto, secondo i numerosissimi relativisti oggi, ogni essere umano, nel suo ragionamento, è infallibile!!! Questa frase di “Papa Francesco” dice in realtà che tutte le persone con l’autorità, data da Dio, come i genitori, i sacerdoti e vescovi, stanno imponendo le norme quando proclamano le leggi salvifici di Dio. È chiaro nelle Sacre Scritture, spiegate dagli insegnamenti della Chiesa, che i genitori, i sacerdoti e vescovi devono proclamare le leggi salvifici di Dio, e saranno giudicati di conseguenza se hanno fatto questo lavoro essenziale o no. I pastori delle anime devono proteggere le pecore dal lupo molto intelligente e furbo che offre le belle bugie nascoste e gli inganni per distruggere le pecore. I Dieci Comandamenti sono per il nostro bene o per il nostro male? Come Giovanni Paolo II ha detto: “Dio sempre invita, non esige mai”. Dio non costringe nessuno di stare con la Verità (Che è Dio) qui sulla terra neanche dopo la morte per tutta l’eternità. Posso immaginare una tale frase dalla bocca di un ragazzo viziato e prepotente, un prodotto dalle scuole e i mass media oggi, ma dalla bocca di un presunto Vicario di Cristo?!?
– – –
LA REPUBBLICA: “E ancora: “Abbiamo presentato un ideale teologico del matrimonio troppo astratto, quasi artificiosamente costruito, lontano dalla situazione concreta” e questo, scrive, “non ha fatto sì che il matrimonio sia più desiderabile e attraente ma tutto il contrario”.”
I MIEI COMMENTI: Le parole di Cristo sono “troppo astratto” o troppo difficile? Dal momento dell’invenzione della “pillola” e la grande ribellione contro l’enciclica “Humanae Vitae”, è vero che la situazione concreta è diventata molto difficile. È la disobbedienza delle leggi sante di Dio o sone le leggi di Dio spiegate dalla Chiesa che hanno ” non ha fatto sì che il matrimonio sia più desiderabile e attraente”? “Guai a coloro che chiamano bene il male e male il bene” (Is 5,20). È la soluzione di abbassare la barra, di modificare i Dieci Comandamenti o di gridare a Dio in umiltà e pentimento e chiedere l’aiuto di Dio, come tutti i santi hanno fatto in passato? La soluzione è di arrendersi e di buttare via tutti i veri ideali cristiani e le leggi di Dio che oggi sembrano impossibili, in modo da seguire la spaziosa strada per l’inferno (Mt 7,13).
“UN GIORNO VIDI DUE STRADE: una strada larga cosparsa di sabbia e di fiori, piena di allegria, di musica e di vari passatempi. La gente andava per quella strada ballando e divertendosi. Giungono alla fine, ma non s’accorgono che è finita. Alla fina di quella strada c’era uno spaventoso precipizio, cioè l’abisso infernale. Quelle anime cadevano alla cieca in quella voragine; man mano che arrivavano, precipitavano dentro. E c’è n’era un così gran numero, che era impossibile contarle. E vide un’altra strada, o meglio un sentiero, poiché era stretto e cosparso di spine e di sassi e la gente che andava per quella strada aveva le lacrime agli occhi ed era piena di dolori. Alcuni cadevano sulle pietre, ma si alzavano subito e proseguivano. Ed alla fine della strada c’era uno stupendo giardino pieno di ogni felicità e tutte quelle anime vi entravano. Subito, fin dal primo momento, dimenticavano i loro dolori” (Diario di S. Faustina, no. 153).
“Impossibile presso gli uomini, ma non presso Dio! Perché tutto è possibile presso Dio” (Mt 19,26; Mc 10,27; Lc 18,27).
– – –
LA REPUBBLICA: “Pur ribadendo il concetto che portò Francesco in una conferenza stampa ad affermare che non si tratta di fare figli “come conigli”: Anticoncezionali: Le famiglie numerose sono una gioia per la Chiesa”, scrive il Papa, anche se questo “non implica dimenticare una sana avvertenza di san Giovanni Paolo II”, secondo il quale “la paternità responsabile non è procreazione illimitata o mancanza di consapevolezza” ma piuttosto “la possibilità data alle coppie di utilizzare la loro inviolabile libertà saggiamente e responsabilmente realtà sociali e demografiche, così come la propria situazione e i legittimi desideri”.
I MIEI COMMENTI: Non si parla di formare la propria coscienza secondo la guida della Chiesa. Perché non erano citate le parti importanti della Esortazione Apostolica Familiaris Consortio, di Papa Giovanni Paolo II o dal CCC (no. 1783, 1801, 1713, 1714, 1860). Perché questo Familiaris Consortio era più o meno messo da parte nei due sinodi sulla famiglia?
Familiaris Consortio, 33:
“Ma è la stessa ed unica Chiesa ad essere insieme Maestra e Madre. Per questo la Chiesa non cessa mai di invitare e di incoraggiare, perché le eventuali difficoltà coniugali siano risolte senza mai falsificare e compromettere la verità: è infatti convinta che non può esserci vera contraddizione tra la legge divina del trasmettere la vita e quella di favorire l’autentico amore coniugale (cfr. «Gaudium et Spes«, 51). Per questo, la pedagogia concreta della Chiesa deve sempre essere connessa e non mai separata dalla sua dottrina. Ripeto, pertanto, con la medesima persuasione del mio predecessore: «Non sminuire in nulla la salutare dottrina di Cristo è eminente forma di carità verso le anime. “ (Paolo PP. VI «Humanae Vitae», 29).

– – – – – – –

La mia trascrizione di:

WORLD OVER – 2016-04-14 – POPE FRANCIS’ APOSTOLIC EXHORTATION ON THE FAMILY WITH RAYMOND ARROYO
FR GERALD MURRAY and ROBERT ROYAL…the Papal Posse…join us to discuss Pope Francis’ recently released Apostolic Exhortation, AMORIS LAETITIA (The Joy of Love)
(World Over – 2016/04/14 – Esortazione Apostolica di Papa Francesco sulla famiglia con Raymond Arroyo)
(https://www.youtube.com/watch?v=E5Avd7bCiV0)

(Raymond ARROYO è il moderator; Robert ROYAL è un laico (www.TheCatholicThing.org); Padre Gerald MURRAY è un avvocato della legge canonico.)

ARROYO
Che cosa è una esortazione apostolica?
ROYAL
(…) Quando un papa va fuori del suo modo di esprimersi e sembra di essere in contraddizione o di cambiare ciò che è stata la prassi consolidata e la dottrina della Chiesa, le persone prestano attenzione.
ARROYO
Si tratta di una riaffermazione della dottrina; si cerca di cambiare la dottrina e lo fa fare?
MURRAY
Il magistero pontificio ordinario viene eseguita quando il papa insegna attraverso vari modi. E uno dei quali è attraverso le Esortazioni apostoliche. Così egli ribadisce la dottrina cattolica su molti aspetti diversi. L’obiettivo non è quello di cambiare la dottrina cattolica; il magistero pontificio è costante nel corso della storia. Si suppone di portare avanti lo stesso insegnamento. La questione qui è se ha correttamente applicato alla pratica pastorale della Chiesa quell’insegnamento? Ed è qui che penso che i problemi sono sorti.
ARROYO
Qualche campanello suonava qui…
ROYAL
Siamo in una tale periodo fragile, polarizzato nella Chiesa, così come in tutto il mondo, che la gente vede cose che la rende nervosa per il matrimonio e la comunione ai divorziati risposati, e assumono che l’intero documento è danneggiato o infedele all’insegnamento. Ci sono almeno cinque che ho identificato, questioni controverse che il Papa parla in modo molto chiaro. Non è sempre chiaro quando si parla …
ARROYO
Capitolo 8, la parte più difficile di questo documento, che ha portato alcuni a dire che questo è l’età della coscienza individuale.
ARROYO
(Amoris Laetitia, no. 3).
“Desidero ribadire che non tutte le discussioni dottrinali, morali o pastorali devono essere risolte con interventi del magistero… Inoltre, in ogni paese o regione si possono cercare soluzioni più inculturate, attente alle tradizioni e alle sfide locali. Infatti, «le culture sono molto diverse tra loro e ogni principio generale […] ha bisogno di essere inculturato, se vuole essere osservato e applicato”.”
Padre Murray, che cosa si sente lì e come pensi che si accolgono questo paragrafo tra l’episcopato tedesco, per esempio?
MURRAY
Beh credo che questa è una dichiarazione pericolosa proprio perché stiamo parlando del diritto universale della Chiesa per quanto riguarda l’amministrazione dei sacramenti. E dire che inculturazione vorrebbe dire che in Germania la disciplina sacramentale sarebbe diverso rispetto alla vicina Polonia, o di un paese in Africa, questo è molto inquietante. I sacramenti non sono il possesso di qualsiasi cultura, e perciò la loro regolazione è affidata ai custodi della Chiesa, che è il Papa, e dei vescovi. L’inculturazione è un tema molto popolare, perché pensiamo che questo fa le persone a sentirsi più a loro agio con la loro religione. Ma io dico esattamente il contrario. Quando la religione viene trasmessa in modo accurato dal centro, quindi si sente più a suo agio.
ROYAL
Credo che ci sia uno vero e un modo falso per inculturare. Ovviamente la Chiesa negli Stati Uniti ha bisogno di parlare con gli americani, come gli americani, la chiesa in Francia ha bisogno di parlare con i francesi, come i francesi, e la chiesa in Africa ha bisogno di parlare al suo popolo in vari modi. Abbiamo questa situazione assurda, in particolare Germania e Polonia che condividono una frontiera comune. E se i tedeschi erano di andare avanti nella direzione in cui stavano indicando che vorrebbero, ed i poli sono roccia ortodossa solida dovessero rimanere dove la Chiesa è sempre rimasta, abbiamo questa situazione assurda che si può entrare nella tua auto e guidare dalla Polonia, e in Polonia è un sacrilegio per ricevere la comunione, si tratta di una rottura con la tradizione, è uno schiaffo in faccia del nostro Signore. Si guida nella Germania e improvvisamente è questa nuova effusione di misericordia e di apertura al dialogo.
ARROYO
In un certo senso, questo non invita ad una risposta caotica, quando si dispone di un linguaggio, in alcuni parti di questa esortazione, non preciso?
MURRAY
Ci sono un sacco di imprecisione nel linguaggio, parlando come un canonista e qualcuno che ha studiato questo argomento da quando ero in seminario, ma in particolare nell’ultimo anno e mezzo, la ragione per cui la Chiesa cattolica non dà la Santa Comunione alle persone in seconde nozze non valide, è perché il secondo matrimonio comporta atti di adulterio. È la natura pubblica della questione. Pubblicamente si giurarono i voti davanti ai funzionari statali, e vivono in modo pubblico (adulterio), che è offensivo al l’insegnamento o al nostro Signore. Non c’è giudizio che può essere fatta sulla coscienza della persona. Ma ciò che si può dire alla persona è che i tuoi atti violano l’insegnamento del Signore e la Chiesa non ha intenzione di contribuire al tuo ulteriore danno spirituale, consentendo di ricevere la comunione o scandalizzando i fedeli nel pensare che il ricevere la comunione quando sei in un secondo matrimonio non valido non è un problema. Questo è molto grave, e questo è dove io sono molto molto preoccupato.
ARROYO
(Amoris Laetitia, no. 298):
“I divorziati che vivono una nuova unione, per esempio, possono trovarsi in situazioni molto diverse, che non devono essere catalogate o rinchiuse in affermazioni troppo rigide senza lasciare spazio a un adeguato discernimento personale e pastorale. Una cosa è una seconda unione consolidata nel tempo, con nuovi figli, con provata fedeltà, dedizione generosa, impegno cristiano, consapevolezza dell’irregolarità della propria situazione e grande difficoltà a tornare indietro senza sentire in coscienza che si cadrebbe in nuove colpe. La Chiesa riconosce situazioni in cui «l’uomo e la donna, per seri motivi – quali, ad esempio, l’educazione dei figli – non possono soddisfare l’obbligo della separazione”.
Cosa c’è che non va?
ROYAL
Si tratta di una licenza per ogni cosa. Questo è uno di quelli luogi dove il Papa sta cercando di aumentare la nostra consapevolezza correttamente che c’è un sacco di circostanze difficili là fuori nel mondo. La questione non è se si può abbandonare un altro coniuge ed i figli, la questione è, se stanno commettendo ancora, ciò che deve essere considerato come atti adulteri in un secondo matrimonio. Essi non sono lecitamente sposati come abbiamo sempre capito sin da quando nostro Signore ha pronunciato le parole che divorzando una donna e costringendola a sposare un altro è di commettere adulterio. La parola l’adulterio non appare qui ed è una parola che il Signore stesso ha utilizzato e che i vescovi del Sinodo ha cercato di trovare un modo per aggirare. Hanno parlato di trovare un linguaggio che non era offensivo. Ecco, questo è il motivo per cui noi vediamo il linguaggio circa il discernimento e l’accompagnamento, e la consulenza di persone. Perché c’è una preoccupazione qui del Papa e degli altri, che si fa sentire le persone al loro disagio nel usare le parole che la Chiesa ha sempre usate per queste situazioni.
ARROYO
Non si vede “un’occasione di peccato”, o “vivere nel peccato” in qualsiasi parte del documento. Il Papa sta facendo tutto possibile per fare sentire queste persone in situazione irregolare di sentirsi più regolare.
MURRAY
Le persone in un secondo matrimonio invalido che si trovano in questa situazione, si sono messi in questa situazione, e continuano a vivere nella situazione. Ora la Chiesa ha una comprensione che ci sono ragioni per cui la coppia potrebbe non essere in grado di separare, per il bene dei figli, o di prendersi cura di un malato, un per partner malato. Ma bisogna fermare gli atti di adulterio, a vivere come fratello e sorella … Ora non si può dire che non riesco a smettere di commettere adulterio, perché causerò un altro peccato. No. Si arresta il adulterio e poi si fa quello che si può per rimediare l’altra situazione, come prendersi cura dei bambini dalla seconda unione. Il linguaggio qui in un certo senso priva le persone di responsabilità morale per le loro azioni. Dice più o meno, io sono costretto a fare questo, sono caduto in quella, mi trovo in questa situazione. Il linguaggio della Chiesa è che tu sei un agente libero di agire; sei responsabile delle tue decisioni morali. E le decisioni che hanno un impatto pubblico sono regolate dalla legge canonica proprio perché il bene degli altri è in gioco.
ARROYO
(Amoris Laetitia, no. 308):
“Tuttavia, dalla nostra consapevolezza del peso delle circostanze attenuanti – psicologiche, storiche e anche biologiche – ne segue che «senza sminuire il valore dell’ideale evangelico, bisogna accompagnare con misericordia e pazienza le possibili tappe di crescita delle persone che si vanno costruendo giorno per giorno», lasciando spazio alla «misericordia del Signore che ci stimola a fare il bene possibile». Comprendo coloro che preferiscono una pastorale più rigida che non dia luogo ad alcuna confusione. Ma credo sinceramente che Gesù vuole una Chiesa attenta al bene che lo Spirito sparge in mezzo alla fragilità…”
Padre Murray, la tua reazione?
MURRAY
Vorrei poter sedersi con il papa e spiegare perché io e tante persone trovano quello linguaggio molto problematico. Per me, il matrimonio cristiano non è un ideale, si tratta di una norma, è una realtà, è un sacramento, è un modo di vivere. In realtà il matrimonio è inscritta nell’umanità dalla creazione, Dio li fece maschio e femmina. Non è un ideale che ci sforziamo ad arrivare. Nel mondo ideale sarei un grande pianista di concerto. Questo è un ideale; non sto lavorando per questo ideale. Spero che altri la fanno. Ma per essere in grado di suonare il pianoforte il meglio che puoi, quello è lo stato normale per i pianisti. Il matrimonio è la stessa cosa. Una volta che ti sposi, Dio ha reso molto possibile per gli esseri umani di essere fedeli e di vivere quel matrimonio con frutto. Ora di dire che l’accompagnamento significa che vogliamo aiutare le persone sulla via della virtù, assolutamente. Io voglio farlo. Ma io non considero l’insegnamento della Chiesa rigido o duro o in qualsiasi modo un offeso contro la dignità delle persone che stanno peccando. Per me è la verità liberatrice. Dobbiamo scuotere le coscienze. Voglio dire, in altri campi il Papa lo fa in modo molto chiaro, quando si tratta di immigrazione o la povertà, che sta là fuori facendo molto forti dichiarazioni circa la responsabilità morale delle persone che agiscono per il bene degli oppressi. Per le persone che stanno nei matrimoni non validi, la cosa migliore che possono sentire dal Signore e dalla Chiesa è fermare il peccare, cercate a scoprire come vivere in un modo che dà piacere al Signore e Dio vi ricompenserà per tutti i sacrifici che si fanno in tale processo.
ARROYO
La chiesa sta cercando di minimizzare gli assoluti, per offrire un accogliente abbraccio. Questo è ciò che questo accompagnamento è tutto.
ROYAL
Ebbene sì e no. C’è un sacco di linguaggio, un sacco di termini ricorrenti in questo documento che sono problematici. Perché si parla di assoluti come fossero assolutamente impossibile, e sono solo ideali. I problemi che abbiamo a che fare solo con persone in circostanze ideali irregolari o imperfetti o meno. Questo non è il linguaggio del Vangelo, che parla di adulterio, giusto e sbagliato, il peccato, la virtù, e questo genere di cose. Il passaggio che è stato letto prima, al di là di ciò che P. Murray ha detto, è che c’è sempre una SCUSA per tutto, che ogni circostanza in cui vi trovate, si può spiegare il motivo per cui è che sei lì. E rendiamoci conto che questo non è solo di quei pochissimi casi difficili in cui una donna è stata abbandonata da un marito e lei non ha i mezzi finanziari e si risposa, che ha già i bambini. Ma l’insegnamento del nostro Signore è ancora suo insegnamento. Quello che mi preoccupa ancora di più è che se ci accingiamo a iniziare a fare spiegazioni e forse anche scuse per circostanze, biologici, psicologici, o storici. Beh sai persone in una unione omosessuale, che il Santo Padre ha sonoramente bocciato, cosa c’è da dire che non possiamo permettere loro di essere riammessi alla comunione. Non vi è alcun limite al accompagnamento che sta parlando.
ARROYO
Ho ricevuto un’email di una persone in un rapporto gay che ha detto che il papa sta condannandoci perché io dono la mia matteria di vita ad una donna, che era impiantato in lei, ho un bambino che è veramente mio. Noi diamo la vita. Quando si inizia a fare tante scuse … Le eccezione diventano una regola molto difficile o nessuna regola affatto?
MURRAY
Questo è un altro settore nel documento che deve essere esaminato perché il Papa ha detto che non si può più presumere che le persone che si trovano in situazioni irregolari sono in stato di peccato mortale. Direi che è problematico per dire quello. La presunzione nella vita della Chiesa è che se sei stato evangelizzato, avete sentito il Vangelo e credete nel Vangelo, QUANDO SI CONTRADDICONO LA VANGELO, LIBERAMENTE E CONSAPEVOLMENTE, QUELLO È UNO STATO DI PECCATO. L’idea che ci sono un gran numero di cattolici che non hanno idea che commettere adulterio è un peccato mortale, penso che questo sia raro. Troverete cattolici che cercano di giustificare tutti i tipi di cattivo comportamento, perché sono caduti nella rivoluzione sessuale e l’idea che non ci sono regole e la mia felicità dipende da ciò che ho deciso di fare. La teologia morale è molto preciso, proprio perché le parole del Signore hanno un significato. E quando il Signore dice che non si dovrebbe nemmeno desiderarla, per una donna nel tuo cuore, hai commesso adulterio. Dobbiamo dire che il Signore era severo quando si trattava di cercare di vivere le virtù e una vita pura. Non dobbiamo solo dare le carte di scusa, so bene che è difficile per voi pertanto tratteremo te come non colpevole del peccato, e abbiamo intenzione di dare una eccezione. Le eccezioni si applicano in tutti gli ambiti della vita, se accettiamo quella logica.
ARROYO
C’è una menzione di abitudine, come se la persistenza in qualunque peccato potrebbe essere, in qualche modo il più a lungo lo si fa, meglio diventa. Si può quasi interpretare ancune parole in questo documento in questo modo.
MURRAY
Questo è un punto in teologia morale, quando si diventa abituati nel peccato, perdi il senso del male del peccato. Poi si entra in una falsa idea che in qualche modo è giustificato o hai un’eccezione. Questi sono i casi in cui si deve davvero suscitare la coscienza e dire no, sei in diretta contraddizione con le parole del Signore e ha gravi conseguenze anche per la salvezza della tua anima. Forse quello li scuoterà a dire, sì, io sono nel affare di fare le scuse, non sono nel affare del Vangelo.
ROYAL
Prendere un’altra voice da Roma. Due anni fa, prima del Sinodo del 2014, il primo dei due sinodi, il Cardinale George Pell dall’Australia ha tenuto una conferenza presso il Collegio Americano del Nord, che è dove i nostri seminaristi americani sono addestrati come sacerdoti, e ha detto che se fosse per me, avrei potuto essere un po’ più clemente al rispetto il nostro Signore circa il divorzio e un nuovo matrimonio. Ma lui dice, non era Gesù, e devo stare con Lui. Credo che quello sia la differenza. Siamo consapevoli che questo santo padre è un uomo molto carismatico; si sente molto quello che altre persone hanno bisogno da lui. Parla di, se si sta solo seguendo le regole, non si sta obbedendo alla legge dell’amore, c’è qualcosa di sbagliato in questo. E naturalmente c’è. Le regole sono lì proprio per servire l’amore. Ma c’è un modo che le virtù di tutti possono essere anche vizi, senza entrarne troppo nel dettaglio. C’è un punto in cui il Santo Padre corre il rischio di cercando di essere così confortante per la gente che effettivamente perde un po’ della santità al quale le persone sono chiamate.
ARROYO
C’è quel punto che il padre Murray ha detto in precedenza, l’idea di caratterizzare le persone che vogliono aderire a questa legge e l’insegnamento fermo della Chiesa come rigoristi, ma altre articolazioni di cose come le questioni di immigrazione o le cose secondarie, quelle cose, parlando di rigore, lì c’è vero rigore, non c’è spazio neanche per il dibattito o discussione su alcuni di questi problemi! Così si vede dove le persone possono essere confusi.
(Amoris Laetitia, no. 304-305):
“È meschino soffermarsi a considerare solo se l’agire di una persona risponda o meno a una legge o a una norma generale, perché questo non basta a discernere e ad assicurare una piena fedeltà a Dio nell’esistenza concreta di un essere umano… Pertanto, un Pastore non può sentirsi soddisfatto solo applicando leggi morali a coloro che vivono in situazioni “irregolari”, come se fossero pietre che si lanciano contro la vita delle persone. È il caso dei cuori chiusi, che spesso si nascondono perfino dietro gli insegnamenti della Chiesa…”
È questo ciò che stai facendo P. Murray. Ti stai nascondono dietro l’insegnamento della Chiesa?
MURRAY
In un certo senso sì e in un altro senso no. Mi nascondo dietro l’insegnamento del Signore perché voglio essere protetti da influenze maligne del diavolo e insegnamenti erronei. Voglio sapere ciò che la Chiesa si aspetta da me. In questo senso si può dire che ho trovato il mio nido o la mia casa negli insegnamenti della Chiesa. D’altra parte non sto usando l’insegnamento della Chiesa come una scusa per vendicarmi delle persone che stanno peccando. Sto offrendo loro la più grande carità nel mondo, che è la conoscenza di ciò che Dio vuole che facciano nella vita. Devo proprio dire che il linguaggio del santo padre è colorato e molto schietto. Ma non so che è davvero al punto, perché quando il Signore disse alla donna colta in adulterio, va’ e non peccare più, era presuntuoso da parte sua per istruirla cosa fare? No, non lo è. Lui sa tutto. Quindi non sappiamo tutto. Quindi sì, a volte dobbiamo condurre le persone per la via in modo lento, e cercare di convincerle del valore dell’insegnamento. Ma alla fine, le persone devono aderire alla dottrina non perché sono convinti dalla mia spiegazione, ma perché credono che è ciò che Dio ha insegnato. Non è riduttivo dire un uomo che ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra commette adulterio. Non è un’affermazione riduttiva. Questa è una dichiarazione pura e semplice della verità evangelica, registrato nelle Scritture, parlata da nostro Signore. Se non sei d’accordo con questo, ci si trova in un caso di problema. Così le persone che rifiutano quell’insegnamento e vivono in caso contrario, hanno bisogno di essere scosse. Questo è il mio modo di vederlo.
ARROYO
L’ultimo paragrafo che ho mostrato c’era una nota, mi riferisco a questa come la nota fumante (la pistola fumante), perché questo sembra correre al cuore della questione della comunione per i cattolici divorziati risposati.
(Amoris Laetitia, Nota, no. 351):
“In certi casi, potrebbe essere anche l’aiuto dei Sacramenti. Per questo, «ai sacerdoti ricordo che il confessionale non dev’essere una sala di tortura bensì il luogo della misericordia del Signore» (Esort. ap. Evangelii gaudium). Ugualmente segnalo che l’Eucaristia «non è un premio per i perfetti, ma un generoso rimedio e un alimento per i deboli» (ibid.).”
Accento anche che sono due citazioni da Francesco citando Francesco.
ROYAL
Questo è molto sconcertante. Come quella precedente citazione sull’utilizzo dottrine come pietre di gettare alle persone come se si è un fariseo se si tiene alla dottrina. Questo deve corrispondere a qualcosa nell’esperienza del santo padre, perché lo fa abbastanza spesso. Lui è molto arrabbiato per la rigidità e ciò che egli vede come la gente essendo dal cuore di ghiaccio verso i peccatori, e possiamo quella parte. Questa nota è molto strana, perché questo è l’unico posto in cui sono menzionati i sacramenti. Ed è solo in una nota. C’è una specie di esitazione, una sorta di timidezza di presentare questo. Egli non parla di comunione. Può includere i sacramenti. E poi va avanti a quello che io considero uno strano paio di citazioni, e che è la confessione come una camera di tortura. Ho letto quello e ho detto a me stesso, mi chiedo in quale parte del mondo che è il caso? E insegnare alla gente che l’Eucaristia è solo per il perfetto, dove nel mondo è quello il caso? Se stiamo parlando di mere questioni politiche, questi sono uomini di paglia. E quando si imposta uomini di paglia per abbatterli quel modo, è perché non si vuole veramente avere a cercare di rendere un argomento che è molto difficile.
ARROYO
P. Murray, sei un avvocato della legge canonica. Parlavo ad un certo numero di vescovi. Alcuni di loro sostengono che la fazione Kasper, che sta avanzando l’idea che i cattolici divorziati risposati dovrebbe avere il diritto alla comunione, che sono stati sconfitti, e che tutto ciò che hanno ottenuto è stato questo nota goffa e non conta tanto. Altri canonisti e vescovi dicono no no, questa è la pistola fumante, hanno ottenuto ciò che volevano. Qual è la tua opinione su questo come un canonista, come pastore?
MURRAY
Sul mero livello di fatto Card. Schonborn nella sua presentazione del documento il Venerdì 8 ha detto che questo include i sacramenti per certe persone. Il fatto che si tratta in una nota è strano, a mio parere, ma non diminuisce il fatto che è scritto. La Chiesa dovrebbe accompagnare alcune persone in un unioni irregolari con i sacramenti; quei sacramenti includono la comunione e la confessione. Le due citazioni che hai citato Raymond, compaiono in una nota precedente (323, S. 8), perciò sono ripetute due volte, che ho trovato un po’ strano. Ma il punto è, il papa vorrebbe che la gente di avere la opportunità, in casi particolari, dopo aver parlato con un prete, dopo aver esaminato le linee di guida del vescovo locale, di essere in grado di ricevere la comunione. Questa è una contraddizione diretta di Papa Giovanni Paolo II nella Familiaris Consortio e documenti successivi; contraddice il Catechismo della Chiesa Cattolica. E la proposta Kasper. Sono perplesso da coloro che dicono che la proposta Kasper è rifiutata. Questo non è certamente quello che il Card. Schonborn ha detto nella sua presentazione. Questo è dove il problema si manifesterà realmente nei giorni e nelle settimane dopo la pubblicazione di questo documento. Abbiamo qualcosa qui che non è d’accordo con ciò che la Chiesa ha detto fino ad ora.
ARROYO
Come si svolge questo a livello locale, intendo sei un pastore, una coppia viene a te, secondo la tua lettura di questo documento, ciò consente loro di comunione, dopo una conferenza con te in una confessione senza un annullamento?
MURRAY
Non nel mio caso, perché non credo che dovrebbe ricevere la comunione se continuano a commettere ADULTERIO. Come pastore ho avuto a che fare con molti casi che noi chiamiamo fratello e sorella relazioni, e questo è esattamente dove una coppia in un invalido secondo matrimonio cessano di vivere come marito e moglie, vivere come fratello e sorella, si sollevano i bambini. Va bene. Ora quello che noi chiamiamo padre amichevole che è disposto a vendere il negozio, ha intenzione di prendere questo paragrafo e dire, vieni dentro, quello che vuoi, ce l’abbiamo proprio qui. Per me questo è falsa misericordia. È falsa pietà. È fare la comunione un distintivo d’onore che si riceve, nonostante che tu sai che ciò che stai facendo non è in accordo con l’insegnamento della Chiesa. Non credo che sia pastoralmente sensibile a dire quelle persone, il vostro obiettivo nella vita dovrebbe essere quello di ricevere la comunione, mentre state ancora commettendo adulterio. Questo è un grosso errore. Il vostro obiettivo nella vita dovrebbe essere quello di smettere di commettere adulterio, mettersi apposto con il Signore, e poi ricevere la comunione.
ARROYO
La prossima volta inviterà padre amichevole…
MURRAY
Ci sono tanti padri amichevoli oggi…
ARROYO
Robert, l’anno scorso si ricorderà, ho predetto coraggiosamente e forse sfacciatamente che Papa Francesco stava per cambiare la pratica, se non la dottrina della Chiesa, vis a viv, comunione per i divorziati risposati, e che avrebbe l’effetto di modificare la dottrina. È quello che è successo?
ROYAL
… Se mi chiedete, probabilmente ci sono alcuni casi in cui le persone non sono soggettivamente colpevoli delle situazioni in cui si trovano. Ma probabilmente questo significa che possono ottenere l’annullamento, ci sono alcune circostanze attenuanti.
ARROYO
Ma nella chiesa tedesca questo già succede…
ROYAL
A mio giudizio, non ha fatto molto per le persone in situazioni di sposati o per la Chiesa. Ma detto questo, mi sembra che ci sia un tentativo di incartare sopra ciò che è in realtà un cambiamento di dottrina. Se ricevere la comunione significa che tu sei in perfetta comunità con il Signore, in unione con il Signore, ma si vive una vita che contraddice una delle dichiarazioni sorprendenti per gli ebrei del suo tempo. Ha detto dimenticare Mosè, ho intenzione di riportarvi nel il modo in cui era intesso inizialmente. Non stiamo dando l’entrata gratis più. Così per Gesù di aver fatto un punto particolare, ed è in molti punti nel Nuovo Testamento, dove questa domanda divorziati risposati viene in galla, se Lui ha fatto quel punto, e noi cerchiamo di dire, anche se questo è il caso, ci sono circostanze in cui non è attuabile in realtà. Mi sembra che si sta modificando la dottrina, ma negando che la stanno cambiando la dottrina.
ARROYO
P. Murray, i vostri pensieri su questo. È stata modificata la dottrina cambiando la pratica o creare di una scappatoia nella presente nota per la pratica?
MURRAY
No, la dottrina non può essere modificato, perché la dottrina è legge divina positiva. Ciò che Gesù ha detto rimane. La Chiesa non ha rifiutato quell’insegnamento e non può. Ora il papa sta insegnando qui in questo documento che le eccezioni – ci sono circostanze in cui una persona che vive in uno stato oggettivamente immorale della vita dovrebbe essere trattato come se vivessero in uno stato oggettivamente morale della vita – perché soggettivamente non sono colpevole . Questo è un linguaggio molto complicato. L’altro problema anche se, naturalmente, è, che cosa dice alla comunità dei fedeli. Che cosa dice al coniuge divorziato e ai bambini che guardano il loro padre salendo con la moglie numero due fino a ricevere la comunione? E cosa dice ai giovani nella Messa a guardare questo che accada, della stabilità dei voti del matrimonio. Queste erano le preoccupazioni che sono state sollevate da Giovanni Paolo II, da Papa Benedetto, quando era il card. Ratzinger come il capo della Dottrina della Fede. Gli effetti sociali di cambiare questa pratica sono devastanti. E Roberto ha ragione, non vi è stato un buon effetto dove vi è stata questa tendenza liberalizzata nella Germania. La frequenza alla Messa in Germania è patetica. E devo dire che non è perché sono rigidi. No, è perché sono molto vaghi con l’insegnamento della Chiesa. È molto molto inquietante. Non è possibile modificare l’insegnamento della Chiesa, ma è possibile gingillare con la pratica e causare problemi.
ROYAL
Queste sono domande molto difficili. Noi non vogliamo trattare il santo padre come se fosse un politico. Queste non sono le norme.
ARROYO
Alcuni diranno che, anche mettendo in discussione questo si sta attaccando e minando l’autorità del papa. Tu diresti che cosa?
ROYAL
Direi che non ho mai parlato e non parlerò mai del Santo Padre nel modo in cui parlerei di un mero politico che tiene certe idei. Siamo tutti cattolici; siamo tutti impegnati alla fede, la tradizione della Chiesa, e in ultima analisi, al nostro Signore stesso e ciò che Egli ci ha rivelato. Ma questo è uno di quei casi in cui penso che una grande virtù del Santo Padre, la sua spontaneità, la sua natura carismatica, il suo sentimento per gli altri. C’è tutta una letteratura su come una virtù può trasformarsi in un vizio. Sembra che ci sia una sorta di un’apertura qui a qualcosa che vorrebbe essere il caso, come il Cardinale Pell ha voluto che fosse il caso. Ma è semplicemente, se sei un cattolico, non può essere. L’accompagnamento credo va bene; anche se vogliamo essere sensibili a tale proposito. In altri documenti di cui abbiamo parlato, un sacco di persone che sono divorziati risposati, di essere lettori, di essere padrini al battesimo. Non vedo come potete portare su qualcuno che, in una relazione adulterina, o un rapporto imperfetto se si vuole mettere in questo modo, come una persona che sta per guidare un bambino, se necessario, nella loro vita morale e la loro vita spirituale nel futuro. Perciò il padre (Murray) ha ragione, ci sono tutti i tipi di, diciamo, i messaggi indiretti che vengono detti. Ho la sensazione, stiamo già vedendo questo nei media, ho la sensazione che la semplice menzione, quella unica piccola nota, sentono che questo è ciò che sta cercando…, che il terreno si sta spostando, darà già, inviare il messaggio, perché i media sono pronti a trasmettere questo, che i cattolici stanno arrendendosi su tutta quella roba vecchia, e ora si può fare quello che tutti stano già facendo.
ARROYO
Cosa si aspetta la reazione di essere tra i canonisti, tra i vescovi, e come si registrano, quello che sto sentendo, le critiche che sto udendo, e le preoccupazioni che potrebbe raggiungere al papa in un modo che possibilmente rimodellare o regolare di nuovo questo documento?
MURRAY
Questo è lo sforzo che tutti noi siamo preoccupati, vogliono vedere accadere, che è quello di dire al Papa che, l’adulazione sarebbe che noi teniamo la bocca chiusa e non dire nulla. Ma la franchezza evangelica, si ricorda quella parola che ha usato al sinodo, Parasia, questa franchezza evangelica. La franchezza evangelica invita noi a dire, Santo Padre, lei vi è stato mal consigliato o si dispone di una concezione incompleta di questo problema. Sappiamo che possiamo condividere con Lei alcune informazioni, che le 13, più o meno, di cardinali che hanno scritto al papa, all’inizio dell’ultimo Sinodo. Questo è una sorta di perfetto esempio che secondo me è quello che sta per accadere. Inoltre si sa, il canone 220, tutti i fedeli hanno il diritto di esprimere le loro opinioni su questioni di vita della Chiesa. Questo è un bene che ciò venga discusso e portato avanti dalla stampa. Certamente, canonisti, teologi, studiosi tomisti. San Tommaso è stato utilizzato in capitolo 8 per giustificare questo nuovo approccio. Non posso credere che un buon gruppo di tomisti, non sarà avere una risposta a questo. Questo è delicato. Non voglio criticare il papa. Credo che il papa è un uomo meraviglioso. Credo che sia un santo in molti modi. Spero di essere un buon sant’uomo me stesso. Io non giudico. Ma devo dire che quando si fa qualcosa in pubblico che contraddice quello che il suo predecessore ha fatto, ci deve essere un resoconto per esso nella responsabilità nel sostenere il Vangelo. Credo che molti vescovi, cardinali e sacerdoti chiameranno per questo.

– – – – – – –

I MIEI COMMENTI:

Padre Murray ha detto:
“Così le persone che rifiutano quell’insegnamento e vivono in caso contrario, hanno bisogno di essere scosse. Questo è il mio modo di vederlo.”
Madre Angelica diceva, in particolare in questo periodo del mondo in cui la grande maggioranza delle persone si sono scivolati e sono stati spinti nel relativismo: “Se non si è una spina nel fianco di qualcuno, non si sta facendo il cristianesimo a destra”!

– – –

Padre Murray ha detto:
“Inoltre si sa, il canone 220, tutti i fedeli hanno il diritto di esprimere le loro opinioni su questioni di vita della Chiesa.”
Se “Papa Francesco” è il papa falso profetizzato da San Francesco d’Assisi, dal Beato Caterina Emmerich, da Santa Ildegarda (Dottore della Chiesa), da Bruno Cornacchiola e altri per quanto riguarda il papa falso, allora è inutile esprimere le nostre opinioni o il dialogo con la “seconda bestia”, travestita da agnello, del libro dell’Apocalisse! Si potrebbe chiedere allora cosa possiamo fare? Prendiamo molto sul serio i consigli urgenti della Regina del Cielo a Fatima e in molti altri luoghi delle sue apparizioni Mariane: “Pregate molto e fate tanti sacrifici!” Mettiamo tutti le nostre vite in ordine, iniziando con una buona confessione sincera, secondo le leggi di Dio, non secondo le leggi dell’uomo del relativismo. Passiamo molto tempo davanti al nostro Signore nel Santissimo Sacramento e preghiamo spesso il Santo Rosario.
Dobbiamo mantenere l’umiltà, senza chiudere gli occhi comodamente, che significa che Dio ha scelto Maria, la Madre di Dio, per schiacciare la testa del serpente antico (Gen 3,15) in questo periodo climatica del mondo e della Chiesa. Dobbiamo umilmente chiedere per l’orientamento nella preghiera, in modo da fare la parte che Maria vuole che ognuno di noi facciamo. In questo modo saremo collaborare nel suo piano, non nel nostro piano.
Il Reverendo Casey, C.P.M, Superiore Generale dei Padri della Misericordia, durante la sua “Missione Per la Verità” (episodio 3: La Confidenza in Dio), ha detto: “Se vuoi far ridere Dio, digli i tuoi progetti!”
In questo periodo si stanno formando due schiere: quella dei superbi molto numerosi con Satana, e quella dei pochi veramente umili con Maria. Leggete: “Trattato della Vera Devozione a Maria” (http://holyqueen.altervista.org/pdf/Libri/Montfort_Trattato_vera_devozione.pdf).

– – –

Padre Murray ha detto:
“La frequenza alla Messa in Germania è patetica. E devo dire che non è perché sono rigidi. No, è perché sono molto vaghi con l’insegnamento della Chiesa. È molto molto inquietante. Non è possibile modificare l’insegnamento della Chiesa, ma è possibile gingillare con la pratica e causare problemi.”
Nel Familiaris Consortio, Papa Giovanni Paolo anni fa (1981) ci ha dato i paragrafi chiari ed evangelici su questa tema (no. 84):
La Chiesa, tuttavia, ribadisce la sua PRASSI, fondata sulla Sacra Scrittura, di non ammettere alla comunione eucaristica i divorziati risposati. Sono essi a non poter esservi ammessi, dal momento che il loro stato e la loro condizione di vita contraddicono oggettivamente a quell’unione di amore tra Cristo e la Chiesa, significata e attuata dall’Eucaristia. C’è inoltre un altro peculiare motivo pastorale: se si ammettessero queste persone all’Eucaristia, i fedeli rimarrebbero indotti in errore e confusione circa la dottrina della Chiesa sull’indissolubilità del matrimonio.
La riconciliazione nel sacramento della penitenza – che aprirebbe la strada al sacramento eucaristico – può essere accordata solo a quelli che, pentiti di aver violato il segno dell’Alleanza e della fedeltà a Cristo, sono sinceramente disposti ad una forma di vita non più in contraddizione con l’indissolubilità del matrimonio. Ciò comporta, in concreto, che quando l’uomo e la donna, per seri motivi – quali, ad esempio, l’educazione dei figli – non possono soddisfare l’obbligo della separazione, «assumono l’impegno di vivere in piena continenza, cioè di astenersi dagli atti propri dei coniugi».”

– – –

In quanto riguarda l’accompagnamento, ho scritto nel,
“Una Lettera Aperta ad un Sacerdote Confratello”; http://testim-polo.blogspot.com/2009/05/open-letter.html):
É vero ciò che abbiamo studiato nella teologia pastorale della necessità della “legge della gradualità”. Ma mi risulta che i papi recenti, nel mondo di oggi, ci ammoniscono di essere di guardia non tanto sulla mancanza di applicare la “LEGGE DELLA GRADUALITÀ” ma del pericolo della “GRADUALITÀ DELLA LEGGE”, che deve essere rifiutata in quanto riduce il valore della legge ad un mero ideale…”

– – –

Padre Murray ha commentato sul, Amoris Laetitia, no. 308:
«senza sminuire il valore dell’ideale evangelico, bisogna accompagnare con misericordia e pazienza le possibili tappe di crescita delle persone che si vanno costruendo giorno per giorno»
Come accennato in questo articolo sopra, Satana, con l’aiuto del femminismo secolare ha fatto tutto il possibile per eliminare i buoni padri delle famiglie ed i buoni pastori delle parrocchie e dalle diocesi, per da non fornire l’esempio, per le generazioni future, di auto-sacrificio per il bene degli altri, per il bene delle famiglie e della società. Così è molto più difficile da acquisire questa abitudine più tardi nella vita e di “prendere la tua croce ogni giorno e mi segua” (Mt 16,24; Lc 9,23).
Più volte nei miei omelie, nelle parrocchie tipici di oggi dove le persone sono abituati e felici con un cristianesimo senza la croce, se predico come alcuni mi hanno detto di predicare, cioè un cristianesimo senza croce, la gente poi vuole cambiare la loro direzione di scorrimento verso il basso lontano dal Calvario con Cristo e cominciare a “prendere la propria croce” in queste cosiddette “possibili tappe di crescita delle persone che si vanno costruendo giorno per giorno”? I santi di 2000 anni ci hanno dimostrato che questo non è il modo di interpretare o mettere in pratica le parole di Cristo; non funziona! La nostra natura umana è stato creato da Dio, e Gesù offre la migliore consulenza e soluzione. Sta dicendo “Papa Francesco” qui, che la soluzione per i bambini arroganti viziati, è di continuare a scorrere nella stessa direzione? Satana sa anche molto bene ciò che è meglio e ciò che è il peggiore per la natura umana!

Nel mio articolo, “La Strada Larga e Nascosta alla Perdizione” (http://cibo-spir.blogspot.it/2015/05/strada-perdizione.html), ho scritto:
“Ormai oggi, la società è arrivata così in basso che tantissimi credono che l’unica soluzione è di offrire ed accogliere sempre più i compromessi, e di mettere da parte quelle cose che non siamo tutti d’accordo, come l’Eucaristia, Maria, i documenti del Magistero della Chiesa, riassunti nel CCC degli adulti. Invece di salire Monte Tabor, Subiaco, Laverna, per stabilire contatto e unione con Dio come ha fatto Mosè, San Benedetto e San Francesco, si scende nei compromessi di ecumenismo falso, con misericordia falsa, con compassione malconsigliata, con amore falso. Per essere coerente con questo abbassamento dell’asta, dovranno togliere le parole dell’Atto di Dolore: “Prometto con il tuo santo aiuto di non offenderti mai più e di fuggire le occasioni del peccato”!?! Dovranno cambiare le parole del Padre Nostro: “Sia fatta la MIA volontà”! Quando due giovani si sposano e pronunciano le loro promesse in pubblico, non vogliono sentire e non è accettabile di dire e di offrire queste promesse con i compromessi: “Io prendo te, finché le cose vanno bene per me…”.
NON si dice nell’Atto di Dolore: “Ci provo con il tuo santo aiuto di non offenderti, quando è possibile, e di cercare di evitare, se va bene per me, le occasioni del peccato”! Questo è l’Atto di Dolore composto da Satana, la sua strategia nascosta, per portarci lentamente non verso la fiducia totale in Dio, ma verso le sue belle bugie facili e le sue promesse vuote, e alla fine nella sua dimora per tutta l’eternità! Certamente è più difficile di vivere l’Atto di Dolore quando la grande maggioranza dei cattolici hanno abbracciato l’Atto di Dolore di Satana, ma Dio da più grazie in questo periodo più difficile nella storia del mondo per chi veramente prega con umiltà vera.”

Non è questa frase dalla Amoris Laetitia, no. 308, in pratica il “ATTO DI DOLORE DI SATANA”? Quando Pietro, il primo Papa, ha voluto mettere da parte la croce e risolvere con compromessi più ragionevoli e confortevoli, che cosa ha detto Cristo a Pietro? Cosa direbbe Cristo a “Papa Francesco” oggi? “Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!” (Mt 16,23).

Gli scrittori spirituali e santi ci dicono che i muscoli spirituali sono simili ai muscoli fisici. Proprio come per i muscoli fisici, ci vuole tempo e sforzo per sviluppare i muscoli spirituali. Di condonare le cattive abitudini come una soluzione per cambiare eventualmente lo scivolare in basso e di cominciare a costruire i muscoli spirituali, è una bugia attraente per i numerosissimi cristiani che hanno formato l’abitudine di prendere la via più facile per tutta la vita, mentre si convincono che sono apposti secondo Dio, un dio che è sempre d’accordo con queste persone, cioè, se stessi. Questo è come dire ad un atleta di non allenarsi e poi giocherà meglio nel grande gioco della Domenica! Certamente c’è un tempo per il riposo, ma il riposo per poter continuare ad andare avanti dopo il riposo verso la meta, di non condonare e approvare lo stato abituale di vizio.

Come i biologi spiegano dei muscoli, l’esercizio elimina alcune cellule dei muscoli in modo che il corpo ricostruisce i muscoli ancora più forte; questo è il processo chimico ed i risultati dell’esercizio. Lo stesso nella vita spirituale. Ogni volta che ci riusciamo, con molta preghiera, per dire no ai nostri vizi, diventiamo sempre più forti. Questo è l’opposto di ciò che viene detto nella Amoris Laetitia.

Come possono essere “le possibili tappe di crescita delle persone che si vanno costruendo giorno per giorno” se “le possibili tappe” non sono aiutate a venire dicendo e vivendo ciò che diciamo nell’Atto di Dolore: “Prometto con il tuo santo aiuto di non offenderti mai più e di fuggire le occasioni del peccato”!?! L’autodisciplina non è automatico, ma richiede una scelta personale di “prendere la nostra croce ogni giorno”, non l’incoraggiamento di buttare via la croce e continuare a vivere nello stato di peccato!?! Tutti gli scrittori spirituali e santi ci dicono questo, così come il nostro Maestro, Gesù Cristo.

Ho scritto nel mio articolo, “Siamo davvero arrivati ad uno SCISMA?” (http://cibo-spir.blogspot.it/2016/03/scisma-cattolico.html):
“Proprio al momento della svolta nella conversione di Sant’Agostino (Confessioni, VIII, 12), quando era ispirato ad aprire la Bibbia a caso, ha letto: “Rivestitevi invece del Signore Gesù Cristo e non seguite la carne nei suoi desideri” (Rm 13,14). Quanti padri delle famiglie (sacerdoti e vescovi) oggi, formati dalla cultura di relativismo oggi invece di un buon Padre cristiano, e non ispirato da una buona moglie che ha superato femminismo secolare, non vivono questo versetto di San Paolo e perciò non aiutano i loro figli di fare la stessa conversione come ha fatto San Agostino e tutti i santi? San Francesco d’Assisi ha chiamato il suo corpo “fratello asino”, indicando come ha vissuto Romani 13,14. Questa mancanza diffusa dei padri buoni e sani è alla radice della femminilizzata “Chiesa dei Simpatici” che abbiamo oggi e anche la crescita dell’omosessualità e il scivolare nel ecumenismo falso che porterà all’Una Chiesa Mondiale per la preparazione del avvento dell’Anticristo.”

Amoris Laetitia (n. 308) sta facilitando il seguire “la carne nei suoi desideri” come una soluzione “di crescita delle persone”!?! Ci sono molte persone oggi che sarà più che felice di accettare questa bugia attraente!

Quando ho dato alcune copie della Testimonianza di Gloria Polo dopo alcune Messe domenicali in una parrocchia dove il parroco mi ha chiesto di sostituire lui, dopo questo pastore mi ha chiesto di non offrire più alla gente le copie stampate di questo opuscolo.
Ho scritto nell’introduzione della mia traduzione in inglese di questa testimonianza:
“Credo che questa testimonianza è un dono di Dio proprio per il nostro tempo così straordinario. Credo che questa testimonianza aiuterà tante persone di buona volontà, che non hanno paura di confrontarsi con la verità, per convertirsi alla Verità e per cominciare a vivere una vita nuova e appagante con Gesù Cristo. Per noi cattolici ci aiuterà a fare un buon esame di coscienza e quindi una buona confessione sacramentale”.
“La Testimonianza di Gloria Polo” (http://testim-polo.blogspot.com/)
“I Documenti Che Riguardano l’Approvazione Ecclesiale della Testimonianza di Gloria Polo” (http://spir-food.blogspot.it/2014/03/gloria-polo-documents.html).
Questa testimonianza è un dono da Dio che può aiutare le persone a capire la devastazione delle belle bugie che si può andare in cielo senza la croce e senza cambiare la vostra vita in base alle leggi di Dio. Inoltre, oggi Satana ha convinto tantissime persone che l’inferno non esiste o che non c’è niente dopo la morte, perciò non dobbiamo essere preoccupati delle conseguenze delle nostre azioni! “Oggi, sotto la guida di un angelo, sono stata negli abissi dell’inferno… Una cosa ho notato e cioè che la maggior parte delle anime che ci sono (nell’inferno), sono anime che non credevano che ci fosse l’inferno” (Diario di Santa Faustina, no. 741).
In seguito ho risposto a questo prete che mi ha proibito di offrire la Testimonianza di Gloria Polo. Visitate: “Una Lettera Aperta ad un Sacerdote Confratello”; http://testim-polo.blogspot.com/2009/05/open-letter.html).

Se una persona sta annegando in acqua, che cosa fai, aiutarlo a tirarsi fuori dall’acqua o di imparare a nuotare, o si butta più acqua su di lui? Questo è ciò che “il Papa Francesco” e tanti altri sacerdoti e vescovi stanno offrendo alle persone che annegano nelle loro abitudini di vizio e l’egoismo e nel “occasione di peccato “!!! Le persone oggi hanno bisogno di aiuto per uscire dal loro stile di vita molto distruttiva, e la grande maggioranza dei padri e pastori di oggi approvano e favoriscono lo stesso stile di vita che li ha portati alla situazione molto difficile in cui si trovano.

San Tommaso ci dice che per il peccato del sesso, si deve tagliarlo immediatamente; ci dice che nel trattare con le tentazioni sessuali, non si può pensare o soffermarsi su queste tentazioni per superarle, ma fuggire subito, diverso dagli altri tentazione. Questa è l’esperienza e la consulenza di tutti i santi, esattamente in contrasto con le parole di “Papa Francesco”. Non si può rimanere nel “occasione di peccato” e credere la bella bugia che le cose andranno meglio! Davanti a Dio, non vale la scusa che leader religiosi ci hanno detto che va bene sesso fuori di matrimonio. Tutti i due sono colpevoli, quello che dà scandalo e quelli che seguono lo scandalo! (CCC 2284; Mc 9,42-49; Ez 34,3: Ufficio delle Letture, Discorso sui pastori di sant’Agostino, TO 24, giovedì; Ufficio delle Letture, Sant’Ignazio di Antiochia, TO 2 lunedì).

– – – – – – –

LA LITURGIA – HELEN HULL HITCHCOCK

Helen Hull Hitchcock: Una Voce Valorosa per la Fede e per la Famiglia
La fondatrice delle Donne per la Fede e la Famiglia e direttrice del Adoremus Bulletin, è morta il 20 ottobre, 2014, all’età di 75.
(http://www.ncregister.com/daily-news/helen-hull-hitchcock-1939-2014).

– – –

“Perché la Riforma Liturgica? o, Se diciamo di no a qualsiasi cambiamento liturgico?” da Helen Hull Hitchcock
“Why the Liturgical Reform? or, What if we just say no to any liturgical change?”, by Helen Hull Hitchcock (http://www.adoremus.org/0911LiturgicalReform.html).

“Quello che il Vaticano II ha veramente detto su Rinnovamento”, Recensione libro da Helen Hull Hitchcock
“What Vatican II Really Said about Renewal”, Book Review by Helen Hull Hitchcock (http://www.adoremus.org/0510VaticanIIRenewal.html).

“Hanno portato via il mio Signore, e non so dove lo hanno posto”, da Helen Hull Hitchcock
“They Have Taken Away My Lord, And I Know Not Where They Have Laid Him”, by Helen Hull Hitchcock (https://www.ewtn.com/library/Liturgy/TABERNAC.HTM).

– – –

“Il linguaggio femminista è sempre stato una preoccupazione particolare per Hitchcock. Nel 1992, ha curato un libro intitolato, La politica di preghiera: Il linguaggio femminista e il culto di Dio, pubblicato da Ignatius Press e composto dai scritti di studiosi di spicco, tra cui studiosi ebrei, sui tentativi femministi di cambiare il linguaggio che consideravano “sessisti” nella liturgia e nei testi religiosi. Ha spiegato nel 1995 perché fosse così categoricamente contrario alla femminilizzazione del linguaggio religioso.
“Come cattolici, che si sono formati, ispirati e sostenuti dai sacramenti della Chiesa attraverso la partecipazione alla liturgia, l’azione centrale della Chiesa e mezzo principale della trasmissione della fede cattolica, siamo fortemente consapevoli del potere dei simboli nella coscienza umana”, ha scritto. “Noi, pertanto, deploriamo i tentativi di distorcere e trasformare la lingua e la liturgia, entrambi i quali rendono tali impressioni simbolici potenti sulla mente umana, per confermare a un particolare programma ideologico contemporaneo in contrasto con la fede e la pratica cattolica”.
(http://www.ncregister.com/daily-news/helen-hull-hitchcock-1939-2014)

– – –

Questa settimana, la famiglia EWTN rende omaggio a Helen Hull Hitchcock, vera figlia di Dio e difensore della fede e della famiglia cattolica. Lei è stato un pioniere nella autentico rinnovamento della sacra Liturgia e rivendicare il ruolo delle donne nella Chiesa
(http://www.womenofgrace.com/blog/?p=34402)

– – – – – – – –

Helen Hull Hitchcock spiega che dobbiamo tornare ai documenti del Concilio Vaticano II e leggerli correttamente. Rinnovamento significa ristabilire il collegamento con o per imparare ad amare qualcosa in modo più profondo e intenso. Lo stesso con la partecipazione attiva, con le parole vere date a noi, ma i documenti autentici del Consiglio, il che significa che la gente dovrebbe partecipare non solo mentalmente, ma spiritualmente, non necessariamente essere attivi nel senso che molti cattolici dopo il Concilio ha deciso di fare secondo la propria interpretazione dei documenti della Chiesa.

Il rinnovo non significa rendere la liturgia assolutamente nuovo. I documenti liturgici della Chiesa mettono in chiaro che la Chiesa si basa sul fondamento di ciò che è stato in passato e non buttare fuori tutto e ripartire da zero, come molti hanno fatto con le liturgie sacre dopo il Concilio

Prima del Concilio la gente comune in realtà non avevano molto collegamento con l’azione sacramentale che stava succedendo. Anche anni prima del Concilio Vaticano II, Pio X voleva ristabilire l’impegno del popolo e coinvolgimento spirituale con la liturgia. È lui che ha inventato il termine partecipazione effettiva. Questo è ciò che il concilio stava cercando di fare, dopo altri 60 anni, è stato quello di portare quella a fuoco e di avere i cattolici più impegnati nella loro fede, ad amare di più e di voler dare più.

Molte persone hanno preso quelle parole e li fece dire quello che volevano dire loro, che fa’ parte del problema. Un rinnovamento è tornare a capire ciò che i padri conciliari intendevano, guidati dallo Spirito, ciò che è coerente con l’insegnamento della Chiesa.

(https://www.youtube.com/watch?v=LtpqkUl6ehY)

– – –

Padre Gabrielle Amorth spiega:
“Il Concilio Vaticano II aveva chiesto di rivedere alcuni testi. Disobbedendo a quel comando, si è voluto invece rifarli completamente. Senza pensare che si potevano anche peggiorare le cose anziché migliorarle. E tanti riti sono stati peggiorati per questa mania di voler buttare via tutto quello che c’era nel passato e rifare tutto daccapo, come se la Chiesa fino ad oggi ci avesse sempre imbrogliato e ingannato, e solo adesso fosse finalmente arrivato il tempo dei grandi geni, dei superteologi, dei superbiblisti, dei superliturgisti che sanno dare alla Chiesa le cose giuste. Una menzogna: l’ultimo Concilio aveva semplicemente chiesto di rivederli quei testi, non di distruggerli.” (http://www.preghiereagesuemaria.it/sala/intervista%20a%20padre%20amorth.htm).

Ho scritto in un articolo, (“Il Dio Infinito Fra Noi”; http://cibo-spir.blogspot.it/2014/01/il-dio-infinito-fra-noi.html), che scrivevo anche della mancanza dell’umiltà fra i membri del Cammino Neocatecumenale:
“Quando si legge il diario di Santa Faustina, si vede che mentre lei progrediva nell’unione con Gesù, lei era SEMPRE PIÙ CONSAPEVOLE DELLA SUA MISERIA, e allo stesso tempo più fiduciosa nella misericordia di Dio con tanta gratitudine verso Dio per questo dono inestimabile della Sua misericordia! Invece tante volte, il più che andiamo avanti in un movimento ecclesiale o nel nostro ministero sacerdotale, crediamo di essere meno miseri e più degni di stare davanti a Dio e gli uomini…” Santa Faustina, come tutti i santi, si fidava e guardavano sempre più verso Dio e sempre meno verso se stessa per la guida e l’aiuto.

“Madre Angelica sulla bestemmia, il Concilio Vaticano II, e la GMG 1993”
“Mother Angelica on Blasphemy, the Second Vatican Council, and WYD 1993” (https://www.youtube.com/watch?v=oCvX94US7SY&feature=youtu.be).

– – – – – – –

FEMMINISMO – HELEN HULL HITCHCOCK.

Un ex Episcopalian che è diventato cattolico nel 1984, Hitchcock si è saltata nella mischia quando i vescovi cattolici degli Stati Uniti stavano preparando una lettera pastorale sul ruolo della donna nella Chiesa ed le femministe stavano arrivando per esternare le critiche acute della Chiesa.
(http://www.ncregister.com/daily-news/helen-hull-hitchcock-1939-2014/#ixzz46Mv3d9YG)

Il movimento, Donne per la Fede e la Famiglia, non condividevano la dura critica femminista della Chiesa. Il movimento, Donne per la Fede e la Famiglia, ha elaborato un “Affermazione Per Le Donne Cattoliche” in otto punti che ha sottolineato la fedeltà alla Chiesa e, infine, è stato firmato da Madre Teresa – insieme ad altre 50.000 donne cattoliche.
(http://www.ncregister.com/daily-news/helen-hull-hitchcock-1939-2014)

AFFERMAZIONE PER LE DONNE CATTOLICHE
http://archive.wf-f.org/Italian-AFF2.html
http://archive.wf-f.org/04-3-Inside.html

– – –

L’importanza dei padri forti nella famiglia.
In inglese: Strong Fathers, Strong Daughters: 10 Secrets Every Father Should Know is a 2007 parenting book by Meg Meeker, MD, which provides guidance to fathers on raising their daughters (https://en.wikipedia.org/wiki/Strong_Fathers,_Strong_Daughters).

– – –

Il Femminismo e le Guerre Linguistiche della Religione
Feminism and the Language Wars of Religion
by Fr. John A. Hardon, S.J.
http://www.therealpresence.org/archives/Heresies_Heretics/Heresies_Heretics_012.htm

L’agenda femminista all’interno della Chiesa cattolica
The Feminist Agenda within the Catholic Church
by Cornelia R. Ferreira
https://www.catholicculture.org/culture/library/view.cfm?recnum=7512

Le Monache di New Age – Aumentare la pratica della Yoga, Reiki e Sciamanesimo, di Barbara Maczek
New Age Nuns – Increasing Practice of Yoga, Reiki & Shamanism
By Barbara Maczek
La valutazione recente del Vaticano della Leadership Conferenza delle Donne Religiose (LCWR), che rappresenta il 80% delle donne religiose cattoliche negli Stati Uniti, ha trovato le azioni che non erano in conformità con gli insegnamenti della Chiesa. In effetti, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha detto LCWR sta minando gli insegnamenti cattolici su omosessualità e il controllo delle nascite e la promozione di “temi femministi radicali incompatibili con la fede cattolica.”
The Vatican’s recent assessment of the Leadership Conference of Women Religious (LCWR), which represents 80% of Catholic religious women in the United States, found actions that were in non-conformance with Church teachings. In fact, the Congregation for the Doctrine of the Faith said LCWR is undermining Roman Catholic teachings on homosexuality and birth control and promoting “radical feminist themes incompatible with the Catholic Faith.”
http://www.traditioninaction.org/History/G_018_Nuns_1.html

Danni Incalcolabili
31 maggio 2011
Riflessioni di Donna Steichen sul femminismo e la Chiesa al 20° anniversario di “La Rabbia Empia”
Incalculable Damage
May 31, 2011
Donna Steichen’s reflections on feminism and the Church on the 20th anniversary of “Ungodly Rage”
http://www.catholicworldreport.com/Item/785/incalculable_damage.aspx

La Rabbia Empia: la faccia nascosta del Femminismo Cattolico
da Donna Steichen
Scritto da un giornalista cattolico che ha indagato il femminismo sul suo stesso terreno, questo straordinario libro espone completamente la faccia nascosta del femminismo cattolico per la prima volta, rivelando le sue radici teoriche e psicologiche nella perdita della fede. Un resoconto definitivo di un movimento spinto dalla rabbia vendicativa alla rivolta contro ogni autorità spirituale.
Ungodly Rage: The Hidden Face of Catholic Feminism
by Donna Steichen
Written by a Catholic journalist who has investigated feminism on its own ground, this remarkable book fully exposes the hidden face of Catholic feminism for the first time, revealing its theoretical and psychological roots in loss of faith. A definitive account of a movement impelled by vengeful rage to revolt against all spiritual authority.
http://www.goodreads.com/book/show/1148114.Ungodly_Rage

‘La Rabbia Empia’ di (Suora) Donna Quinn
(Sister) Donna Quinn’s ‘ungodly rage’
By Matt C. Abbott
http://www.renewamerica.com/columns/abbott/091028

Monache Andate Selvagge: un viaggio lungo la strada della memoria
Quelli di voi che si chiedono il motivo per cui la Congregazione per la Dottrina della Fede e dei Vescovi americani hanno avviato una riforma della dirigenza della Leadership Conferenza delle Donne Religiose (LCWR), dovrebbe fare un piccolo viaggio sulla strada della memoria.
Ampi settori di religiose negli Stati Uniti sono stati per decenni infestati da un femminismo radicale così velenoso che molti di loro, soprattutto nella leadership, sono arrivati fino a difendere l’uccisione di neonati.
Nuns Gone Wild: A Trip Down Memory Lane
Those of you who wonder why the Congregation for the Doctrine of the Faith and the American Bishops initiated a reform of the leadership of the Leadership Conference of Women Religious (LCWR), should take a little trip down memory lane.
Vast sectors of women religious in the USA have for decades been infested with a radical feminism so poisonous that many of them, especially in leadership, have even come to defend the killing of babies.
http://wdtprs.com/blog/2012/04/nuns-gone-wild-a-trip-down-memory-lane/

– – –

Quando ho studiato all’Angelicum a Roma (1986-1989), mi ricordo una volta che uno dei nostri professori ha detto in un modo generale che la madre della famiglia (il cuore della famiglia) offre l’amore incondizionato ai figli mentre il padre (il capo della famiglia) offre l’amore condizionale ai figli; ci vuole tutti i due e Dio ci offre tutti i due. Vediamo come Satana ha attaccato la donna con la pornografia, il femminismo secolare, ecc., rendendola come un oggetto di piacere invece una figlia del Re dei re. Ma Satana ha attaccato ugualmente l’uomo cercando di eliminare il padre dalla famiglia. Perché è soprattutto il padre che ha la grazia della sua vocazione data da Dio per poter percepire meglio le attrazioni nascosti e attraenti e le bugie di Satana messe davanti a noi nel mass media come se fossero la verità. Il padre deve discernere fra l’amore vero e l’amore falso, fra la misericordia vera e la misericordia falsa, fra la compassione vera e la compassione malconsigliata, fra l’amore incondizionato vero e l’amore incondizionato falso, fra l’amore condizionale vero e l’amore condizionale, e la combinazione giusta e prudente. Questa è la carta vincente che Satana ha preparata eliminando il padre dalla famiglia, per confondere questo equilibrio giusto.
Istintivamente, le mogli che pregano riconoscono la vocazione del padre della famiglia e si rendono conto che lei, la moglie, ed i bambini hanno bisogno del capo della famiglia per proteggere la famiglia e la società. Il femminismo secolare ha convincere la grande maggioranza delle donne che non hanno bisogno gli uomini e sono da utilizzare e manipolare invece di ispirare i loro mariti a compiere la loro vocazione da Dio; le femministe secolari non riconoscono nemmeno la vocazione dell’uomo e quindi non apprezzano questa vocazione. L’ironia, piuttosto la strategia del “padre della menzogna”, è che le femministe secolari finiscono per essere utilizzati come oggetti sessuali degli gli uomini. Così Satana è riuscito ad eliminare la voce maschile, che è quello di proteggere la famiglia e la società e la Chiesa dalle belle bugie del lupo travestito da agnello, mentre il lupo attira innumerevoli anime nel suo gregge con il suo veleno nascosto dei suoi inganni attraenti. Satana ha anche convinto i giovani a non fidarsi all’autorità legitima così che i giovani sono condotti dal principe del mondo, Satana (Gv 12,31; 14,30). Satana offre le mezze verità, che finiscono per essere false e molto distruttive.

– – –

Padre Larry Richards ha detto sul un programma di EWTN, “Living Right” with Dr. Ray (“Women And The Church”): “Si preoccupa dei ruoli delle donne se si preoccupa del potere. Se si preoccupa del servire allora i ruoli parlano dei diversi modi di servire.”

– – – – – – –

UNA CHIESA RISTRUTTURATA CON MOLTO MENO MEMBRI

In una intervista esclusiva con Cardinale Joseph Ratzinger su World Over Live (in inglese: EWTN, 2003; “Conversations The World Over – Cardinal Joseph Ratzinger Pt. 1”; https://www.youtube.com/watch?v=5TO6mzCPWbg), Raymond Arroyo ha chiesto Cardinale Ratzinger che cosa voleva dire Papa Giovanni Paolo II in riguardo a “una nuova primavera nella Chiesa”. Cardinale Ratzinger ha risposto:
“Questo non vuol dire che ci saranno una grande quantità di conversioni; questo non è il modo di Dio. Le cose essenziale nella storia cominciano sempre con le comunità piccole ma convinte. La Chiesa ha cominciato con gli dodici apostoli. E anche con le chiese piccole di San Paolo diffuse nella regione mediterranea, delle comunità piccole che avevano in se il futuro del mondo, perché avevano la verità e la forza della convinzione vera. Penso anche oggi che sarebbe un errore di pensare adesso che in dieci anni in una nuova primavera tutti saranno cattolici. Questo non è il futuro neanche la nostra aspettativa. Ma avremo le comunità molto convinte. Questa è la primavera, una nuova vita in persone molto convinte con la gioia della fede. Ma da questi numeri piccoli avremo una radiazione di gioia, un’attrazione.”

Jean-Baptiste Chautard nel suo libro classico, “L’Anima dell’Apostolato”, anche spiega come le parrocchie sono rinnovate dai piccoli gruppi convinti con la verità e infuocati per il Signore.

Invece oggi, non facendo come hanno fatti i santi come Sant’Antonio Abate, San Benedetto e San Francesco di Assisi, si cerca prima di andare alle periferie, senza mettere prima Dio nel cuore, capace di vivere il Primo Comandamento: “Adorerai il Signore Dio tuo e lo servirai” (Es 20,2-5; Dt 5,6-9; CCC 2084). Ormai il mondo è così lontano da Dio che tanti responsabili religiosi credono che l’unico modo di evangelizzare è di compromettere i 10 Comandamenti, di mettere da parte la pienezza dei mezzi di santificazione, i sacramenti soprattutto l’Eucaristia, e la pienezza della Verità con la guida del Magistero della Chiesa (Lumen Gentium 8) per poter evangelizzare i non cattolici. Questo è ecumenismo falso, che ci porta alla riduzione al livello del denominatore comune di tutte le religioni, di spogliarci delle nostre difese spirituali e le armi contro le forze del male. Nel nome di amore (falso), nel nome della misericordia (falsa), nel nome di ecumenismo (falso), i cattolici sono condotti di essere privati dei loro tesori più grandi di grazia e di verità, che sono precisamente i mezzi più potenti della salvezza per noi, per gli altri e in effetti per tutto il mondo! In questo modo si va sempre più alla mediocrità cercando di accogliere ed accontentare tutti, con i compromessi dopo i compromessi, fino alla perdita di tutti i veri valori di Gesù Cristo.

Trascurando la preghiera, vi è una forte tendenza oggi, spinto da Satana e la massoneria, A CERCARE LE SOLUZIONI TRA GLI UOMINI E NELLA COMUNITÀ PIUTTOSTO CHE DA DIO. Spesso nella storia della Chiesa, mentre la grande maggioranza stava scivolando nella mediocrità con i compromessi accompagnati con la cecità, allontandosi da Dio, Dio ha suscitato i santi che si staccavno dalla mandria delle masse al fine di trovare l’unione con Dio. Mosè salì sul monte Tabor; Sant’Antonio Abate è andato nel deserto; San Benedetto è andato a Subiaco; San Francesco d’Assisi è andato a Laverna!

Invece oggi, non facendo come hanno fatti i santi come Sant’Antonio Abate, San Benedetto e San Francesco di Assisi, si cerca prima di andare alle periferie, senza mettere prima Dio nel cuore, capace di vivere il Primo Comandamento: “Adorerai il Signore Dio tuo e lo servirai” (Es 20,2-5; Dt 5,6-9; CCC 2084). Ormai il mondo è così lontano da Dio che tanti responsabili religiosi credono che l’unico modo di evangelizzare è di compromettere i 10 Comandamenti, di mettere da parte la pienezza dei mezzi di santificazione, i sacramenti soprattutto l’Eucaristia, e la pienezza della Verità con la guida del Magistero della Chiesa (Lumen Gentium 8) per poter evangelizzare i non cattolici. Questo tipo di compromesso è ciò che i tre fondatori del Cammino Neocatecumenale hanno scritto a Papa Benedetto in gennaio 2006 (“La Messa Neocatecumenale”; http://cibo-spir.blogspot.it/2015/02/la-messa-neocatecumenale.html). Questo è ecumenismo falso, che ci porta alla riduzione al livello del denominatore comune di tutte le religioni, di spogliarci delle nostre difese spirituali e le armi contro le forze del male. Nel nome di amore (falso), nel nome della misericordia (falsa), nel nome di ecumenismo (falso), i cattolici sono condotti di essere privati dei loro tesori più grandi di grazia e di verità, che sono precisamente i mezzi più potenti della salvezza per noi, per gli altri e in effetti per tutto il mondo! In questo modo si va sempre più alla mediocrità cercando di accogliere ed accontentare tutti, con i compromessi dopo i compromessi, fino alla perdita di tutti i veri valori di Gesù Cristo.

Mentre la Chiesa viene crocifissa, e sembra morire, di essere attaccata da tutti le parti dalle numerosissime coorti di Satana, C’È UNA GRANDISSIMA TENTAZIONE di cercare i membri per la Chiesa abbandonando la scomoda verità, che è Cristo crocifisso, così più persone si uniranno alla chiesa fatiscente. Quanti pastori o ministri giovanili offrono ciò che la gente o i giovani vogliono, ma dopo aver attirato la gente ed i giovani, non li portano più tardi verso l’adorazione di Dio nell’Eucaristia e verso il Calvario, a prendere la loro croce con Cristo? È buona di incontrare le persone dove si trovano, che, in generale, oggi è di solito molto lontano dalla vera verità di Dio. Dio ci incontra dove ci troviamo, ma Dio ci ama troppo per lasciarci dove siamo! Cinque anni fa, quando ho parlato con un nuovo seminarista nella mia diocesi circa la centralità della croce come un sacerdote, chiamato ad essere una vittima con Cristo, mi ha detto che se lo avrebbero detto prima, non avrebbe voglia di essere nel seminario anche oggi! “Ma essi non vollero riceverlo, perché era diretto verso Gerusalemme” (Lc 9,53).

“Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso! C’è un battesimo che devo ricevere; e come sono angosciato, finché non sia compiuto! Pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione. D’ora innanzi in una casa di cinque persone si divideranno tre contro due e due contro tre; padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera” (Lk 12:49-53).

La profezia dimenticata di Ratzinger sul futuro della Chiesa
“Una Chiesa ridimensionata, con molti meno seguaci, costretta ad abbandonare anche buona parte dei luoghi di culto costruiti nei secoli. Una Chiesa cattolica di minoranza, poco influente nella scelte politiche, socialmente irrilevante, umiliata e costretta a “ripartire dalle origini”.
Ma anche una Chiesa che, attraverso questo “enorme sconvolgimento”, ritroverà se stessa e rinascerà “semplificata e più spirituale”. É la profezia sul futuro del cristianesimo pronunciata oltre 40 anni fa da un giovane teologo bavarese, Joseph Ratzinger. Riscoprirla oggi aiuta forse a offrire un’ulteriore chiave di lettura per decifrare la rinuncia di Benedetto XVI, perché riconduce il gesto sorprendente di Ratzinger nell’alveo della sua lettura della storia…”
http://www.lastampa.it/2013/02/18/vaticaninsider/ita/vaticano/la-profezia-dimenticata-di-ratzinger-sul-futuro-della-chiesa-vAg79bFRBPcXwaVznUshbN/pagina.html

Più di 15 anni fa ho accolto l’invito del Servo di Dio, ARCIVESCOVO FULTON SHEEN, ai sacerdoti ed ai vescovi, di fare ogni giorno una ora santa in chiesa davanti a Dio infinito nel tabernacolo. Negli ultimi anni avevo incoraggiato altri sacerdoti nella mia diocesi di fare lo stesso, ma tutti mi hanno detto: “Non ho tempo”. Ho risposto a loro che se io non facessi quel’ora ogni giorno, finisco a dare agli altri un povero prete che si chiama Don Jo invece di Gesù Cristo. I numerosissimi pupazzi di Satana nella Chiesa ha spinto i sacerdoti verso attivismo e lontano da “fonte e culmine di tutta la vita cristiana”, l’Eucaristia (Vat. II: LG 11; CCC 1324). Dimentichiamo così facile le parole che diciamo ogni anno all’inizio di Quaresima mentre il sacerdote mette i ceneri sul nostro capo: “Ricordati che sei polvere, e in polvere tornerai.”

– – – – – – –

La Madonna ha rivelato a Don Stefano Gobbi:
“Questi sono i tempi, da Me predetti, in cui Cardinali si oppongono a Cardinali, Vescovi a Vescovi, Sacerdoti a Sacerdoti ed il gregge di Cristo viene dilaniato dai lupi rapaci, che si sono introdotti sotto le vesti di inermi e mansueti agnelli. Fra costoro vi sono anche alcuni che occupano posti di grande responsabilità e, per loro mezzo, Satana è riuscito ad entrare e ad operare al vertice stesso della Chiesa. Vescovi e Sacerdoti della santa Chiesa di Dio, quanto è grande oggi la vostra responsabilità! Il Signore sta per domandarvi il rendiconto di come avete amministrato la Sua vigna. Pentitevi, chiedete perdono, riparate e, soprattutto, tornate ad essere fedeli al compito che vi è stato affidato” (6 settembre 1986).

“Ormai le tenebrose forze del male la insidiano da ogni parte; le oscure trame intessute dalla Massoneria, per mezzo dei suoi numerosi adepti che si sono introdotti al vertice della Chiesa, sono riuscite a paralizzare la sua azione ed a spegnere il suo ardore apostolico” (15 Agosto 1988).

– – – – – – –

FR. LARRY RICHARDS – AMORE INCONDIZIONATO

Fr. Larry Richards ha detto sul “Living Right” di EWTN (tema: “Amore Incondizionato”; trasmissione: 29 Dicembre, 2015):

“Non giudicate per non essere giudicati. La gente dice che Dio mi ama così come sono, mi ama incondizionatamente. Questo è vero, come vediamo in Giovanni 3,16. Ma Dio ci ama per il nostro bene, per il nostro meglio. Se amo qualcuno, voglio ancora dire di no a loro. Se c’è un ponte più avanti, la Chiesa è colui che tiene fuori il cartello “Il ponte interrotto più avanti”. Ma mi dirai non è vero! Il problema è questo, si potrebbe stare lì e dire che il ponte non è interrotto più avanti. E dico no, sono già stato lì; il ponte è interrotto più avanti. Quindi, per me di amarti, dico la verità. Non ti giudico nella verità. Gesù, Dio, la Chiesa, non toglie mai il libero arbitrio; siete sempre al 100% liberi di fare le tue decisioni. Ma sei anche al 100% libero di fare le decisioni sbagliate.

Quando gli si dice che l’insegnamento della Chiesa è che questo è errato, tante persone non riescono di avvolgere la loro testa intorno al fatto che la Chiesa non li sta giudicando.

Perché alcune persone hanno giudicato senza amare la gente. Non possiamo dire la verità a meno che non si parla nell’amore. San Paolo dice: “Dite la verità nella carità” (Ef 4,15). Così a volte le persone non si rendono conto o non ci sentono che stiamo parlando di amore, ti vogliamo bene ed è per questo che stiamo dicendo queste verità. Pensano che siamo solamente giudicandoli. Quando si tratta di essere amati da Dio, Gesù disse all’adultera: “Nessuno ti ha condannata? … Neanch’io ti condanno “(Gv 8, 10-11). Questo è dove tante persone si fermano oggi. Ma è così importante che sappiamo sempre la pienezza della Scrittura. Perché dopo Gesù ha detto: “Neppure io ti condanno”, dice “Va’ e non peccare più”. Questo significa che Lui la giudica? Ma non era il suo giudizio che l’ha convertita, era il suo amore e l’accettazione che l’ha convertita. Anche nel Vangelo di Giovanni si legge: “Se mi amate osserverete i miei comandamenti” (Gv 14: 15,23). Questo è l’unico modo in cui possiamo dimostrare che amiamo Dioc che Lo obbediamo. Si capisce che fa’ parte del amore. Quando stiamo solo guardando noi stessi e abbiamo a che fare con il mondo, la gente dice, come faccio a piacere al mondo, invece di come posso piacere a Dio! Ma il mondo non ci ama così come siamo; questo è una bugia dal diavolo che le persone nel mondo ti ameranno come sei. No, non appena si fa qualcosa per farli impazzire o fare qualcosa che è egoista o qualsiasi altra cosa, ti piantano subito.

In un certo senso, tutti giudicano: il mondo giudica, secolarismo giudica, umanesimo giudica, tu giudichi, io giudico, tutti giudicano. La domanda è: che cosa stai giudicando, qual è il tuo intento obiettivo, morale, realtà. Per esempio Dio dice che se fai questo, è sbagliato … Tutto risale a Gen 3,4-5: “Voi diventereste dei, sapreste ciò che è giusto e sbagliato”. Ciò significa che tu puoi decidere.

Per esempio io so che la Chiesa insegna che il controllo artificiale delle nascite è sbagliato. Ma io non penso che sia. Oh, quindi dovrei chinarmi e baciarti i piedi perché sei Dio onnipotente. Hai fatto una regola e hai detto che non credo che questo sia sbagliato. Quindi hai preso il posto di Dio, e tu hai detto, io sono l’arbitro di ciò che è morale. Così ognuno decide chi sarà arbitro di giusto e sbagliato. Si capisce che qualcuno deve essere l’arbitro. Quindi, quando si parla di Chiesa, quando si parla di Dio, tutto ciò che Dio fa, tutto, è fatto per amore, anche il giudizio viene fatto per amore. Perché quando Dio ci giudica, anche per sempre, ci dà quello che vogliamo, e se non lo è Lui, Egli non potrà mai forzare stesso su di noi. Come ha detto Giovanni Paolo II: “Dio invita sempre, non mai richiede”. Così, quando si tratta di noi in relazione, Dio ci invita a seguirlo. Se qualcosa è giusto o sbagliato, non importa se siete d’accordo con esso o no. È giusto se sei d’accordo o no, o è sbagliato se sei d’accordo o no. Ma Egli ti invita ancora ad accettarlo nella tua vita. Pensateci, Dio ci ama così tanto che possiamo andare all’inferno per sempre perché ci ama. Egli ci dà la scelta. Ma ci avverte. La cosa più grande di questo è che Dio fa tutto in suo potere come Dio per salvare noi, quando suo figlio è morto sulla croce. L’unico che scombina le cose siamo noi.

Amore e giudicare, non sono antagonisti, sono due facce della stessa medaglia”.

– – – – – – –

ALTRI ARTICOLI CHE FORSE VI INTERESSATE:

Amorios Laetitia: “Uno studio sui risultati dell’ambiguità”
Amoris Laetitia: “A study on the results of ambiguity”

Amoris Laetitia: “A study on the results of ambiguity”

Numero dei scrittori cattolici preoccupati dell’esortazione del Papa crescendo velocemente.
Number of Catholic writers expressing concern about Pope’s exhortation rapidly growing
https://www.lifesitenews.com/blogs/number-of-catholic-writers-expressing-concern-about-popes-exhortation-rapid

Elenco delle critiche che non sono da fondamentalisti non equilibrati
List of Criticisms that are “not the knee-jerk reactions of hard-line fundamentalist anti-papal agitators”

List of Criticisms that are “not the knee-jerk reactions of hard-line fundamentalist anti-papal agitators”

Priest: rivoluzione pastorale Papa Francesco va’ contro 2.000 anni di tradizione
Priest: Pope Francis’ pastoral revolution goes against 2,000 years of tradition
https://www.lifesitenews.com/opinion/priest-pope-francis-pastoral-revolution-goes-against-2000-years-of-traditio

“’Resistenza’ pubblica a Pietro dai cardinali, vescovi, teologi e altri fedeli, è ormai urgente”
“Public ‘resistance’ to Peter from cardinals, bishops, theologians and other faithful, is now urgently needed”

“Public ‘resistance’ to Peter from cardinals, bishops, theologians and other faithful, is now urgently needed”

Francesco sulla Santa Comunione per gli adulteri: “Posso dire di sì, punto”
Francis on Holy Communion for Adulterers: “I can say yes, period”

Francis on Holy Communion for Adulterers: “I can say yes, period”

Pannello EWTN Raymond Arroyo spiega ragioni di allarme sull’Esortazione di Papa Francesco
EWTN’s Raymond Arroyo panel explains reasons for alarm over Pope Francis Exhortation
https://www.lifesitenews.com/news/ewtn-raymond-arroyo-panel-explains-reasons-for-alarm-over-pope-francis-exho

Una rivista approvata dal Vaticano: l’Esortazione apre la porta alla Santa Comunione per i divorziati rispostati
Vatican-approved magazine: Exhortation opens door to Holy Communion for remarried divorcees
https://www.lifesitenews.com/news/vatican-approved-newspaper-exhortation-allows-holy-communion-for-remarried

Cardinali Müller e Sarah sono Silenziosi circa Amoris Laetitia
Cardinals Müller and Sarah are Quiet about Amoris Laetitia
http://biblefalseprophet.com/category/source/life-site-news/

http://www.iltimone.org/34598,News.html
Effetto Bergoglio sulle vocazioni: crollano dappertutto, ma in modo particolare in Sudamerica (e specie in argentina). Nota bene: nella Chiesa c’è chi ha tante vocazioni, ma ha una spiritualità cattolica, opposta al bergoglismo e quindi è emarginato sotto questo papa.

Quando Atanasio si ritrovò solo in «un mondo ariano». E vinse con la forza della fede e della verità
http://www.iltimone.org/33742,News.html

“Anche se i cattolici fedeli alla tradizione sono ridotti a un piccolo resto, sono loro la vera Chiesa di Gesù Cristo” S. Atanasio (dottore e padre della Chiesa)
http://www.iltimone.org/33742,News.html

«Amoris Laetitia»: chiarire per evitare una confusione generale
Pubblichiamo un documento di riflessione di S.E. Mons. Athanasius Schneider, Vescovo Ausiliare dell’Arcidiocesi di Maria Santissima di Astana, in Kazakhstan, riguardo l’esortazione apostolica post-sinodale di Papa Francesco, «Amoris Laetitia».
http://www.corrispondenzaromana.it/amoris-laetitia-chiarire-per-evitare-una-confusione-generale/

Vescovo Schneider denigra confusione l’esortazione Amoris Laetitia di Papa Francesco
Bishop Schneider decries confusion in Pope Francis’ exhortation Amoris Laetitia
https://www.lifesitenews.com/news/bishop-schneider-decries-confusion-in-pope-francis-exhortation-amoris-laeti

Dopo 2000 Anni, Il Divorzio Viene Imposto Nella Chiesa. E Lo Scisma Si Fa Piu’ Incombente

DOPO 2000 ANNI, IL DIVORZIO VIENE IMPOSTO NELLA CHIESA. E LO SCISMA SI FA PIU’ INCOMBENTE

Priest su esortazione papale: Dobbiamo mantenere salda la tradizione
Priest on papal exhortation: We must hold fast to the Tradition
https://www.lifesitenews.com/opinion/priest-on-papal-exhortation-we-must-hold-fast-to-the-tradition

Cupich: documento del Papa sul sesso, il matrimonio, la vita familiare è un ‘cambio di gioco’
Cupich: Pope’s document on sex, marriage, family life a ‘game changer’
http://www.chicagotribune.com/news/local/breaking/ct-pope-catholics-divorce-met-20160408-story.html

Padri sinodali: da Hollywood a ideologia di gender a ISIS. Il cardinale Sarah e l’Arcivescovo Gomez tracciano la crisi della famiglia ad una perdita nel senso della presenza di Dio e dellaVerità
Synod Fathers: From Hollywood to Gender Ideology to ISIS. Cardinal Sarah and Archbishop Gomez trace the crisis of the family back to a loss in the sense of God’s Presence and Truth
Synod Fathers: From Hollywood to Gender Ideology to ISIS

Il cardinale Sarah sollecita Sinodo a respingere programma liberale spinta da organizzatori nel discorso, intervista vescica
Cardinal Sarah urges Synod to reject liberal agenda pushed by organizers in blistering speech, interview
https://www.lifesitenews.com/news/cardinal-sarah-urges-bishops-to-reject-liberal-agenda-of-synod-organizers-i

Gli avvisi di cardinale Sarah di “demoniaci” “bestie apocalittiche” di “l’idolatria della libertà occidentale” verificata in Argentina
Cardinal Sarah’s warning of “demonic” “apocalyptic beasts” of “the idolatry of Western freedom” verified in Argentina
https://www.lifesitenews.com/blogs/todays-stories-reveal-the-decisions-we-will-all-have-to-make-for-good-or-ev

PEGGIO CHE AL TEMPO DELL’ERESIA ARIANA (perché in quel caso papa Liberio tornò sui suoi passi)
http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1351283

La Morente Chiesa Belga É Stata Il Laboratorio Europeo Del Bergoglismo. Allo Stesso Modo Di Danneels (Suo Grande Amico) Bergoglio Sta Portando La Chiesa Intera Al Fallimento Come Quella Belga
http://www.lanuovabq.it/it/articoli-il-mondo-di-dio-nel-mondo-degli-uomini-16015.htm

Il cardinale Kasper e l’ala progressista della Chiesa di Germania hanno ottenuto ciò che volevano. Sulla comunione ai divorziati risposati Francesco è dalla loro parte. L’aveva deciso da tempo e così ha fatto
http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1351283

“Il papa è cattolico?, Antonio Socci

DOPO 2000 ANNI, IL DIVORZIO VIENE IMPOSTO NELLA CHIESA. E LO SCISMA SI FA PIU’ INCOMBENTE

Ciò che accadde a sant’Atanasio: un insegnamento per i nostri tempi
http://www.civiltacristiana.com/cio-che-accadde-a-santatanasio-un-insegnamento-per-i-nostri-tempi/

L’approccio Amoris Laetitia a unioni omosessuali già respinti dalla Padri sinodali
Amoris Laetitia’s approach to same-sex unions already rejected by synod fathers
April 14, 2016

Amoris Laetitia’s approach to same-sex unions already rejected by synod fathers

L’arcivescovo belga: ‘È giunto il momento per Papa Francesco di difendere la Tradizione della Chiesa
Belgian archbishop: ‘Time has come’ for Pope Francis to defend Church’s Tradition
https://www.lifesitenews.com/news/belgian-archbishop-time-has-come-for-pope-francis-to-defend-churchs-traditi

“Il popolo, categoria mistica”. La visione politica del papa sudamericano
È uscito in Argentina e in Italia un saggio del professor Zanatta sul “populismo” di Francesco. Il filo rosso che unisce la sua visita a Lesbo alla simpatia per i “movimenti popolari” anticapitalisti e no global. di Sandro Magister
ROMA, 20 aprile 2016
http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1351278

Kasper: Amoris Laetitia “Cambia Tutto”
Ebbene, il cardinale Kasper sembra certamente soddisfatto con l’esortazione. È quasi come se è arrivato in anticipo per lui il Natale:
Kasper: Amoris Laetitia “Changes Everything”
Well, Cardinal Kasper certainly seems pleased with the exhortation. It’s almost as though Christmas came early for him:

Kasper: Amoris Laetitia “Changes Everything”

Poveri vescovi. I retroscena dell’udienza del papa a Morales
di Sandro Magister; 03 maggio 2016
http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/05/03/fratello-papa-i-retroscena-delludienza-di-francesco-a-morales/

BERGOGLIO CONTRO GESU’ – IL PAPA CHE PENSA DI ESSERE MIGLIORE DEL NOSTRO SALVATORE
Aveva ragione il card. Kasper che un mese fa annunciò la “ grande rivoluzione”? Con l’Esortazione apostolica “Amoris laetitia” Bergoglio ribalta il magistero della Chiesa, ponendosi al di sopra delle parole di Cristo e dei comandamenti di Dio? A parole no, dice che non cambia la dottrina. Ma di fatto da oggi si apre a qualcosa che finora la Sacra Scrittura e la Chiesa proibivano. L’operazione “doppia verità” è celata nell’ambiguità di discorsi fumosi e fuorvianti. Perché? Per camuffare la “rivoluzione”, non essendo ammesso nella Chiesa ribaltare la legge di Dio?

BERGOGLIO CONTRO GESU’: IL PAPA CHE PENSA DI ESSERE MIGLIORE DEL NOSTRO SALVATORE

I sacramenti ai divorziati risposati. Adesso alla luce del sole
di Alberto Carrara; 19 aprile 2016
EMERGE IL SOMMERSO
Dunque divorziati e separati che si sono sposati di nuovo possono essere riammesse ai sacramenti. È una delle novità della “Amoris laetitia”, l’”esortazione apostolica” che Papa Francesco ha scritto a conclusione dei due sinodi sulla famiglia. Se ne è parlato molto, come era logico aspettarsi. E se ne è parlato anche in commenti a caldo tra amici. Più di un prete ha commentato: “Si fa già, si faceva già da molto tempo”. Ma, aggiunge un amico che ha il senso dell’umorismo: “Era artigianato locale”, benigna concessione di preti larghi di maniche. Adesso si fa alla luce del sole: il Papa stesso esorta ad andare in quella direzione.
http://www.santalessandro.org/2016/04/i-sacramenti-ai-divorziati-risposati-adesso-alla-luce-del-sole/#comment-1464

Voce della Famiglia chiama a Papa Francesco di ritirare Amoris Laetitia
Roma, 9 maggio 2016 (LifeSiteNews) – Più di 100 leader pro-vita e pro-famiglia da tutto il mondo sono saltato in piedi in applauso all’incontro a Roma sabato dopo hanno sentito una chiamata per Papa Francesco a ritirare la sua esortazione controversa Amoris Laetitia.
(Voice of the Family calls on Pope Francis to withdraw Amoris Laetitia)
ROME, May 9, 2016) — Over 100 pro-life and pro-family leaders from all over the world leapt to their feet in applause at a meeting in Rome on Saturday after hearing a call for Pope Francis to withdraw his controversial exhortation Amoris Laetitia.)
https://www.lifesitenews.com/news/voice-of-the-family-calls-on-pope-francis-to-withdraw-amoris-laetitia

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to É Cattolico il Papa? – Il più grande scisma nella storia della Chiesa Cattolica!

  1. Pingback: Giuseppe Dwight Indice | Joseph's space

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s